Gestione dei rifiuti targata UE

Rettifica dell’elenco europeo dei rifiuti, attraverso la modifica di oltre 30 codici, e indicazioni per effettuare la classificazione dei residui, con un’attenzione rivolta a quelli potenzialmente pericolosi. Arrivano entrambi nei primi dieci giorni dell’aprile 2018, ma slegati tra loro e con valore giuridico molto diverso, 2 atti dell’UE in materia di identificazione dei residui da produzione:
  1. la formale modifica, immediatamente vincolante, dell’elenco europeo dei rifiuti (c.d. “Eer” previsto dalla Decisione 2014/955/UE);
  2. la comunicazione con cui la commissione UE esprime proprie opinioni (non vincolanti) sulla procedura per la classificazione dei rifiuti (prevista dalla Direttiva 2008/98/CE e dalla citata Decisione 2014/955/UE).
Le rettifiche all’elenco europeo dei rifiuti. Le modifiche riguardano le denominazioni di alcuni rifiuti contenute nella versione italiana dell’elenco europeo dei rifiuti, riformulando oltre 30 descrizioni di residui associate a capitoli (i codici a due cifre), sotto-capitoli (quelli a quattro cifre) e voci (sei cifre). Gli interventi, pubblicati sulla serie “L” (Legislazione) della Gazzetta Ufficiale dei 6 aprile 2018 e operativi dalla stessa data, in alcuni casi appaiono avere però una portata superiore alla mera correzione di errori materiali: è il caso della voce «19 05 01» che dall’identificare la “parte di rifiuti urbani e simili non destinati al compost” definisce ora la “parte di rifiuti urbani e simili non compostata”. Dubbi sorgono invece sulla coerenza di alcuni interventi, come quello che interessa il codice «16 11 02» che dall’indicare i “rivestimenti e materiali refrattari a base di carbonio provenienti da processi metallurgici diversi da quelli di cui alla voce «16 11 01»” viene modificato per definire i “rivestimenti e materiali refrattari a base di carbone provenienti dalle lavorazioni metallurgiche, diversi da quelli di cui alla voce «16 11 01»”. Mutando il termine “carbonio” in “carbone” si allinea sì la dizione del codice «16 11 01» quello «16 11 02» dello stesso testo italiano, ma si disallinea il tutto con la versione inglese dell’elenco europeo dei rifiuti (pubblicato sulla Guue 30/12/2014 n. L 370), nel quale entrambe le voci si riferiscono invece a materiali “carbon-based” ossia a base di carbonio (e non di carbone).
Il crescente gap con il Codice ambientale nazionale. Le “rettifiche” dell’UE, discutibili o meno, allontanano ancora di più l’attuale testo del Codice ambientale nazionale sui rifiuti dalla relativa disciplina UE. Si ricorda infatti che il D.Lgs. 152/2006 ancora non è stato formalmente allineato né al nuovo elenco europeo dei rifiuti (operativo dal giugno del 2015) né tantomeno alle novità relative alla voce di pericolo «HP14 Ecotossico», ex Regolamento 2017/997/UE (vincolanti dal prossimo 5 luglio 2018). In materia l’unico atto normativo presente nell’ordinamento interno è infatti il DL 91/2017 (convertito in legge il 1/8/2017), atto che modificando l’allegato D al D.Lgs. 152/2006 si limita a chiarire che: “la classificazione dei rifiuti è effettuata dal produttore assegnando ad essi il competente codice Cer e applicando le disposizioni contenute nella Decisione 2014/955/UE e nel Regolamento (UE) n. 1357/2014 (…)” lasciando però nel Codice ambientale le vecchie versioni sia dell’elenco dei rifiuti che delle relative caratteristiche di pericolo.
