Linee guida e buone prassi: identificare i pericoli nelle stive delle navi

Ci sono attività particolari nel mondo del lavoro in cui possono essere utilizzate, per il sollevamento di persone e a titolo eccezionale, attrezzature non previste a tal fine. E queste attività possono riguardare contesti lavorativi, come quello portuale, in cui è necessario tener conto anche delle modalità di accesso e di lavoro in ambienti confinati o sospetti di inquinamento, quali possono essere considerate, al di là dell’ applicazione del DPR 177/2011, le stive delle navi. Per avere ulteriori informazioni, buone prassi e indirizzi operativi per migliorare la prevenzione delle attività in questi ambiti lavorativi, possiamo fare riferimento ad un documento realizzato nel 2017 dal Dipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici (DIT) dell’ Inail.
L’analisi dei rischi per l’accesso degli operatori alla stiva. Il documento del DIT dell’Inail, “Uso eccezionale di attrezzature di sollevamento materiali. Modalità operative per l’accesso degli operatori alla stiva delle navi” prende in esame sia le operazioni portuali, con riferimento specifico alle attività di carico/scarico/trasbordo, che i servizi portuali e fornisce criteri di carattere generale in base ai quali condurre una idonea valutazione e riduzione dei rischi relativamente all’accesso degli operatori alla stiva. Il documento ricorda poi che con “servizi portuali”, come definiti nel Decreto del Ministero dei trasporti e della navigazione 6 febbraio 2001, n. 132, “si intendono le attività imprenditoriali consistenti nelle prestazioni specialistiche, che siano complementari e accessorie al ciclo delle operazioni portuali, da rendersi su richiesta di soggetti autorizzati allo svolgimento, anche in autoproduzione, delle operazioni portuali”; esempi di servizi sono “l’imballaggio, la pulizia della merce, il ricondizionamento e la riparazione degli imballaggi (gabbie, casse, palette, ecc.), il rizzaggio, il derizzaggio, il fardaggio e la copertura della merce”. Riguardo alle indicazioni sulla valutazione dei rischi connessi alle operazioni di carico/scarico in stiva il documento presenta alcuni approfondimenti specifici “laddove la normativa non fornisce indicazioni applicabili al contesto analizzato” e si sofferma ampiamente sui lavori svolti in ambienti sospetti d’inquinamento (ASISC). Infatti si indica che a bordo delle navi possono svolgersi attività in “ ambienti sospetti d’inquinamento” e che “queste vanno innanzitutto giustificate nell’ambito della valutazione dei rischi, motivando l’esclusione di metodi alternativi di lavoro”.
Lavorazioni pericolose e rischi potenziali. Il documento, che tratta i pericoli e i rischi relativamente agli aspetti connessi con l’accesso di operatori alla stiva delle navi, ricorda che le lavorazioni pericolose in argomento “sono quelle legate alla movimentazione di merci sfuse (ad esempio metalli, cereali, fertilizzanti, farine oleose, semi in pani, polvere di zolfo, minerali ed altre di natura organica e inorganica), alla presenza di sostanze pericolose che possono essere sorgenti di inquinamento dell’atmosfera oppure alle operazioni di manutenzione di vario tipo”. E in tutti questi casi si segnala che i rischi potenziali sono “l’asfissia (anche per seppellimento) e la presenza di sostanze tossiche, infiammabili e/o esplosive. Inoltre, si possono verificare condizioni ambientali che rendono difficoltose le lavorazioni a causa dell’alterazione del microclima o della presenza di rumore”.
In questo senso le previsioni dell’articolo 25 del D.Lgs. 27 luglio 1999, n. 272 – normativa su “Adeguamento della normativa sulla sicurezza e salute dei lavoratori nell’espletamento di operazioni e servizi portuali, nonché di operazioni di manutenzione, riparazione e trasformazione delle navi in ambito portuale” – “vanno integrate con quelle più generali contenute in tutte le altre disposizioni legislative che tutelano la salute e la sicurezza dei lavoratori. In tale contesto, le rilevazioni degli inquinanti aeriformi potenzialmente esistenti, affidate al chimico di porto, previste dall’articolo citato, non sono esaustive per considerare l’ambiente di lavoro ‘stiva’ come idoneo a svolgervi agevolmente i lavori necessari”. Ed è il datore di lavoro del personale che accede a tali ambienti a “dover garantire le condizioni ottimali previste dalla legislazione, previa identificazione dei pericoli esistenti nella stiva e nelle aree adiacenti, e a dover condurre una valutazione dettagliata e completa dei conseguenti rischi, ai quali sono esposti tutti gli operatori che vi effettuano lavorazioni”.
