Addio Sistri, arriva il Registro

Nasce il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti con uno spettro molto più ampio del soppresso Sistri di soggetti obbligati a utilizzarlo e promette la progressiva partecipazione di tutti gli operatori. Il neo Registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti istituito dalla legge di conversione del DL Semplificazioni approvata in via definitiva il 7 febbraio 2019, acquisterà però operatività solo attraverso un futuro regolamento del Ministero dell’ Ambiente.

L’assetto del nuovo sistema di tracciabilità
La legge di conversione del DL 135/2018 si limita a creare il neo Registro e a individuare i soggetti obbligati a iscriversi, delegando a un successivo decreto del Ministero dell’Ambiente la definizione delle regole su organizzazione e funzionamento del sistema, tempistiche e modalità di iscrizione, oneri economici e adempimenti a carico degli aderenti nonché sanzioni (amministrative e pecuniarie) per la violazione delle suddette regole. La nuova legge conferma il principio già previsto dal testo originario del DL 135/2018 per cui il Registro è «gestito direttamente dal Ministero dell’Ambiente». Sulla possibile organizzazione del nuovo sistema è utile ricordare come già dalle relazioni tecniche di accompagnamento del DDL di conversione del DL 135/18 emergeva l’ipotesi di una architettura a tre elementi coincidenti con:

  1. una struttura ministeriale che sovrintende alla stesura delle norme e ne vigila l’applicazione;
  2. una struttura di assistenza e interfaccia con le imprese;
  3. una struttura informatica.

I soggetti interessati
Il novero dei soggetti obbligati, più ampio di quello dell’abrogato Sistri, comprende i seguenti operatori:

  1. enti e imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti;
  2. produttori di rifiuti pericolosi;
  3. enti e imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale;
  4. commercianti e intermediari di «pericolosi»;
  5. consorzi istituiti per il recupero e il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti;
  6. infine (come recita la neo legge) «con riferimento ai rifiuti non pericolosi, i soggetti di cui all’articolo 189, comma 3, del decreto legislativo 3 aprile le 2006, n. 152».

Tale ultima previsione non è però priva di ambiguità. Infatti, nella logica della neo legge il riferimento dovrebbe essere all’articolo 189, comma 3 del Codice ambiente tale nella versione precedente al DLgs 205/2010 sul Sistri (poi ché è stata confermata l’abrogazione delle disposizioni del 2010); in base a tale versione, i soggetti obbligati appaiono le imprese e gli enti produttori iniziali di rifiuti non pericolosi di cui all’articolo 184, comma 3, lettere c), d) e g), ossia i soggetti che generano rifiuti da lavorazioni industriali, artigianali, da attività di recupero smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fumi. Interpretazione contrapposta a quella che emerge invece dalla documentazione di accompagnamento della legge di conversione del DL 135/2018, per la quale il riferimento ai «soggetti di cui all’articolo 189, comma 3» deve essere fatto ai Comuni, loro Consorzi e comunità montane, ossia ai soggetti contemplati dalla versione dell’articolo 189, comma 3 del DLgs 152/2006 posteriore al DLgs 205/2010. I soggetti obbligati ad aderire al neo Registro non esauriscono comunque la platea dei soggetti interessati dal nuovo sistema. La legge istitutiva affida infatti al Ministero dell’Ambiente anche la definizione delle regole per l’iscrizione al neo Registro di «coloro che intendono volontariamente aderirvi, i quali potranno dunque scegliere se restare nel tradizionale sistema di tracciabilità o passare al neo meccanismo elettronico».

Iscrizione e pagamenti
L’iscrizione al Registro da parte dei soggetti obbligati dovrà avvenire entro il termine individuato dal decreto regolamentare del Ministero dell’Ambiente. L’iscrizione, precisa la neo legge, comporta (anche per soggetti che vi aderiscono a titolo volontario) il versamento di un diritto di segreteria e di un contributo annuale finalizzato ad assicurare l’integrale copertura dei costi di funzionamento del sistema. Importi dovuti e modalità di versamento saranno stabilite dallo stesso DM e oggetto di aggiornamento triennale.