La Commissione UE sulla classificazione dei rifiuti «a specchio». Sulla Gazzetta serie “C” (Comunicazioni) della Guue del successivo 9 aprile 2018, dunque tre giorni dopo le rettifiche all’Eer ma senza nessun richiamo a queste, hanno fatto il loro esordio le indicazioni della Commissione UE su come procedere alla classificazione dei rifiuti. Tra gli “Orientamenti tecnici sulla classificazione dei rifiuti” recati dalla comunicazione trovano collocazione le opinioni relative all’inquadramento da dare a quei rifiuti che, in base all’Eer, devono essere classificati come pericolosi o come non pericolosi in funzione dell’effettiva presenza o meno di tali sostanze. A differenza dei rifiuti individuati dall’elenco come univocamente pericolosi (attraverso un’unica voce) e di quelli individuati esclusivamente come non pericolosi (tramite l’associazione ad un unico codice provvisto di asterisco) la corretta classificazione dei rifiuti per i quali l’Eer prevede due voci alternative (una pericolosa e una non pericolosa, da cui la denominazione di rifiuti con “voci a specchio”) necessita infatti dell’accertamento (documentale o analitico) della natura delle sostanze contenute. Ferma la necessità di gestire come pericolosi i rifiuti la cui composizione resti alla fine ignota, la Commissione UE fornisce proprie opinioni sulla condotta da seguire per la classificazione di rifiuti a specchio di cui siano invece noti gli elementi costitutivi ma non le sostanze in essi presenti. La Commissione suggerisce in tale ultimo caso di utilizzare la logica di determinazione delle sostanze secondo lo “scenario realistico più sfavorevole” per ciascun elemento identificato. In base alla Comunicazione in parola occorrerebbe procedere alla ricerca delle sostanze presenti nei singoli elementi alla luce delle diverse caratteristiche di pericolo. A seguire, le sostanze dovrebbero poi essere determinate tenendo conto di quelle che “potrebbero essere ragionevolmente presenti nei rifiuti (per esempio in base alle sostanze utilizzate nel processo di generazione dei rifiuti in esame e alla chimica associata)”. A chiarimento del termine «ragionevolmente» utilizzato in tale ultimo passaggio la comunicazione UE indica il documento di orientamento del Regno Unito per il quale “ragionevolmente significa che le sostanze non possono essere presenti all’interno dei rifiuti perché, per esempio, possono essere escluse le loro proprietà fisiche e chimiche”.
Sulla nuova caratteristica «HP14». Con la comunicazione della Commissione UE arrivano anche indicazioni sull’applicazione dei nuovi criteri di individuazione della caratteristica di pericolo «HP14 Ecotossico» dei rifiuti operativi dal 5/7/2018. Al riguardo l’UE osserva come le quattro nuove condizioni di pericolosità introdotte dal Regolamento 2017/997/UE nella Direttiva 2008/98/CE vadano applicate simultaneamente e la soddisfazione anche di una sola di esse comporti la necessità di classificare i rifiuti sotto esame come ecotossici.
Il valore (relativo) degli orientamenti della Commissione UE. Le comunicazioni della Commissione UE, è opportuno ricordarlo, non figurano tra le fonti di diritto dell’UE; tanto che coerentemente la pubblicazione nella relativa Gazzetta Ufficiale trova collocazione solo (come accennato) sulla serie “C” (dedicata alle comunicazioni e informazioni) e non nella serie “L” (dedicata alla legislazione). Altrettanto coerentemente nella comunicazione in parola viene precisato che: “gli orientamenti forniti nella presente comunicazione non pregiudicano l’interpretazione che può essere data dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea (Cgue).”. Anche se la stessa UE si spinge, di seguito, fino ad affermare addirittura che “le opinioni espresse nei presenti orientamenti tecnici non possono pregiudicare la posizione che la commissione potrebbe adottare dinanzi alla Corte di giustizia.”.
L’attesa della pronuncia della Corte di giustizia. Sulla corretta interpretazione delle norme in materia di classificazione dei rifiuti a specchio, nel 2017 la Suprema corte di cassazione ha interrogato proprio la Corte di giustizia UE. Con atto di rinvio pregiudiziale il giudice nazionale ha infatti formulato quattro quesiti sui quali ancora si attende risposta; con uno di questi l’Italia ha chiesto all’UE (in estrema sintesi) se la ricerca delle sostanze debba basarsi su una verifica accurata e rappresentativa che tenga conto della composizione del rifiuto, se già nota o individuata in fase di caratterizzazione, o se invece questa ricerca possa essere effettuata secondo criteri probabilistici considerando quelle che potrebbero essere ragionevolmente presenti nel rifiuto.
Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Siti confinati, lavoro al sicuro
Non è ammesso il ricorso al subappalto, se non espressamente autorizzato dal datore di lavoro committente e debitamente certificato, in relazione alle attività lavorative che si svolgono in ambienti sospetti...
Scopri di più
La lettera di contestazione va letta
Il dipendente è tenuto ad accettare la consegna manuale di una contestazione disciplinare, se questa avviene sul luogo di lavoro; tuttavia la consegna non si perfeziona se un delegato dell’azienda...
Scopri di più
GDPR, poche le società pronte al test
Uno studio della società internazionale di consulenza Gartner rileva che solo quattro su dieci privacy manager ritengono le società di appartenenza preparate ad affrontare e governare il Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
La sicurezza giustifica un no
Il rifiuto di rendere la prestazione lavorativa richiede una valutazione comparativa. Infatti, affinché il dipendente possa legittimamente sottrarsi dall’obbligazione contrattuale, in caso di inosservanza da parte del datore di lavoro...
