Gestione dei rifiuti targata UE

Rettifica dell’elenco europeo dei rifiuti, attraverso la modifica di oltre 30 codici, e indicazioni per effettuare la classificazione dei residui, con un’attenzione rivolta a quelli potenzialmente pericolosi. Arrivano entrambi nei primi dieci giorni dell’aprile 2018, ma slegati tra loro e con valore giuridico molto diverso, 2 atti dell’UE in materia di identificazione dei residui da produzione:
  1. la formale modifica, immediatamente vincolante, dell’elenco europeo dei rifiuti (c.d. “Eer” previsto dalla Decisione 2014/955/UE);
  2. la comunicazione con cui la commissione UE esprime proprie opinioni (non vincolanti) sulla procedura per la classificazione dei rifiuti (prevista dalla Direttiva 2008/98/CE e dalla citata Decisione 2014/955/UE).
Le rettifiche all’elenco europeo dei rifiuti. Le modifiche riguardano le denominazioni di alcuni rifiuti contenute nella versione italiana dell’elenco europeo dei rifiuti, riformulando oltre 30 descrizioni di residui associate a capitoli (i codici a due cifre), sotto-capitoli (quelli a quattro cifre) e voci (sei cifre). Gli interventi, pubblicati sulla serie “L” (Legislazione) della Gazzetta Ufficiale dei 6 aprile 2018 e operativi dalla stessa data, in alcuni casi appaiono avere però una portata superiore alla mera correzione di errori materiali: è il caso della voce «19 05 01» che dall’identificare la “parte di rifiuti urbani e simili non destinati al compost” definisce ora la “parte di rifiuti urbani e simili non compostata”. Dubbi sorgono invece sulla coerenza di alcuni interventi, come quello che interessa il codice «16 11 02» che dall’indicare i “rivestimenti e materiali refrattari a base di carbonio provenienti da processi metallurgici diversi da quelli di cui alla voce «16 11 01»” viene modificato per definire i “rivestimenti e materiali refrattari a base di carbone provenienti dalle lavorazioni metallurgiche, diversi da quelli di cui alla voce «16 11 01»”. Mutando il termine “carbonio” in “carbone” si allinea sì la dizione del codice «16 11 01» quello «16 11 02» dello stesso testo italiano, ma si disallinea il tutto con la versione inglese dell’elenco europeo dei rifiuti (pubblicato sulla Guue 30/12/2014 n. L 370), nel quale entrambe le voci si riferiscono invece a materiali “carbon-based” ossia a base di carbonio (e non di carbone).
Il crescente gap con il Codice ambientale nazionale. Le “rettifiche” dell’UE, discutibili o meno, allontanano ancora di più l’attuale testo del Codice ambientale nazionale sui rifiuti dalla relativa disciplina UE. Si ricorda infatti che il D.Lgs. 152/2006 ancora non è stato formalmente allineato né al nuovo elenco europeo dei rifiuti (operativo dal giugno del 2015) né tantomeno alle novità relative alla voce di pericolo «HP14 Ecotossico», ex Regolamento 2017/997/UE (vincolanti dal prossimo 5 luglio 2018). In materia l’unico atto normativo presente nell’ordinamento interno è infatti il DL 91/2017 (convertito in legge il 1/8/2017), atto che modificando l’allegato D al D.Lgs. 152/2006 si limita a chiarire che: “la classificazione dei rifiuti è effettuata dal produttore assegnando ad essi il competente codice Cer e applicando le disposizioni contenute nella Decisione 2014/955/UE e nel Regolamento (UE) n. 1357/2014 (…)” lasciando però nel Codice ambientale le vecchie versioni sia dell’elenco dei rifiuti che delle relative caratteristiche di pericolo.
