Iper-ammortamento, si cambia

L’agevolazione del 250% apre anche a beni che non prendono istruzioni dal sistema informatico di fabbrica. Il requisito, che sembrava fondamentale fino alla pubblicazione della circolare 1° agosto 2018, decade. Grazie al nuovo chiarimento ministeriale, è sufficiente che i macchinari trasmettano dati per considerare soddisfatto il requisito dell’interconnessione.
La novità viene direttamente dal ministero dello sviluppo economico, attraverso la circolare 1° agosto 2018 n. 295485. Questa va a completare la circolare 23 maggio 2018, n. 177355, con la quale sono state dettate le istruzioni integrative delle “linee guida tecniche” in materia di iper-ammortamento contenute nella parte terza della circolare Agenzia delle entrate-ministero dello sviluppo economico n. 4/E del 30 marzo 2017.
La motivazione di questa ripresa, viene specificato dal ministero, è determinata dal fatto che sono pervenute allo stesso ulteriori richieste di chiarimenti in merito al rispetto, per talune tipologie di beni del primo gruppo dell’allegato A, della caratteristica obbligatoria “dell’interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica con caricamento da remoto di istruzioni e/o part program”. La circolare ha ad oggetto “Agevolazione agli investimenti in beni strumentali per la trasformazione tecnologica e digitale, di cui all’art. 1, commi 9-11, della legge n. 232 del 2016: c.d. “Iper-ammortamento” – Ulteriori chiarimenti concernenti il requisito dell’interconnessione per taluni beni del primo gruppo dell’allegato A”.

L’inutilità di ricevere istruzioni da parte dei macchinari a ciclo unico
La motivazione da cui muove la circolare “è che in molte istanze di parere tecnico, in particolare, è stato rappresentato che per alcuni beni strumentali del primo gruppo dell’allegato A il suddetto vincolo del caricamento da remoto di istruzioni e/o part program potrebbe risultare non necessario o, per così dire, non conferente sul piano strettamente tecnico. Può essere questa la situazione, ad esempio, di alcune macchine utensili (quali trance, taglierine, seghe circolari, trapani, frantoi e mulini di macinazione) che, in quanto progettate per un unico ciclo di lavoro o per un’unica lavorazione completamente standardizzata, non necessitano di ricevere istruzioni operative né in relazione alla frequenza (temporale e/o logica) delle attività o delle azioni da eseguire, né in relazione ai parametri o alle variabili di processo”.
La circolare innova, specificando che la mancata possibilità di ricevere istruzioni non porta il bene ad essere estromesso da quelli ammissibili per il mancato rispetto del punto due dei cinque requisiti obbligatori per tutti, ma trova una sua giustificazione nel fatto che “con riferimento al rispetto del requisito dell’interconnessione nei sistemi informatici di fabbrica, per queste specifiche fattispecie l’applicazione della disciplina agevolativa non richieda necessariamente che il bene sia in grado di ricevere in ingresso istruzioni e/o part program riguardanti lo svolgimento di uno o più sequenze di attività identificate, programmate e/o dettate esternamente (ad esempio da sistema informatico, da singolo utente, owner del processo ecc.); è, al contrario, sufficiente che il bene sia in grado di trasmettere dati in uscita, funzionali, a titolo esemplificativo, a soddisfare i requisiti ulteriori di telemanutenzione e/o telediagnosi e/o controllo in remoto e di monitoraggio continuo delle condizioni di lavoro dei parametri di processo”.
Questo è un passaggio molto importante che determinerà un cambio di rotta sui lavori in corso da parte di imprese e società di informatica. La semplificazione dal punto di vista operativo è importante. Dal punto di vista di quanto scritto fino ad ora nelle circolari precedenti, la novità è, forse, poco conciliabile.

