Morti da amianto, tutti assolti in Corte d’appello

Per la Corte d’appello di Torino, “il fatto non sussiste”. E così le condanne in primo grado inflitte alla prima linea dell’Olivetti dalla fine degli anni ottanta al 2000 per le morti da contaminazione da amianto cadono. Sono stati tutti assolti dal reato di omicidio colposo e lesioni i tredici imputati condannati, in primo grado, per i casi di malattia e morte di una decina di ex addetti dell’azienda di Ivrea. Tra loro i fratelli Carlo e Franco De Benedetti, ai quali furono inflitti 5 anni e 2 mesi nel processo di primo grado, e l’ex ministro Corrado Passera, condannato a 1 anno e 11 mesi nel 2016.

Al centro dell’inchiesta, avviata tra il 2012 e il 2013, le storie di lavoratori esposti all’amianto in particolari fasi di lavorazione – ad esempio l’utilizzo di talco contenente amianto nella fabbricazione di macchinari e computer ipotizzato dagli inquirenti – o interessati da contaminazione ambientale per l’amianto presente negli edifici, in particolare mense e uffici. Il processo di primo grado, iniziato a gennaio del 2016, si era concluso con le condanne degli ex amministratori delegati e dei top manager di Olivetti, responsabili secondo la ricostruzione della Procura di Ivrea, poi confermata dalla sentenza dei giudici, di non aver fatto abbastanza per tutelare la salute dei lavoratori esposti alla contaminazione. La sentenza di appello del 18 aprile 2018 fa cadere accuse e condanne inflitte in primo grado. E riavvolge il nastro delle responsabilità dei dirigenti in tema di sicurezza del lavoro e misure a tutela degli addetti.

“Finché non saranno depositate le motivazioni non sapremo il perché di questa sentenza” dice il procuratore generale Carlo Maria Pellicano, uno dei magistrati che ha sostenuto la pubblica accusa nella decisione della Corte di Appello. “Se emergeranno dei profili per l’impugnazione – ha aggiunto – la impugneremo. E daremo battaglia”.
“Stupita e amareggiata” dalla decisione dei giudici si dichiara la Fiom di Torino che si era costituita parte civile al processo. “Un colpo di spugna così non ce lo aspettavamo” dice Federico Bellono segretario dei metalmeccanici della CGIL di Torino. “Le sentenze si rispettano ma si possono non condividere: leggeremo le motivazioni – aggiunge – questa tragica vicenda non può chiudersi in questo modo, altri procedimenti sono ai nastri di partenza e in ogni caso le famiglie delle vittime non meritano una tale scandalosa impunità”.

Il problema a questo punto è capire quale ragionamento ha portato i giudici alla decisione del 18 aprile scorso, bisognerà aspettare di leggere le motivazioni della sentenza che sarà depositata entro 60 giorni. La giurisprudenza in merito alle cause legate a patologie e morti da esposizione all’amianto non è in questa fase unanime. Nella decisione dei giudici potrebbe aver giocato un ruolo il fatto che pare non esserci un unanime orientamento scientifico sul peso e il ruolo delle esposizioni di amianto nel tempo, un aspetto difficile da concordare con le eventuali responsabilità dei più alti dirigenti della Olivetti nei diversi periodi.