Le vicende del regime tradizionale
La legge di conversione del DL 135/2018 conferma il sistema costituito dalla triade registri/formulario/Mud quale unico regime attualmente utilizzabile per soddisfare la tracciabilità dei rifiuti da parte di tutti i soggetti ad essa obbligati. Stabilisce ora il testo consolidato del decreto che a partire dall’1/1/2019 e «fino al termine di piena operatività del Registro elettronico» il tracciamento dei rifiuti continuerà ad essere soddisfatto con l’adempimento degli obblighi ex articoli 189 (Mud), 190 (registri di carico e scarico), 193 (formulario di trasporto) e 188 (sul connesso regime di responsabilità) del DLgs 152/2006 come previsti dal testo previgente alle modifiche apportate dal citato DLgs 205/2010. Confermata la possibilità di ricorrere alle attuali modalità informatiche stabilite dall’art. 194-bis del DLgs 152/2006 (tenuta in formato digitale di registri e formulario, trasmissione tramite Pec della quarta copia di quest’ultimo). Alle violazioni si applicherà l’ordinario sistema sanzionatorio previsto dall’art 258, DLgs 152/2006, sempre nella versione pre-Sistri. A mente dell’attuale assetto normativo, dunque, una volta in piena operatività il Registro elettronico, i soggetti obbligati ad aderirvi soddisferanno gli oneri di tracciabilità dei rifiuti adempiendo alle nuove future norme regolamentari, mentre i soggetti che avendo facoltà di scelta resteranno nel sistema tradizionale continueranno secondo le relative regole.

Il nuovo registro elettronico nazionale

E' il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti istituito dalla legge di conversione del dl 135/2018

Il Registro:

  1. è gestito direttamente dal MinAmbiente;
  2. sarà disciplinato da decreto con cui il Dicastero detterà regole su organizzazione, funzionamento, modalità di iscrizione, adempimenti e oneri economici degli operatori, sanzioni.

Sono obbligati a iscriversi:

  1. enti/imprese che effettuano trattamento rifiuti;
  2. produttori di rifiuti pericolosi;
  3. enti/imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale;
  4. commercianti/intermediari di rifiuti pericolosi;
  5. Consorzi istituiti di recupero e riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti;
  6. con riferimento ai rifiuti non pericolosi, i soggetti ex 189, comma 3, dlgs 152/2006

L'iscrizione dei soggetti obbligati dovrà avvenire entro i termini definiti dal dm Ambiente

Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Scavi a cielo aperto: le novità nella guida Inail 2018
Il termine “scavo” in edilizia indica qualunque asportazione di rocce e/o terra dall’originaria collocazione, necessaria alla creazione di splateamenti, cavità, di forme e dimensioni opportune, necessari per la realizzazione di...
Scopri di più
Inail: salute e sicurezza del personale hotel a bordo delle navi
La tutela della salute e sicurezza della cosiddetta ‘gente di mare’ passa anche attraverso una costante e capillare opera di divulgazione della cultura della prevenzione, finalizzata a rendere sempre più...
Scopri di più
La nuova guida Inail sui sistemi di protezione individuale contro il rischio di caduta dall’alto
Continuiamo a parlare di dispositivi di protezione, opere provvisionali e attrezzature utilizzate dai lavoratori nei cantieri edili attraverso la collana dell’Inail “Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili” In...
Scopri di più
Ecco la guida NIST per la protezione dei dati personali
Il regolamento generale sulla protezione dei dati, recepito alla fine di agosto 2018, ha destato in molti titolari e responsabili del trattamento una elevata sensibilità alla protezione dei dati. Per...
Scopri di più
Il rischio biologico nel settore agro-zootecnico e forestale
Il settore agro-zootecnico continua a costituire in Italia una importante parte della realtà produttiva. In particolare “i dati dell’ultimo censimento dell’agricoltura indicano che nel 2010 in Italia esistevano poco più...
Scopri di più
Inail: utilizzo e classificazione dei trabattelli nei cantieri
Le linee guida di riferimento definiscono i trabattelli come “torri mobili costituite da elementi prefabbricati che presentano uno o più impalcati di lavoro e appoggiano a terra permanentemente su ruote”....
Scopri di più
Sicurezza negli scavi: l’uso di tecniche alternative di scavo
La prevenzione degli infortuni nel mondo del lavoro non è data solo dal rispetto della normativa in materia di sicurezza e dall’applicazione delle protezioni necessarie in presenza di rischi lavorativi,...
Scopri di più
La sicurezza nella sanificazione negli impianti di climatizzazione
Chiariamo subito che per sanificazione, si intende un’attività che ha l’obiettivo di rendere “sano” un oggetto o una superficie; nel caso degli impianti di climatizzazione la sanificazione prevede: la pulizia,...
Scopri di più
Come valutare il rischio microclima nei luoghi di lavoro
Il microclima è il complesso dei parametri climatici dell’ambiente nel quale un individuo vive o lavora. E l’interazione dell’individuo, del lavoratore, con l’ambiente termico che lo circonda “può dar luogo...
Scopri di più
Lavori su coperture e sicurezza: i requisiti dei sistemi di ancoraggio
I sistemi di ancoraggio nelle attività in copertura, usati congiuntamente ai sistemi di arresto caduta, devono impedire che i lavoratori cadano o, comunque, vadano ad impattare contro ostacoli o toccare...
Scopri di più
Riferimenti normativi e tipologie di scale portatili
Se negli ambienti di lavoro le cadute dall'alto rappresentano una delle cause più frequenti di infortuni gravi e mortali, molti di questi infortuni avvengono ancora per cadute da scale portatili,...
Scopri di più
La valutazione dei rischi nelle PLE
Come sappiamo sono molti gli elementi di cui tener conto per poter utilizzare in sicurezza una piattaforma di lavoro mobile elevabile (PLE). E sono molte le possibili cause di infortunio,...
Scopri di più
Privacy, i cittadini all’attacco
Poco più di 95 mila reclami da parte dei cittadini europei. È questo il primo bilancio reso noto dalla Commissione Ue a otto mesi dall’entrata in vigore, il 25 maggio...
Scopri di più
Sostanze chimiche, stretta Ue
Divieto di produzione, vendita e utilizzo di decine di sostanze pericolose e riformulazione dei criteri di classificazione, etichettatura e imballaggio di quelle, invece, ancora ammesse. Diversi sono gli obblighi previsti...
Scopri di più
Contro il rumore vale il diritto alla salute
L'articolo 1, comma 746 della legge 145/2018 ha introdotto il comma 1 bis all'articolo 6 ter della legge 13/2009, disponendo che «Ai fini dell'attuazione del comma 1, si applicano i...
Scopri di più
Non c’è privacy sui giudizi dell’azienda
Un dipendente può chiedere all’azienda l’accesso ai propri dati personali, anche quelli che non hanno carattere oggettivo: informazioni relative a “giudizi, opinioni o ad altri apprezzamenti di tipo soggettivo” contenute...
Scopri di più
Casa-lavoro con lo scudo Inail
Tutela Inail a 360 gradi contro gli infortuni sul lavoro. Comincia da casa, prosegue nel tragitto che conduce al lavoro, poi in fabbrica o ufficio, infine nel percorso di rientro...
Scopri di più
Scaffalature portanti dei magazzini 4.0 con accesso al bonus
Per i magazzini automatizzati interconnessi iperammortamento anche sul costo della scaffalatura metallica portante. Lo stabilisce, con disposizione che supera le difformi conclusioni della risoluzione 62/E/2018, l’articolo 3-quater, comma 4 del...
Scopri di più
Buste paga, privacy doc
Consulenti del lavoro da nominare responsabili esterni del trattamento dei dati personali quando trattano i dati dei dipendenti dei propri clienti. Il Garante della privacy, con una nota diretta al...
Scopri di più
Il committente è responsabile solidale per le retribuzioni non pagate
Responsabilità solidale stretta per il committente nei confronti dei lavoratori dei dipendenti dell’appaltatore. Con la sentenza 444/2019, la Suprema corte si è pronunciata sul regime della responsabilità solidale tra appaltatore...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X