Condomini al test della privacy, il principio è la non eccedenza

Condominio a norma con la privacy. La recente entrata in vigore del regolamento europeo n. 679/2016 ha infatti ribadito la necessità di un corretto trattamento dei dati personali in ambito condominiale.

Il ruolo dell’amministratore
Poiché, come è noto, il condominio non ha una propria personalità giuridica, come tale distinta da quella dei singoli condomini, risulta impossibile qualificarlo quale titolare del trattamento dei dati personali della compagine condominiale. I singoli condomini, di conseguenza, non possono che essere riconosciuti, reciprocamente, quali contitolari dei predetti dati personali. Questi ultimi, così come condividono tra loro l’utilizzo delle parti comuni dell’edificio, allo stesso modo risultano contitolari del trattamento dei dati che afferiscono al condominio. Ogni condomino ha quindi il diritto di venire a conoscenza e trattare i dati personali degli altri comproprietari, ovviamente per finalità riconducibili alla disciplina dettata dagli artt. 1117 ss. c.c. e dalle relative disposizioni di attuazione.
Più controverso è invece determinare il titolo in base al quale l’amministratore è tenuto a trattare i dati dei condomini. Da un punto di vista di fatto è innegabile che sia proprio quest’ultimo a compiere la maggior parte delle operazioni di trattamento di dati personali relativi alla gestione del condominio. È infatti l’amministratore a redigere, a conservare e a tenere aggiornata l’anagrafe condominiale introdotta dalla legge n. 220/2012 e a utilizzarla per le convocazioni assembleari e per le altre comunicazioni ai condomini. È sempre l’amministratore, in nome e per conto dei condomini, a gestire i rapporti con i terzi, dai fornitori ai dipendenti del condominio, fino alla pubblica amministrazione e all’autorità giudiziaria. Di conseguenza si potrebbe concludere che anche quest’ultimo debba essere a sua volta qualificato come titolare del trattamento. Tuttavia, poiché come è evidente, sussiste una netta differenza di ruolo tra i singoli condomini (tra loro contitolari del trattamento) e l’amministratore (legato a questi ultimi da un rapporto contrattuale di mandato), lo stesso non può che essere qualificato come titolare autonomo e non come contitolare (assieme ai condomini) del trattamento. L’alternativa a tale soluzione sarebbe invece quella di considerare l’amministratore quale responsabile (esterno) del trattamento dei dati. In questo caso l’assemblea dovrebbe allora procedere a deliberare espressamente detto incarico, impartendogli le necessarie istruzioni scritte alle quali lo stesso dovrebbe poi scrupolosamente attenersi.

I dati personali che possono essere trattati
I dati personali che l’amministratore può trattare indipendentemente dal consenso dei condomini interessati sono in primo luogo rappresentati dai rispettivi dati anagrafici, necessari per la gestione e l’amministrazione delle parti comuni, come riassunti nell’anagrafe condominiale introdotta con la riforma del condominio di cui alla legge n. 220/2012. Un discorso a parte va fatto per quanto riguarda l’utilizzo del numero di telefono e dell’indirizzo di posta elettronica dei condomini. Per quanto riguarda il primo, l’Autorità garante ha sempre negato che l’amministratore potesse disporne senza il consenso dell’interessato, qualora lo stesso non risultasse nemmeno dagli elenchi pubblici (circostanza da escludere in ogni caso per quanto riguarda le utenze mobili). Si tratta, tuttavia, di un’informazione di indubbia utilità ai fini della gestione del condominio e nulla vieta di ottenere dai singoli condomini l’autorizzazione all’utilizzo del proprio numero telefonico, per esempio in occasione della compilazione dell’anagrafe condominiale.
In ogni caso, come evidenziato dall’autorità garante, occorre che l’amministratore, nel fare uso del recapito telefonico dei condomini, tenga sempre ben presente il principio di proporzionalità tra i rispettivi e a volte contrastanti interessi della gestione delle parti comuni e della riservatezza dei privati. Così, se può apparire giustificato utilizzare il numero telefonico in casi di necessità e urgenza (per esempio per evitare una situazione di pericolo o di danno incombente), può viceversa risultare eccessivo contattare un condomino per il disbrigo di una pratica di amministrazione per così dire ordinaria. In tutti i casi l’utenza telefonica del condomino non può essere comunicata dall’amministratore a terzi estranei alla compagine condominiale (ivi inclusi i fornitori del condominio). Discorso analogo si può fare per quanto riguarda l’indirizzo di posta elettronica per così dire semplice. La posta elettronica certificata, al contrario, risulta ora da elenchi pubblici e, quel che più rileva, è stata espressamente individuata dal legislatore quale mezzo per l’invio degli avvisi di convocazione delle assemblee condominiali, in alternativa alla raccomandata cartacea, al fax e alla consegna a mani. Per questo motivo si ritiene che l’amministratore, almeno per la finalità di cui alla disposizione or ora citata, sia in ogni caso abilitato a utilizzare detto recapito anche senza il consenso del condomino interessato.
Nei limiti dei principi di pertinenza e di non eccedenza rispetto alle finalità del trattamento, l’amministratore può inoltre trattare anche i dati sensibili giudiziari dei condomini, qualora gli stessi siano necessari alla gestione del condominio. Si pensi, per esempio, al caso in cui l’assemblea debba deliberare l’abbattimento delle c.d. barriere architettoniche, che rendono difficoltoso l’accesso a un condomino diversamente abile, o si debbano acquisire informazioni sui carichi pendenti di persone che potrebbero essere assunte alle dipendenze del condominio, oppure quando si debbano trattare i dati sanitari di terzi estranei alla compagine condominiale che abbiano subito danni nelle parti comuni.

