Sui modelli organizzativi “231” controllo del giudice limitato

Con il D.Lgs 231/01 gli enti collettivi sono chiamati ad assumersi direttamente il compito della prevenzione degli illeciti attraverso un’adeguata organizzazione interna. Uno dei ritratti caratterizzanti la normativa, infatti, è costituito dalla previsione di un sistema di compliance imperniato sull’adozione sull’efficace attuazione di modelli organizzativi (Mog) idonei a prevenire i reati, che consente all’ente di: andare esente da responsabilità (articoli 6 e 7 del D.Lgs 231/01), se adotta e attua i modelli prima che il reato venga commesso al suo interno; beneficiare di uno sconto sulla sanzione pecuniaria (articolo 12), dell’inapplicabilità delle sanzioni interdittive (articoli 13 e 17) e della sospensione delle misure cautelari (articolo 49), se adotta e attua i modelli a reato già verificatosi. Nella difficoltà di predeterminare analiticamente il contenuto dei Mog, anche in ragione della forte eterogeneità degli enti destinatari, il decreto si è tuttavia limitato a delineare i tratti essenziali senza esplicitare le prescrizioni di dettaglio o le relative fonti, sicché il sistema è stato sovente tacciato di eccessiva indeterminatezza e di lasciare margini troppo ampi al sindacato dell’autorità giudiziaria. Il rischio – spesso evocato, e talora nella prassi inveratosi – è che il giudice censuri la mancata adozione di cautele non preventivamente identificabili per l’ente, in quanto consolidatesi nella pratica solo in epoca successiva all’illecito o, addirittura, enucleati dallo stesso giudice “a posteriori”, in sede processuale.
Malgrado dette criticità, durante il primo decennio trascorso dall’entrata in vigore del decreto i vari attori coinvolti nell’applicazione della disciplina non hanno mai avviato un reale dibattito sull’argomento e, di conseguenza, il tema del giudizio di idoneità dei modelli organizzativi, benché fondamentale, è rimasto essenzialmente ai margini del confronto dottrinale e della sperimentazione giurisprudenziale.
Più di recente, la Suprema corte è nondimeno intervenuta affermando importanti principi utili a orientare, nel silenzio del decreto 231, il sindacato giudiziale sui modelli, correlativamente, gli enti nelle loro scelte di compliance.
Nella sentenza sul caso Impregilo (4677/14), la Cassazione ha negato che il giudice possa impiegare come parametro di valutazione personali convincimenti od opinioni soggettive in quanto il decreto, lungi dal configurare una disciplina indeterminata, delinea negli articoli 6 e 7 un contenuto essenziale dei Mog e ciascun ente può mutuare le prescrizioni organizzative di dettaglio dalle linee direttrici generali dell’ordinamento (di rango costituzionale in primis), dai principi della logica e dalla consolidata esperienza (ossia, in particolare, dalla disciplina di settore, dalle linee guida emanate dalle associazioni di categoria, dagli atti di autoregolamentazione e dalle best practices diffuse a livello nazionale o internazionale). In questa prospettiva, le regole cautelari che il giudice è chiamato a valutare in sede di verifica dei Mog devono essere preesistenti al giudizio e individuabili ex ante, siccome la normativa non introduce un obbligo generico verso l’adozione di ogni cautela possibile e innominata, diretta a evitare la commissione di uno qualsiasi dei reati-presupposto: pertanto, i modelli organizzativi idonei sono quelli forgiati dalle migliori conoscenze, consolidate e condivise nel momento storico in cui è commesso l’illecito e calate nella specifica realtà organizzativa di ciascun ente, sulla base dei metodi di neutralizzazione o minimizzazione del rischio tipico. Detta impostazione è stata confermata dalle Sezioni Unite della Cassazione nella pronuncia sulla vicenda Thyssenkrupp (sentenza 38343/14), che, nel disattendere la censura di incostituzionalità per indeterminatezza dell’articolo 6 del decreto legislativo 231, ha allontanato il rischio che il giudice possa costruire retrospettivamente una regola cautelare non riconoscibile come tale al momento del fatto, giacché il sindacato richiesto dal decreto 231 sui modelli organizzativi deve intendersi quale giudizio strettamente normativo teso a confrontare le cautele adottate con quelle preesistenti e prevedibili nel caso concreto. Lo stesso criterio viene ritenuto applicabile per i Mog adottati dall’ente in seguito alla commissione del reato, con la sola peculiarità che essi, in aggiunta, devono ovviamente rimuovere le carenze dell’apparato organizzativo già emerso in passato.
Non resta dunque che attendere le prossime pronunce della giurisprudenza per testare sul campo la portata applicativa dei principi espressi.

