Dlgs 231, uno scudo di latta

Imprese senza una valida protezione di fronte ai reati commessi dai propri dirigenti e amministratori. Lo scudo dei modelli organizzativi, introdotto con la legge 231 del 2001, si sta infatti rivelando sempre di più uno scudo di latta. Sforacchiato in molti casi da interpretazioni sempre più aggressive della giurisprudenza (ultima arrivata, una sentenza della Cassazione del 20 luglio che ha aperto la strada al sequestro impeditivo). Tanto da far sorgere qualche dubbio sul fatto che in Italia esiste ancora la libertà di iniziativa economica. È anche vero che non sono molte le società che in questi 18 anni hanno adottato i modelli organizzativi previsti dal Dlgs 231: sostanzialmente solo quelle di grandi dimensioni; mentre la gran parte del tessuto produttivo, composto da piccole e medie imprese, è rimasto alla finestra. Ricordiamo che il decreto legislativo 231 aveva l’obiettivo di introdurre per la prima volta la punibilità, formalmente amministrativa, sostanzialmente penale, tra l’altro, delle società di capitali. Le imprese possono mettersi al riparo da questa mannaia adottando idonei modelli organizzativi e di controllo in grado di evitare il rischio della commissione di reati da parte dei suoi organi dirigenti. L’importanza di questi format è notevole non solo come possibile esimente della responsabilità dell’ente, ma anche come elemento qualificante nei rapporti con le grandi imprese e la pubblica amministrazione. L’Anac, l’Autorità nazionale anticorruzione, lo ha inserito per esempio tra i requisiti per ottenere il rating di legalità.
Il problema è che, anche nel caso (relativo sostanzialmente solo alle imprese di grandi dimensioni) di adozione di questi modelli organizzativi, la magistratura ha trovato spesso difficoltà a ritenerli sufficienti. I giudici, in questi 18 anni, hanno trasformato il Dlgs 231 in un ricettacolo sempre più ampio di reati-presupposto che consentono di arrivare a una condanna nei confronti della società. Da ultimo addirittura la delazione anonima e l’immigrazione clandestina hanno prodotto quest’effetto. E dall’anno prossimo entreranno tra i reati-presupposto anche quelli tributari. Con conseguenze che possono essere molto gravi nei confronti dell’impresa spesso destinataria di pesanti sanzioni pecuniarie, sanzioni interdittive (come l’esclusione dagli appalti pubblici), confisca obbligatoria (diretta o per equivalente), e addirittura, secondo una recentissima sentenza della Cassazione, il sequestro impeditivo.
In conclusione, la legge 231 ha introdotto un adempimento complesso, costoso da implementare e da gestire, poco efficace in termini di difesa nei confronti delle sanzioni applicabili alla Società e, soprattutto, poco adatto alla struttura aziendale italiana, per la gran parte composta da piccole e medie imprese, dove l’amministratore, spesso il socio principale o addirittura l’unico proprietario, è il dominus e responsabile della gran parte delle scelte strategiche e gestionali: come è pensabile che precostituisco un organo di vigilanza in grado di verificare la liceità di tutte le sue azioni? Solo chi non è mai stato all’interno di un’azienda può pensare una cosa simile. La previsione di una modifica del decreto a favore di lacci meno stringenti per questa tipologia di imprese è rimasta tuttavia al palo. Il risultato concreto è che, salvo il caso di azione fraudolenta del manager o del socio, la società viene spesso chiamata a rispondere in sede (quasi) penale di ogni reato commesso dei suoi organi dirigenti, compreso il falso in bilancio e l’autoriciclaggio derivante da reati tributari. Con conseguenze, come si è detto, spesso devastanti per l’operatività e la reputazione della stessa (spesso viene prevista anche la pubblicazione della sentenza di condanna). E anche l’adozione dei modelli organizzativi si è molto spesso scontrata con una giurisprudenza assai severa che li ha di fatto ritenuti insufficienti, arrivando comunque alla sentenza di condanna.
Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Il committente è responsabile solidale per le retribuzioni non pagate
Responsabilità solidale stretta per il committente nei confronti dei lavoratori dei dipendenti dell’appaltatore. Con la sentenza 444/2019, la Suprema corte si è pronunciata sul regime della responsabilità solidale tra appaltatore...
Scopri di più
Addio Sistri, arriva il Registro
Nasce il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti con uno spettro molto più ampio del soppresso Sistri di soggetti obbligati a utilizzarlo e promette la progressiva partecipazione di tutti gli...
Scopri di più
Regole antincendio, via a tappe
Nuove norme sulla sicurezza antincendio in condominio. Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 30 del 5 febbraio 2019 del decreto del ministero dell’interno del 25 gennaio 2019 sono infatti...
