Casa-lavoro con lo scudo Inail

Tutela Inail a 360 gradi contro gli infortuni sul lavoro. Comincia da casa, prosegue nel tragitto che conduce al lavoro, poi in fabbrica o ufficio, infine nel percorso di rientro a casa. Quando si è fuori dalla sede di lavoro (nei percorsi di andata e di ritorno dal luogo di lavoro, nonché di spostamento da un luogo a un altro di lavoro), la tutela assume la specifica conformazione del cosiddetto infortunio in itinere. Infortunio che può capitare a piedi, in viaggio su un mezzo pubblico o privato o anche in bicicletta. In quest’ultimo caso si ha sempre diritto al risarcimento perché, come confermato recentemente dalla Cassazione (sentenza n. 21516/2018), l’uso della bici è da ritenersi sempre necessitato, equiparato cioè a quello di un mezzo pubblico o al percorso a piedi. Vediamo come e quando opera la tutela Inail.L’infortunio sul lavoro
È infortunio sul lavoro tutelato dall’Inail ogni incidente accaduto a un lavoratore per “causa violenta in occasione di lavoro”, dal quale sia derivata la morte del malcapitato, o l’inabilità permanente oppure temporanea assoluta per più di tre giorni. Occorre, dunque, che ci siano due elementi fondamentali: la causa violenta e un’occasione di lavoro. Sono in ogni caso fuori dalla tutela gli infortuni conseguenti a un comportamento estraneo al lavoro, quelli simulati dal lavoratore o le cui conseguenze siano dolosamente aggravate dal lavoratore stesso; sono invece comunque tutelati quelli accaduti per colpa del lavoratore, perché gli aspetti soggettivi della sua condotta (imperizia, negligenza o imprudenza) non hanno rilevanza ai fini del diritto all’indennizzo dell’evento lesivo, sempreché si tratti di aspetti di una condotta riconducibile nell’ambito delle finalità lavorative.

Gli elementi fondanti
Che cos’è la causa violenta? E che cosa si intende con occasione di lavoro? Viene riconosciuta causa violenta ogni aggressione che dall’esterno dell’ambiente di lavoro danneggia l’integrità psico-fisica del lavoratore. È un fattore che opera con azione intensa e concentrata nel tempo, e presenta le seguenti caratteristiche: efficienza, rapidità ed esteriorità. Può essere provocata da sostanze tossiche, sforzi muscolari, microrganismi, virus o parassiti e da condizioni climatiche e microclimatiche. Per occasione di lavoro viene intesa ogni situazione, comprese quelle ambientali, nelle quali si svolge un’attività lavorativa e nelle quali è imminente il rischio per il lavoratore. Si tratta di un concetto diverso dalle comuni categorie spaziotemporali che si riassumono nelle espressioni “sul posto di lavoro” oppure “durante l’orario di lavoro”: non è sufficiente, infatti, che l’evento avvenga durante il lavoro, ma che si verifichi per il lavoro. Deve esistere, cioè, un rapporto, anche indiretto di causa-effetto tra attività lavorativa svolta dall’infortunato e incidente che ha causato l’infortunio.

Infortunio in itinere
La tutela dell’infortunio in itinere è disciplinata dall’art. 12 del Dlgs 38/2000 e prevede che l’Inail tuteli i lavoratori nel caso di infortuni avvenuti durante il normale tragitto di andata e ritorno tra l’abitazione e il luogo di lavoro. Il cosiddetto infortunio in itinere può verificarsi, inoltre, durante il normale percorso che il lavoratore deve fare per recarsi da un luogo di lavoro a un altro, nel caso di rapporti di lavoro plurimi, o durante il tragitto abituale per la consumazione dei pasti, se non esiste una mensa aziendale. Qualsiasi modalità di spostamento è ricompresa nella tutela (mezzi pubblici, a piedi ecc.) a patto che siano verificate le finalità lavorative, la normalità del tragitto e la compatibilità degli orari. Al contrario, il tragitto fatto con l’utilizzo di mezzo privato, compresa la bicicletta fino a qualche tempo fa, è coperto dalla tutela Inail solo se l’uso è “necessitato”.

