Lavoratori anziani: l’approccio ergonomico all’invecchiamento sul lavoro

Partendo dalla considerazione che l’invecchiamento umano si possa considerare un processo complesso che è in relazione con vari aspetti (medici, psicologici, sociali, …), risulta necessario tenere nella dovuta considerazione l’importanza di un approccio multiplo alla gestione dell’ invecchiamento sul lavoro. Su questo aspetto, si può fare riferimento al libro “Aging E-book, il Libro d’argento su invecchiamento e lavoro”, un libro curato dal gruppo “Invecchiamento e lavoro” della Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione (CIIP).

L’invecchiamento attivo sul lavoro: l’approccio multiplo

Nel paragrafo del libro “L’approccio multiplo all’invecchiamento attivo sul lavoro nelle realtà italiane”, a cura di Rinaldo Ghersi (Coordinatore del Gruppo di Lavoro Ciip “Invecchiamento e lavoro” – medico del lavoro, ergonomo eur. erg Società italiana di Ergonomia e Fattori Umani), si segnala che già nella campagna europea del 2012 “ Invecchiamento attivo e solidarietà tra le generazioni” si indicava un orizzonte di azioni multiple, evidenziando i seguenti campi d’azione prioritari:

  1. cambiare l’atteggiamento verso l’invecchiamento;
  2. introdurre l’aggiornamento permanente;
  3. formare i dirigenti sulle problematiche dell’invecchiamento;
  4. adattare il lavoro all’età e renderlo più flessibile;
  5. adattare i servizi sanitari alle esigenze di una popolazione che invecchia su uno sfondo di leggi contro la discriminazione dell’anziano (assunzioni, licenziamenti).

L’approccio multiplo è dunque lo strumento “che meglio orienta verso la gestione di un problema complesso”. E per avvicinarsi in modo utile e concreto a questo tipo di gestione/approccio, l’Aging E-book affronta l’argomento individuando alcuni approcci prioritari di ordine generale.
Ci soffermiamo sull’approccio ergonomico, con riferimento al contributo (paragrafo 1.3.2) di Rinaldo Ghersi e Olga Menoni (Ergonoma, Terapista della riabilitazione Clinica del Lavoro L. Devoto, Milano).
Si riporta una definizione (Nuovo Zingarelli) dell’Ergonomia come “disciplina che studia le condizioni e l’ambiente di lavoro per adattarli alle esigenze psicofisiche del lavoratore”. Mentre l’International Ergonomic Associations (San Diego 2000) precisa la definizione: “disciplina scientifica che si occupa di comprendere le interazioni tra i fattori umani e gli altri elementi di un sistema; professione che applica teoria, principi, dati e metodi nella progettazione con la finalità di ottimizzare il benessere umano ed il funzionamento generale di un sistema”. Ed è la seconda definizione che sembra affermare una interpretazione dell’ergonomia che si propone molteplici obiettivi in gran parte condivisi con la Medicina del Lavoro, quali:

  1. la prevenzione di disagi, disturbi o malattie correlate al lavoro (nell’ottica della tutela della salute come definita da OMS dall’ art. 2.1. o D.lgs. 81/08);
  2. l’adattamento delle condizioni di lavoro per ‘ogni età’ secondo lo slogan della campagna europea, quindi la maggior collocabilità dell’anziano sia ‘fisiologico’ che ‘con malattia’;
  3. il mantenimento quali-quantitativo della produttività con l’invecchiamento.

Dal punto di vista degli autori questi obiettivi “possono davvero essere quelli dell’approccio ergonomico all’invecchiamento sul lavoro, pur sapendo che in diverse condizioni non sarà da solo sufficiente per risolvere i problemi, come abbiamo visto nei fondamenti dell’approccio multiplo”.

I campi di azione dell’ergonomia

Si possono fare sinteticamente alcuni distinzioni tra diversi tipi o campi di azione dell’ergonomia:

