I consigli privacy per le vacanze, droni in spiaggia con cautela

Attenti al drone: non deve diffondere i visi di persone riconoscibili; attenti al wi-fi: se non protetto, carpisce dati sensibili; attenti ai minori: meglio non postare immagini su social network. Sono questi alcuni dei pericoli della lunga lista compilata dal garante della privacy, che ha stilato anche l’elenco delle precauzioni a tutela della privacy propria e degli altri.
Tra queste salta agli occhi la necessità del consenso per diffondere immagini e dati (con il drone e con il profilo social). Se non si può, e il più delle volte non si potrà, allora bisogna agire con il buon senso e non mettere in pericolo il vicino di sedia sdraiato che inconsapevole fa il giro del mondo virtuale.
Da notare che le avvertenze del Garante sono aggiornate al regolamento Ue sulla privacy (n. 2016/679), che pure dichiara fuori dall’ambito privacy i trattamenti per scopi esclusivamente personali. Questo articolo, evidentemente, non apre le porte al far west sui social.
Droni
Se si fa volare un drone munito di fotocamera su una spiaggia o in un altro abituale luogo di vacanza, è meglio evitare di invadere gli spazi personali nell’intimità delle persone. La diffusione di riprese realizzate con il drone (sul web, sui social media, in chat) può avvenire solo con il consenso dei soggetti ripresi, fatti salvi i particolari usi connessi alla libera manifestazione del pensiero, come quelli a fini giornalistici. Negli altri casi, quando è eccessivamente difficile raccogliere il consenso degli interessati, è possibile diffondere le immagini solo se i soggetti ripresi non sono riconoscibili, o perché ripresi da lontano, o perché si sono utilizzati appositi software per oscurare i loro volti. Occorre poi evitare di riprendere e diffondere immagini che contengono dati personali come targhe di macchine, e simili. Le riprese che violano gli spazi privati altrui (la casa delle vacanze, la camera d’albergo) sono invece sempre da evitare, anche perché si potrebbero violare norme penali. Non si possono usare droni per captare volontariamente conversazioni altrui.Social network
Se si postano foto o video in cui compaiono altre persone, è sempre meglio prima accertarsi che queste siano d’accordo, specie se si inseriscono anche dei tag con nomi e cognomi. Inoltre meglio evitare di postare le immagini dei minori, oppure almeno rendere irriconoscibile il viso del minore.
Si possono usare programmi di grafica per “pixellare” i volti, semplici da usare e disponibili anche gratuitamente on-line, o posizionando semplicemente sopra una “faccina” emoticon, oppure limitare le impostazioni di visibilità delle immagini solo alle persone fidate.
Altro aspetto: meglio evitare di postare sui social network informazioni sulle vacanze, sulla durata delle stesse, sulla propria residenza, che rimane incustodita.
Anche in vacanza, è bene controllare le impostazioni privacy dei social network utilizzati, limitando magari la visibilità e la condivisione dei post ai soli amici. Altra buona regola è non accettare sconosciuti nella cerchia di amicizie on-line. In generale è bene attivare misure di sicurezza come il controllo degli accessi al proprio profilo social o un codice di sicurezza da ricevere via sms o e-mail nel caso si acceda ai social network da dispositivi diversi da quelli abituali.