La Commissione UE sulla classificazione dei rifiuti «a specchio». Sulla Gazzetta serie “C” (Comunicazioni) della Guue del successivo 9 aprile 2018, dunque tre giorni dopo le rettifiche all’Eer ma senza nessun richiamo a queste, hanno fatto il loro esordio le indicazioni della Commissione UE su come procedere alla classificazione dei rifiuti. Tra gli “Orientamenti tecnici sulla classificazione dei rifiuti” recati dalla comunicazione trovano collocazione le opinioni relative all’inquadramento da dare a quei rifiuti che, in base all’Eer, devono essere classificati come pericolosi o come non pericolosi in funzione dell’effettiva presenza o meno di tali sostanze. A differenza dei rifiuti individuati dall’elenco come univocamente pericolosi (attraverso un’unica voce) e di quelli individuati esclusivamente come non pericolosi (tramite l’associazione ad un unico codice provvisto di asterisco) la corretta classificazione dei rifiuti per i quali l’Eer prevede due voci alternative (una pericolosa e una non pericolosa, da cui la denominazione di rifiuti con “voci a specchio”) necessita infatti dell’accertamento (documentale o analitico) della natura delle sostanze contenute. Ferma la necessità di gestire come pericolosi i rifiuti la cui composizione resti alla fine ignota, la Commissione UE fornisce proprie opinioni sulla condotta da seguire per la classificazione di rifiuti a specchio di cui siano invece noti gli elementi costitutivi ma non le sostanze in essi presenti. La Commissione suggerisce in tale ultimo caso di utilizzare la logica di determinazione delle sostanze secondo lo “scenario realistico più sfavorevole” per ciascun elemento identificato. In base alla Comunicazione in parola occorrerebbe procedere alla ricerca delle sostanze presenti nei singoli elementi alla luce delle diverse caratteristiche di pericolo. A seguire, le sostanze dovrebbero poi essere determinate tenendo conto di quelle che “potrebbero essere ragionevolmente presenti nei rifiuti (per esempio in base alle sostanze utilizzate nel processo di generazione dei rifiuti in esame e alla chimica associata)”. A chiarimento del termine «ragionevolmente» utilizzato in tale ultimo passaggio la comunicazione UE indica il documento di orientamento del Regno Unito per il quale “ragionevolmente significa che le sostanze non possono essere presenti all’interno dei rifiuti perché, per esempio, possono essere escluse le loro proprietà fisiche e chimiche”.
Sulla nuova caratteristica «HP14». Con la comunicazione della Commissione UE arrivano anche indicazioni sull’applicazione dei nuovi criteri di individuazione della caratteristica di pericolo «HP14 Ecotossico» dei rifiuti operativi dal 5/7/2018. Al riguardo l’UE osserva come le quattro nuove condizioni di pericolosità introdotte dal Regolamento 2017/997/UE nella Direttiva 2008/98/CE vadano applicate simultaneamente e la soddisfazione anche di una sola di esse comporti la necessità di classificare i rifiuti sotto esame come ecotossici.
Il valore (relativo) degli orientamenti della Commissione UE. Le comunicazioni della Commissione UE, è opportuno ricordarlo, non figurano tra le fonti di diritto dell’UE; tanto che coerentemente la pubblicazione nella relativa Gazzetta Ufficiale trova collocazione solo (come accennato) sulla serie “C” (dedicata alle comunicazioni e informazioni) e non nella serie “L” (dedicata alla legislazione). Altrettanto coerentemente nella comunicazione in parola viene precisato che: “gli orientamenti forniti nella presente comunicazione non pregiudicano l’interpretazione che può essere data dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (Cgue).”. Anche se la stessa UE si spinge, di seguito, fino ad affermare addirittura che “le opinioni espresse nei presenti orientamenti tecnici non possono pregiudicare la posizione che la commissione potrebbe adottare dinanzi alla Corte di giustizia.”.
