Lavoro in serra: scenari e valutazione del rischio di esposizione

Sono definibili come pesticidi due diverse categorie di prodotti che sono utilizzati in campo agricolo e non. Dal punto di vista della regolamentazione comunitaria “le due categorie si distinguono in prodotti fitosanitari (reg. CE 1107/2009) e prodotti biocidi (reg. UE 528/2012). Tecnicamente i prodotti fitosanitari (PF) e i prodotti biocidi (PB) possono anche contenere lo stesso principio attivo, ma i primi sono sempre e solo pesticidi utilizzati in agricoltura o in campo florovivaistico, mentre ai biocidi appartengono anche i prodotti disinfettanti, preservanti e antincrostazione”. E se per il settore agricolo il termine di pesticida viene utilizzato nella accezione di PF, nella accezione comune i PF “sono chiamati anche agrofarmaci o fitofarmaci e talvolta sono definiti anche antiparassitari o anticrittogamici, sebbene i primi siano in prevalenza insetticidi (contro i parassiti di piante e animali) e i secondi fungicidi”. A fornire queste informazioni sui pesticidi, evitando confusioni tra termini diversi, e ad affrontare il delicato tema dell’esposizione dei pesticidi in serra, è un intervento al convegno “ La ricerca prevenzionale per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori agricoli nelle serre” che si è svolto a Lamezia Terme il 4 luglio 2016. Un convegno i cui atti sono stati raccolti in un documento pubblicato dall’ Inail, Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale.

L’intervento “Scenari di esposizione a pesticidi in serra” si sofferma inizialmente sulla valutazione della esposizione a pesticidi in agricoltura e ricorda che molti pesticidi “sono persistenti, possono restare inalterati per periodi prolungati, e possono essere accessibili al corpo umano; gli effetti sulla salute dipendono dal tipo di molecola utilizzata come sostanza attiva (SA): composti con strutture chimiche simili hanno caratteristiche simili e generalmente un analogo meccanismo di azione”. In particolare, i lavoratori agricoli sono “esposti ai pesticidi attraverso due principali vie di esposizione”:

  1. l’assorbimento cutaneo: “può verificarsi a causa degli spruzzi, della fuoriuscita o della deriva durante la miscelazione, il carico o l’applicazione di un pesticida oppure per contatto con i residui sulle attrezzature per l’applicazione o sulle superfici trattate e sugli indumenti”;
  2. l’esposizione inalatoria: “può causare gravi danni al naso e alla gola: le sostanze possono raggiungere le zone di scambio negli alveoli polmonari e diversi organi”.

La relazione segnala poi che la serra è un “apprestamento protettivo utilizzato in agricoltura per la forzatura o la semi-forzatura delle colture”. In Italia, secondo l’Istat, “circa 31.000 ettari (ha) di apprestamenti protettivi sono dedicati alla coltivazione di ortaggi e piccoli frutti (ad esempio, la fragola), con una produzione totale di 1.423.349 tonnellate nell’anno 2010; anche il settore florovivaistico, su una superficie di 16.405 ha, si estende, per circa un terzo, in ambiente protetto”.

Il problema è che la serra è un “ambiente chiuso o semichiuso all’interno del quale la concentrazione aerodispersa e/o depositata di prodotti fitosanitari può risultare aumentata rispetto a quella corrispondente in campo aperto per effetto di una ridotta capacità di diluizione, con conseguente incremento del rischio di esposizione dei lavoratori”.

Rimandando alla lettura integrale della relazione riguardo ai dettagli dello studio svolto, riportiamo alcuni risultati e utili spunti di riflessione per la valutazione della esposizione in serra.

