I consigli privacy per le vacanze, droni in spiaggia con cautela

Attenti al drone: non deve diffondere i visi di persone riconoscibili; attenti al wi-fi: se non protetto, carpisce dati sensibili; attenti ai minori: meglio non postare immagini su social network. Sono questi alcuni dei pericoli della lunga lista compilata dal garante della privacy, che ha stilato anche l’elenco delle precauzioni a tutela della privacy propria e degli altri.
Tra queste salta agli occhi la necessità del consenso per diffondere immagini e dati (con il drone e con il profilo social). Se non si può, e il più delle volte non si potrà, allora bisogna agire con il buon senso e non mettere in pericolo il vicino di sedia sdraiato che inconsapevole fa il giro del mondo virtuale.
Da notare che le avvertenze del Garante sono aggiornate al regolamento Ue sulla privacy (n. 2016/679), che pure dichiara fuori dall’ambito privacy i trattamenti per scopi esclusivamente personali. Questo articolo, evidentemente, non apre le porte al far west sui social.
Droni
Se si fa volare un drone munito di fotocamera su una spiaggia o in un altro abituale luogo di vacanza, è meglio evitare di invadere gli spazi personali nell’intimità delle persone. La diffusione di riprese realizzate con il drone (sul web, sui social media, in chat) può avvenire solo con il consenso dei soggetti ripresi, fatti salvi i particolari usi connessi alla libera manifestazione del pensiero, come quelli a fini giornalistici. Negli altri casi, quando è eccessivamente difficile raccogliere il consenso degli interessati, è possibile diffondere le immagini solo se i soggetti ripresi non sono riconoscibili, o perché ripresi da lontano, o perché si sono utilizzati appositi software per oscurare i loro volti. Occorre poi evitare di riprendere e diffondere immagini che contengono dati personali come targhe di macchine, e simili. Le riprese che violano gli spazi privati altrui (la casa delle vacanze, la camera d’albergo) sono invece sempre da evitare, anche perché si potrebbero violare norme penali. Non si possono usare droni per captare volontariamente conversazioni altrui.Social network
Se si postano foto o video in cui compaiono altre persone, è sempre meglio prima accertarsi che queste siano d’accordo, specie se si inseriscono anche dei tag con nomi e cognomi. Inoltre meglio evitare di postare le immagini dei minori, oppure almeno rendere irriconoscibile il viso del minore.
Si possono usare programmi di grafica per “pixellare” i volti, semplici da usare e disponibili anche gratuitamente on-line, o posizionando semplicemente sopra una “faccina” emoticon, oppure limitare le impostazioni di visibilità delle immagini solo alle persone fidate.
Altro aspetto: meglio evitare di postare sui social network informazioni sulle vacanze, sulla durata delle stesse, sulla propria residenza, che rimane incustodita.
Anche in vacanza, è bene controllare le impostazioni privacy dei social network utilizzati, limitando magari la visibilità e la condivisione dei post ai soli amici. Altra buona regola è non accettare sconosciuti nella cerchia di amicizie on-line. In generale è bene attivare misure di sicurezza come il controllo degli accessi al proprio profilo social o un codice di sicurezza da ricevere via sms o e-mail nel caso si acceda ai social network da dispositivi diversi da quelli abituali.
Durante un viaggio può capitare di utilizzare il pc di un Internet cafè o una postazione Web messa a disposizione dall’albergo per controllare l’e-mail personale o i propri profili social: l’importante al termine della consultazione è “uscire” dagli account, rimuovendo così ogni impostazione che consenta di salvare le proprie credenziali nei browser di navigazione.
Geolocalizzazione
È possibile disattivare le opzioni di geolocalizzazione di smartphone e tablet, se non indispensabili per specifici servizi, oltre a quelle dei social network.
Domotica
I prodotti e sistemi domotici possono essere esposti ad attacchi informatici, virus e malware. Meglio, dunque, proteggerli, con password sicure e aggiornamento del software. Per i dispositivi che restano operativi, si possono eventualmente impostare sistemi di alert.