Durante un viaggio può capitare di utilizzare il pc di un Internet cafè o una postazione Web messa a disposizione dall’albergo per controllare l’e-mail personale o i propri profili social: l’importante al termine della consultazione è “uscire” dagli account, rimuovendo così ogni impostazione che consenta di salvare le proprie credenziali nei browser di navigazione.
Geolocalizzazione
È possibile disattivare le opzioni di geolocalizzazione di smartphone e tablet, se non indispensabili per specifici servizi, oltre a quelle dei social network.
Domotica
I prodotti e sistemi domotici possono essere esposti ad attacchi informatici, virus e malware. Meglio, dunque, proteggerli, con password sicure e aggiornamento del software. Per i dispositivi che restano operativi, si possono eventualmente impostare sistemi di alert.
Truffe
Bisogna fare attenzione a eventuali messaggi che contengono offerte straordinarie riguardo viaggi e affitti di case per le vacanze da ottenere, per esempio, cliccando su link che richiedono dati personali o bancari. Virus informatici, software spia, ransomware e phishing possono essere in agguato. In generale, se si utilizzano servizi on-line per prenotare hotel, viaggi aerei, automobili a noleggio, è più prudente usare carte di credito prepagate o altri sistemi di pagamento che permettono di evitare la condivisione di dati del conto bancario o della carta di credito. Inoltre è utile impostare sistemi di alert che avvisano in tempo reale delle transazioni che avvengono sul conto o sulla carta di credito, per accorgersi di eventuali addebiti non autorizzati e, nel caso, rivolgersi subito la propria banca o al gestore delle carte. Va controllato anche che l’indirizzo Internet dei siti su cui si fanno pagamenti on-line non appaia anomalo e se vengono rispettate le procedure di sicurezza standard per i pagamenti on-line (per esempio, la Url, cioè l’indirizzo, del sito deve iniziare con “https” e avere il simbolo di un lucchetto).
App
App per i giochi, suggerimenti turistici possono anche nascondere virus o malware. Buone regole sono: scaricare le App dai market ufficiali; leggere con attenzione le descrizioni delle app (se, per esempio, nei testi sono presenti errori o imprecisioni, c’è da sospettare); consultare eventuali recensioni degli altri utenti per verificare se sono segnalati problemi. Meglio evitare che i minori possono scaricare film, app o altri prodotti informatici da soli.
Wi-fi
Se si usano le connessioni offerte da bar, ristoranti, stabilimenti balneari e hotel e non si è certi degli standard di sicurezza impostati per proteggere il wi-fi da virus e rischi di intrusione, meglio adottare alcune accortezze, come evitare di accedere a servizi on-line che richiedono credenziali di accesso (per esempio, alla propria Web e-mail, ai social network ecc.), fare acquisti on-line con la carta di credito oppure utilizzare il conto bancario on-line.
Aggiornamenti
Aggiornamenti dei sistemi operativi e anche di software e programmi antivirus, magari dotati anche di anti-spyware e anti-spam, sono buone precauzioni.
Furti e smarrimenti
In generale, è opportuno non conservare dati troppo personali sui device (per esempio password o codici bancari) e prendere altre precauzioni, come evitare che i browser e le app memorizzino le credenziali di accesso a siti e servizi (per esempio, posta elettronica, social network,e-banking).
Per proteggere i dati contenuti nei dispositivi, meglio impostare un codice di accesso sicuro e conservare con cura il codice Imei (si trova sulla scatola e serve a bloccare il dispositivo a distanza). Prima di partire potrebbe inoltre essere utile fare un backup di tutte le informazioni (numeri di telefono, foto, ecc.).