Si indica che una prima analisi degli scenari “ha consentito di identificare una differente potenzialità di esposizione inalatoria in funzione del tipo di copertura delle serre e della modalità di applicazione dei prodotti, indicando nelle serre tipo tunnel ombraio e nella applicazione dei prodotti fitosanitari per mezzo di atomizzatore una condizione più favorevole al contenimento del rischio chimico: il trattamento con lancia manuale sembra comportare condizioni di esposizione sfavorevoli rispetto all’atomizzatore anche quando questo venga effettuato in campo aperto. I dati in ogni caso confermano l’incremento della potenziale esposizione inalatoria all’interno degli apprestamenti protettivi rispetto al campo aperto”.

I risultati preliminari di questo studio indicano, inoltre, che “per colmare le incertezze ancora presenti nelle stime di esposizione a prodotti fitosanitari in serra è auspicabile completare le misure di esposizione ad agenti chimici con misure di esposizione dermica e misure di dose interna attraverso il monitoraggio biologico, sempre caratterizzando lo scenario attraverso studi sperimentali a carattere multidisciplinare”. Lo studio ha, infatti, permesso di ottenere informazioni “in merito alla possibilità che i diversi agenti di rischio, quali quelli chimici e fisici, possano operare in sinergia configurando scenari di esposizione complessi che meritano una valutazione del rischio di esposizione integrata all’interno delle serre”.

Infine, dal punto di vista degli ambienti termici, “i valori medi di temperatura e umidità relativa mostrano che in serra possono verificarsi condizioni termiche severe. Alcune di queste condizioni, inoltre, possono indurre per alcune mansioni un tasso metabolico moderato, che potenzialmente comporta un maggior rischio di esposizione inalatoria, soprattutto quando non vengano utilizzati correttamente i dispositivi di protezione individuale”.

E’ lo stesso “gradiente termico che si realizza all’interno delle serre tra le varie ore del giorno e tra l’interno e l’esterno”, può “compromettere l’integrità della barriera cutanea che, unitamente alla secrezione delle ghiandole sudoripare eccrine, può favorire la persistenza dei fitofarmaci sulla cute, ancora presenti nell’ambiente della serra dopo il trattamento, aumentando il rateo di assorbimento cutaneo e provocando anche dei quadri di dermatite cronica delle mani”.

Per approfondire l’argomento si rimanda alla lettura integrale degli atti !