Truffe
Bisogna fare attenzione a eventuali messaggi che contengono offerte straordinarie riguardo viaggi e affitti di case per le vacanze da ottenere, per esempio, cliccando su link che richiedono dati personali o bancari. Virus informatici, software spia, ransomware e phishing possono essere in agguato. In generale, se si utilizzano servizi on-line per prenotare hotel, viaggi aerei, automobili a noleggio, è più prudente usare carte di credito prepagate o altri sistemi di pagamento che permettono di evitare la condivisione di dati del conto bancario o della carta di credito. Inoltre è utile impostare sistemi di alert che avvisano in tempo reale delle transazioni che avvengono sul conto o sulla carta di credito, per accorgersi di eventuali addebiti non autorizzati e, nel caso, rivolgersi subito la propria banca o al gestore delle carte. Va controllato anche che l’indirizzo Internet dei siti su cui si fanno pagamenti on-line non appaia anomalo e se vengono rispettate le procedure di sicurezza standard per i pagamenti on-line (per esempio, la Url, cioè l’indirizzo, del sito deve iniziare con “https” e avere il simbolo di un lucchetto).
App
App per i giochi, suggerimenti turistici possono anche nascondere virus o malware. Buone regole sono: scaricare le App dai market ufficiali; leggere con attenzione le descrizioni delle app (se, per esempio, nei testi sono presenti errori o imprecisioni, c’è da sospettare); consultare eventuali recensioni degli altri utenti per verificare se sono segnalati problemi. Meglio evitare che i minori possono scaricare film, app o altri prodotti informatici da soli.
Wi-fi
Se si usano le connessioni offerte da bar, ristoranti, stabilimenti balneari e hotel e non si è certi degli standard di sicurezza impostati per proteggere il wi-fi da virus e rischi di intrusione, meglio adottare alcune accortezze, come evitare di accedere a servizi on-line che richiedono credenziali di accesso (per esempio, alla propria Web e-mail, ai social network ecc.), fare acquisti on-line con la carta di credito oppure utilizzare il conto bancario on-line.
Aggiornamenti
Aggiornamenti dei sistemi operativi e anche di software e programmi antivirus, magari dotati anche di anti-spyware e anti-spam, sono buone precauzioni.
Furti e smarrimenti
In generale, è opportuno non conservare dati troppo personali sui device (per esempio password o codici bancari) e prendere altre precauzioni, come evitare che i browser e le app memorizzino le credenziali di accesso a siti e servizi (per esempio, posta elettronica, social network,e-banking).
Per proteggere i dati contenuti nei dispositivi, meglio impostare un codice di accesso sicuro e conservare con cura il codice Imei (si trova sulla scatola e serve a bloccare il dispositivo a distanza). Prima di partire potrebbe inoltre essere utile fare un backup di tutte le informazioni (numeri di telefono, foto, ecc.).

Spam
Sms, chat e sistemi di messaggistica sono il veicolo di virus, malware ed espongono a spam. Occorre fare attenzione prima di scaricare programmi, aprire eventuali allegati o cliccare su link che possono essere contenuti nel testo o nelle immagini presenti all’interno dei messaggi. Meglio non rispondere a messaggi provenienti da sconosciuti. Se si usa un pc, si può passare il mouse su un link senza cliccarlo e verificare, in basso a sinistra nel browser, la Url reale al quale si è indirizzati.

 

Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Siti confinati, lavoro al sicuro
Non è ammesso il ricorso al subappalto, se non espressamente autorizzato dal datore di lavoro committente e debitamente certificato, in relazione alle attività lavorative che si svolgono in ambienti sospetti...
Scopri di più
La lettera di contestazione va letta
Il dipendente è tenuto ad accettare la consegna manuale di una contestazione disciplinare, se questa avviene sul luogo di lavoro; tuttavia la consegna non si perfeziona se un delegato dell’azienda...
Scopri di più
GDPR, poche le società pronte al test
Uno studio della società internazionale di consulenza Gartner rileva che solo quattro su dieci privacy manager ritengono le società di appartenenza preparate ad affrontare e governare il Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
La sicurezza giustifica un no
Il rifiuto di rendere la prestazione lavorativa richiede una valutazione comparativa. Infatti, affinché il dipendente possa legittimamente sottrarsi dall’obbligazione contrattuale, in caso di inosservanza da parte del datore di lavoro...
Scopri di più
Privacy, 90 adempimenti inutili
Manicomio privacy: oltre 90 adempimenti, per la maggior parte non codificati, e nessuna possibilità di mettersi al riparo da pesantissime sanzioni, anche impegnando tutta la diligenza possibile. Lo scorso 19...
