Dispositivi di protezione individuale: scelta e uso

Nel valutare le precauzioni per la salute e la sicurezza, i dispositivi di protezione individuale (DPI) rappresentano la soluzione estrema e dovrebbero quindi essere presi in considerazione soltanto dopo tutti gli altri strumenti di controllo del rischio. Questo perché tali dispositivi si limitano a proteggere la singola persona e non impediscono che si verifichi un incidente. Spesso, inoltre, proteggono solo parzialmente chi li indossa, limitandosi a ridurre la gravità degli effetti.

Scelta dei DPI

Quando si scelgono i DPI per l’esecuzione di un qualsiasi lavoro, sarebbe cosa buona, in via preventiva, seguire il seguente ragionamento:

  • Quale compito volete eseguire?
  • Da quali rischi vi dovete proteggere?
  • Quale parte o parti del corpo cercate di proteggere?
  • Quali specifiche dei DPI sono necessarie?
  • Chi sono gli utilizzatori? (assicuratevi che i DPI siano idonei e adatti agli utilizzatori — modificate il tipo e la taglia se necessario)

Prima di acquistare i DPI assicuratevi che le specifiche che avete stabilito siano soddisfatte. Ad esempio, quando si irrorano meli con pesticidi usando un serbatoio-spruzzatore portatile (spesso denominato «irroratore a spalla») si corrono i seguenti rischi:

  • spruzzi o fuoriuscite del pesticida durante la preparazione, la miscelazione o il lavaggio;
  • contatto con la pelle o gli occhi;
  • inalazione o ingestione del pesticida durante l’irrorazione;
  • rischi connessi alla movimentazione manuale e alla caduta di oggetti;

e tutti questi devono essere presi contemporaneamente in considerazione quando si va ad operare la scelta dei DPI più idonei. In tale situazione, le specifiche per i DPI sono le seguenti:

  • sono idonei i guanti in PVC flessibili e sfoderati, mentre non lo sono i guanti in pelle/tela in quanto estremamente permeabili;
  • i guanti monouso sono adatti soltanto a determinati compiti;
  • gli stivali in PVC alti al polpaccio con puntale rinforzato in acciaio sono adatti per proteggere da fuoriuscite e cadute di oggetti;
  • si raccomanda di indossare una visiera integrale piuttosto che occhiali, che proteggono soltanto gli occhi;
  • per proteggere la testa potete indossare un cappello lavabile a tesa larga.

Assicuratevi inoltre che i DPI utilizzati siano della taglia giusta, che vengano acquistati soltanto DPI con le specifiche giuste (a questo scopo contattate il fabbricante o il fornitore locale) e tutti i DPI siano indossati prima dell’apertura di qualsiasi contenitore di pesticidi e tutte le persone prive di DPI adeguati restino al di fuori della zona di pericolo stabilita.

Uso e manutenzione dei DPI

I dispositivi di protezione individuale potranno proteggere dai rischi chi li indossa a condizione che siano rispettate le seguenti regole. Innanzitutto, il DPI deve essere adatto all’attività da svolgere (ad esempio, quando acquistate scarpe di sicurezza pensate a tutte le attività che eseguirete indossandole).

Irrorazione di sostanze chimiche:

  1. Puntale protettivo
  2. Suola anti-scivolo
  3. Intersuola anti-perforazione
  4. Resistenza a tagli e abrasioni
  5. Resistenza a sostanze chimiche (combustibili, oli, grassi, solventi, acidi lievi e diluiti, prodotti fitosanitari)

Operazioni di manutenzione:

  1. Puntale di protezione ABG
  2. Suola anti-scivolo
  3. Rinforzo per la gamba resistente alle abrasioni
  4. Rivestimento anti-sudorazione
  5. Suola iniettata per arieggiare il piede e gestire la sudorazione

Saldatura:

  1. Idrorepellente
  2. Suola anti-scivolo
  3. Resistenza a ceneri ardenti
  4. Suola di gomma resistente a idrocarburi e al contatto con il calore
  5. Fibbie a sgancio rapido

Lavoro in luoghi molto freddi:

