Esigenze da bilanciare nel whistleblowing

Le norme sul whistleblowing (legge 179/2017) segnano senz’altro un passo avanti verso l’affermazione di una cultura imprenditoriale che mette al centro la business integrity e la trasparenza. Al tempo stesso, però, restano diverse criticità applicative su cui si sono esercitati gli interpreti.
La tecnica legislativa è quella di inserire l’incentivazione e la tutela del whistleblowing (segnalazione di attività illecite) tra i requisiti espressi di idoneità dei modelli di organizzazione e gestione degli enti previsti dal Dlgs 231/2001, i quali, d’ora in poi, dovranno prevedere uno o più canali comunicativi, idonei a garantire la tutela della riservatezza, che consentano ai dipendenti di presentare segnalazioni concernenti la commissione di fattispecie di reato o violazioni del modello organizzativo di cui siano venuti a conoscenza nello svolgimento delle proprie mansioni.
I modelli dovranno, inoltre, contemplare almeno un canale informatico alternativo di segnalazione, il divieto di atti ritorsivi o discriminatori contro il segnalante e specifiche sanzioni nei confronti di chi violi le misure poste a presidio del segnalante.
A tutela del segnalato, di contro, si prevede l’introduzione di specifiche sanzioni per chi effettui con dolo o colpa grave segnalazioni che si rivelino infondate.
Un primo dubbio applicativo riguarda la scelta di inserire la nuova disciplina nell’ambito dei requisiti di idoneità dei modelli previsti in base al Dlgs 231/2001, la cui adozione è facoltativa. Il problema non riguarda tanto la componente “organizzativa” della disciplina, che può effettivamente trovare, in quella sede, una collocazione tutto sommato ragionevole. A destare perplessità è, piuttosto, il fatto che la stessa scelta riguardi le tutele previste per coloro che, a prescindere dall’intervenuta adozione di un modello, intendono denunciare internamente la realizzazione di condotte illecite. In breve: la nullità degli atti ritorsivi e discriminatori, la possibilità di segnalarne l’adozione all’Ispettorato del lavoro, nonché l’inversione dell’onere della prova in favore del segnalante nelle controversie lavoristiche che ne derivino, devono reputarsi applicabili alle sole segnalazioni effettuate tramite i canali sopraindicati?
Ulteriori incertezze derivano dal silenzio normativo sulle concrete modalità di adempimento dei nuovi oneri organizzativi previsti in materia di whistleblowing, a partire dall’individuazione del destinatario delle segnalazioni. Sul punto, occorre evidenziare i vizi di coordinamento tra gli obblighi informativi già previsti in favore dell’organismo di vigilanza e i nuovi canali comunicativi per le segnalazioni. Vista la sostanziale identità contenutistica dei flussi e il ruolo svolto dall’organismo di vigilanza, appare irragionevole non individuare in quest’ultimo – in particolare nell’ambito di strutture societarie di piccola e media dimensione – l’interlocutore più indicato del whistleblower.
Inoltre, non è chiaro se la riservatezza del segnalante debba essere garantita anche in seno ai flussi informativi già previsti a vantaggio dell’organismo.
Infine, non meno critico è il bilanciamento tra tutela della riservatezza del segnalante e piena applicazione del diritto di difesa da parte del “segnalato”.
Nel silenzio della norma, sembra opportuna un’estensione analogica degli approdi interpretativi – pressoché obbligati – cui si è pervenuti in ambito pubblico: la riservatezza del segnalante dovrà allora cedere il passo al diritto di difesa del segnalato, nell’ambito dell’eventuale procedimento penale vertente sui fatti oggetto di segnalazione.
Anche in sede disciplinare, però, riservatezza ed esigenze difensive dovranno essere bilanciate in funzione del singolo caso, giungendo a consentire la rivelazione dell’identità del segnalante in tutti i casi in cui ciò sia indispensabile per la difesa dell’incolpato.

