L’evoluzione dei dispositivi di sicurezza nelle PLE

Sono trascorsi ormai 17 anni dalla prima pubblicazione della EN280 (2001) che, con la versione del 2013 e successivamente con la 2015, ha modificato molti aspetti legati alla sicurezza, introducendo sistemi di controllo sempre più affidabili e volti a diminuire i livelli di pericolo delle macchine. Di seguito si descriverà l’evoluzione dei dispositivi di sicurezza che sono elencati nel paragrafo 5.11 della EN280: 2015 confrontandoli con quelli riportati nelle precedenti versioni della norma. Tale confronto è utile per gli ispettori che eseguono le verifiche periodiche, per gli “ingegneri esperti” che eseguono le indagini supplementari e che pertanto devono controllare la presenza di tali dispositivi e la loro efficacia, per gli istruttori che devono elencare ai discenti quali siano i dispositivi di sicurezza installati nelle PLE, per i noleggiatori e infine per i datori di lavoro.

Che cos’è un dispositivo di protezione o di sicurezza
La UNI EN ISO 12100:2010 (norma armonizzata di tipo A ai sensi della direttiva macchine 2006/42/CE e s.m.i.) definisce “dispositivo di protezione” qualsiasi mezzo di protezione che non sia un riparo (barriera fisica della macchina realizzata per fornire una protezione); sono pertanto dispositivi di protezione: gli interblocchi, le barriere optoelettroniche, comandi ad azione mantenuta, sistemi di controllo del carico e del movimento, comandi a due mani, eccetera. Non sono quindi dispositivi di sicurezza i ripari fissi, i parapetti, l’ancoraggio per l’imbracatura, i cancelli di accesso alla piattaforma quando non sono inter bloccati, eccetera. Al fine di garantire il livello di sicurezza richiesto, ciascuna delle funzioni di sicurezza associata ai dispositivi di protezione sopra elencati, deve essere progettata in maniera tale da ridurre la probabilità che si verifichi una situazione di guasto pericoloso. Con l’introduzione della UNI EN ISO 13849-1 il livello di affidabilità richiesto dalla funzione di sicurezza viene definito individuando il PLr (Performance Level richiesto) da parte del progettista; tale PLr viene individuato utilizzando la tabella riportata di seguito e poi va confrontato con quello ottenuto realmente (PL) che considera l’architettura, la qualità dei componenti, la capacità di rilevare i guasti e l’evitabilità di causa di guasto comune.