  1. ergonomia fisica: “è quella più nota e divulgata, in buona parte oggetto di leggi e norme: movimentazione manuale dei carichi, sovraccarico biomeccanico degli arti superiori ed inferiori, posture, illuminazione e fatica visiva, microclima, rumore, vibrazioni … Le fonti legali e normative (ISO, EN, UNI) in questo campo sono abbastanza note ma non totalmente diffuse ed applicate”. Vengono poi presentate diverse metodologie di valutazione, ma “nessuno dei metodi citati definisce modalità differente di valutazione rispetto all’età; per la MMC si fa cenno ad una riduzione di tolleranza ai carichi a partire in generale dei 45 anni”. E un aspetto spesso ancora sottovalutato – “soprattutto ma non solo per l’anziano” – è l’importanza di “un’alternanza tra posture in piedi, assisa e in deambulazione, oppure la dotazione di sgabelli adeguati alla persona per la postura semiassisa, sempre per gli ambienti e lavorazioni ove ciò è indicato e possibile”;
  2. ergonomia cognitiva e mentale: “l’anziano spesso compensa con l’esperienza il decremento di memoria a breve e l’aumento dei tempi di reazione. In questo ambito molto è stato fatto, ma non abbastanza. I metodi anche semplificati di progettazione centrata sull’utente, di verifica di usabilità, di analisi organizzativa e degli errori umani di infortuni avvenuti o possibili non sono ancora abbastanza diffusi”. Il contributo riporta alcune normative tecniche di riferimento: ad esempio ISO 10075 “Principi ergonomici relativi al carico di lavoro mentale”, ISO 6385 sulla progettazione dei sistemi di lavoro, ISO 9241/2010 sull’interazione uomo o donna/sistema, ISO EN 14915 su ergonomia del software;
  3. ergonomia organizzativa: organizzazione lavorativa è un tema “cruciale sia per i professionisti ergonomi che per gli operatori della prevenzione”. Tutti i metodi di valutazione del rischio “dovrebbero contenere una parte consistente di analisi organizzativa indirizzata ad identificare delle strategie preventive o di riprogettazione dell’ambiente di lavoro rivolte anche agli aspetti organizzativi. Per il settore sanitario è un tema prioritario oggi e probabilmente anche domani: orari di lavoro, turni reali, gestione, carichi, riposi e ferie, reperibilità, richiamo in servizio dalle ferie, formazione ed addestramento, ruoli, relazioni, …”. Probabilmente – continua il contributo – occorrono “più ricerche-azione nelle nostre realtà, verificando ed adeguando in modo non scolastico né burocratico alle distinte specificità metodi altrove costruiti o sperimentati, valorizzando realmente le risorse umane compreso l’anziano e facendo tesoro delle esperienze positive che pur esistono”.

Il contributo si sofferma poi su “ergonomia ed evidenze”, con riferimento al fatto che nella letteratura medica si trovano tentativi di applicare alla gestione dell’invecchiamento sul lavoro metodi di valutazione ‘evidence based’, nati in altri campi per altri scopi (Marradi et al., 2010).
Si fa particolare riferimento ad una revisione sistematica (Cloostermans et al., 2015) “sull’efficacia degli interventi individuali e sul lavoro per sfavorire l’abbandono del lavoro da parte dell’anziano”, revisione che richiama la necessità di “cominciare a costruire la ‘impiegabilità sostenibile’ non oltre i 40-45 anni, privilegiando l’approccio sul ‘lavoratore che invecchia’ più che sul ‘lavoratore vecchio’. Lo studio sottolinea l’importanza della possibilità per il lavoratore anziano di autogestire frammenti del proprio lavoro come l’alternanza tra lavoro e brevi pause e alcune modalità di lavoro”.
Ricordiamo che una ‘revisione sistematica’ si può considerare sinteticamente come uno strumento secondario di ricerca scientifica che ha l’obiettivo di riassumere dati provenienti da strumenti di ricerca primari.
Riguardo poi alle relazioni tra ergonomia ed evidence based medicine (o prevention) gli autori del contributo ritengono “pienamente condivisibile il principio di eliminare o di non adottare misure preventive di comprovata inefficacia (Ars Toscana, 2014) così come il ricercare e documentare indicatori di efficacia di interventi migliorativi, mentre siamo scettici sullo scartare o rinviare a priori misure preventive, spesso già raccomandate in norme tecniche o previste da leggi, quando la loro efficacia non è stata ancora comprovata da strumenti di valutazione di efficacia o di qualità degli studi nati in laboratorio o nella sperimentazione clinica controllata, non sempre adeguati alla prevenzione di disagi o patologie”.
Gli autori riportano ulteriori indicazioni e indicano, infine, che ciascun medico competente segue per anni “collettivi di lavoratori addetti a mansioni simili o distinte”. E questa “forma di ‘monitoraggio sia trasversale che longitudinale’, naturalmente se accurato e documentato, non dovrebbe essere sottovalutato come ‘narrazione episodica’ cara a chi si occupa di evidence based medicine”. Il monitoraggio del medico competente può “fornire indicazioni verso le misure di prevenzione utili, almeno altrettanto utili di una buona rassegna bibliografica sul tema, quando e dove esista”. L’ideale, si conclude, è dunque quello di “unire entrambe le fonti”.