Articolo tratto da Il Sole 24 Ore

Articoli correlati

Protezione dei dati, barra a dritta
Il nuovo regolamento Ue sulla protezione dei dati (Gdpr) entra in vigore venerdì prossimo, 25 maggio. E non ci sono possibilità di proroghe. Lo dice Giovanni Buttarelli, il Garante europeo...
Scopri di più
Raccolta differenziata, i sacchi trasparenti violano la privacy
L’estensione sul territorio nazionale del servizio di raccolta dei rifiuti “porta a porta” sta facendo aumentare la percentuale di raccolta differenziata con conseguente diminuzione dei rifiuti che finiscono in discarica,...
Scopri di più
Contro i rumori molesti basta la denuncia del singolo
Non serve che a denunciare il reato di «disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone» (articolo 659 del Codice penale) sia una pluralità di persone: ne basta anche una...
Scopri di più
Gradualità nelle sanzioni privacy
Confindustria, Abi, Ania, Assonime e Confcommercio inviano due lettere a governo e garante in vista della scadenza del 25 maggio. Troppe incertezze mettono a rischio la compliance. Serve lo sblocco...
Scopri di più
Il decreto inviato a Camere e Authorithy
Il decreto legislativo che deve coordinare la privacy europea con quella nazionale può iniziare il proprio iter. Lo scorso 10 maggio Palazzo Chigi l’ha inviato al Parlamento e al Garante,...
Scopri di più
Sicurezza nei lavori, serve il responsabile
La corte di cassazione si è attivata per delineare la posizione di garanzia del committente privato, categoria in cui si inserisce il condominio, enucleando lo “statuto della committenza non qualificata”...
Scopri di più
Lavoro “sicuro”, premi alle imprese
Parola d’ordine, welfare declinato sulla salute e sicurezza dei lavoratori. Arriva dall’ Inail il nuovo bando destinato alle imprese “virtuose” che potranno accedere ai 250 milioni messi in palio per...
Scopri di più
Privacy, ecco il nuovo decreto
Punita l’acquisizione fraudolenta e la diffusione di ingenti dati personali; a 16 anni il consenso dei minori per la rete; la sanità perde l’obbligo del consenso e oblazione in vista...
Scopri di più
Le linee guida dei Garanti europei forniscono informazioni sulla Dpia
La valutazione di impatto privacy obbligatoria tutte le volte in cui il trattamento dei dati comporta rischi elevati per i diritti e le libertà delle persone. L’articolo 35 del regolamento...
Scopri di più
Privacy, rischi da valutare subito
Sono tenuti a redigere la “valutazione di impatto privacy” (la sigla inglese è Dpia: data privacy impact assessment) i datori di lavoro che: sono in possesso di dati sensibili di...
Scopri di più
Spiare l’e-mail è controllo a distanza
Con il provvedimento 53/2018 il Garante della privacy pone un freno alla prassi di molti datori di lavoro di conservare in modo massivo le e-mail scambiate dai dipendenti attraverso gli...
Scopri di più
Telecamere in azienda: visione “in diretta” solo in casi eccezionali
Installazione di impianti audiovisivi facilitata, anche se le aziende devono fare i conti con la vecchia modulistica. La circolare 5/2018 dell’ispettorato nazionale del lavoro (Inl) segna un’apertura rispetto al passato,...
Scopri di più
Licenziato chi abbandona il posto
La Cassazione, con la sentenza 9121/18 dello scorso 12 aprile, si pronuncia sul concetto di “abbandono del posto di lavoro”. Il fatto è semplice: un vigilantes, addetto al piantonamento fisso...
Scopri di più
Informativa chiara al lavoratore sui dati raccolti
L’entrata in vigore, il 25 maggio, del nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (2016/679) avrà un impatto anche sugli adempimenti informativi delle aziende per il controllo a distanza...
Scopri di più
“Consigliato” il responsabile dati
La nomina di un DPO (Data Protection Officer, in italiano RPD, Responsabile per la Protezione dei Dati), che secondo il regolamento europeo non è obbligatoria per tutti, è “raccomandata” dal...
Scopri di più
Sicurezza, prevale l’attività svolta
L’individuazione dei soggetti destinatari degli obblighi sanciti dalle norme di prevenzione contro gli infortuni e sull’igiene del lavoro deve tener conto delle funzioni esercitate in concreto, le quali, pertanto, prevalgono...
Scopri di più
Con la ripresa ritorna l’infortunio
A dieci anni dall’approvazione del Testo unico di salute e sicurezza sul lavoro (risultato della combinazione delle disposizioni dei decreti legislativi n. 81/2008 e n. 106/2009), che continua ad essere...
Scopri di più
Morti da amianto, tutti assolti in Corte d’appello
Per la Corte d’appello di Torino, “il fatto non sussiste”. E così le condanne in primo grado inflitte alla prima linea dell’Olivetti dalla fine degli anni ottanta al 2000 per...
Scopri di più
Gestione dei rifiuti targata UE
Rettifica dell’elenco europeo dei rifiuti, attraverso la modifica di oltre 30 codici, e indicazioni per effettuare la classificazione dei residui, con un’attenzione rivolta a quelli potenzialmente pericolosi. Arrivano entrambi nei...
Scopri di più
Antincendio in base all’altezza
Misure antincendio proporzionali all’altezza dei condomini. Negli edifici fino a 24 m di altezza antincendio, i responsabili dell’attività antincendio devono identificare le misure standard e informare gli occupanti sui comportamenti...
Scopri di più
{"slides_column":"3","slides_scroll":"1","dots":"false","arrows":"true","autoplay":"true","autoplay_interval":"2500","speed":"1200","rtl":"false","loop":"true","design":"design-22"}
Powered by WishList Member - Membership Software
X