Esigenze da bilanciare nel whistleblowing

Le norme sul whistleblowing (legge 179/2017) segnano senz’altro un passo avanti verso l’affermazione di una cultura imprenditoriale che mette al centro la business integrity e la trasparenza. Al tempo stesso, però, restano diverse criticità applicative su cui si sono esercitati gli interpreti.
La tecnica legislativa è quella di inserire l’incentivazione e la tutela del whistleblowing (segnalazione di attività illecite) tra i requisiti espressi di idoneità dei modelli di organizzazione e gestione degli enti previsti dal Dlgs 231/2001, i quali, d’ora in poi, dovranno prevedere uno o più canali comunicativi, idonei a garantire la tutela della riservatezza, che consentano ai dipendenti di presentare segnalazioni concernenti la commissione di fattispecie di reato o violazioni del modello organizzativo di cui siano venuti a conoscenza nello svolgimento delle proprie mansioni.
I modelli dovranno, inoltre, contemplare almeno un canale informatico alternativo di segnalazione, il divieto di atti ritorsivi o discriminatori contro il segnalante e specifiche sanzioni nei confronti di chi violi le misure poste a presidio del segnalante.
A tutela del segnalato, di contro, si prevede l’introduzione di specifiche sanzioni per chi effettui con dolo o colpa grave segnalazioni che si rivelino infondate.
Un primo dubbio applicativo riguarda la scelta di inserire la nuova disciplina nell’ambito dei requisiti di idoneità dei modelli previsti in base al Dlgs 231/2001, la cui adozione è facoltativa. Il problema non riguarda tanto la componente “organizzativa” della disciplina, che può effettivamente trovare, in quella sede, una collocazione tutto sommato ragionevole. A destare perplessità è, piuttosto, il fatto che la stessa scelta riguardi le tutele previste per coloro che, a prescindere dall’intervenuta adozione di un modello, intendono denunciare internamente la realizzazione di condotte illecite. In breve: la nullità degli atti ritorsivi e discriminatori, la possibilità di segnalarne l’adozione all’Ispettorato del lavoro, nonché l’inversione dell’onere della prova in favore del segnalante nelle controversie lavoristiche che ne derivino, devono reputarsi applicabili alle sole segnalazioni effettuate tramite i canali sopraindicati?
Ulteriori incertezze derivano dal silenzio normativo sulle concrete modalità di adempimento dei nuovi oneri organizzativi previsti in materia di whistleblowing, a partire dall’individuazione del destinatario delle segnalazioni. Sul punto, occorre evidenziare i vizi di coordinamento tra gli obblighi informativi già previsti in favore dell’organismo di vigilanza e i nuovi canali comunicativi per le segnalazioni. Vista la sostanziale identità contenutistica dei flussi e il ruolo svolto dall’organismo di vigilanza, appare irragionevole non individuare in quest’ultimo – in particolare nell’ambito di strutture societarie di piccola e media dimensione – l’interlocutore più indicato del whistleblower.
Inoltre, non è chiaro se la riservatezza del segnalante debba essere garantita anche in seno ai flussi informativi già previsti a vantaggio dell’organismo.
Infine, non meno critico è il bilanciamento tra tutela della riservatezza del segnalante e piena applicazione del diritto di difesa da parte del “segnalato”.
Nel silenzio della norma, sembra opportuna un’estensione analogica degli approdi interpretativi – pressoché obbligati – cui si è pervenuti in ambito pubblico: la riservatezza del segnalante dovrà allora cedere il passo al diritto di difesa del segnalato, nell’ambito dell’eventuale procedimento penale vertente sui fatti oggetto di segnalazione.
Anche in sede disciplinare, però, riservatezza ed esigenze difensive dovranno essere bilanciate in funzione del singolo caso, giungendo a consentire la rivelazione dell’identità del segnalante in tutti i casi in cui ciò sia indispensabile per la difesa dell’incolpato.

