I consigli privacy per le vacanze, droni in spiaggia con cautela

Attenti al drone: non deve diffondere i visi di persone riconoscibili; attenti al wi-fi: se non protetto, carpisce dati sensibili; attenti ai minori: meglio non postare immagini su social network. Sono questi alcuni dei pericoli della lunga lista compilata dal garante della privacy, che ha stilato anche l’elenco delle precauzioni a tutela della privacy propria e degli altri.
Tra queste salta agli occhi la necessità del consenso per diffondere immagini e dati (con il drone e con il profilo social). Se non si può, e il più delle volte non si potrà, allora bisogna agire con il buon senso e non mettere in pericolo il vicino di sedia sdraiato che inconsapevole fa il giro del mondo virtuale.
Da notare che le avvertenze del Garante sono aggiornate al regolamento Ue sulla privacy (n. 2016/679), che pure dichiara fuori dall’ambito privacy i trattamenti per scopi esclusivamente personali. Questo articolo, evidentemente, non apre le porte al far west sui social.
Droni
Se si fa volare un drone munito di fotocamera su una spiaggia o in un altro abituale luogo di vacanza, è meglio evitare di invadere gli spazi personali nell’intimità delle persone. La diffusione di riprese realizzate con il drone (sul web, sui social media, in chat) può avvenire solo con il consenso dei soggetti ripresi, fatti salvi i particolari usi connessi alla libera manifestazione del pensiero, come quelli a fini giornalistici. Negli altri casi, quando è eccessivamente difficile raccogliere il consenso degli interessati, è possibile diffondere le immagini solo se i soggetti ripresi non sono riconoscibili, o perché ripresi da lontano, o perché si sono utilizzati appositi software per oscurare i loro volti. Occorre poi evitare di riprendere e diffondere immagini che contengono dati personali come targhe di macchine, e simili. Le riprese che violano gli spazi privati altrui (la casa delle vacanze, la camera d’albergo) sono invece sempre da evitare, anche perché si potrebbero violare norme penali. Non si possono usare droni per captare volontariamente conversazioni altrui.Social network
Se si postano foto o video in cui compaiono altre persone, è sempre meglio prima accertarsi che queste siano d’accordo, specie se si inseriscono anche dei tag con nomi e cognomi. Inoltre meglio evitare di postare le immagini dei minori, oppure almeno rendere irriconoscibile il viso del minore.
Si possono usare programmi di grafica per “pixellare” i volti, semplici da usare e disponibili anche gratuitamente on-line, o posizionando semplicemente sopra una “faccina” emoticon, oppure limitare le impostazioni di visibilità delle immagini solo alle persone fidate.
Altro aspetto: meglio evitare di postare sui social network informazioni sulle vacanze, sulla durata delle stesse, sulla propria residenza, che rimane incustodita.
Anche in vacanza, è bene controllare le impostazioni privacy dei social network utilizzati, limitando magari la visibilità e la condivisione dei post ai soli amici. Altra buona regola è non accettare sconosciuti nella cerchia di amicizie on-line. In generale è bene attivare misure di sicurezza come il controllo degli accessi al proprio profilo social o un codice di sicurezza da ricevere via sms o e-mail nel caso si acceda ai social network da dispositivi diversi da quelli abituali.