Scopri di più
Verifica difficile della recidiva per lavoro irregolare e sicurezza
Ai fini della individuazione della recidiva, che determina il raddoppio delle maggiorazioni da applicarsi alle sanzioni in caso di violazioni in materia di lavoro irregolare (20% che diventa 40%) e...
Scopri di più
Scaffalature 4.0, bonus nel 2019 con l’integrazione della perizia
Il giuramento della perizia (indipendentemente dalla data di consegna di tale documento all’impresa) consente (in presenza di tutti gli altri requisiti richiesti) di iniziare a stanziare l’iper ammortamento. Questo principio...
Scopri di più
Premi Inail più cari nel 2019
Premi Inail poco più cari quest’anno. La rivalutazione degli importi dei limiti di retribuzione è dell’1,1% in base alla variazione dell’Istat ed eleva il minimale giornaliero da 48,20 (anno 2018)...
Scopri di più
Bando Isi, corsa contro il tempo
Operativa la prima fase del bando Isi 2018. Infatti, dall’11 aprile scorso fino alle 18:00 del 30 maggio 2019, le aziende interessate possono compilare e salvare telematicamente la propria domanda...
Scopri di più
Videocontrolli, iter senza bis
In caso di cambio della titolarità dell’impresa, non bisogna ripetere la procedura di accordo/autorizzazione per l’installazione di impianti audiovisivi o di altri strumenti per il controllo a distanza dei lavoratori....
Scopri di più
Prima verifica periodica autogrù, ecco come procedere
Ai sensi del dlgs 81/2008 e s.m.i., le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII devono essere sottoposte a verifiche periodiche al fine di verificare lo stato di conservazione e di...
Scopri di più
Agenti chimici pericolosi, opuscolo Inail, rischi, Testo Unico, Reach e Clp
Agenti chimici pericolosi. Questo il titolo di uno degli ultimi volumi pubblicati da Inail nella collana Salute e sicurezza. Un opuscolo con istruzioni per lavoratori e Rappresentati dei lavoratori per...
Scopri di più
Gli obblighi del primo soccorso: la classificazione delle aziende
Se il primo soccorso aziendale deve essere inteso come un processo integrato nel sistema di prevenzione e riduzione degli infortuni, “anche per il primo soccorso e per la redazione del...
Scopri di più
Rifiuti speciali pericolosi, cosa c’è da sapere
Il D.Lgs. n. 152/2006, cosiddetto "testo unico ambientale”, all'art. 184 distingue tra rifiuti urbani e rifiuti speciali. Questi ultimi, cioè i rifiuti prodotti da enti e imprese, si dividono a...
Scopri di più
Prevenzione incendi, nuova regola tecnica per impianti distribuzione idrogeno
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale (n. 257 del 6 novembre 2018) il decreto 23 ottobre 2018 del Ministero dell’Interno, recante “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio...
Scopri di più
Sorveglianza sanitaria: utilizzo dei dati collettivi e valutazione clinica
Per organizzare la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti al rischio da sovraccarico biomeccanico, la Regione Lombardia con Decreto regionale 21 dicembre 2017, n. 16750 - recante “Indirizzi per la sorveglianza...
Scopri di più
Rifiuti: cosa separa l’abusività dall’illecito?
Il reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, ora previsto e punito dall'art. 452-quaterdecies del codice penale (che ha sostituito senza modificazioni l'art. 260, D.Lgs. n. 152/2006)...
Scopri di più
Mud 2019, più dati alle CCIAA
Più tempo a enti e imprese per presentare alle Camere di commercio la dichiarazione ambientale Mud 2019, che potrà essere inoltrata fino al 22 giugno in luogo della più stretta...
Scopri di più
La conferma: abolito il Sistri…e ora Sistri 2.0 all’orizzonte?
Nelle prime settimane dello scorso dicembre è circolata una bozza di "decreto legge semplificazioni" che riporta una serie di novità in temi ambientali; due di queste si distinguevano, però, per...
Scopri di più
Rifiuti, torna l’onere per la tracciabilità
Il Governo incassa a Montecitorio la sua nona fiducia (sei alla Camera e tre al Senato) con 310 si, un astenuto e 245 no, su quello che a metà dicembre...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X