La genesi del requisito
L’articolo 1, comma 9, della legge n. 232 del 2016 stabilisce che “Al fine di favorire processi di trasformazione tecnologica e digitale secondo il modello “Industria 4.0”, per gli investimenti (…) in beni materiali strumentali nuovi compresi nell’elenco di cui all’allegato A annesso alla legge, il costo di acquisizione è maggiorato del 150%”.
Il comma 9 in questione si riferisce a investimenti in beni materiali strumentali nuovi la cui caratteristica peculiare è quella di essere finalizzati alla trasformazione dell’industria in chiave “4.0”. Per favorire l’effettuazione di tali investimenti, che hanno ad oggetto macchine intelligenti, interconnesse, la norma prevede una maggiorazione superiore a quella del 40% tipica del super ammortamento. Le macchine che possono fruire della maggiorazione in esame sono agevolabili solo nella misura in cui siano utilizzate secondo il paradigma di “Industria 4.0” e non soltanto per le loro caratteristiche intrinseche”.
Questo riportava la circolare del 30 marzo 2017. Le interpretazioni ed i pareri successivi sembravano rafforzare questa esigenza di interconnessione dei beni in modo tale che il sistema di gestione avesse il controllo della produzione in maniera diretta o indiretta tramite altre macchine. La nuova circolare sembra portare il sistema di gestione verso un ruolo più di monitoraggio che di comando, togliendolo quindi dal centro della produzione.
Questa è una nuova possibile strada da percorrere per le imprese che decidono di utilizzare l’iper-ammortamento del 250%. Ovviamente, le imprese che vanno in direzione di industria 4.0 in ottica di controllo della produzione adempiono sia agli obblighi attuali che a quelli precedenti e sono quindi al riparo da nuove e diverse interpretazioni che dovessero intervenire in futuro; trattandosi di circolari, come è noto, sono solo documenti interpretativi della norma, pertanto soggetti a possibili revisioni come in questo caso.

Di seguito il quadro sintetico della situazione:

I cinque requisiti di base obbligatori per tutti i beni: la normativa prevede cinque requisiti obbligatori per tutti i beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti:

  1. Controllo per mezzo di CNC/PLC: la macchina deve essere di tipo automatico, controllata almeno da un PLC o deve essere a controllo numerico
  2. Interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica con caricamento da remoto di istruzioni e/o part program
  3. Interconnessione automatizzata con il sistema logistico della fabbrica o con la rete di fornitura e/o con altre macchine del ciclo produttivo. Tale requisito può essere soddisfatto sia mediante un’integrazione fisica che informativa
  4. Interfaccia uomo/macchina semplice ed intuitiva. La macchina/impianto deve essere dotata di un sistema hardware, a bordo macchina o in remoto (ad esempio attraverso dispositivo mobile ecc.), di interfaccia con l’operatore per il monitoraggio e/o il controllo della macchina stessa
  5. Rispondenza ai più recenti standard in termini di sicurezza, salute e igiene del lavoro. Deve rispondere alla normativa vigente in materia di sicurezza
  1. Sistemi di telemanutenzione e/o telediagnosi e/o controllo in remoto. La macchina deve essere predisposta per essere monitorata in remoto, in modo che l’assistenza possa intervenire per effettuare, da remoto, operazioni di manutenzione, diagnosi o modifica/aggiornamento/controllo del sistema di funzionamento della macchina
  2. Monitoraggio in continuo delle condizioni di lavoro dei parametri di processo mediante opportuni set di sensori e adattività alle derive di processo
  3. Caratteristiche di integrazione tra macchina fisica e/o impianto con la modellizzazione e/o la simulazione del proprio comportamento nello svolgimento del processo (sistema cyberfisico)

Circolare 1° agosto 2018 - Il nuovo requisito 2 “interconnessione”

Il MiSe “ritiene che, con riferimento al rispetto del requisito dell’interconnessione ai sistemi informatici di fabbrica, per queste specifiche fattispecie, l’applicazione della disciplina agevolativa non richieda necessariamente che il bene sia in grado di ricevere in ingresso istruzioni e/o part program riguardanti lo svolgimento di una o più sequenze di attività identificate, programmate e/o dettate esternamente (ad esempio da sistema informatico, da singolo utente, owner del processo ecc.); è, al contrario, sufficiente che il bene sia in grado di trasmettere dati in uscita, funzionali, a titolo esemplificativo, a soddisfare i requisiti ulteriori di telemanutenzione e/o telediagnosi e/o controllo in remoto e di monitoraggio continuo delle condizioni di lavoro dei parametri di processo”

Articolo tratto da ItaliaOggi

Per approfondire l’argomento si rimanda alla lettura integrale della circolare !