Scopri di più
Privacy, 90 adempimenti inutili
Manicomio privacy: oltre 90 adempimenti, per la maggior parte non codificati, e nessuna possibilità di mettersi al riparo da pesantissime sanzioni, anche impegnando tutta la diligenza possibile. Lo scorso 19...
Scopri di più
Verifica difficile della recidiva per lavoro irregolare e sicurezza
Ai fini della individuazione della recidiva, che determina il raddoppio delle maggiorazioni da applicarsi alle sanzioni in caso di violazioni in materia di lavoro irregolare (20% che diventa 40%) e...
Scopri di più
Scaffalature 4.0, bonus nel 2019 con l’integrazione della perizia
Il giuramento della perizia (indipendentemente dalla data di consegna di tale documento all’impresa) consente (in presenza di tutti gli altri requisiti richiesti) di iniziare a stanziare l’iper ammortamento. Questo principio...
Scopri di più
Premi Inail più cari nel 2019
Premi Inail poco più cari quest’anno. La rivalutazione degli importi dei limiti di retribuzione è dell’1,1% in base alla variazione dell’Istat ed eleva il minimale giornaliero da 48,20 (anno 2018)...
Scopri di più
Bando Isi, corsa contro il tempo
Operativa la prima fase del bando Isi 2018. Infatti, dall’11 aprile scorso fino alle 18:00 del 30 maggio 2019, le aziende interessate possono compilare e salvare telematicamente la propria domanda...
Scopri di più
Videocontrolli, iter senza bis
In caso di cambio della titolarità dell’impresa, non bisogna ripetere la procedura di accordo/autorizzazione per l’installazione di impianti audiovisivi o di altri strumenti per il controllo a distanza dei lavoratori....
Scopri di più
Prima verifica periodica autogrù, ecco come procedere
Ai sensi del dlgs 81/2008 e s.m.i., le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII devono essere sottoposte a verifiche periodiche al fine di verificare lo stato di conservazione e di...
Scopri di più
Agenti chimici pericolosi, opuscolo Inail, rischi, Testo Unico, Reach e Clp
Agenti chimici pericolosi. Questo il titolo di uno degli ultimi volumi pubblicati da Inail nella collana Salute e sicurezza. Un opuscolo con istruzioni per lavoratori e Rappresentati dei lavoratori per...
Scopri di più
Gli obblighi del primo soccorso: la classificazione delle aziende
Se il primo soccorso aziendale deve essere inteso come un processo integrato nel sistema di prevenzione e riduzione degli infortuni, “anche per il primo soccorso e per la redazione del...
Scopri di più
Rifiuti speciali pericolosi, cosa c’è da sapere
Il D.Lgs. n. 152/2006, cosiddetto "testo unico ambientale”, all'art. 184 distingue tra rifiuti urbani e rifiuti speciali. Questi ultimi, cioè i rifiuti prodotti da enti e imprese, si dividono a...
Scopri di più
Prevenzione incendi, nuova regola tecnica per impianti distribuzione idrogeno
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale (n. 257 del 6 novembre 2018) il decreto 23 ottobre 2018 del Ministero dell’Interno, recante “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio...
Scopri di più
Sorveglianza sanitaria: utilizzo dei dati collettivi e valutazione clinica
Per organizzare la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti al rischio da sovraccarico biomeccanico, la Regione Lombardia con Decreto regionale 21 dicembre 2017, n. 16750 - recante “Indirizzi per la sorveglianza...
Scopri di più
Rifiuti: cosa separa l’abusività dall’illecito?
Il reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, ora previsto e punito dall'art. 452-quaterdecies del codice penale (che ha sostituito senza modificazioni l'art. 260, D.Lgs. n. 152/2006)...
Scopri di più
Mud 2019, più dati alle CCIAA
Più tempo a enti e imprese per presentare alle Camere di commercio la dichiarazione ambientale Mud 2019, che potrà essere inoltrata fino al 22 giugno in luogo della più stretta...
Scopri di più
La conferma: abolito il Sistri…e ora Sistri 2.0 all’orizzonte?
Nelle prime settimane dello scorso dicembre è circolata una bozza di "decreto legge semplificazioni" che riporta una serie di novità in temi ambientali; due di queste si distinguevano, però, per...
Scopri di più
Rifiuti, torna l’onere per la tracciabilità
Il Governo incassa a Montecitorio la sua nona fiducia (sei alla Camera e tre al Senato) con 310 si, un astenuto e 245 no, su quello che a metà dicembre...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X