I doveri dell’amministratore
L’amministratore generalmente non fa altro che adempiere a disposizioni di legge o assolvere a obblighi inerenti al mandato ricevuto dall’assemblea condominiale. In relazione a queste attività il più delle volte non occorre che questi raccolga il consenso dei condomini. Trattamenti di questo genere sono infatti sottratti all’obbligo di acquisizione preventiva del consenso, ai sensi dell’art. 6 del regolamento Ue (salvo che si tratti di dati sensibili). Anche se il consenso dei condomini non è generalmente richiesto per lo svolgimento delle attribuzioni proprie dell’amministratore, l’adempimento principale e irrinunciabile nei confronti dei propri amministrati è comunque rappresentato dalla comunicazione dell’informativa di cui all’art. 13 del predetto regolamento. L’informativa può essere fornita ai condomini anche con una comunicazione una tantum, per esempio inserendola nella bacheca condominiale o nel verbale assembleare o sul sito Internet condominiale.
A detti obblighi si aggiungono quelli relativi alla nomina, quali responsabili o incaricati del trattamento, dei soggetti che possono venire a conoscenza dei dati personali trattati dall’amministratore nello svolgimento del proprio incarico, al riscontro alle istanze di accesso degli interessati e all’adozione delle necessarie misure di sicurezza.

La morosità condominiale
Per combattere il fenomeno della morosità condominiale l’amministratore può essere spinto a cercare soluzioni diverse per costringere i condomini a pagare quanto dovuto. L’Authority ha quindi avuto modo di puntualizzare i seguenti principi. Il trattamento da parte del condominio dei dati relativi alla morosità dei condomini è, sul piano generale, del tutto lecito e può comportare anche una giustificata comunicazione di dati tra i soggetti interessati nell’ambito del condominio; al contrario, il trattamento di dati realizzato per esempio mediante la predetta esposizione in bacheca, così come in altre analoghe forme, relativamente a una presunta situazione di morosità, si pone in contrasto con i principi di pertinenze e di non eccedenza. L’esposizione di dati personali riguardanti i singoli condomini in luoghi aperti al passaggio di soggetti estranei deve invece essere limitata predisponendo correttamente gli avvisi da inserire nella bacheca condominiale.

Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Il committente è responsabile solidale per le retribuzioni non pagate
Responsabilità solidale stretta per il committente nei confronti dei lavoratori dei dipendenti dell’appaltatore. Con la sentenza 444/2019, la Suprema corte si è pronunciata sul regime della responsabilità solidale tra appaltatore...
Scopri di più
Addio Sistri, arriva il Registro
Nasce il nuovo sistema di tracciabilità dei rifiuti con uno spettro molto più ampio del soppresso Sistri di soggetti obbligati a utilizzarlo e promette la progressiva partecipazione di tutti gli...
Scopri di più
Regole antincendio, via a tappe
Nuove norme sulla sicurezza antincendio in condominio. Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 30 del 5 febbraio 2019 del decreto del ministero dell’interno del 25 gennaio 2019 sono infatti...
Scopri di più
Niente privacy se il video in rete serve a informare il pubblico
La registrazione di un video all’interno di una stazione di polizia e la successiva diffusione del filmato su youtube rientrano nella disciplina Ue in materia di trattamento dei dati personali....
Scopri di più
Privacy semplificata per le PMI
Registro privacy semplificato per le piccole e medie imprese. Il Garante per la protezione dei dati personali ha diffuso lo scorso 8 ottobre il vademecum per uno dei principali adempimenti...
Scopri di più
Modelli organizzativi 231 e vigilanza candidati a diventare obbligatori
È stato presentato e assegnato alla commissione giustizia del Senato il disegno di legge 726, che mira a introdurre un’importante modifica al D.Lgs 231/2001 in materia di responsabilità da reato...
Scopri di più
Attività economiche, meno limiti al rumore
La legge di Bilancio 2019 ribalta le consuetudini sulla “tollerabilità” del rumore: il riferimento non sarà più solo l’articolo 844 del Codice civile ma la legge 447/95. Quindi, per esempio...
Scopri di più
Caduta sulla grata, amministratore colpevole per lesioni
L’amministratore che non mantiene la grata di aerazione risponde penalmente della caduta della condomina. Le controversie condominiali spesso riguardano le conseguenze dell’omessa custodia delle parti comuni che l’articolo 1130 del...
Scopri di più
Mud semplificato con rifiuti conferiti a destinatari nazionali
Quest’anno il termine per l’invio del Mud (modello unico di dichiarazione ambientale) relativo ai rifiuti prodotti e gestiti nel 2018 slitta dal 30 aprile al 22 giugno, all’insegna di un’importante...
Scopri di più
Nuova collana Inail “Quaderni tecnici cantieri temporanei o mobili”
È online sul sito Inail una nuova collana di quaderni tecnici per la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili. Un serie di opuscoli destinata alle imprese, alle piccole e medie...
Scopri di più
La guida Inail per l’utilizzo delle reti di sicurezza contro le cadute dall’alto
Uno dei Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili dell’Inail è dedicato alla scelta, all’utilizzo, al montaggio e smontaggio delle reti di sicurezza. Fanno parte della collana i seguenti...
Scopri di più
Parapetti provvisori – Quaderno tecnico INAIL 2018
L’adozione dei parapetti provvisori permette di ridurre gli effetti di una possibile caduta dall’alto e ben esprime il concetto di protezione collettiva. La classificazione introdotta dalla norma tecnica di prodotto...
Scopri di più
Inail: i riferimenti normativi e la classificazione dei ponteggi fissi
Ormai l’uso dei ponteggi come opera provvisionale di servizio nelle attività di costruzione è “consolidato e diffuso”. I ponteggi possono essere impiegati “anche come sistemi di protezione collettiva per i...
Scopri di più
Chi può erogare formazione in modalità e-learning?
Il Consiglio Nazionale delle Ricerche ha formulato istanza di interpello per conoscere il parere di questa Commissione in merito “ai soggetti formatori per corsi per lavoratori in modalità e-learning”. La...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: l’adeguamento delle macchine agricole
In relazione ai tanti rischi correlati all’utilizzo di macchine agricole, abbiamo deciso di raccogliere indicazioni e buone prassi, in grado di migliorare le strategie di prevenzione dei rischi e la...
Scopri di più
Come gestire il primo soccorso nei luoghi di lavoro: la guida Inail
La normativa conferisce al primo soccorso nei luoghi di lavoro un ruolo importante all’interno del sistema di gestione della salute e sicurezza aziendale: in attesa dell’arrivo del soccorso avanzato, il...
Scopri di più
Chi è il datore di lavoro nelle “organizzazioni complesse”
Il tema merita un approfondimento, in quanto trattasi di un soggetto che spesso si considera (erroneamente) di facile individuazione ma che nella pratica, nell’ambito appunto di organizzazioni complesse, non è...
Scopri di più
Condominio: il nuovo obbligo di gestire l’emergenza in caso d’incendio
Se la comunione è una particolare forma di proprietà nella quale ci sono due o più proprietari di uno stesso bene senza parti comuni, si ha un condominio quando oltre...
Scopri di più
Impianti di climatizzazione: i rischi nelle attività di ispezione
Inail ha realizzato un opuscolo sugli "Impianti di climatizzazione: salute e sicurezza nelle attività di ispezione e bonifica" che fornisce informazioni utili a prevenire infortuni e malattie professionali correlabili alle attività di ispezione...
Scopri di più
I sistemi di protezione e di accesso negli scavi
Sono molti i materiali in rete che affrontano il tema della funzione e dell’importanza dell’uso corretto di parapetti, passerelle e scale nel comparto delle costruzioni. Ma spesso l’uso di queste...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X