Le principali modifiche
Quelle sostanziali si possono raggruppare in tre gruppi (2001, 2005-2009, 2013-2015):
  1. nella 2001 i dispositivi di sicurezza dovevano essere affidabili e si faceva riferimento solo alla IEC 60947-5-1 relativa ai “micro di sicurezza”; si parlava di ridondanza dei sistemi elettrici e di monitoraggio;
  2. nelle 2005-2009 veniva introdotto il concetto di “categoria di sicurezza” (prestazioni delle parti legate alla sicurezza) secondo la EN 954-1; si richiedeva la validazione delle funzioni di sicurezza secondo la ISO 13849-2 e venivano aggiornati, rispetto alla versione del 2001, i requisiti che dovevano avere i sistemi di sicurezza;
  3. con la versione del 2013 e del 2015 avviene l’evoluzione dei sistemi facenti funzione di sicurezza introducendo l’affidabilità degli stessi ovvero il Livello di Prestazioni richiesto (PLr). L’evoluzione porta nuovi dispositivi di sicurezza e vengono aggiornati alcuni requisiti.
Il paragrafo 5.11 della EN280:2015 descrive quali siano i dispositivi di sicurezza che le PLE devono avere e quale sia il PL minimo delle funzioni di sicurezza che devono essere implementate per garantire la rispondenza ai requisiti essenziali di salute e sicurezza della direttiva macchine 2006/42/CE e s.m.i.
Di seguito si elencano le modifiche sostanziali di tali dispositivi tra la 2013-2015 e le versioni precedenti.
  1. Impedire lo spostamento di piattaforme di lavoro mobili rilevabili con comandi a terra e PLE di tipo 1 quando sono elevate. Un sistema di sicurezza deve impedire lo spostamento delle PLE con comandi a terra e di tipo 1 quando non sono nella configurazione di trasporto. Dal 2013 il requisito non si applica alle PLE montate sul veicolo.
  2. Impedire lo spostamento oltre il limite di inclinazione della PLE. Tutte le PLE devono avere un dispositivo che avvisi l’operatore se l’inclinazione del telaio raggiunge i limiti consentiti. Dal 2013 è richiesto che il dispositivo di sicurezza blocchi il moto nel senso della direzione selezionata e che sia segnalato con avvisatore acustico o visivo che deve essere percepito dalla postazione di comando; il dispositivo deve essere protetto da danneggiamenti e modifiche/regolazioni. Le norme precedenti prevedevano la bolla inclinometrica con solo avvisatore acustico.
  3. Limitatore della velocità di marcia. Nessuna modifica relativa alla limitazione delle velocità per le PLE quando sono elevate.
  4. Monitoraggio degli stabilizzatori. Nessuna modifica per i sistemi che controllano le aree di lavoro delle PLE.
  5. Evitare il funzionamento al di fuori dell’intervallo limitato per le PLE che possono operare senza stabilizzatori. Nessuna modifica
  6. Stabilizzatori motorizzati. Gli stabilizzatori devono essere controllati per evitare movimenti che possono generare instabilità. Non ci sono modifiche sostanziali.
  7. Comando o blocco dell’inclinazione per il telaio e/o sovrastruttura. Le PLE dotate di telaio e/o struttura estensibile inclinabile devono possedere un sistema di controllo/blocco dell’inclinazione per evitare situazioni di ribaltamento. Novità introdotta dal 2013.
  8. Comando degli assi oscillanti. Vengono identificati i criteri entro i quali una macchina può lavorare con gli assi oscillanti bloccati/controllati. Per le PLE tipo 1 l’apertura della PLE può avvenire con asse bloccato/controllato, per le tipo 2 e 3 gli assi vanno controllati per evitare il superamento della massima inclinazione ammessa.
  9. Controllo del carico. La 2013 aggiunge la possibilità del sollevamento con sovraccarico per le PLE del gruppo A fino a 1 m o al 10% dell’altezza massima; il sistema di rilevamento del sovraccarico deve bloccare il sollevamento oltre tale limite.
  10. Controllo della posizione. La macchina deve essere dotata di un sistema che controlli la posizione della struttura estensibile. Nessuna modifica sostanziale
  11. Controllo del momento. Nessuna modifica sostanziale
  12. Arresto del movimento verso il basso. Nella 2013 è stato introdotto ritardo di 3 secondi (nelle versioni precedenti si parlava di “tempo idoneo”), un segnale di allarme e uno visivo dal posto di comando che precede l’abbassamento della PLE e il controllo della velocità di discesa.
    I dispositivi di:
  13. controllo della catena/cinghia di trasmissione così come quelli che bloccano la macchina nel caso di
  14. allentamento della fune o
  15. catena non hanno subito modifiche sostanziali.
  16. Limitatore di velocità di trasmissioni a cremagliera. Nella versione del 2001 non veniva richiesta la conformità al punto 5.11.
  17. Sistema di livellamento della piattaforma. Nella versione del 2013 sono stati inseriti i limiti di velocità della regolazione che non deve superare la velocità massima che si attua durante il funzionamento della macchina.
  18. Interbloccaggio del corrimano. Non ci sono modifiche sostanziali a eccezione dell’inserimento delle dimensioni geometriche degli accessi.
  19. Interbloccaggio della piattaforma di lavoro (cesta) intercambiabile. È una delle novità introdotte nel 2013; il fabbricante deve prevedere un’interblocco che impedisca i movimenti della PLE quando la piattaforma non è completamente collegata rigidamente e bloccata alla struttura estensibile.
  20. Interbloccaggio dei comandi. Sulle PLE di tipo 2 e 3 deve essere presente un dispositivo che eviti la contemporaneità dello spostamento della macchina con qualsiasi altro comando (con l’eccezione delle PLE su rotaie). Non ci sono modifiche sostanziali tra le edizioni.
  21. Interbloccaggio delle posizioni di comando. La posizione di comando principale è quella che si trova nella piattaforma; nel caso vi siano altre postazioni di comando, deve esserci un sistema di sicurezza che garantisca il funzionamento da una sola posizione una volta. Nella versione del 2013 si introduce il comando senza fili che deve possedere un interblocco tale da garantire che la macchina sia comandata solo quando il comando senza fili si trova nella cesta.
  22. Impedire i movimenti dei cilindri in caso di guasto della tubazione. Tutte le macchine sono dotate di sistemi di sicurezza (valvole di blocco) che garantiscono l’arresto del cilindro in caso di rottura delle tubazioni. L’unica aggiunta è la nota 2 della versione 2013 che ribadisce che la valvola automatica a cartuccia o paracadute non soddisfano il requisito.
La versione del 2013 ha introdotto numerose novità che hanno incrementato la sicurezza nelle macchine. In questi anni i fabbricanti stanno studiando e realizzando alcuni dispositivi di protezione (sistemi anti intrappolamento, sistemi antifurto, sistemi di controllo nel caso di malore dell’operatore, ecc.) che potrebbero essere introdotti nelle nuove versioni della norma e che ridurrebbero notevolmente tutti quei rischi residui che devono essere gestiti dall’operatore e/o dal datore di lavoro.

