Gestione dei rifiuti targata UE

Rettifica dell’elenco europeo dei rifiuti, attraverso la modifica di oltre 30 codici, e indicazioni per effettuare la classificazione dei residui, con un’attenzione rivolta a quelli potenzialmente pericolosi. Arrivano entrambi nei primi dieci giorni dell’aprile 2018, ma slegati tra loro e con valore giuridico molto diverso, 2 atti dell’UE in materia di identificazione dei residui da produzione:
  1. la formale modifica, immediatamente vincolante, dell’elenco europeo dei rifiuti (c.d. “Eer” previsto dalla Decisione 2014/955/UE);
  2. la comunicazione con cui la commissione UE esprime proprie opinioni (non vincolanti) sulla procedura per la classificazione dei rifiuti (prevista dalla Direttiva 2008/98/CE e dalla citata Decisione 2014/955/UE).
Le rettifiche all’elenco europeo dei rifiuti. Le modifiche riguardano le denominazioni di alcuni rifiuti contenute nella versione italiana dell’elenco europeo dei rifiuti, riformulando oltre 30 descrizioni di residui associate a capitoli (i codici a due cifre), sotto-capitoli (quelli a quattro cifre) e voci (sei cifre). Gli interventi, pubblicati sulla serie “L” (Legislazione) della Gazzetta Ufficiale dei 6 aprile 2018 e operativi dalla stessa data, in alcuni casi appaiono avere però una portata superiore alla mera correzione di errori materiali: è il caso della voce «19 05 01» che dall’identificare la “parte di rifiuti urbani e simili non destinati al compost” definisce ora la “parte di rifiuti urbani e simili non compostata”. Dubbi sorgono invece sulla coerenza di alcuni interventi, come quello che interessa il codice «16 11 02» che dall’indicare i “rivestimenti e materiali refrattari a base di carbonio provenienti da processi metallurgici diversi da quelli di cui alla voce «16 11 01»” viene modificato per definire i “rivestimenti e materiali refrattari a base di carbone provenienti dalle lavorazioni metallurgiche, diversi da quelli di cui alla voce «16 11 01»”. Mutando il termine “carbonio” in “carbone” si allinea sì la dizione del codice «16 11 01» quello «16 11 02» dello stesso testo italiano, ma si disallinea il tutto con la versione inglese dell’elenco europeo dei rifiuti (pubblicato sulla Guue 30/12/2014 n. L 370), nel quale entrambe le voci si riferiscono invece a materiali “carbon-based” ossia a base di carbonio (e non di carbone).
Il crescente gap con il Codice ambientale nazionale. Le “rettifiche” dell’UE, discutibili o meno, allontanano ancora di più l’attuale testo del Codice ambientale nazionale sui rifiuti dalla relativa disciplina UE. Si ricorda infatti che il D.Lgs. 152/2006 ancora non è stato formalmente allineato né al nuovo elenco europeo dei rifiuti (operativo dal giugno del 2015) né tantomeno alle novità relative alla voce di pericolo «HP14 Ecotossico», ex Regolamento 2017/997/UE (vincolanti dal prossimo 5 luglio 2018). In materia l’unico atto normativo presente nell’ordinamento interno è infatti il DL 91/2017 (convertito in legge il 1/8/2017), atto che modificando l’allegato D al D.Lgs. 152/2006 si limita a chiarire che: “la classificazione dei rifiuti è effettuata dal produttore assegnando ad essi il competente codice Cer e applicando le disposizioni contenute nella Decisione 2014/955/UE e nel Regolamento (UE) n. 1357/2014 (…)” lasciando però nel Codice ambientale le vecchie versioni sia dell’elenco dei rifiuti che delle relative caratteristiche di pericolo.