Articolo tratto da Il Sole 24Ore

Articoli correlati

Siti confinati, lavoro al sicuro
Non è ammesso il ricorso al subappalto, se non espressamente autorizzato dal datore di lavoro committente e debitamente certificato, in relazione alle attività lavorative che si svolgono in ambienti sospetti...
Scopri di più
La lettera di contestazione va letta
Il dipendente è tenuto ad accettare la consegna manuale di una contestazione disciplinare, se questa avviene sul luogo di lavoro; tuttavia la consegna non si perfeziona se un delegato dell’azienda...
Scopri di più
GDPR, poche le società pronte al test
Uno studio della società internazionale di consulenza Gartner rileva che solo quattro su dieci privacy manager ritengono le società di appartenenza preparate ad affrontare e governare il Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
La sicurezza giustifica un no
Il rifiuto di rendere la prestazione lavorativa richiede una valutazione comparativa. Infatti, affinché il dipendente possa legittimamente sottrarsi dall’obbligazione contrattuale, in caso di inosservanza da parte del datore di lavoro...
Scopri di più
Privacy, 90 adempimenti inutili
Manicomio privacy: oltre 90 adempimenti, per la maggior parte non codificati, e nessuna possibilità di mettersi al riparo da pesantissime sanzioni, anche impegnando tutta la diligenza possibile. Lo scorso 19...
Scopri di più
Verifica difficile della recidiva per lavoro irregolare e sicurezza
Ai fini della individuazione della recidiva, che determina il raddoppio delle maggiorazioni da applicarsi alle sanzioni in caso di violazioni in materia di lavoro irregolare (20% che diventa 40%) e...
Scopri di più
Scaffalature 4.0, bonus nel 2019 con l’integrazione della perizia
Il giuramento della perizia (indipendentemente dalla data di consegna di tale documento all’impresa) consente (in presenza di tutti gli altri requisiti richiesti) di iniziare a stanziare l’iper ammortamento. Questo principio...
Scopri di più
Premi Inail più cari nel 2019
Premi Inail poco più cari quest’anno. La rivalutazione degli importi dei limiti di retribuzione è dell’1,1% in base alla variazione dell’Istat ed eleva il minimale giornaliero da 48,20 (anno 2018)...
Scopri di più
Bando Isi, corsa contro il tempo
Operativa la prima fase del bando Isi 2018. Infatti, dall’11 aprile scorso fino alle 18:00 del 30 maggio 2019, le aziende interessate possono compilare e salvare telematicamente la propria domanda...
Scopri di più
Videocontrolli, iter senza bis
In caso di cambio della titolarità dell’impresa, non bisogna ripetere la procedura di accordo/autorizzazione per l’installazione di impianti audiovisivi o di altri strumenti per il controllo a distanza dei lavoratori....
Scopri di più
Prima verifica periodica autogrù, ecco come procedere
Ai sensi del dlgs 81/2008 e s.m.i., le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII devono essere sottoposte a verifiche periodiche al fine di verificare lo stato di conservazione e di...
Scopri di più
Agenti chimici pericolosi, opuscolo Inail, rischi, Testo Unico, Reach e Clp
Agenti chimici pericolosi. Questo il titolo di uno degli ultimi volumi pubblicati da Inail nella collana Salute e sicurezza. Un opuscolo con istruzioni per lavoratori e Rappresentati dei lavoratori per...
Scopri di più
Gli obblighi del primo soccorso: la classificazione delle aziende
Se il primo soccorso aziendale deve essere inteso come un processo integrato nel sistema di prevenzione e riduzione degli infortuni, “anche per il primo soccorso e per la redazione del...
Scopri di più
Rifiuti speciali pericolosi, cosa c’è da sapere
Il D.Lgs. n. 152/2006, cosiddetto "testo unico ambientale”, all'art. 184 distingue tra rifiuti urbani e rifiuti speciali. Questi ultimi, cioè i rifiuti prodotti da enti e imprese, si dividono a...
Scopri di più
Prevenzione incendi, nuova regola tecnica per impianti distribuzione idrogeno
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale (n. 257 del 6 novembre 2018) il decreto 23 ottobre 2018 del Ministero dell’Interno, recante “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio...
Scopri di più
Sorveglianza sanitaria: utilizzo dei dati collettivi e valutazione clinica
Per organizzare la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti al rischio da sovraccarico biomeccanico, la Regione Lombardia con Decreto regionale 21 dicembre 2017, n. 16750 - recante “Indirizzi per la sorveglianza...
Scopri di più
Rifiuti: cosa separa l’abusività dall’illecito?
Il reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, ora previsto e punito dall'art. 452-quaterdecies del codice penale (che ha sostituito senza modificazioni l'art. 260, D.Lgs. n. 152/2006)...
Scopri di più
Mud 2019, più dati alle CCIAA
Più tempo a enti e imprese per presentare alle Camere di commercio la dichiarazione ambientale Mud 2019, che potrà essere inoltrata fino al 22 giugno in luogo della più stretta...
Scopri di più
La conferma: abolito il Sistri…e ora Sistri 2.0 all’orizzonte?
Nelle prime settimane dello scorso dicembre è circolata una bozza di "decreto legge semplificazioni" che riporta una serie di novità in temi ambientali; due di queste si distinguevano, però, per...
Scopri di più
Rifiuti, torna l’onere per la tracciabilità
Il Governo incassa a Montecitorio la sua nona fiducia (sei alla Camera e tre al Senato) con 310 si, un astenuto e 245 no, su quello che a metà dicembre...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X