  1. Rivestimento interno per isolare i piedi
  2. Capacità traspirante
  3. Suola anti-scivolo
  4. Suola isolante dal freddo
  5. PU+N resistente al freddo estremo (– 40 °C)
  6. Leggerezza
  7. Soletta interna in acciaio
  8. Puntale non metallico
  9. Effetto di assorbimento degli urti

Ad esempio, quando usate una motosega per segare la legna, riflettete sul tipo corretto di DPI da indossare; in questo caso infatti serviranno:

  1. Elmetto con visiera integrale integrata e cuffie per proteggere da contraccolpi, caduta di rami, pezzetti di legno e ghiaia vaganti, rumore;
  2. Gambali di sicurezza resistenti al taglio in tessuto speciale (sulla base della classificazione della velocità massima della catena);
  3. Guanti di protezione per motosega in tessuto resistente al taglio;
  4. Stivali di protezione per motosega in tessuto resistente con puntale protettivo in acciaio.

Come detto, ogni DPI indossato deve essere adeguato al tipo di lavorazione che si deve svolgere. Ma non basta solo questo, infatti tutti i DPI devono rispettare determinati requisiti come ad esempio la marcatura CE, che deve essere presente su ogni dispositivo. Pertanto, prima di indossare un DPI, assicuratevi che:

  1. I DPI siano stati acquistati da venditori ufficiali e specializzati;
  2. Tutti i DPI siano muniti del marchio CE;
  3. Siano rispettate le istruzioni del fabbricante;
  4. Tutti i DPI utilizzati siano della taglia giusta/siano adatti a chi li indossa;
  5. I DPI siano utilizzati per il periodo di tempo indicato dal fabbricante (ogni DPI infatti è accompagnato dalla “nota del fabbricante” ovvero un opuscoletto nel quale, tra le altre cose, viene indicato il tempo di utilizzo massimo o la data di scadenza del dispositivo validi ai fini della sua sostituzione);
  6. I DPI siano sottoposti a pulitura e manutenzione adeguate;
  7. L’utilizzatore dei DPI sia stato istruito sull’uso dei DPI appropriati;
  8. I DPI non siano scaduti (anche gli elmetti e gli occhiali hanno una data di scadenza);
  9. I DPI non siano utilizzati per fini diversi da quelli indicati dal fabbricante;
  10. I DPI non siano usati contemporaneamente ad altri DPI incompatibili

Alla fine di tutte queste verifiche, è opportuno effettuarne un’ultima ovvero è necessario controllare che, prima dell’inizio della lavorazione, il DPI sia stato correttamente indossato dall’operatore poiché un DPI indossato male o parzialmente non protegge il lavoratore dai rischi ma anzi li amplifica. I DPI devono essere messi a disposizione gratuitamente dal datore di lavoro. Il datore di lavoro deve coinvolgere i lavoratori nella scelta dei DPI e tenere un registro di quelli scelti. Deve inoltre istruire i lavoratori e dare loro indicazioni adeguate per un utilizzo sicuro dei DPI. I DPI sono di solito destinati a un solo utilizzatore, perché vengono scelti in base alla taglia, al comfort e ad altre caratteristiche della persona in questione. Prima di essere riutilizzati da altre persone i DPI vanno puliti e disinfettati. È importante che i lavoratori sappiano come eseguire la manutenzione dei loro DPI e come conservarli e riporli, per garantirne l’efficacia nel tempo.
In generale, i DPI non dovrebbero essere utilizzati per finalità estranee al lavoro: è più opportuno conservarli in armadietti all’interno dell’azienda piuttosto che permettere ai lavoratori di portarseli a casa. Se ai lavoratori è concesso di portare i DPI a casa, si può chiedere loro di contribuire alle spese per i DPI. Persone come i lavoratori forestali, che cambiano spesso luogo di lavoro, conservano di solito i DPI nei loro automezzi.