Articolo tratto da IPAF informa 2018

Scarica la tabella di confronto riassuntiva di seguito…

Tabella di confronto riassuntiva funzioni di sicurezza EN280

Articoli correlati

Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
Inail: sicurezza e valutazione del rischio nella diagnostica per immagini
Nell’ambiente ospedaliero i rischi professionali per i vari operatori impegnati in attività sanitarie comprendono sia i rischi convenzionali legati all’ambiente lavorativo che i rischi specifici derivanti dalle specifiche attività sanitarie...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: carrelli semoventi a braccio telescopico
Sono tanti i documenti che in questi ultimi anni hanno fornito precise indicazioni per migliorare la sicurezza nell’utilizzo di molte attrezzature di lavoro e che hanno presentato buone prassi e...
Scopri di più
Interpello n. 4/2018 – Salute e sicurezza nell’alternanza scuola-lavoro e nei tirocini formativi
Con l’interpello n. 4/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce il proprio parere in merito all’applicazione della normativa sulla sicurezza sul lavoro, nel caso di...
Scopri di più
La vigilanza sul fatto che il preposto vigili
Come noto, la vigilanza spetta al preposto come “compito non esclusivo ma sussidiario, spettando anzitutto al datore di lavoro e ai dirigenti” (Cass. Pen. 23 luglio 1997 n.7245). La legge...
Scopri di più
PLE col gancio prossimo step
Lo spettacolo continua: a poca distanza dall’entrata in vigore dell’aggiornamento A1: 2015 avremo presto disponibile l’anteprima di quest’ennesima revisione, arricchita con nuovi e importanti contenuti. Una novità fra le più...
Scopri di più
Forniture a prova di privacy
Forniture in linea con la privacy. I prodotti/servizi forniti a imprese e P.A. devono essere progettati e configurati in base ai principi della privacy fin dalla progettazione (“by design”) e...
Scopri di più
Interpello n. 3/2018: Pubblica sicurezza – Valutazione dei rischi e luogo di lavoro
Con l’interpello n. 3/2018, la Commissione salute e sicurezza del Ministero del Lavoro fornisce alcuni chiarimenti in merito agli adempimenti discendenti dal D.Lgs. 81/2008 per gli agenti di pubblica sicurezza....
Scopri di più
Il mantenimento delle condizioni di sicurezza delle PLE
L’utilizzo delle piattaforme mobili elevabili per l’esecuzione di lavori in quota in tutti gli ambiti lavorativi, unitamente alla disponibilità sul mercato per l’acquisto e il noleggio di varie tipologie e...
Scopri di più
Le “autorizzazioni generali” al vaglio del Garante privacy
Sulla tavola della protezione dei dati personali sono state molte le primizie da assaporare negli ultimi tempi: gli strumenti della riforma Ue, comprensiva del regolamento generale e della direttiva per...
Scopri di più
In Gazzetta il riordino delle regole sulla privacy
Il decreto che coordina la vecchia normativa nazionale sulla protezione dei dati personali con il nuovo regolamento sulla privacy entrerà in vigore il prossimo 19 settembre. È l’effetto della pubblicazione...
Scopri di più
Privacy, valutazione fai-da-te
Una valutazione di impatto privacy per tutto. Serve per giustificare l’allungamento del periodo di conservazione dei dati per il marketing e la profilazione della clientela, per la videosorveglianza, per l’istallazione...
Scopri di più
L’evoluzione dei dispositivi di sicurezza nelle PLE
Sono trascorsi ormai 17 anni dalla prima pubblicazione della EN280 (2001) che, con la versione del 2013 e successivamente con la 2015, ha modificato molti aspetti legati alla sicurezza, introducendo...
Scopri di più
I suggerimenti dell’Inail per una alimentazione corretta sui luoghi di lavoro
Le malattie croniche non trasmissibili uccidono nel mondo circa 40 milioni di persone ogni anno (pari al 70% dei decessi), l’86% dei decessi in Europa; sono patologie che di frequente...
Scopri di più
Privacy, bella e impossibile
Se è vero che la gestione dei dati è il petrolio del prossimo futuro, la sua tutela dovrebbe essere una priorità per i legislatori. Invece fa acqua da tutte le...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X