Ingegneria della sicurezza

Incidenti Rilevanti

A seguito del gravissimo incidente avvenuto a Seveso nel 1976 è iniziato anche in Italia il processo di regolamentazione degli aspetti legati alla prevenzione dei rischi di incidenti rilevanti.

Per stabilimento a rischio di incidente rilevante si intende un’area nella quale sono presenti sostanze pericolose all’interno di uno o più impianti, comprese le infrastrutture o le attività comuni o connesse, nella quale può verificarsi un evento, quale un’emissione, un incendio o un’esplosione di grande entità, dovuto a sviluppi incontrollati, che si verificano durante la sua attività, e che possa dare luogo ad un pericolo grave, immediato o differito, per la salute umana o per l’ambiente, all’interno o all’esterno dello stabilimento, e in cui intervengano una o più sostanze pericolose. Per tali stabilimenti sono previste diverse attività finalizzate all’attuazione di un sistema di misure di sicurezza per la prevenzione degli incidenti rilevanti. Le nostre competenze in materia sono:

Una delle novità introdotte dalla normativa è stato il concetto di controllo dell’urbanizzazione nell’intorno degli stabilimenti a rischio di incidente rilevante. Sono infatti definiti dei requisiti minimi di sicurezza in materia di pianificazione territoriale, con riferimento alla destinazione e utilizzazione dei suoli, che tengano conto della necessità di mantenere le opportune distanze tra stabilimenti e zone residenziali, nonché degli obiettivi di prevenzione degli incidenti rilevanti o limitazione delle relative conseguenze. Tale analisi di compatibilità si applica per:
  1. insediamenti di nuovi stabilimenti;
  2. modifiche a stabilimenti esistenti;
  3. nuovi insediamenti o infrastrutture attorno agli stabilimenti esistenti quali, ad esempio, vie di comunicazione, luoghi frequentati dal pubblico, zone residenziali qualora l’ubicazione o l’insediamento o l’infrastruttura possano aggravare il rischio o le conseguenze di un incidente rilevante.
Consiste nell’analisi di applicabilità della normativa Seveso alla realtà industriale dell’azienda. È condotta un’indagine attraverso ispezioni, interviste, verifiche dei documenti di autorizzazione, al fine di verificare il ciclo produttivo e i quantitativi di sostanze pericolose. I dati rilevati sono elaborati e riclassificati secondo le modalità previste dalla normativa e confrontate con i valori soglia.
Classificato lo stabilimento si passa all’individuazione dei rischi di incidente rilevante che andranno poi ad integrare il Documento di Valutazione dei Rischi aziendale ed alla notifica agli enti competenti secondo le modalità e i tempi stabiliti dalla legge.

E’ previsto che le aziende classificate provvedano ad effettuare una formazione specifica ai propri dipendenti consistente nell’addestramento di squadre di pronto intervento per la salvaguardia dell’integrità fisica e della salute dei lavoratori addetti e della popolazione del territorio, con specifico riferimento alle procedure di allarme e evacuazione. Si prevede inoltre che anche i dipendenti di imprese subappaltatrici che lavorano nello stabilimento ricevano questa formazione obbligatoria.

L’azienda classificata deve provvedere ad implementare un sistema di gestione della sicurezza. I requisiti generali e la struttura del SGS sono stabiliti dalla norma che individua le seguenti gestioni fondamentali:

Documento sulla politica di prevenzione, struttura del SGS e sua integrazione con la gestione aziendale

Organizzazione e personale – Ruoli e responsabilità del personale addetto alla gestione dei rischi di incidente rilevante ad ogni livello dell’organizzazione

Identificazione e valutazione dei pericoli rilevanti – Adozione e applicazione di procedure per l’identificazione sistematica dei pericoli rilevanti derivanti dall’attività normale o anomala e valutazione della relativa probabilità e gravità

Controllo operativo – Adozione e applicazione di procedure e istruzioni per l’esercizio in condizioni di sicurezza, inclusa la manutenzione dell’impianto, dei processi, delle apparecchiature e le fermate temporanee

Gestione delle modifiche – Adozione e applicazione di procedure per la programmazione di modifiche da apportare agli impianti o depositi esistenti o per la progettazione di nuovi impianti, processi o depositi

Pianificazione di emergenza – Adozione e applicazione delle procedure per identificare le prevedibili situazioni di emergenza tramite un’analisi sistematica per elaborare, sperimentare e riesaminare i piani di emergenza in modo da far fronte a tali situazioni di emergenza, e per impartire una formazione specifica al personale interessato

Controllo delle prestazioni – Adozione e applicazione di procedure per la valutazione costante dell’osservanza degli obiettivi fissati dalla politica di prevenzione degli incidenti rilevanti e dal SGS

Controllo e revisione – Adozione e applicazione di procedure relative alla valutazione periodica sistematica della politica di prevenzione degli incidenti rilevanti e all’efficacia e all’adeguatezza del SGS

Il gestore di uno stabilimento classificato a rischio di incidente rilevante (art. 8) deve provvedere ad elaborare il cosiddetto RdS che rappresenta sicuramente uno di quegli strumenti estremamente delicati e tra i più complessi che la normativa richiede. Il Rapporto di Sicurezza ha lo scopo di descrivere l’attività svolta all’interno dello stabilimento, di analizzare i rischi di incidenti rilevanti ad essa connessi e di individuare le misure di sicurezza e di prevenzione adottate per prevenirli. Il RdS deve inoltre evidenziare gli eventuali impatti derivanti dal rischio di incidenti rilevanti sul territorio circostante lo stabilimento. In tale ambito si provvederà dunque a:

valutare l’idoneità e l’efficacia dell’analisi del rischio;

verificare, mediante sopralluoghi presso lo stabilimento, la correttezza delle informazioni contenute nel RdS;

rilevare le situazioni di carattere impiantistico e gestionale sulle quali è opportuno intervenire per prevenire il rischio di incidente rilevante, migliorando le condizioni di sicurezza interne ed esterne allo stabilimento (sicurezza della popolazione, protezione ambientale, sicurezza dei lavoratori, sicurezza dei processi, ecc.);

verificare la conformità della documentazione alle disposizioni di legge.

Per gli stabilimenti a rischio di INCIDENTE rilevante è previsto che siano predisposti piani di EMERGENZA, al fine di definire le procedure di intervento in caso di INCIDENTE e fornire una risposta efficace ed efficiente da parte degli enti preposti alla protezione della POPOLAZIONE e dell’ambiente.

In tale contesto devono essere adottate prescrizioni volte a:

controllare e circoscrivere gli incidenti per minimizzare gli effetti e i relativi danni;

mettere in atto le misure necessarie per proteggere l’uomo e l’ambiente dalle conseguenze degli incidenti rilevanti;

provvedere al ripristino e al disinquinamento dell’ambiente a seguito di un incidente

Il Sindaco del comune dove sono localizzate le attività industriali a rischio di incidente rilevante deve informare i cittadini sulle misure di sicurezza e le norme di comportamento da seguire in caso di incidente. A tale scopo le aziende a rischio di incidente rilevante devono trasmettere al Sindaco le opportune informazioni tramite la “SCHEDA DI INFORMAZIONE SUI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE PER I CITTADINI E I LAVORATORI”.

La Scheda deve contenere tutte le notizie riguardanti lo stabilimento, il processo produttivo, le sostanze pericolose trattate e/o stoccate e le relative caratteristiche chimiche, fisiche e tossicologiche, gli eventi incidentali possibili e gli effetti di questi sull’uomo e sull’ambiente nonché i sistemi di prevenzione e le misure di protezione da adottare nelle zone a rischio.

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X