Atti ricerca e prevenzione in Serra

Articoli correlati

La guida alla sicurezza delle macchine da perforazione
Le attività di perforazione propriamente dette e quelle classificabili come attività di fondazione o consolidamento del terreno possono essere realizzate con macchine specificatamente destinate a tal fine (drill rig) oppure...
Scopri di più
Inail: la sicurezza nei lavori sulle coperture e gli ancoraggi
Se la maggior parte degli infortuni gravi e mortali da cadute dall’alto, nei lavori in quota in edilizia, avviene durante le attività su coperture, è bene fornire periodicamente informazioni sulle...
Scopri di più
Coltivazione olive e rischi per la sicurezza: nuovo volume INAIL
INAIL rende disponibile online il volume : "Oleare la sicurezza - I rischi per i lavoratori nella coltivazione dell'olivo e la produzione delle olive" risultato di un progetto che mira a informare...
Scopri di più
Piano Sostitutivo di Sicurezza: esiste ancora?
L’obbligo di redazione del Piano di Sicurezza Sostitutivo (PSS) fu introdotto dall’art. 31 comma 1bis della Legge 18 novembre 1998 n° 415 e cioè dal provvedimento che apportava modifiche alla Legge...
Scopri di più
Sostanze pericolose: schede informative sulla normativa e la sostituzione
Nel contesto dell'importante campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2018-2019, l'EU-OSHA ha reso disponibili sul proprio sito due nuove schede informative relative al Quadro legislativo sulle sostanze pericolose negli...
Scopri di più
La sicurezza negli scavi: protezioni blindate e palancole metalliche
Come abbiamo visto in questi anni sono diversi i sistemi di protezione che possono proteggere i lavoratori che lavorano all’interno dello scavo dal rischio di seppellimento. Dopo aver parlato delle...
Scopri di più
Rifiuti, tracciabilità al restyling
Definizione di regole e vigilanza su loro osservanza direttamente in capo al ministero dell’ambiente, assistenza alle imprese e gestione della parte informatica affidate invece ad un suo braccio operativo, che...
Scopri di più
Zoonosi occupazionale: normativa, sorveglianza e prevenzione
A soffermarsi sull’aumento delle zoonosi, con particolare ma non esclusivo riferimento alle malattie trasmesse da zecche, è un documento realizzato dal Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale...
Scopri di più
Sicurezza delle macchine: i dispositivi di comando
Perché le macchine siano sicure per gli operatori è importante, oltre all’eventuale presenza di ripari, di dispositivi di sicurezza e al rispetto di idonee distanze, che i vari sistemi di...
Scopri di più
Lavori in copertura: la scelta e l’utilizzo delle reti di sicurezza
Le reti di sicurezza sono dispositivi di protezione collettiva (DPC) che, benché non siano frequentemente utilizzati in Italia, sono destinati alla protezione di persone e/o cose contro le cadute dall’alto....
Scopri di più
La nuova guida al codice di prevenzione incendi
L’Inail ha pubblicato sul sito il nuovo codice prevenzione incendi 2018 dal titolo: “La progettazione antincendio Applicazioni pratiche nell’ambito del d.m. 3 agosto 2015 e s.m.i.”. La guida è il...
Scopri di più
L’uso sicuro delle PLE per le demolizioni
Sono tanti gli infortuni correlati all’utilizzo delle piattaforme di lavoro elevabili (PLE), e sono molti anche gli infortuni che avvengono nelle attività di demolizione in ambito edile con l’utilizzo di...
Scopri di più
L’evoluzione della normativa tecnica e della sicurezza nelle autogrù
Ai sensi del D.lgs 81/2008 e s.m.i., le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII devono essere sottoposte a verifiche periodiche al fine di verificare lo stato di conservazione e di...
Scopri di più
Ministero della Salute: linee guida sulle disfunzioni posturali
Proprio perché ad oggi mancano dati certi sulla diffusione dei disturbi posturali e percorsi codificati per la presa in carico di queste disfunzioni, il Ministero della Salute ha promosso l’elaborazione...
Scopri di più
Adeguamento motocoltivatori motozappatrici requisiti sicurezza
In relazione alle numerose segnalazioni in merito al fenomeno infortunistico nei settori agricolo e forestale il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha rilasciato la Circolare n. 41 del...
Scopri di più
Rischio scavi e sicurezza: le armature in terreni coesivi o granulari
Le attività di scavo, e la realizzazione delle relative opere di sostegno, che “sono spesso considerate minori nel complesso dell’opera edilizia”, sono purtroppo “caratterizzate da un’elevata incidenza di eventi infortunistici”,...
Scopri di più
Registro dei trattamenti obbligatorio negli studi
Nessuno si senta escluso. Anche quando non esiste un obbligo stretto, è comunque preferibile predisporre il registro delle attività di trattamento, l’adempimento previsto dall’articolo 30 del regolamento europeo sulla privacy....
Scopri di più
Il Gps aziendale deve essere disinseribile
Il cosiddetto Gdpr, il Regolamento Ue 679/2016 in materia di privacy, ha trovato una sua prima applicazione in materia di Gps installati sui veicoli aziendali. A dare lo spunto per...
Scopri di più
Scatole nere con dubbi su privacy, precisione dei dati e affidabilità
Con la legge concorrenza la scatola nera diventa piena prova sulla dinamica dell’incidente. Ma la sua precisione e la sua affidabilità suscitano dubbi, come emerge da varie osservazioni inviate ai...
Scopri di più
Protezione dati, PMI in attesa. Il cantiere è ancora aperto
Piccole e medie imprese in attesa della semplificazione degli adempimenti previsti dal regolamento Ue n. 2016/679, operativo dal 25 maggio 2018, sulla protezione dei dati personali. Lo scivolo “privacy” è...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X