Morti da amianto, tutti assolti in Corte d’appello

Per la Corte d’appello di Torino, “il fatto non sussiste”. E così le condanne in primo grado inflitte alla prima linea dell’Olivetti dalla fine degli anni ottanta al 2000 per le morti da contaminazione da amianto cadono. Sono stati tutti assolti dal reato di omicidio colposo e lesioni i tredici imputati condannati, in primo grado, per i casi di malattia e morte di una decina di ex addetti dell’azienda di Ivrea. Tra loro i fratelli Carlo e Franco De Benedetti, ai quali furono inflitti 5 anni e 2 mesi nel processo di primo grado, e l’ex ministro Corrado Passera, condannato a 1 anno e 11 mesi nel 2016.

Al centro dell’inchiesta, avviata tra il 2012 e il 2013, le storie di lavoratori esposti all’amianto in particolari fasi di lavorazione – ad esempio l’utilizzo di talco contenente amianto nella fabbricazione di macchinari e computer ipotizzato dagli inquirenti – o interessati da contaminazione ambientale per l’amianto presente negli edifici, in particolare mense e uffici. Il processo di primo grado, iniziato a gennaio del 2016, si era concluso con le condanne degli ex amministratori delegati e dei top manager di Olivetti, responsabili secondo la ricostruzione della Procura di Ivrea, poi confermata dalla sentenza dei giudici, di non aver fatto abbastanza per tutelare la salute dei lavoratori esposti alla contaminazione. La sentenza di appello del 18 aprile 2018 fa cadere accuse e condanne inflitte in primo grado. E riavvolge il nastro delle responsabilità dei dirigenti in tema di sicurezza del lavoro e misure a tutela degli addetti.

“Finché non saranno depositate le motivazioni non sapremo il perché di questa sentenza” dice il procuratore generale Carlo Maria Pellicano, uno dei magistrati che ha sostenuto la pubblica accusa nella decisione della Corte di Appello. “Se emergeranno dei profili per l’impugnazione – ha aggiunto – la impugneremo. E daremo battaglia”.
“Stupita e amareggiata” dalla decisione dei giudici si dichiara la Fiom di Torino che si era costituita parte civile al processo. “Un colpo di spugna così non ce lo aspettavamo” dice Federico Bellono segretario dei metalmeccanici della CGIL di Torino. “Le sentenze si rispettano ma si possono non condividere: leggeremo le motivazioni – aggiunge – questa tragica vicenda non può chiudersi in questo modo, altri procedimenti sono ai nastri di partenza e in ogni caso le famiglie delle vittime non meritano una tale scandalosa impunità”.

Il problema a questo punto è capire quale ragionamento ha portato i giudici alla decisione del 18 aprile scorso, bisognerà aspettare di leggere le motivazioni della sentenza che sarà depositata entro 60 giorni. La giurisprudenza in merito alle cause legate a patologie e morti da esposizione all’amianto non è in questa fase unanime. Nella decisione dei giudici potrebbe aver giocato un ruolo il fatto che pare non esserci un unanime orientamento scientifico sul peso e il ruolo delle esposizioni di amianto nel tempo, un aspetto difficile da concordare con le eventuali responsabilità dei più alti dirigenti della Olivetti nei diversi periodi.

Articolo tratto da Il Sole 24 Ore

Articoli correlati

Va riassunto il dipendente scagionato dalle accuse
Il pubblico dipendente che rassegni le dimissioni all’indomani di un procedimento penale può ottenere il ripristino del rapporto di lavoro in base alla legge 350/2003 (articolo 3, comma 57), qualora...
Scopri di più
Assicurazione Inail per la depressione derivante da mobbing sul lavoro
La sindrome depressiva causata dalla condotta vessatoria subita dal lavoratore deve essere indennizzata dall’Inail quale malattia professionale, anche se non è compresa nelle tabelle del decreto del presidente della Repubblica...
Scopri di più
Esigenze da bilanciare nel whistleblowing
Le norme sul whistleblowing (legge 179/2017) segnano senz’altro un passo avanti verso l’affermazione di una cultura imprenditoriale che mette al centro la business integrity e la trasparenza. Al tempo stesso,...
Scopri di più
Rumore dal bar, condannato anche chi delega la gestione
D’estate si incrementa la guerra tra i condomini e i locali pubblici che producono rumore fino a notte fonda: complice il caldo, l’esasperazione aumenta e conseguentemente i casi finiscono davanti...
Scopri di più
Amministratore responsabile anche per il rischio-acqua
Dalla saracinesca di consegna dell’acqua dell’acquedotto l’acqua potabile raggiunge i rubinetti degli appartamenti condominiali attraverso le tubature (che sono parti comuni, come recita l’articolo 1117 del Codice civile) e che...
Scopri di più
Quando lavorare è uno stress
Più di 700 casi di malattie riconducibili a fenomeni di burnout in Italia nel giro di quattro anni. È questo il quadro che emerge a partire dall’elaborazione dei dati Inail...
Scopri di più
Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
Rumore, la vecchia sorgente va adeguata
Capita spesso che un’attività produttiva, in sé rumorosa, sia localizzata in un’area disabitata. Poi, dopo molto tempo, l’area circostante viene edificata a residenza. Naturalmente il rumore dà fastidio. Ma quali...
Scopri di più
Privacy, oblazioni raddoppiate
Oblazione speciale per gli illeciti privacy pendenti e oblazione a regime per le future contestazioni. Pagando i due quinti del minimo si possono definire i procedimenti non conclusi alla data...
Scopri di più
Buone pratiche per il benessere lavorativo da Inail
La forza lavoro europea sta progressivamente invecchiando ed entro il 2030 in molti paesi le persone di età compresa tra 55 e 64 anni costituiranno almeno il 30% dei lavoratori....
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: identificare i pericoli nelle stive delle navi
Ci sono attività particolari nel mondo del lavoro in cui possono essere utilizzate, per il sollevamento di persone e a titolo eccezionale, attrezzature non previste a tal fine. E queste...
Scopri di più
Interpello 6/2018 – Concetto di vigilanza dei lavoratori addetti a mansioni di sicurezza
Con interpello n. 6/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce ulteriori chiarimenti, rispetto a quanto già espresso con l’interpello n. 5/2018, in merito all’esigenza di...
Scopri di più
Criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto del conglomerato bituminoso
E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 del 18/06/2018 il decreto ministeriale 28/03/2018, n. 69, che si occupa di definire i criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto...
Scopri di più
Lavoro in serra: scenari e valutazione del rischio di esposizione
Sono definibili come pesticidi due diverse categorie di prodotti che sono utilizzati in campo agricolo e non. Dal punto di vista della regolamentazione comunitaria “le due categorie si distinguono in...
Scopri di più
Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X