La Commissione UE sulla classificazione dei rifiuti «a specchio». Sulla Gazzetta serie “C” (Comunicazioni) della Guue del successivo 9 aprile 2018, dunque tre giorni dopo le rettifiche all’Eer ma senza nessun richiamo a queste, hanno fatto il loro esordio le indicazioni della Commissione UE su come procedere alla classificazione dei rifiuti. Tra gli “Orientamenti tecnici sulla classificazione dei rifiuti” recati dalla comunicazione trovano collocazione le opinioni relative all’inquadramento da dare a quei rifiuti che, in base all’Eer, devono essere classificati come pericolosi o come non pericolosi in funzione dell’effettiva presenza o meno di tali sostanze. A differenza dei rifiuti individuati dall’elenco come univocamente pericolosi (attraverso un’unica voce) e di quelli individuati esclusivamente come non pericolosi (tramite l’associazione ad un unico codice provvisto di asterisco) la corretta classificazione dei rifiuti per i quali l’Eer prevede due voci alternative (una pericolosa e una non pericolosa, da cui la denominazione di rifiuti con “voci a specchio”) necessita infatti dell’accertamento (documentale o analitico) della natura delle sostanze contenute. Ferma la necessità di gestire come pericolosi i rifiuti la cui composizione resti alla fine ignota, la Commissione UE fornisce proprie opinioni sulla condotta da seguire per la classificazione di rifiuti a specchio di cui siano invece noti gli elementi costitutivi ma non le sostanze in essi presenti. La Commissione suggerisce in tale ultimo caso di utilizzare la logica di determinazione delle sostanze secondo lo “scenario realistico più sfavorevole” per ciascun elemento identificato. In base alla Comunicazione in parola occorrerebbe procedere alla ricerca delle sostanze presenti nei singoli elementi alla luce delle diverse caratteristiche di pericolo. A seguire, le sostanze dovrebbero poi essere determinate tenendo conto di quelle che “potrebbero essere ragionevolmente presenti nei rifiuti (per esempio in base alle sostanze utilizzate nel processo di generazione dei rifiuti in esame e alla chimica associata)”. A chiarimento del termine «ragionevolmente» utilizzato in tale ultimo passaggio la comunicazione UE indica il documento di orientamento del Regno Unito per il quale “ragionevolmente significa che le sostanze non possono essere presenti all’interno dei rifiuti perché, per esempio, possono essere escluse le loro proprietà fisiche e chimiche”.
Sulla nuova caratteristica «HP14». Con la comunicazione della Commissione UE arrivano anche indicazioni sull’applicazione dei nuovi criteri di individuazione della caratteristica di pericolo «HP14 Ecotossico» dei rifiuti operativi dal 5/7/2018. Al riguardo l’UE osserva come le quattro nuove condizioni di pericolosità introdotte dal Regolamento 2017/997/UE nella Direttiva 2008/98/CE vadano applicate simultaneamente e la soddisfazione anche di una sola di esse comporti la necessità di classificare i rifiuti sotto esame come ecotossici.
Il valore (relativo) degli orientamenti della Commissione UE. Le comunicazioni della Commissione UE, è opportuno ricordarlo, non figurano tra le fonti di diritto dell’UE; tanto che coerentemente la pubblicazione nella relativa Gazzetta Ufficiale trova collocazione solo (come accennato) sulla serie “C” (dedicata alle comunicazioni e informazioni) e non nella serie “L” (dedicata alla legislazione). Altrettanto coerentemente nella comunicazione in parola viene precisato che: “gli orientamenti forniti nella presente comunicazione non pregiudicano l’interpretazione che può essere data dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (Cgue).”. Anche se la stessa UE si spinge, di seguito, fino ad affermare addirittura che “le opinioni espresse nei presenti orientamenti tecnici non possono pregiudicare la posizione che la commissione potrebbe adottare dinanzi alla Corte di giustizia.”.
L’attesa della pronuncia della Corte di giustizia. Sulla corretta interpretazione delle norme in materia di classificazione dei rifiuti a specchio, nel 2017 la Suprema corte di cassazione ha interrogato proprio la Corte di giustizia UE. Con atto di rinvio pregiudiziale il giudice nazionale ha infatti formulato quattro quesiti sui quali ancora si attende risposta; con uno di questi l’Italia ha chiesto all’UE (in estrema sintesi) se la ricerca delle sostanze debba basarsi su una verifica accurata e rappresentativa che tenga conto della composizione del rifiuto, se già nota o individuata in fase di caratterizzazione, o se invece questa ricerca possa essere effettuata secondo criteri probabilistici considerando quelle che potrebbero essere ragionevolmente presenti nel rifiuto.
Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Le “autorizzazioni generali” al vaglio del Garante privacy
Sulla tavola della protezione dei dati personali sono state molte le primizie da assaporare negli ultimi tempi: gli strumenti della riforma Ue, comprensiva del regolamento generale e della direttiva per...
Scopri di più
In Gazzetta il riordino delle regole sulla privacy
Il decreto che coordina la vecchia normativa nazionale sulla protezione dei dati personali con il nuovo regolamento sulla privacy entrerà in vigore il prossimo 19 settembre. È l’effetto della pubblicazione...
Scopri di più
Privacy, valutazione fai-da-te
Una valutazione di impatto privacy per tutto. Serve per giustificare l’allungamento del periodo di conservazione dei dati per il marketing e la profilazione della clientela, per la videosorveglianza, per l’istallazione...
Scopri di più
L’evoluzione dei dispositivi di sicurezza nelle PLE
Sono trascorsi ormai 17 anni dalla prima pubblicazione della EN280 (2001) che, con la versione del 2013 e successivamente con la 2015, ha modificato molti aspetti legati alla sicurezza, introducendo...