DPI più comunemente utilizzati

Di seguito sono indicati i dispositivi di protezione individuale utilizzati più spesso nei lavori agricoli:

  1. Guanti per proteggere le mani dal contatto con sostanze pericolose, superfici calde o fredde, punture, superfici ruvide o attrezzi affilati;
  2. Guanti monouso da indossare quando si assistono animali ammalati o che stanno partorendo;
  3. Scarpe o stivali di sicurezza: in base alle loro caratteristiche, proteggono da cadute di materiali, dal calpestio di animali, da morsi di serpenti, piante infestanti, superfici scivolose, elettricità statica, penetrazione di oggetti affilati o di acqua;
  4. Occhiali per proteggere gli occhi da particelle vaganti e fumi quando si diserba, salda, taglia o si fanno altri lavori in officina, oppure in caso di possibili schizzi di sostanze oleose;
  5. Auricolari e cuffie per proteggere l’udito dagli alti livelli di rumore emessi da alcuni macchinari, come le motoseghe, o da animali, come i maiali, quando sono stabulati;
  6. Protezioni del viso, da indossare durante le operazioni di saldatura per proteggere occhi, naso e bocca dai fumi, dal calore e da particelle di metallo vaganti;
  7. Protezioni del viso da indossare quando si miscelano, spruzzano o applicano sostanze chimiche, si usano solventi, si smerigliano metalli o si taglia il legno;
  8. Elmetti per prevenire lesioni dovute alla caduta di oggetti;
  9. Apparecchi autorespiratori da usare quando si lavora in luoghi ristretti come i sili;
  10. Imbracature da utilizzare quando si lavora in quota. Le imbracature, però, sono utili soltanto se sono fissate a un sostegno in grado di sopportare il peso del lavoratore, salvandolo così da cadute verticali e da impatti laterali. Non usate mai un’imbracatura se lavorate da soli. Ricordate: restare sospesi senza poter scendere a terra può avere conseguenze fatali. In situazioni del genere ci sono solo trenta minuti di tempo per essere salvati; quindi, preparate sempre un piano di salvataggio di emergenza per le persone che usano un’imbracatura. Il trauma da sospensione, conosciuto anche come «sindrome da sospensione inerte in imbrago», si verifica quando il corpo umano è tenuto sospeso in posizione verticale senza potersi muovere per un certo periodo di tempo (ad esempio una persona assicurata in un’imbracatura). In questi casi, se la persona sviene ma resta in posizione verticale rischia di morire perché il suo cervello non riceve più l’ossigeno di cui ha bisogno;
    • L’abbigliamento protettivo indossato per proteggersi da sostanze chimiche deve essere adatto al tipo di prodotti chimici irrorati, manipolati o utilizzati dal lavoratore (consultate la scheda informativa fornita dal fabbricante o dal fornitore).

Abbigliamento

I capi di abbigliamento sono considerati dispositivi di protezione individuali soltanto se sono stati progettati, testati e certificati come protezione da determinati rischi. Ad esempio, i giubbotti indossati dai lavoratori in ambienti a bassa temperatura (ad esempio in celle frigorifere) proteggono se la temperatura è compresa entro una determinata gamma e i pantaloni dei boscaioli li proteggono da lacerazioni dovute alla motosega. In ogni caso, l’abbigliamento e gli accessori hanno un ruolo importante per garantire la sicurezza nella vita quotidiana. Gli abiti possono proteggervi:

  1. Quando fa caldo e splende il sole dovreste indossare vestiti chiari, cappelli e occhiali da sole per riflettere il calore e proteggervi dalla luce eccessivamente abbagliante;
  2. Quando fa freddo dovreste indossare abiti caldi;
  3. Quando piove o nevica sono adatte tute impermeabili.

Tuttavia, se non sono scelti adeguatamente, gli abiti e persino i DPI possono aumentare i rischi; per questo, ad esempio:

  1. Quando usate macchinari non indossate giubbotti ad alta visibilità troppo ampi né camicie, cappotti, manicotti o cinghie che vi stiano larghi, perché rischiate di restare impigliati;
  2. Se avete i capelli lunghi, legateli sulla nuca per evitare che si avvicinino ai macchinari;
  3. Non indossate abiti vecchi che possono starvi larghi o essere altrimenti inadeguati: preferite tute aderenti o simili;
  4. Non indossate gioielli;
  5. Quando maneggiate o spruzzate pesticidi non indossate guanti e maschere facciali inadatti perché potrebbero in realtà aumentare i rischi.

Pertanto, è bene avere sempre la massima cura nella scelta e nell’utilizzo di qualsiasi DPI perché da dispositivo di protezione può facilmente e velocemente trasformarsi in una sorgente di rischio, anche mortale.