 

Articolo tratto da Il Sole 24Ore

Articoli correlati

Scavi a cielo aperto: le novità nella guida Inail 2018
Il termine “scavo” in edilizia indica qualunque asportazione di rocce e/o terra dall’originaria collocazione, necessaria alla creazione di splateamenti, cavità, di forme e dimensioni opportune, necessari per la realizzazione di...
Scopri di più
Inail: salute e sicurezza del personale hotel a bordo delle navi
La tutela della salute e sicurezza della cosiddetta ‘gente di mare’ passa anche attraverso una costante e capillare opera di divulgazione della cultura della prevenzione, finalizzata a rendere sempre più...
Scopri di più
La nuova guida Inail sui sistemi di protezione individuale contro il rischio di caduta dall’alto
Continuiamo a parlare di dispositivi di protezione, opere provvisionali e attrezzature utilizzate dai lavoratori nei cantieri edili attraverso la collana dell’Inail “Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili” In...
Scopri di più
Ecco la guida NIST per la protezione dei dati personali
Il regolamento generale sulla protezione dei dati, recepito alla fine di agosto 2018, ha destato in molti titolari e responsabili del trattamento una elevata sensibilità alla protezione dei dati. Per...
Scopri di più
Il rischio biologico nel settore agro-zootecnico e forestale
Il settore agro-zootecnico continua a costituire in Italia una importante parte della realtà produttiva. In particolare “i dati dell’ultimo censimento dell’agricoltura indicano che nel 2010 in Italia esistevano poco più...
Scopri di più
Inail: utilizzo e classificazione dei trabattelli nei cantieri
Le linee guida di riferimento definiscono i trabattelli come “torri mobili costituite da elementi prefabbricati che presentano uno o più impalcati di lavoro e appoggiano a terra permanentemente su ruote”....
Scopri di più
Sicurezza negli scavi: l’uso di tecniche alternative di scavo
La prevenzione degli infortuni nel mondo del lavoro non è data solo dal rispetto della normativa in materia di sicurezza e dall’applicazione delle protezioni necessarie in presenza di rischi lavorativi,...
Scopri di più
La sicurezza nella sanificazione negli impianti di climatizzazione
Chiariamo subito che per sanificazione, si intende un’attività che ha l’obiettivo di rendere “sano” un oggetto o una superficie; nel caso degli impianti di climatizzazione la sanificazione prevede: la pulizia,...
Scopri di più
Come valutare il rischio microclima nei luoghi di lavoro
Il microclima è il complesso dei parametri climatici dell’ambiente nel quale un individuo vive o lavora. E l’interazione dell’individuo, del lavoratore, con l’ambiente termico che lo circonda “può dar luogo...
Scopri di più
Lavori su coperture e sicurezza: i requisiti dei sistemi di ancoraggio
I sistemi di ancoraggio nelle attività in copertura, usati congiuntamente ai sistemi di arresto caduta, devono impedire che i lavoratori cadano o, comunque, vadano ad impattare contro ostacoli o toccare...
Scopri di più
Riferimenti normativi e tipologie di scale portatili
Se negli ambienti di lavoro le cadute dall'alto rappresentano una delle cause più frequenti di infortuni gravi e mortali, molti di questi infortuni avvengono ancora per cadute da scale portatili,...
Scopri di più
La valutazione dei rischi nelle PLE
Come sappiamo sono molti gli elementi di cui tener conto per poter utilizzare in sicurezza una piattaforma di lavoro mobile elevabile (PLE). E sono molte le possibili cause di infortunio,...
Scopri di più
Privacy, i cittadini all’attacco
Poco più di 95 mila reclami da parte dei cittadini europei. È questo il primo bilancio reso noto dalla Commissione Ue a otto mesi dall’entrata in vigore, il 25 maggio...
Scopri di più
Sostanze chimiche, stretta Ue
Divieto di produzione, vendita e utilizzo di decine di sostanze pericolose e riformulazione dei criteri di classificazione, etichettatura e imballaggio di quelle, invece, ancora ammesse. Diversi sono gli obblighi previsti...
Scopri di più
Contro il rumore vale il diritto alla salute
L'articolo 1, comma 746 della legge 145/2018 ha introdotto il comma 1 bis all'articolo 6 ter della legge 13/2009, disponendo che «Ai fini dell'attuazione del comma 1, si applicano i...
Scopri di più
Non c’è privacy sui giudizi dell’azienda
Un dipendente può chiedere all’azienda l’accesso ai propri dati personali, anche quelli che non hanno carattere oggettivo: informazioni relative a “giudizi, opinioni o ad altri apprezzamenti di tipo soggettivo” contenute...
Scopri di più
Casa-lavoro con lo scudo Inail
Tutela Inail a 360 gradi contro gli infortuni sul lavoro. Comincia da casa, prosegue nel tragitto che conduce al lavoro, poi in fabbrica o ufficio, infine nel percorso di rientro...
Scopri di più
Scaffalature portanti dei magazzini 4.0 con accesso al bonus
Per i magazzini automatizzati interconnessi iperammortamento anche sul costo della scaffalatura metallica portante. Lo stabilisce, con disposizione che supera le difformi conclusioni della risoluzione 62/E/2018, l’articolo 3-quater, comma 4 del...
Scopri di più
Buste paga, privacy doc
Consulenti del lavoro da nominare responsabili esterni del trattamento dei dati personali quando trattano i dati dei dipendenti dei propri clienti. Il Garante della privacy, con una nota diretta al...
Scopri di più
Il committente è responsabile solidale per le retribuzioni non pagate
Responsabilità solidale stretta per il committente nei confronti dei lavoratori dei dipendenti dell’appaltatore. Con la sentenza 444/2019, la Suprema corte si è pronunciata sul regime della responsabilità solidale tra appaltatore...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X