Attività di scavo: guida INAIL alla riduzione del rischio

INAIL ha aggiornato la Guida: “Riduzione del rischio nelle attività di scavo” ad uso dei datori di lavoro, responsabili tecnici e committenti.
Una nuova edizione che aggiorna quella del 2003, si spiega in premessa, per via dell’evoluzione del quadro normativo in materia di sicurezza nelle costruzioni. Uno strumento di semplice e pratica consultazione che può essere di ausilio per prevenire e ridurre i rischi connessi a questa particolare attività per datori di lavoro, responsabili dei servizi di prevenzione e protezione, responsabili tecnici, committenti e addetti ai lavori in generale.
Secondo INAIL le attività di scavo, caratterizzati da una certa complessità richiedono un approccio interdisciplinare in grado di includere aspetti di natura tanto ingegneristica quanto geologica: per questa ragione, la Guida si apre con una disamina dei principali infortuni del settore per poi fornire indicazioni più esaustive sulle misure di prevenzione e protezione da realizzare. Si percorrono anche le principali caratteristiche dei terreni (cap IV), i problemi di instabilità dei fattori organizzativi (cap. V)e ambientali (cap. VI) ed in due capitoli, la sicurezza del cantiere stradale (cap. X) e i rischi di natura elettrica nelle attività di scavo (cap. XI) oltre ad un’utile appendice legislativa.
In particolare la guida tratta anche l’uso di armature, contrafforti e puntelli. Se si deve realizzare uno scavo, è necessario verificare prima se necessitano opere di sostegno. Entrando più nel dettaglio:
  1. “quando si effettua uno sbancamento (o scavo a cielo aperto) di larghezza superiore rispetto all’altezza, in materiali a comportamento granulare, il sistema di protezione è necessario solo se l’inclinazione della parete dello scavo è maggiore dell’angolo di attrito interno del terreno (cosiddetto angolo di natural declivio) o se si supera l’altezza critica (in materiali coesivi)”;
  2. quando si effettuano scavi a sezione obbligata, “in cui la profondità è maggiore della larghezza, occorre necessariamente armare lo scavo per evitare crolli e franamenti delle pareti”.

Fanno eccezione “i casi in cui lo scavo non raggiunge la profondità di 1,5 metri, o quando esso è composto da materiale con angolo di natural declivio prossimo a 90° ed il tecnico competente ritiene non verificabile un crollo delle pareti di scavo”.

Riguardo alle opere di contrasto e di sostegno il documento segnala che “quando la collocazione dello scavo o la sua profondità non consentono di realizzare le pareti secondo l’angolo d’attrito interno del terreno, o si supera l’altezza critica caratteristica del materiale, è necessario armare lo scavo”. In particolare l’armatura deve essere tale da “resistere alle sollecitazioni indotte da:

  1. pressione del terreno;
  2. strutture adiacenti;
  3. carichi addizionali e vibrazioni (attrezzature, traffico veicolare, materiale di stoccaggio, ecc.)”.

Inoltre le strutture di sostegno “devono essere installate a diretto contatto con la parete dello scavo e, ove necessario, deve essere inserito del materiale di rincalzo tra la stessa parete dello scavo e l’armatura di sostegno, per garantire la continuità del contrasto”. Il documento Inail indica inoltre che l’armatura deve comunque “rispettare sempre le seguenti tre condizioni:

  • essere realizzata in modo da evitare il rischio di seppellimento:
    1. in un terreno incoerente la procedura dovrà consentire di disporre armature parziali tali da permettere di raggiungere in sicurezza la profondità richiesta nel terreno;
    2. in un terreno dotato di coesione, in cui lo scavo può essere realizzato in un solo colpo fino alla profondità desiderata, la procedura dovrà prevedere la collocazione di una gabbia di protezione prima che i lavoratori addetti accedano allo scavo.
  • essere sufficientemente resistente da opporsi, senza deformarsi o rompersi, alla pressione esercitata dal terreno sulle pareti dello scavo;
  • essere realizzata in modo da poter sopportare, senza deformarsi, anche carichi asimmetrici del terreno”.

 

Il rispetto di queste tre condizioni è finalizzato a “rendere tutti gli elementi dell’armatura (tavole, montanti, puntoni) un modulo unitario simile ad una gabbia di sicurezza”.

Per approfondire l’argomento si rimanda alla lettura della guida!

 Riduzione del rischio nelle attività di scavo. Guida per datori di lavoro, responsabili tecnici e committenti

 