L’attesa della pronuncia della Corte di giustizia. Sulla corretta interpretazione delle norme in materia di classificazione dei rifiuti a specchio, nel 2017 la Suprema corte di cassazione ha interrogato proprio la Corte di giustizia UE. Con atto di rinvio pregiudiziale il giudice nazionale ha infatti formulato quattro quesiti sui quali ancora si attende risposta; con uno di questi l’Italia ha chiesto all’UE (in estrema sintesi) se la ricerca delle sostanze debba basarsi su una verifica accurata e rappresentativa che tenga conto della composizione del rifiuto, se già nota o individuata in fase di caratterizzazione, o se invece questa ricerca possa essere effettuata secondo criteri probabilistici considerando quelle che potrebbero essere ragionevolmente presenti nel rifiuto.
Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Va riassunto il dipendente scagionato dalle accuse
Il pubblico dipendente che rassegni le dimissioni all’indomani di un procedimento penale può ottenere il ripristino del rapporto di lavoro in base alla legge 350/2003 (articolo 3, comma 57), qualora...
Scopri di più
Assicurazione Inail per la depressione derivante da mobbing sul lavoro
La sindrome depressiva causata dalla condotta vessatoria subita dal lavoratore deve essere indennizzata dall’Inail quale malattia professionale, anche se non è compresa nelle tabelle del decreto del presidente della Repubblica...
Scopri di più
Esigenze da bilanciare nel whistleblowing
Le norme sul whistleblowing (legge 179/2017) segnano senz’altro un passo avanti verso l’affermazione di una cultura imprenditoriale che mette al centro la business integrity e la trasparenza. Al tempo stesso,...
Scopri di più
Rumore dal bar, condannato anche chi delega la gestione
D’estate si incrementa la guerra tra i condomini e i locali pubblici che producono rumore fino a notte fonda: complice il caldo, l’esasperazione aumenta e conseguentemente i casi finiscono davanti...
Scopri di più
Amministratore responsabile anche per il rischio-acqua
Dalla saracinesca di consegna dell’acqua dell’acquedotto l’acqua potabile raggiunge i rubinetti degli appartamenti condominiali attraverso le tubature (che sono parti comuni, come recita l’articolo 1117 del Codice civile) e che...
Scopri di più
Quando lavorare è uno stress
Più di 700 casi di malattie riconducibili a fenomeni di burnout in Italia nel giro di quattro anni. È questo il quadro che emerge a partire dall’elaborazione dei dati Inail...
Scopri di più
Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
Rumore, la vecchia sorgente va adeguata
Capita spesso che un’attività produttiva, in sé rumorosa, sia localizzata in un’area disabitata. Poi, dopo molto tempo, l’area circostante viene edificata a residenza. Naturalmente il rumore dà fastidio. Ma quali...
Scopri di più
Privacy, oblazioni raddoppiate
Oblazione speciale per gli illeciti privacy pendenti e oblazione a regime per le future contestazioni. Pagando i due quinti del minimo si possono definire i procedimenti non conclusi alla data...
Scopri di più
Buone pratiche per il benessere lavorativo da Inail
La forza lavoro europea sta progressivamente invecchiando ed entro il 2030 in molti paesi le persone di età compresa tra 55 e 64 anni costituiranno almeno il 30% dei lavoratori....
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: identificare i pericoli nelle stive delle navi
Ci sono attività particolari nel mondo del lavoro in cui possono essere utilizzate, per il sollevamento di persone e a titolo eccezionale, attrezzature non previste a tal fine. E queste...
Scopri di più
Interpello 6/2018 – Concetto di vigilanza dei lavoratori addetti a mansioni di sicurezza
Con interpello n. 6/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce ulteriori chiarimenti, rispetto a quanto già espresso con l’interpello n. 5/2018, in merito all’esigenza di...
Scopri di più
Criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto del conglomerato bituminoso
E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 del 18/06/2018 il decreto ministeriale 28/03/2018, n. 69, che si occupa di definire i criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto...
Scopri di più
Lavoro in serra: scenari e valutazione del rischio di esposizione
Sono definibili come pesticidi due diverse categorie di prodotti che sono utilizzati in campo agricolo e non. Dal punto di vista della regolamentazione comunitaria “le due categorie si distinguono in...
Scopri di più
Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X