Scopri di più
I suggerimenti dell’Inail per una alimentazione corretta sui luoghi di lavoro
Le malattie croniche non trasmissibili uccidono nel mondo circa 40 milioni di persone ogni anno (pari al 70% dei decessi), l’86% dei decessi in Europa; sono patologie che di frequente...
Scopri di più
Privacy, bella e impossibile
Se è vero che la gestione dei dati è il petrolio del prossimo futuro, la sua tutela dovrebbe essere una priorità per i legislatori. Invece fa acqua da tutte le...
Scopri di più
Prevenzione avviamento inatteso macchine: la nuova norma EN ISO 14118:2018
La nuova norma UNI EN ISO 14118:2018 sull’avvio inatteso si può quasi definire “il LOTO stile ISO”. Le procedure di lockout/tagout (LOTO) rappresentano la metodologia più diffusa per effettuare l’isolamento...
Scopri di più
Iper-ammortamento, si cambia
L’agevolazione del 250% apre anche a beni che non prendono istruzioni dal sistema informatico di fabbrica. Il requisito, che sembrava fondamentale fino alla pubblicazione della circolare 1° agosto 2018, decade....
Scopri di più
Stress da lavoro: come ricaricare le batterie durante la pausa estiva
Per milioni di italiani le vacanze sono alle porte, per altri sono già passate mentre, per altri ancora, forse non sono mai iniziate. Quel che è certo è che le...
Scopri di più
Testamento privacy sui social
Testamento privacy per i social network: lo prevede il decreto legislativo, approvato definitivamente dal governo l’8 agosto 2018, di armonizzazione del codice della privacy al regolamento Ue sulla protezione dei...
Scopri di più
La privacy impone il Registro dei dati nelle aziende con più di 250 dipendenti
Grandi aziende chiamate a redigere il registro del trattamento dei dati. È uno degli adempimenti più importanti previsti dal regolamento europeo per la protezione dei dati personali, in vigore dal...
Scopri di più
Privacy europea, ingresso soft
Ingresso soft nella privacy europea. Prevista gradualità dell’attività ispettiva sull’adeguamento delle imprese e delle P.A. al Regolamento Ue sulla protezione dei dati 2016/679, operativo dal 25 maggio 2018. A stabilirlo...
Scopri di più
I consigli privacy per le vacanze, droni in spiaggia con cautela
Attenti al drone: non deve diffondere i visi di persone riconoscibili; attenti al wi-fi: se non protetto, carpisce dati sensibili; attenti ai minori: meglio non postare immagini su social network....
Scopri di più
Privacy, dipendenti tracciabili
Tracciabilità dello smartphone possibile, in alcuni casi anche senza consenso; ma con garanzie per i lavoratori e i terzi. È uno degli aspetti che emerge dalla relazione del 2017 del...
Scopri di più
Stop assoluto al rumore dei bar dopo le 23
Immissioni acustiche intollerabili: il giudice può inibire le attività commerciali e l’uso del suolo pubblico. Lo ha chiarito il Tribunale di Como con l’ordinanza del 21 giugno 2018. La controversia...
Scopri di più
Privacy, 140 cyberattacchi al giorno. Denunce di data breach a +500%
A maggio gli attacchi informatici hanno toccato la soglia di 140 al giorno e nell’ultimo mese le comunicazioni di data breach al Garante della privacy sono aumentati di oltre il...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: le misure di sicurezza nell’uso delle scale
Il rischio di caduta dall’alto nei lavori edili rappresenta la modalità di accadimento di infortunio che, con maggiore frequenza, genera infortuni gravi e mortali. E se diverse ricerche attribuiscono alla...
Scopri di più
INAIL: OT 24 – online il nuovo modello per le istanze 2019
L’Inail comunica che è disponibile nella sezione “Moduli e modelli” il nuovo modello OT/24 per le istanze che verranno inoltrate nel 2019. Pubblicato nel portale Inail, il nuovo OT/24 per...
Scopri di più
Come utilizzare in sicurezza una piattaforma nei lavori in quota
Sono molti i fattori di rischio di cui tener conto nell’utilizzo delle piattaforme di lavoro elevabili (PLE): dai rischi di rovesciamento/ribaltamento all’investimento di persone, dalla caduta dall’alto ai rischi di...
Scopri di più
Le verifiche e la sicurezza delle autogrù
Sappiamo che l’articolo 71 del Testo Unico Sicurezza prescrive che le attrezzature di lavoro, elencate nell’allegato VII del TU, devono essere sottoposte a verifiche periodiche volte a valutarne lo stato...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X