Durante un viaggio può capitare di utilizzare il pc di un Internet cafè o una postazione Web messa a disposizione dall’albergo per controllare l’e-mail personale o i propri profili social: l’importante al termine della consultazione è “uscire” dagli account, rimuovendo così ogni impostazione che consenta di salvare le proprie credenziali nei browser di navigazione.
Geolocalizzazione
È possibile disattivare le opzioni di geolocalizzazione di smartphone e tablet, se non indispensabili per specifici servizi, oltre a quelle dei social network.
Domotica
I prodotti e sistemi domotici possono essere esposti ad attacchi informatici, virus e malware. Meglio, dunque, proteggerli, con password sicure e aggiornamento del software. Per i dispositivi che restano operativi, si possono eventualmente impostare sistemi di alert.
Truffe
Bisogna fare attenzione a eventuali messaggi che contengono offerte straordinarie riguardo viaggi e affitti di case per le vacanze da ottenere, per esempio, cliccando su link che richiedono dati personali o bancari. Virus informatici, software spia, ransomware e phishing possono essere in agguato. In generale, se si utilizzano servizi on-line per prenotare hotel, viaggi aerei, automobili a noleggio, è più prudente usare carte di credito prepagate o altri sistemi di pagamento che permettono di evitare la condivisione di dati del conto bancario o della carta di credito. Inoltre è utile impostare sistemi di alert che avvisano in tempo reale delle transazioni che avvengono sul conto o sulla carta di credito, per accorgersi di eventuali addebiti non autorizzati e, nel caso, rivolgersi subito la propria banca o al gestore delle carte. Va controllato anche che l’indirizzo Internet dei siti su cui si fanno pagamenti on-line non appaia anomalo e se vengono rispettate le procedure di sicurezza standard per i pagamenti on-line (per esempio, la Url, cioè l’indirizzo, del sito deve iniziare con “https” e avere il simbolo di un lucchetto).
App
App per i giochi, suggerimenti turistici possono anche nascondere virus o malware. Buone regole sono: scaricare le App dai market ufficiali; leggere con attenzione le descrizioni delle app (se, per esempio, nei testi sono presenti errori o imprecisioni, c’è da sospettare); consultare eventuali recensioni degli altri utenti per verificare se sono segnalati problemi. Meglio evitare che i minori possono scaricare film, app o altri prodotti informatici da soli.
Wi-fi
Se si usano le connessioni offerte da bar, ristoranti, stabilimenti balneari e hotel e non si è certi degli standard di sicurezza impostati per proteggere il wi-fi da virus e rischi di intrusione, meglio adottare alcune accortezze, come evitare di accedere a servizi on-line che richiedono credenziali di accesso (per esempio, alla propria Web e-mail, ai social network ecc.), fare acquisti on-line con la carta di credito oppure utilizzare il conto bancario on-line.
Aggiornamenti
Aggiornamenti dei sistemi operativi e anche di software e programmi antivirus, magari dotati anche di anti-spyware e anti-spam, sono buone precauzioni.
Furti e smarrimenti
In generale, è opportuno non conservare dati troppo personali sui device (per esempio password o codici bancari) e prendere altre precauzioni, come evitare che i browser e le app memorizzino le credenziali di accesso a siti e servizi (per esempio, posta elettronica, social network,e-banking).
Per proteggere i dati contenuti nei dispositivi, meglio impostare un codice di accesso sicuro e conservare con cura il codice Imei (si trova sulla scatola e serve a bloccare il dispositivo a distanza). Prima di partire potrebbe inoltre essere utile fare un backup di tutte le informazioni (numeri di telefono, foto, ecc.).