Per approfondire l’argomento si rimanda alla lettura dell’E-book!

Aging E-book, il libro d’argento su invecchiamento e lavoro

Articoli correlati

Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
Inail: sicurezza e valutazione del rischio nella diagnostica per immagini
Nell’ambiente ospedaliero i rischi professionali per i vari operatori impegnati in attività sanitarie comprendono sia i rischi convenzionali legati all’ambiente lavorativo che i rischi specifici derivanti dalle specifiche attività sanitarie...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: carrelli semoventi a braccio telescopico
Sono tanti i documenti che in questi ultimi anni hanno fornito precise indicazioni per migliorare la sicurezza nell’utilizzo di molte attrezzature di lavoro e che hanno presentato buone prassi e...
Scopri di più
Interpello n. 4/2018 – Salute e sicurezza nell’alternanza scuola-lavoro e nei tirocini formativi
Con l’interpello n. 4/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce il proprio parere in merito all’applicazione della normativa sulla sicurezza sul lavoro, nel caso di...
Scopri di più
La vigilanza sul fatto che il preposto vigili
Come noto, la vigilanza spetta al preposto come “compito non esclusivo ma sussidiario, spettando anzitutto al datore di lavoro e ai dirigenti” (Cass. Pen. 23 luglio 1997 n.7245). La legge...
Scopri di più
PLE col gancio prossimo step
Lo spettacolo continua: a poca distanza dall’entrata in vigore dell’aggiornamento A1: 2015 avremo presto disponibile l’anteprima di quest’ennesima revisione, arricchita con nuovi e importanti contenuti. Una novità fra le più...
Scopri di più
Forniture a prova di privacy
Forniture in linea con la privacy. I prodotti/servizi forniti a imprese e P.A. devono essere progettati e configurati in base ai principi della privacy fin dalla progettazione (“by design”) e...
Scopri di più
Interpello n. 3/2018: Pubblica sicurezza – Valutazione dei rischi e luogo di lavoro
Con l’interpello n. 3/2018, la Commissione salute e sicurezza del Ministero del Lavoro fornisce alcuni chiarimenti in merito agli adempimenti discendenti dal D.Lgs. 81/2008 per gli agenti di pubblica sicurezza....
Scopri di più
Il mantenimento delle condizioni di sicurezza delle PLE
L’utilizzo delle piattaforme mobili elevabili per l’esecuzione di lavori in quota in tutti gli ambiti lavorativi, unitamente alla disponibilità sul mercato per l’acquisto e il noleggio di varie tipologie e...
Scopri di più
Le “autorizzazioni generali” al vaglio del Garante privacy
Sulla tavola della protezione dei dati personali sono state molte le primizie da assaporare negli ultimi tempi: gli strumenti della riforma Ue, comprensiva del regolamento generale e della direttiva per...
Scopri di più
In Gazzetta il riordino delle regole sulla privacy
Il decreto che coordina la vecchia normativa nazionale sulla protezione dei dati personali con il nuovo regolamento sulla privacy entrerà in vigore il prossimo 19 settembre. È l’effetto della pubblicazione...
Scopri di più
Privacy, valutazione fai-da-te
Una valutazione di impatto privacy per tutto. Serve per giustificare l’allungamento del periodo di conservazione dei dati per il marketing e la profilazione della clientela, per la videosorveglianza, per l’istallazione...
Scopri di più
L’evoluzione dei dispositivi di sicurezza nelle PLE
Sono trascorsi ormai 17 anni dalla prima pubblicazione della EN280 (2001) che, con la versione del 2013 e successivamente con la 2015, ha modificato molti aspetti legati alla sicurezza, introducendo...
Scopri di più
I suggerimenti dell’Inail per una alimentazione corretta sui luoghi di lavoro
Le malattie croniche non trasmissibili uccidono nel mondo circa 40 milioni di persone ogni anno (pari al 70% dei decessi), l’86% dei decessi in Europa; sono patologie che di frequente...
Scopri di più
Privacy, bella e impossibile
Se è vero che la gestione dei dati è il petrolio del prossimo futuro, la sua tutela dovrebbe essere una priorità per i legislatori. Invece fa acqua da tutte le...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X