In bici c’è sempre tutela
Con la citata sentenza n. 21516/2018, chiamata a decidere di una causa tra un lavoratore e l’Inail, la Corte di cassazione dà ragione al lavoratore, affermando che “l’uso della bicicletta deve ormai intendersi sempre necessitato”. La causa è stata innescata dal lavoratore il quale ha impugnato la sentenza della Corte di appello con il rigetto della sua richiesta di condanna dell’Inail a dovergli l’indennizzo per una menomazione dell’8% sofferta in seguito all’infortunio capitatogli nel corso del tragitto casa-lavoro percorso in bicicletta. La Corte d’appello ha ritenuto che l’uso della bici, quale mezzo privato, non fosse “necessitato” (che è la condizione fondamentale affinché sia possibile il riconoscimento della tutela Inail, in caso di utilizzo di mezzi non pubblici). Secondo la Corte di cassazione, invece, la Corte di appello non ha adeguatamente interpretato la nozione di “utilizzo necessitato”. Tal è, spiega la sentenza, l’uso determinato da ragioni di impedimento per la percorrenza a piedi del tragitto casa-lavoro e viceversa. Per ragioni di impedimento devono intendersi non solo le situazioni in cui l’impossibilità è assoluta, ma anche quelle in cui la deambulazione sia motivo di pena e/o di eccesso di fatica, oltre che di rischio per l’integrità psicofisica, alla luce dei principi di tutela della dignità della persona (ex art. 2 della Carta costituzionale). Peraltro, aggiunge sempre la Cassazione, l’uso della bici per il tragitto casa-lavoro e viceversa può essere consentito anche “secondo un canone di necessità relativa, ragionevolmente valutato in relazione al costume sociale, e per tutelare l’esigenza di raggiungere in modo riposato e disteso i luoghi di lavoro in funzione di una maggiore gratificazione dell’attività svolta”. Soprattutto, però, conclude la Corte di cassazione, l’uso della bicicletta deve ormai intendersi sempre necessitato per quanto previsto all’art. 5, comma 5, della legge n. 221/2015, vale a dire “per i positivi riflessi ambientali”. La bici, in altre parole, è da considerarsi mezzo pubblico e non mezzo privato.

D’obbligo inviare la comunicazione
In caso di infortunio, anche in itinere e a prescindere dalla prognosi, il lavoratore deve avvisare immediatamente, o fare avvisare nel caso in cui non potesse, il proprio datore di lavoro, anche nel caso di lesioni di lieve entità. Non ottemperando a tale obbligo e nel caso in cui il datore di lavoro non abbia comunque provveduto all’invio di della denuncia nei termini di legge, l’infortunato perde il diritto all’indennità temporanea per i giorni di mancata denuncia. In base alla gravità dell’infortunio, il lavoratore può:

  1. rivolgersi al medico dell’azienda, se è presente nel luogo di lavoro;
  2. recarsi o farsi accompagnare al pronto soccorso dell’ospedale più vicino;
  3. rivolgersi al suo medico curante.

In ogni caso, deve spiegare al medico come e dove è avvenuto l’infortunio. Qualunque medico presti la prima assistenza è obbligato a rilasciare il certificato medico nel quale sono indicati la diagnosi e il numero dei giorni di inabilità temporanea assoluta al lavoro e a trasmetterlo esclusivamente per via telematica all’Inail.