Per approfondire l’argomento si rimanda alla lettura della linea guida !

Guida sicurezza in agricoltura

Articoli correlati

Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
Inail: sicurezza e valutazione del rischio nella diagnostica per immagini
Nell’ambiente ospedaliero i rischi professionali per i vari operatori impegnati in attività sanitarie comprendono sia i rischi convenzionali legati all’ambiente lavorativo che i rischi specifici derivanti dalle specifiche attività sanitarie...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: carrelli semoventi a braccio telescopico
Sono tanti i documenti che in questi ultimi anni hanno fornito precise indicazioni per migliorare la sicurezza nell’utilizzo di molte attrezzature di lavoro e che hanno presentato buone prassi e...
Scopri di più
Interpello n. 4/2018 – Salute e sicurezza nell’alternanza scuola-lavoro e nei tirocini formativi
Con l’interpello n. 4/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce il proprio parere in merito all’applicazione della normativa sulla sicurezza sul lavoro, nel caso di...
Scopri di più
La vigilanza sul fatto che il preposto vigili
Come noto, la vigilanza spetta al preposto come “compito non esclusivo ma sussidiario, spettando anzitutto al datore di lavoro e ai dirigenti” (Cass. Pen. 23 luglio 1997 n.7245). La legge...
Scopri di più
PLE col gancio prossimo step
Lo spettacolo continua: a poca distanza dall’entrata in vigore dell’aggiornamento A1: 2015 avremo presto disponibile l’anteprima di quest’ennesima revisione, arricchita con nuovi e importanti contenuti. Una novità fra le più...
Scopri di più
Forniture a prova di privacy
Forniture in linea con la privacy. I prodotti/servizi forniti a imprese e P.A. devono essere progettati e configurati in base ai principi della privacy fin dalla progettazione (“by design”) e...
Scopri di più
Interpello n. 3/2018: Pubblica sicurezza – Valutazione dei rischi e luogo di lavoro
Con l’interpello n. 3/2018, la Commissione salute e sicurezza del Ministero del Lavoro fornisce alcuni chiarimenti in merito agli adempimenti discendenti dal D.Lgs. 81/2008 per gli agenti di pubblica sicurezza....
Scopri di più
Il mantenimento delle condizioni di sicurezza delle PLE
L’utilizzo delle piattaforme mobili elevabili per l’esecuzione di lavori in quota in tutti gli ambiti lavorativi, unitamente alla disponibilità sul mercato per l’acquisto e il noleggio di varie tipologie e...
Scopri di più
Le “autorizzazioni generali” al vaglio del Garante privacy
Sulla tavola della protezione dei dati personali sono state molte le primizie da assaporare negli ultimi tempi: gli strumenti della riforma Ue, comprensiva del regolamento generale e della direttiva per...
Scopri di più
In Gazzetta il riordino delle regole sulla privacy
Il decreto che coordina la vecchia normativa nazionale sulla protezione dei dati personali con il nuovo regolamento sulla privacy entrerà in vigore il prossimo 19 settembre. È l’effetto della pubblicazione...
Scopri di più
Privacy, valutazione fai-da-te
Una valutazione di impatto privacy per tutto. Serve per giustificare l’allungamento del periodo di conservazione dei dati per il marketing e la profilazione della clientela, per la videosorveglianza, per l’istallazione...
Scopri di più
L’evoluzione dei dispositivi di sicurezza nelle PLE
Sono trascorsi ormai 17 anni dalla prima pubblicazione della EN280 (2001) che, con la versione del 2013 e successivamente con la 2015, ha modificato molti aspetti legati alla sicurezza, introducendo...
Scopri di più
I suggerimenti dell’Inail per una alimentazione corretta sui luoghi di lavoro
Le malattie croniche non trasmissibili uccidono nel mondo circa 40 milioni di persone ogni anno (pari al 70% dei decessi), l’86% dei decessi in Europa; sono patologie che di frequente...
Scopri di più
Privacy, bella e impossibile
Se è vero che la gestione dei dati è il petrolio del prossimo futuro, la sua tutela dovrebbe essere una priorità per i legislatori. Invece fa acqua da tutte le...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X