Scopri di più
Niente privacy se il video in rete serve a informare il pubblico
La registrazione di un video all’interno di una stazione di polizia e la successiva diffusione del filmato su youtube rientrano nella disciplina Ue in materia di trattamento dei dati personali....
Scopri di più
Privacy semplificata per le PMI
Registro privacy semplificato per le piccole e medie imprese. Il Garante per la protezione dei dati personali ha diffuso lo scorso 8 ottobre il vademecum per uno dei principali adempimenti...
Scopri di più
Modelli organizzativi 231 e vigilanza candidati a diventare obbligatori
È stato presentato e assegnato alla commissione giustizia del Senato il disegno di legge 726, che mira a introdurre un’importante modifica al D.Lgs 231/2001 in materia di responsabilità da reato...
Scopri di più
Attività economiche, meno limiti al rumore
La legge di Bilancio 2019 ribalta le consuetudini sulla “tollerabilità” del rumore: il riferimento non sarà più solo l’articolo 844 del Codice civile ma la legge 447/95. Quindi, per esempio...
Scopri di più
Caduta sulla grata, amministratore colpevole per lesioni
L’amministratore che non mantiene la grata di aerazione risponde penalmente della caduta della condomina. Le controversie condominiali spesso riguardano le conseguenze dell’omessa custodia delle parti comuni che l’articolo 1130 del...
Scopri di più
Mud semplificato con rifiuti conferiti a destinatari nazionali
Quest’anno il termine per l’invio del Mud (modello unico di dichiarazione ambientale) relativo ai rifiuti prodotti e gestiti nel 2018 slitta dal 30 aprile al 22 giugno, all’insegna di un’importante...
Scopri di più
Nuova collana Inail “Quaderni tecnici cantieri temporanei o mobili”
È online sul sito Inail una nuova collana di quaderni tecnici per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili. Un serie di opuscoli destinata alle imprese, alle piccole e medie...
Scopri di più
La guida Inail per l’utilizzo delle reti di sicurezza contro le cadute dall’alto
Uno dei Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili dell’Inail è dedicato alla scelta, all’utilizzo, al montaggio e smontaggio delle reti di sicurezza. Fanno parte della collana i seguenti...
Scopri di più
Parapetti provvisori – Quaderno tecnico INAIL 2018
L’adozione dei parapetti provvisori permette di ridurre gli effetti di una possibile caduta dall’alto e ben esprime il concetto di protezione collettiva. La classificazione introdotta dalla norma tecnica di prodotto...
Scopri di più
Inail: i riferimenti normativi e la classificazione dei ponteggi fissi
Ormai l’uso dei ponteggi come opera provvisionale di servizio nelle attività di costruzione è “consolidato e diffuso”. I ponteggi possono essere impiegati “anche come sistemi di protezione collettiva per i...
Scopri di più
Chi può erogare formazione in modalità e-learning?
Il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha formulato istanza di interpello per conoscere il parere di questa Commissione in merito “ai soggetti formatori per corsi per lavoratori in modalità e-learning”. La...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: l’adeguamento delle macchine agricole
In relazione ai tanti rischi correlati all’utilizzo di macchine agricole, abbiamo deciso di raccogliere indicazioni e buone prassi, in grado di migliorare le strategie di prevenzione dei rischi e la...
Scopri di più
Come gestire il primo soccorso nei luoghi di lavoro: la guida Inail
La normativa conferisce al primo soccorso nei luoghi di lavoro un ruolo importante all’interno del sistema di gestione della salute e sicurezza aziendale: in attesa dell’arrivo del soccorso avanzato, il...
Scopri di più
Chi è il datore di lavoro nelle “organizzazioni complesse”
Il tema merita un approfondimento, in quanto trattasi di un soggetto che spesso si considera (erroneamente) di facile individuazione ma che nella pratica, nell’ambito appunto di organizzazioni complesse, non è...
Scopri di più
Condominio: il nuovo obbligo di gestire l’emergenza in caso d’incendio
Se la comunione è una particolare forma di proprietà nella quale ci sono due o più proprietari di uno stesso bene senza parti comuni, si ha un condominio quando oltre...
Scopri di più
Impianti di climatizzazione: i rischi nelle attività di ispezione
Inail ha realizzato un opuscolo sugli "Impianti di climatizzazione: salute e sicurezza nelle attività di ispezione e bonifica" che fornisce informazioni utili a prevenire infortuni e malattie professionali correlabili alle attività di ispezione...
Scopri di più
I sistemi di protezione e di accesso negli scavi
Sono molti i materiali in rete che affrontano il tema della funzione e dell’importanza dell’uso corretto di parapetti, passerelle e scale nel comparto delle costruzioni. Ma spesso l’uso di queste...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X