Ingegneria della sicurezza

Sicurezza Macchine e Impianti

Valutazione dei rischi del parco macchine ed attrezzature

Macchine

La sicurezza delle macchine messe a disposizione ed utilizzate dai lavoratori costituisce uno degli aspetti fondamentali per evitare gli infortuni sul lavoro.
La legislazione in vigore prevede dei criteri di sicurezza a cui le macchine utilizzate dai lavoratori devono risultare conformi, è obbligo del datore di lavoro garantire e mantenere tale conformità con idonei programmi di manutenzione.
In generale, le macchine devono essere conformi a:

  1. Specifiche disposizioni legislative, regolamentari di recepimento di direttive europee
  2. Requisiti generali di sicurezza indicati nell’Allegato V del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. per le macchine costruite in assenza delle disposizioni legislative indicate nel punto precedente (includendo tra queste anche le macchine costruite prima dell’entrata in vigore delle Direttiva 98/37/CE, pubblicata in Italia con il D.P.R. 459/2006 “Regolamento per l’attuazione delle Direttive 89/392/CEE, 91/368/CEE, 93/44/CEE e 93/68/CEE concernenti il riavvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative alle macchine”).

Sicurezza_macchineFra gli infortuni ascrivibili a cause tecniche molti sono quelli derivanti dall’impiego di macchine e attrezzature. Questo deriva dal fatto che in molti contesti industriali una delle principali fonti di rischio sono proprio le macchine. Quindi il nodo fondamentale, che si tratti di macchine di nuova costruzione o che si tratti di installazioni esistenti, è comunque quella di valutare correttamente i rischi; e questi devono essere valutati, tenendo conto dei requisiti legislativi e normativi applicabili, non solo come peculiarità tecniche di una macchina, ma anche analizzando le modalità di utilizzo, di manutenzione ecc. e/o in relazione alle caratteristiche dell’ambiente di installazione e di interazione con altre attrezzature presenti. Solo una valutazione dettagliata e completa consente di determinare le misure di sicurezza più idonee, garantendo nel contempo i requisiti di funzionalità necessari all’utilizzo, e di definire i modi di lavoro sicuri non solo per l’esercizio propriamente detto ma anche per tutte quelle attività propedeutiche al buon funzionamento (manutenzione, attrezzaggio, pulizia, ecc). Sicurya Srl si occupa di sicurezza del macchinario in tutti i suoi aspetti fino ad arrivare alla valutazione dei rischi macchine secondo la norma tecnica UNI EN 12100 unita a verifica di conformità secondo allegato V del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Il servizio che offriamo in merito a queste tematiche è in grado di coprire tutte le possibili esigenze dell’azienda. Partendo dall’analisi delle macchine e delle attrezzature presenti in azienda si procederà alle verifiche di conformità delle stesse e di tutta la documentazione necessaria nel rispetto di quanto previsto dalla normativa vigente. A seguito di questo primo step, si provvederà alla determinazione del livello di rischio di ciascuna macchina ed attrezzatura presente, analizzando non solo la macchina in sé, ma valutando complessivamente l’interazione di quest’ultima sia con l’ambiente di lavoro nella quale è inserita, sia con i lavoratori autorizzati all’utilizzo della medesima.

Nello specifico si prevede di realizzare quattro fasi preventive alla determinazione conclusiva del rischio del parco macchine presenti in azienda come indicato di seguito.

Il primo approccio consiste nel compilare una Tabella in modo da identificare tutte le attrezzature/macchine/impianti messe a disposizione dei lavoratori che possono avere un impatto significativo ai fini della sicurezza e che andranno opportunamente documentate nel processo di Valutazione dei Rischi.

Il secondo controllo consiste nel verificare se la macchina (anche se in origine era già marcata CE) sia stata adattata o abbia subito modifiche che non rientrano nell’ordinaria e straordinaria manutenzione. In questa circostanza le macchine devono essere sottoposte alla procedura di certificazione.

Il terzo punto consiste nella verifica del rispetto dei requisiti di conformità previsti dalla normativa. Questa segue due differenti percorsi operativi a seconda che la macchina sia marcata CE o che si tratti di macchina “ante CE” in quanto risulta costruita in assenza di disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto, ovvero messa a disposizione dei lavoratori antecedentemente alla loro emanazione.

Nel caso in cui la valutazione abbia portato alla conclusione che la macchina non risulta pienamente conforme ai punti di verifica, occorre provvedere all’adozione di provvedimenti tecnici per renderla tale. Si ricorda che la conformità della macchina rappresenta un requisito necessario ma non sufficiente per concludere il percorso di valutazione.

Dopo la verifica di conformità delle macchine e le eventuali azioni di adeguamento si entrerà nel merito del rischio residuo, definendo l’ordine di priorità per la predisposizione del Piano di Miglioramento. Si passeranno in rassegna i seguenti aspetti:

  1. Valutazione del rischio globale proprio del posto di lavoro
  2. Valutazione della capacità personale dell’individuo di dominare il rischio
  3. Valutazione del rischio di infortunio
  4. Percezione del rischio e verifica se il rischio così calcolato si colloca in una sfera d’accettabilità
  5. Definizione di modalità di uso sicure e creazione di istruzioni operative  relative
  6. Piani di verifica e manutenzione periodica

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X