Articolo tratto da Il Sole 24Ore

Articoli correlati

In piscina il gestore è responsabile della sicurezza
Le piscine, che quest’estate sono state teatro di tragedie, sono sempre più diffuse, soprattutto nelle località turistiche. Nei confronti degli utilizzatori della piscina il gestore dell’attività (che per quelle condominiali...
Scopri di più
Ravvedimento per la privacy
Ravvedimento al via per la privacy: chi ha contestazioni pendenti può mettersi in regola pagando entro 90 giorni la sanzione ridotta, che è pari ai 2/5 del minimo. È una...
Scopri di più
Spazi confinati, le 8 buone regole da seguire
Concludiamo l'articolo sulle buone pratiche di lavoro da applicare negli spazi confinati e iniziamo a vedere di seguito tutte le buone regole da seguire. Ricordiamo l’elenco completo delle buone pratiche spiegate...
Scopri di più
Telecamere, salvo chi si adegua
La corretta e tempestiva ottemperanza alla “prescrizione obbligatoria” dell’ispettore estinguere il reato. Infatti, sfugge alla pena dell’arresto o dell’ammenda quel datore di lavoro che, una volte installate telecamere senza accordo...
Scopri di più
Buone pratiche per l’accesso e il lavoro in spazi confinati
Riprendiamo l'articolo sulle buone pratiche di lavoro da applicare negli spazi confinati e iniziamo a vedere di seguito tutte le buone regole da seguire. Ricordiamo l’elenco completo delle buone pratiche spiegate...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: controlli e verifiche delle gru su autocarro
Sappiamo quanto sia importante, per la sicurezza degli operatori che utilizzano attrezzature di lavoro, la verifica continua dello stato di conservazione, dell’efficienza e della conformità di tali attrezzature alla normativa...
Scopri di più
Condomini al test della privacy, il principio è la non eccedenza
Condominio a norma con la privacy. La recente entrata in vigore del regolamento europeo n. 679/2016 ha infatti ribadito la necessità di un corretto trattamento dei dati personali in ambito...
Scopri di più
Spazi confinati: 8 buone pratiche per lavorare in sicurezza
Il tragico evento, avvenuto nel gennaio scorso con la morte di quattro persone in un’azienda milanese, ha ancora una volta portato all’attenzione della pubblica opinione la gravità degli infortuni sul...
Scopri di più
Rischio lavori in copertura, la guida Inail con le misure di prevenzione e protezione
Il lavoro sulle coperture è un’attività ad alto rischio di infortunio che rende necessaria l’adozione di elevati standard di sicurezza indipendentemente dalla tipologia e dalla durata della lavorazione da svolgere....
Scopri di più
Rifiuti, finisce l’era del Sistri
Sono venuti meno allo scattare del 2019 gli obblighi di tracciamento “Sistri” dei rifiuti e di pagamento dei relativi contributi, persistono (fino a nuovo ordine) in capo ai soggetti interessati...
Scopri di più
Telecamere col sì dei sindacati
Scatta la condanna penale per il datore se installa una telecamera che riprende i dipendenti all’opera anche quando la realizzazione di video è giustificata da esigenze di sicurezza. E ciò...
Scopri di più
Come ridurre il rischio elettrico nei lavori su impianti elettrici a bassa tensione
Il rischio elettrico riguarda la maggior parte dei lavoratori e, in particolar modo, i lavoratori che si occupano dell’esercizio, della manutenzione o delle verifiche dei sistemi elettrici, nonché i lavoratori...
Scopri di più
Lavoratore demansionato risarcibile solo se dimostra il danno specifico
L’esercizio dello ius variandi, ossia la facoltà del datore di lavoro di modificare nel corso del rapporto le mansioni attribuite al dipendente al momento dell’assunzione, se non avviene correttamente, può...
Scopri di più
Dlgs 231, uno scudo di latta
Imprese senza una valida protezione di fronte ai reati commessi dai propri dirigenti e amministratori. Lo scudo dei modelli organizzativi, introdotto con la legge 231 del 2001, si sta infatti...
Scopri di più
Videosorveglianza condizionata. Si alle telecamere a uso privato
Telecamere lecite in condominio, ma soltanto allo scopo di tutelare la sicurezza delle persone e dei beni, con ridotto ambito visivo e con il rispetto degli adempimenti preliminari indicati dall’Autorità...
Scopri di più
Va riassunto il dipendente scagionato dalle accuse
Il pubblico dipendente che rassegni le dimissioni all’indomani di un procedimento penale può ottenere il ripristino del rapporto di lavoro in base alla legge 350/2003 (articolo 3, comma 57), qualora...
Scopri di più
Assicurazione Inail per la depressione derivante da mobbing sul lavoro
La sindrome depressiva causata dalla condotta vessatoria subita dal lavoratore deve essere indennizzata dall’Inail quale malattia professionale, anche se non è compresa nelle tabelle del decreto del presidente della Repubblica...
Scopri di più
Esigenze da bilanciare nel whistleblowing
Le norme sul whistleblowing (legge 179/2017) segnano senz’altro un passo avanti verso l’affermazione di una cultura imprenditoriale che mette al centro la business integrity e la trasparenza. Al tempo stesso,...
Scopri di più
Rumore dal bar, condannato anche chi delega la gestione
D’estate si incrementa la guerra tra i condomini e i locali pubblici che producono rumore fino a notte fonda: complice il caldo, l’esasperazione aumenta e conseguentemente i casi finiscono davanti...
Scopri di più
Amministratore responsabile anche per il rischio-acqua
Dalla saracinesca di consegna dell’acqua dell’acquedotto l’acqua potabile raggiunge i rubinetti degli appartamenti condominiali attraverso le tubature (che sono parti comuni, come recita l’articolo 1117 del Codice civile) e che...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X