Spam
Sms, chat e sistemi di messaggistica sono il veicolo di virus, malware ed espongono a spam. Occorre fare attenzione prima di scaricare programmi, aprire eventuali allegati o cliccare su link che possono essere contenuti nel testo o nelle immagini presenti all’interno dei messaggi. Meglio non rispondere a messaggi provenienti da sconosciuti. Se si usa un pc, si può passare il mouse su un link senza cliccarlo e verificare, in basso a sinistra nel browser, la Url reale al quale si è indirizzati.

 

Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

In piscina il gestore è responsabile della sicurezza
Le piscine, che quest’estate sono state teatro di tragedie, sono sempre più diffuse, soprattutto nelle località turistiche. Nei confronti degli utilizzatori della piscina il gestore dell’attività (che per quelle condominiali...
Scopri di più
Ravvedimento per la privacy
Ravvedimento al via per la privacy: chi ha contestazioni pendenti può mettersi in regola pagando entro 90 giorni la sanzione ridotta, che è pari ai 2/5 del minimo. È una...
Scopri di più
Spazi confinati, le 8 buone regole da seguire
Concludiamo l'articolo sulle buone pratiche di lavoro da applicare negli spazi confinati e iniziamo a vedere di seguito tutte le buone regole da seguire. Ricordiamo l’elenco completo delle buone pratiche spiegate...
Scopri di più
Telecamere, salvo chi si adegua
La corretta e tempestiva ottemperanza alla “prescrizione obbligatoria” dell’ispettore estinguere il reato. Infatti, sfugge alla pena dell’arresto o dell’ammenda quel datore di lavoro che, una volte installate telecamere senza accordo...
Scopri di più
Buone pratiche per l’accesso e il lavoro in spazi confinati
Riprendiamo l'articolo sulle buone pratiche di lavoro da applicare negli spazi confinati e iniziamo a vedere di seguito tutte le buone regole da seguire. Ricordiamo l’elenco completo delle buone pratiche spiegate...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: controlli e verifiche delle gru su autocarro
Sappiamo quanto sia importante, per la sicurezza degli operatori che utilizzano attrezzature di lavoro, la verifica continua dello stato di conservazione, dell’efficienza e della conformità di tali attrezzature alla normativa...
Scopri di più
Condomini al test della privacy, il principio è la non eccedenza
Condominio a norma con la privacy. La recente entrata in vigore del regolamento europeo n. 679/2016 ha infatti ribadito la necessità di un corretto trattamento dei dati personali in ambito...
Scopri di più
Spazi confinati: 8 buone pratiche per lavorare in sicurezza
Il tragico evento, avvenuto nel gennaio scorso con la morte di quattro persone in un’azienda milanese, ha ancora una volta portato all’attenzione della pubblica opinione la gravità degli infortuni sul...
Scopri di più
Rischio lavori in copertura, la guida Inail con le misure di prevenzione e protezione
Il lavoro sulle coperture è un’attività ad alto rischio di infortunio che rende necessaria l’adozione di elevati standard di sicurezza indipendentemente dalla tipologia e dalla durata della lavorazione da svolgere....
Scopri di più
Rifiuti, finisce l’era del Sistri
Sono venuti meno allo scattare del 2019 gli obblighi di tracciamento “Sistri” dei rifiuti e di pagamento dei relativi contributi, persistono (fino a nuovo ordine) in capo ai soggetti interessati...
Scopri di più
Telecamere col sì dei sindacati
Scatta la condanna penale per il datore se installa una telecamera che riprende i dipendenti all’opera anche quando la realizzazione di video è giustificata da esigenze di sicurezza. E ciò...
Scopri di più
Come ridurre il rischio elettrico nei lavori su impianti elettrici a bassa tensione
Il rischio elettrico riguarda la maggior parte dei lavoratori e, in particolar modo, i lavoratori che si occupano dell’esercizio, della manutenzione o delle verifiche dei sistemi elettrici, nonché i lavoratori...
Scopri di più
Lavoratore demansionato risarcibile solo se dimostra il danno specifico
L’esercizio dello ius variandi, ossia la facoltà del datore di lavoro di modificare nel corso del rapporto le mansioni attribuite al dipendente al momento dell’assunzione, se non avviene correttamente, può...
Scopri di più
Dlgs 231, uno scudo di latta
Imprese senza una valida protezione di fronte ai reati commessi dai propri dirigenti e amministratori. Lo scudo dei modelli organizzativi, introdotto con la legge 231 del 2001, si sta infatti...
Scopri di più
Videosorveglianza condizionata. Si alle telecamere a uso privato
Telecamere lecite in condominio, ma soltanto allo scopo di tutelare la sicurezza delle persone e dei beni, con ridotto ambito visivo e con il rispetto degli adempimenti preliminari indicati dall’Autorità...
Scopri di più
Va riassunto il dipendente scagionato dalle accuse
Il pubblico dipendente che rassegni le dimissioni all’indomani di un procedimento penale può ottenere il ripristino del rapporto di lavoro in base alla legge 350/2003 (articolo 3, comma 57), qualora...
Scopri di più
Assicurazione Inail per la depressione derivante da mobbing sul lavoro
La sindrome depressiva causata dalla condotta vessatoria subita dal lavoratore deve essere indennizzata dall’Inail quale malattia professionale, anche se non è compresa nelle tabelle del decreto del presidente della Repubblica...
Scopri di più
Esigenze da bilanciare nel whistleblowing
Le norme sul whistleblowing (legge 179/2017) segnano senz’altro un passo avanti verso l’affermazione di una cultura imprenditoriale che mette al centro la business integrity e la trasparenza. Al tempo stesso,...
Scopri di più
Rumore dal bar, condannato anche chi delega la gestione
D’estate si incrementa la guerra tra i condomini e i locali pubblici che producono rumore fino a notte fonda: complice il caldo, l’esasperazione aumenta e conseguentemente i casi finiscono davanti...
Scopri di più
Amministratore responsabile anche per il rischio-acqua
Dalla saracinesca di consegna dell’acqua dell’acquedotto l’acqua potabile raggiunge i rubinetti degli appartamenti condominiali attraverso le tubature (che sono parti comuni, come recita l’articolo 1117 del Codice civile) e che...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X