Spam
Sms, chat e sistemi di messaggistica sono il veicolo di virus, malware ed espongono a spam. Occorre fare attenzione prima di scaricare programmi, aprire eventuali allegati o cliccare su link che possono essere contenuti nel testo o nelle immagini presenti all’interno dei messaggi. Meglio non rispondere a messaggi provenienti da sconosciuti. Se si usa un pc, si può passare il mouse su un link senza cliccarlo e verificare, in basso a sinistra nel browser, la Url reale al quale si è indirizzati.

 

Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

I consigli privacy per le vacanze, droni in spiaggia con cautela
Attenti al drone: non deve diffondere i visi di persone riconoscibili; attenti al wi-fi: se non protetto, carpisce dati sensibili; attenti ai minori: meglio non postare immagini su social network....
Scopri di più
Privacy, dipendenti tracciabili
Tracciabilità dello smartphone possibile, in alcuni casi anche senza consenso; ma con garanzie per i lavoratori e i terzi. È uno degli aspetti che emerge dalla relazione del 2017 del...
Scopri di più
Stop assoluto al rumore dei bar dopo le 23
Immissioni acustiche intollerabili: il giudice può inibire le attività commerciali e l’uso del suolo pubblico. Lo ha chiarito il Tribunale di Como con l’ordinanza del 21 giugno 2018. La controversia...
Scopri di più
Privacy, 140 cyberattacchi al giorno. Denunce di data breach a +500%
A maggio gli attacchi informatici hanno toccato la soglia di 140 al giorno e nell’ultimo mese le comunicazioni di data breach al Garante della privacy sono aumentati di oltre il...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: le misure di sicurezza nell’uso delle scale
Il rischio di caduta dall’alto nei lavori edili rappresenta la modalità di accadimento di infortunio che, con maggiore frequenza, genera infortuni gravi e mortali. E se diverse ricerche attribuiscono alla...
Scopri di più
INAIL: OT 24 – online il nuovo modello per le istanze 2019
L’Inail comunica che è disponibile nella sezione “Moduli e modelli” il nuovo modello OT/24 per le istanze che verranno inoltrate nel 2019. Pubblicato nel portale Inail, il nuovo OT/24 per...
Scopri di più
Come utilizzare in sicurezza una piattaforma nei lavori in quota
Sono molti i fattori di rischio di cui tener conto nell’utilizzo delle piattaforme di lavoro elevabili (PLE): dai rischi di rovesciamento/ribaltamento all’investimento di persone, dalla caduta dall’alto ai rischi di...
Scopri di più
Le verifiche e la sicurezza delle autogrù
Sappiamo che l’articolo 71 del Testo Unico Sicurezza prescrive che le attrezzature di lavoro, elencate nell’allegato VII del TU, devono essere sottoposte a verifiche periodiche volte a valutarne lo stato...
Scopri di più
In arrivo le regole europee per i rifiuti da costruzione e demolizione
È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale dell’Unione europea (del 14 giugno 2018) la direttiva 2018/851/UE (modifica direttiva quadro rifiuti), in modifica alla precedente direttiva 2008/98/CE, relativa ai rifiuti. la presente...
Scopri di più
Sull’omessa elaborazione del DVR e l’omessa designazione dell’RSPP
Sono diverse le sentenze della Corte di Cassazione che in questi anni si sono soffermate sulle responsabilità per l’omessa elaborazione del documento di valutazione dei rischi (DVR) o per carenze...
Scopri di più
Dispositivi di protezione individuale: scelta e uso
Nel valutare le precauzioni per la salute e la sicurezza, i dispositivi di protezione individuale (DPI) rappresentano la soluzione estrema e dovrebbero quindi essere presi in considerazione soltanto dopo tutti...
Scopri di più
Lavoratori anziani: l’approccio ergonomico all’invecchiamento sul lavoro
Partendo dalla considerazione che l’invecchiamento umano si possa considerare un processo complesso che è in relazione con vari aspetti (medici, psicologici, sociali, …), risulta necessario tenere nella dovuta considerazione l’importanza...
Scopri di più
Quali sono i dispositivi da usare per il corretto utilizzo delle PLE?
Alcune attività lavorative, nel comparto edile e industriale, presentano situazioni di rischio per caduta dall’alto. Queste attività rientrano nella definizione di lavori in quota, secondo il D.Lgs 81/08: “Attività lavorativa...
Scopri di più
Il modello 231 deve codificare l’iter per le segnalazioni di illeciti
Gran parte del dibattito sulla nuova legge dedicata al whistleblowing (la 179/2017) è stato polarizzato dalle questioni ideologiche che la legge pone. È arrivato il momento, però, di chiedersi che...
Scopri di più
Macchine e Marcatura CE – Parte 2
Riprendiamo da dove avevamo lasciato (per chi non avesse letto l’articolo precedente invitiamo a farlo cliccando sul seguente link) e passiamo ora a prendere in considerazione due aspetti fondamentali legati...
Scopri di più
Stabili gli infortuni sul lavoro
Poco al di sopra delle 641 mila le denunce di infortuni sul lavoro pervenute all’Inail nel corso del 2017 (una cifra “sostanzialmente in linea” con quella rilevata nel 2016, con...
Scopri di più
Gli infortuni nell’allevamento di bufale
Il comparto dell’agricoltura, che comprende il settore zootecnico, evidenzia ancora oggi, rispetto ad altri comparti, i più alti indici di infortuni. Tra i vari settori, quello bufalino, relativo agli allevamenti...
Scopri di più
Macchine e Marcatura CE – Parte 1
Il quadro normativo Per promuovere il concetto di mercato aperto nell’area economica europea, tutti gli Stati membri sono tenuti ad adottare una legislazione che definisca i requisiti di sicurezza fondamentali...
Scopri di più
La responsabilità dell’amministratore di condominio
Prendiamo in esame una recente sentenza della Corte di Cassazione, relativa alla responsabilità di un amministratore di condominio in occasione di un incendio imputabile all’attività dell’appaltatore. La mancata verifica dell’idoneità...
Scopri di più
Attività di scavo: guida INAIL alla riduzione del rischio
INAIL ha aggiornato la Guida: "Riduzione del rischio nelle attività di scavo" ad uso dei datori di lavoro, responsabili tecnici e committenti. Una nuova edizione che aggiorna quella del 2003,...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X