Articoli correlati

Sull’omessa elaborazione del DVR e l’omessa designazione dell’RSPP
Sono diverse le sentenze della Corte di Cassazione che in questi anni si sono soffermate sulle responsabilità per l’omessa elaborazione del documento di valutazione dei rischi (DVR) o per carenze...
Scopri di più
Dispositivi di protezione individuale: scelta e uso
Nel valutare le precauzioni per la salute e la sicurezza, i dispositivi di protezione individuale (DPI) rappresentano la soluzione estrema e dovrebbero quindi essere presi in considerazione soltanto dopo tutti...
Scopri di più
Lavoratori anziani: l’approccio ergonomico all’invecchiamento sul lavoro
Partendo dalla considerazione che l’invecchiamento umano si possa considerare un processo complesso che è in relazione con vari aspetti (medici, psicologici, sociali, …), risulta necessario tenere nella dovuta considerazione l’importanza...
Scopri di più
Quali sono i dispositivi da usare per il corretto utilizzo delle PLE?
Alcune attività lavorative, nel comparto edile e industriale, presentano situazioni di rischio per caduta dall’alto. Queste attività rientrano nella definizione di lavori in quota, secondo il D.Lgs 81/08: “Attività lavorativa...
Scopri di più
Il modello 231 deve codificare l’iter per le segnalazioni di illeciti
Gran parte del dibattito sulla nuova legge dedicata al whistleblowing (la 179/2017) è stato polarizzato dalle questioni ideologiche che la legge pone. È arrivato il momento, però, di chiedersi che...
Scopri di più
Macchine e Marcatura CE – Parte 2
Riprendiamo da dove avevamo lasciato (per chi non avesse letto l’articolo precedente invitiamo a farlo cliccando sul seguente link) e passiamo ora a prendere in considerazione due aspetti fondamentali legati...
Scopri di più
Stabili gli infortuni sul lavoro
Poco al di sopra delle 641 mila le denunce di infortuni sul lavoro pervenute all’Inail nel corso del 2017 (una cifra “sostanzialmente in linea” con quella rilevata nel 2016, con...
Scopri di più
Gli infortuni nell’allevamento di bufale
Il comparto dell’agricoltura, che comprende il settore zootecnico, evidenzia ancora oggi, rispetto ad altri comparti, i più alti indici di infortuni. Tra i vari settori, quello bufalino, relativo agli allevamenti...
Scopri di più
Macchine e Marcatura CE – Parte 1
Il quadro normativo Per promuovere il concetto di mercato aperto nell’area economica europea, tutti gli Stati membri sono tenuti ad adottare una legislazione che definisca i requisiti di sicurezza fondamentali...
Scopri di più
La responsabilità dell’amministratore di condominio
Prendiamo in esame una recente sentenza della Corte di Cassazione, relativa alla responsabilità di un amministratore di condominio in occasione di un incendio imputabile all’attività dell’appaltatore. La mancata verifica dell’idoneità...
Scopri di più
Attività di scavo: guida INAIL alla riduzione del rischio
INAIL ha aggiornato la Guida: "Riduzione del rischio nelle attività di scavo" ad uso dei datori di lavoro, responsabili tecnici e committenti. Una nuova edizione che aggiorna quella del 2003,...
Scopri di più
Controllo a distanza, serve la valutazione dei rischi
I controlli a distanza I chiarimenti riguardo il divieto, previsto dall’art. 4 dello Statuto dei lavoratori (legge n. 300/1970), dei cosiddetti “controlli a distanza” dei lavoratori, in virtù del quale...
Scopri di più
Sicurezza, sanzioni più salate
Pene più salate sugli inadempimenti della sicurezza lavoro. Ammende e sanzioni, infatti, sono rivalutati dell’1,9% in relazione alle violazioni commesse dal prossimo 1° luglio. È il secondo aumento quinquennale che...
Scopri di più
Inquinamento indoor: come migliorare la qualità dell’aria nelle abitazioni
La presenza di fonti interne di inquinamento e scarsa ventilazione degli ambienti può portare ad un inquinamento indoor di gran lunga superiore rispetto all’ambiente esterno; tra i principali fattori di...
Scopri di più
La sicurezza e la prima verifica periodica dei carri raccogli frutta
Sono diversi i rischi significativi che sono connessi all’impiego della macchina agricola raccoglifrutta, o carro raccogli frutta, una sorta di piattaforma mobile elevabile che è sempre più diffusa in ambito...
Scopri di più
Reclamo gratuito all’Authority
Se l’istanza di esercizio dei diritti, non va a buon fine, l’interessato può alternativamente rivolgersi al Garante o al tribunale. Nel caso in cui ci si rivolga all’autorità amministrativa, la...
Scopri di più
Adeguamento continuo del Documento di Valutazione dei Rischi
Con riferimento alla disposizione di legge di cui all’art. 29 comma 3 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, la valutazione dei rischi deve essere immediatamente rielaborata e periodicamente aggiornata in...
Scopri di più
Privacy, imprese in allerta
Il reclamo privacy al Garante è gratis: per far valere i diritti previsti dal regolamento Ue 2016/679 sulla protezione dei dati non si pagano diritti di segreteria. Enti pubblici e...
Scopri di più
Privacy, una tutela facile facile
Il nuovo regolamento europeo sulla privacy, operativo dal 25 maggio, ha certamente reso più semplice la presentazione di un ricorso al Garante. Per un semplice motivo: non si paga nulla....
Scopri di più
Catering: i rischi per i lavoratori
Il cateringè una forma di ristorazione collettiva in forte espansione, che consiste nella distribuzione e nella somministrazione di alimenti di vario genere in luoghi diversi da quello in cui è...
Scopri di più
{"slides_column":"3","slides_scroll":"1","dots":"false","arrows":"true","autoplay":"true","autoplay_interval":"2500","speed":"1200","rtl":"false","loop":"true","design":"design-22"}

Powered by WishList Member - Membership Software

x

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Accetto Declino Centro privacy IMPOSTAZIONI DELLA PRIVACY Cookie Policy
X