Circolare 1° agosto 2018 n. 295485

Articoli correlati

Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
Inail: sicurezza e valutazione del rischio nella diagnostica per immagini
Nell’ambiente ospedaliero i rischi professionali per i vari operatori impegnati in attività sanitarie comprendono sia i rischi convenzionali legati all’ambiente lavorativo che i rischi specifici derivanti dalle specifiche attività sanitarie...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: carrelli semoventi a braccio telescopico
Sono tanti i documenti che in questi ultimi anni hanno fornito precise indicazioni per migliorare la sicurezza nell’utilizzo di molte attrezzature di lavoro e che hanno presentato buone prassi e...
Scopri di più
Interpello n. 4/2018 – Salute e sicurezza nell’alternanza scuola-lavoro e nei tirocini formativi
Con l’interpello n. 4/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce il proprio parere in merito all’applicazione della normativa sulla sicurezza sul lavoro, nel caso di...
Scopri di più
La vigilanza sul fatto che il preposto vigili
Come noto, la vigilanza spetta al preposto come “compito non esclusivo ma sussidiario, spettando anzitutto al datore di lavoro e ai dirigenti” (Cass. Pen. 23 luglio 1997 n.7245). La legge...
Scopri di più
PLE col gancio prossimo step
Lo spettacolo continua: a poca distanza dall’entrata in vigore dell’aggiornamento A1: 2015 avremo presto disponibile l’anteprima di quest’ennesima revisione, arricchita con nuovi e importanti contenuti. Una novità fra le più...
Scopri di più
Forniture a prova di privacy
Forniture in linea con la privacy. I prodotti/servizi forniti a imprese e P.A. devono essere progettati e configurati in base ai principi della privacy fin dalla progettazione (“by design”) e...
Scopri di più
Interpello n. 3/2018: Pubblica sicurezza – Valutazione dei rischi e luogo di lavoro
Con l’interpello n. 3/2018, la Commissione salute e sicurezza del Ministero del Lavoro fornisce alcuni chiarimenti in merito agli adempimenti discendenti dal D.Lgs. 81/2008 per gli agenti di pubblica sicurezza....
Scopri di più
Il mantenimento delle condizioni di sicurezza delle PLE
L’utilizzo delle piattaforme mobili elevabili per l’esecuzione di lavori in quota in tutti gli ambiti lavorativi, unitamente alla disponibilità sul mercato per l’acquisto e il noleggio di varie tipologie e...
Scopri di più
Le “autorizzazioni generali” al vaglio del Garante privacy
Sulla tavola della protezione dei dati personali sono state molte le primizie da assaporare negli ultimi tempi: gli strumenti della riforma Ue, comprensiva del regolamento generale e della direttiva per...
Scopri di più
In Gazzetta il riordino delle regole sulla privacy
Il decreto che coordina la vecchia normativa nazionale sulla protezione dei dati personali con il nuovo regolamento sulla privacy entrerà in vigore il prossimo 19 settembre. È l’effetto della pubblicazione...
Scopri di più
Privacy, valutazione fai-da-te
Una valutazione di impatto privacy per tutto. Serve per giustificare l’allungamento del periodo di conservazione dei dati per il marketing e la profilazione della clientela, per la videosorveglianza, per l’istallazione...
Scopri di più
L’evoluzione dei dispositivi di sicurezza nelle PLE
Sono trascorsi ormai 17 anni dalla prima pubblicazione della EN280 (2001) che, con la versione del 2013 e successivamente con la 2015, ha modificato molti aspetti legati alla sicurezza, introducendo...
Scopri di più
I suggerimenti dell’Inail per una alimentazione corretta sui luoghi di lavoro
Le malattie croniche non trasmissibili uccidono nel mondo circa 40 milioni di persone ogni anno (pari al 70% dei decessi), l’86% dei decessi in Europa; sono patologie che di frequente...
Scopri di più
Privacy, bella e impossibile
Se è vero che la gestione dei dati è il petrolio del prossimo futuro, la sua tutela dovrebbe essere una priorità per i legislatori. Invece fa acqua da tutte le...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X