Che cosa fare se il datore di lavoro non denuncia l’infortunio? Il datore di lavoro ha l’obbligo di inoltrare la denuncia/comunicazione di infortunio entro due giorni dalla ricezione dei riferimenti del certificato medico già trasmesso per via telematica all’Inail direttamente dal medico o dalla struttura sanitaria competente al rilascio. Se il datore di lavoro non dovesse denunciare all’Inail l’infortunio, può farlo il lavoratore recandosi presso la sede Inail competente con la copia del certificato

E in caso di ricaduta? Se dopo la ripresa dell’attività lavorativa il lavoratore si sente male per motivi conseguenti all’infortunio e torna al pronto soccorso o dal proprio medico, nel certificato rilasciato deve essere specificato che si tratta di ricaduta dall’infortunio già comunicato.

In sintesi:

Interruzioni e deviazioni del normale percorso non sono coperte dall’Inail eccetto casi particolari tra cui:

  1. quelle effettuate in attuazione di una direttiva del datore di lavoro
  2. quelle “necessitate”, cioè dovute a causa di forza maggiore (esempio: guasto meccanico) o per esigenze essenziali improrogabili (esempio: soddisfacimento di esigenze fisiologiche) o per adempimento di obblighi penalmente rilevanti (esempio: prestare soccorso a vittime di incidente stradale)
  3. quelle “necessitate” per accompagnare i figli a scuola
  4. le brevi soste che non alterano le condizioni di rischio

L’utilizzo dell’automobile o dello scooter può considerarsi necessario solo in alcune situazioni, ad esempio:

  1. mezzo fornito o prescritto dal datore di lavoro per esigenze lavorative
  2. luogo di lavoro non raggiungibile con mezzi pubblici o raggiungibile ma non in tempo utile rispetto al turno di lavoro
  3. mezzi pubblici con attese eccessivamente lunghe
  4. mezzi pubblici con rilevante dispendio di tempo rispetto al mezzo privato
  5. fermata del mezzo pubblico percorsa a piedi eccessivamente lunga

Sono esclusi dall’indennizzo gli infortuni direttamente causati dall’abuso di sostanze alcoliche e psicofarmaci; dall’uso non terapeutico di droghe e allucinogeni; dalla mancanza di patente di guida da parte del conducente

Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Scavi a cielo aperto: le novità nella guida Inail 2018
Il termine “scavo” in edilizia indica qualunque asportazione di rocce e/o terra dall’originaria collocazione, necessaria alla creazione di splateamenti, cavità, di forme e dimensioni opportune, necessari per la realizzazione di...
Scopri di più
Inail: salute e sicurezza del personale hotel a bordo delle navi
La tutela della salute e sicurezza della cosiddetta ‘gente di mare’ passa anche attraverso una costante e capillare opera di divulgazione della cultura della prevenzione, finalizzata a rendere sempre più...
Scopri di più
La nuova guida Inail sui sistemi di protezione individuale contro il rischio di caduta dall’alto
Continuiamo a parlare di dispositivi di protezione, opere provvisionali e attrezzature utilizzate dai lavoratori nei cantieri edili attraverso la collana dell’Inail “Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili” In...
Scopri di più
Ecco la guida NIST per la protezione dei dati personali
Il regolamento generale sulla protezione dei dati, recepito alla fine di agosto 2018, ha destato in molti titolari e responsabili del trattamento una elevata sensibilità alla protezione dei dati. Per...
Scopri di più
Il rischio biologico nel settore agro-zootecnico e forestale
Il settore agro-zootecnico continua a costituire in Italia una importante parte della realtà produttiva. In particolare “i dati dell’ultimo censimento dell’agricoltura indicano che nel 2010 in Italia esistevano poco più...
Scopri di più
Inail: utilizzo e classificazione dei trabattelli nei cantieri
Le linee guida di riferimento definiscono i trabattelli come “torri mobili costituite da elementi prefabbricati che presentano uno o più impalcati di lavoro e appoggiano a terra permanentemente su ruote”....
Scopri di più
Sicurezza negli scavi: l’uso di tecniche alternative di scavo
La prevenzione degli infortuni nel mondo del lavoro non è data solo dal rispetto della normativa in materia di sicurezza e dall’applicazione delle protezioni necessarie in presenza di rischi lavorativi,...
Scopri di più
La sicurezza nella sanificazione negli impianti di climatizzazione
Chiariamo subito che per sanificazione, si intende un’attività che ha l’obiettivo di rendere “sano” un oggetto o una superficie; nel caso degli impianti di climatizzazione la sanificazione prevede: la pulizia,...
Scopri di più
Come valutare il rischio microclima nei luoghi di lavoro
Il microclima è il complesso dei parametri climatici dell’ambiente nel quale un individuo vive o lavora. E l’interazione dell’individuo, del lavoratore, con l’ambiente termico che lo circonda “può dar luogo...
Scopri di più
Lavori su coperture e sicurezza: i requisiti dei sistemi di ancoraggio
I sistemi di ancoraggio nelle attività in copertura, usati congiuntamente ai sistemi di arresto caduta, devono impedire che i lavoratori cadano o, comunque, vadano ad impattare contro ostacoli o toccare...
Scopri di più
Riferimenti normativi e tipologie di scale portatili
Se negli ambienti di lavoro le cadute dall'alto rappresentano una delle cause più frequenti di infortuni gravi e mortali, molti di questi infortuni avvengono ancora per cadute da scale portatili,...
Scopri di più
La valutazione dei rischi nelle PLE
Come sappiamo sono molti gli elementi di cui tener conto per poter utilizzare in sicurezza una piattaforma di lavoro mobile elevabile (PLE). E sono molte le possibili cause di infortunio,...
Scopri di più
Privacy, i cittadini all’attacco
Poco più di 95 mila reclami da parte dei cittadini europei. È questo il primo bilancio reso noto dalla Commissione Ue a otto mesi dall’entrata in vigore, il 25 maggio...
Scopri di più
Sostanze chimiche, stretta Ue
Divieto di produzione, vendita e utilizzo di decine di sostanze pericolose e riformulazione dei criteri di classificazione, etichettatura e imballaggio di quelle, invece, ancora ammesse. Diversi sono gli obblighi previsti...
Scopri di più
Contro il rumore vale il diritto alla salute
L'articolo 1, comma 746 della legge 145/2018 ha introdotto il comma 1 bis all'articolo 6 ter della legge 13/2009, disponendo che «Ai fini dell'attuazione del comma 1, si applicano i...
Scopri di più
Non c’è privacy sui giudizi dell’azienda
Un dipendente può chiedere all’azienda l’accesso ai propri dati personali, anche quelli che non hanno carattere oggettivo: informazioni relative a “giudizi, opinioni o ad altri apprezzamenti di tipo soggettivo” contenute...
Scopri di più
Casa-lavoro con lo scudo Inail
Tutela Inail a 360 gradi contro gli infortuni sul lavoro. Comincia da casa, prosegue nel tragitto che conduce al lavoro, poi in fabbrica o ufficio, infine nel percorso di rientro...
Scopri di più
Scaffalature portanti dei magazzini 4.0 con accesso al bonus
Per i magazzini automatizzati interconnessi iperammortamento anche sul costo della scaffalatura metallica portante. Lo stabilisce, con disposizione che supera le difformi conclusioni della risoluzione 62/E/2018, l’articolo 3-quater, comma 4 del...
Scopri di più
Buste paga, privacy doc
Consulenti del lavoro da nominare responsabili esterni del trattamento dei dati personali quando trattano i dati dei dipendenti dei propri clienti. Il Garante della privacy, con una nota diretta al...
Scopri di più
Il committente è responsabile solidale per le retribuzioni non pagate
Responsabilità solidale stretta per il committente nei confronti dei lavoratori dei dipendenti dell’appaltatore. Con la sentenza 444/2019, la Suprema corte si è pronunciata sul regime della responsabilità solidale tra appaltatore...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X