In particolare la valutazione dei rischi dovrà poi indicare “quali protezioni collettive sono necessarie e come applicarle, similmente per la strumentazione da utilizzare. Dovranno essere previste, ad esempio, le caratteristiche tecniche dell’impianto di ventilazione meccanica e le modalità operative per il suo utilizzo (dove posizionarlo, per quanto tempo deve funzionare, ecc.). Analogamente per la strumentazione da impiegare, al fine di monitorare l’andamento delle concentrazioni delle sostanze d’interesse, comprendendo, in questo caso, le modalità di taratura, i limiti e le interferenze esistenti. Inoltre, nella valutazione dei rischi, si dovranno prevedere i necessari dispositivi di protezione individuale per le operazioni ordinarie, le manutenzioni e le emergenze”.
Il documento si sofferma poi sull’identificazione dei pericoli e a questo proposito indica che esempi di lavorazioni e dei relativi pericoli ad esse associati, da considerare nella valutazione dei rischi, sono le manutenzioni e le varie operazioni di carico/scarico.La manutenzione e le operazioni di carico e scarico. In particolare le manutenzioni, con riferimento ai pericoli associati, possono riguardare:

  1. “le lavorazioni meccaniche, quali il taglio ossiacetilenico, oppure altre operazioni effettuate con gas combustibili e ossigeno, la saldatura (cfr. articoli 46 e 47 del d.lgs. 272/1999) o la verniciatura, con le conseguenti possibilità di dispersione di ossigeno, acetilene, idrogeno, GPL, butano a causa di guasti delle attrezzature utilizzate o per l’evaporazione dei solventi contenuti nelle vernici. In tutti questi casi esistono le condizioni per la formazione di atmosfere esplosive o l’incendio di materiali combustibili per innesco provocato da scintille o corpi incandescenti, oppure per lo scoppio/esplosione di recipienti in pressione contenenti gas a seguito di ritorni di fiamma non correttamente intercettati”;
  2. quelle citate negli articoli 48 (Lavori in locali chiusi e angusti), 49 (Lavori entro cisterne, casse, depositi di combustibile, doppi fondi e locali simili), 50 (Operazioni di sabbiatura su navi sottoposte a lavori) e 51 (Operazioni di pitturazione a spruzzo) del d.lgs. 272/1999;
  3. “i trattamenti disinfestanti delle merci trasportate tramite gas biocidi (fumiganti) che, in condizioni di scarsa ventilazione successiva al trattamento, possono comportare la presenza di sostanze tossiche, come ad esempio la fosfina (PH3), che ha un IDLH di 50 ppm”.
    Riguardo all’identificazione dei pericoli il documento si sofferma, infine, anche sulle “operazioni di carico/scarico o pulizia di merci solide o liquide alla rinfusa come vino, granaglie, farine, rottami metallici, lingotti di zinco o piombo, DRI/CBI/HBI genericamente definito ‘ferro preridotto’, carbone, minerali, leghe del ferro, legno in piccoli pezzi o in scaglie (“cippato”) da cui possono derivare:
  4. dal vino: la diminuzione dell’ossigeno e la contemporanea produzione di anidride carbonica (CO2) dovuti alla fermentazione residua avvenuta durante il trasporto, oltre all’evaporazione dell’etanolo (C2H6O) il cui IDLH è di 3300 ppm (10% del LEL);
  5. dalle granaglie e farine: la diminuzione dell’ossigeno atmosferico dovuta a fenomeni fermentativi che, in condizioni anossiche, possono provocare la formazione di gas pericolosi (tossici, asfissianti, infiammabili/esplosivi) come CH4, H2S, CO2, NH3, ecc.;
  6. dai rottami metallici: la riduzione della concentrazione di ossigeno respirabile a causa dell’ossidazione del ferro;
  7. dai lingotti di zinco o di piombo e delle leghe con ferro contenenti arsenico come impurità: la formazione dell’arsina (AsH3 – IDLH 3 ppm) tramite il contatto con umidità o acqua per liberazione dell’idrogeno;
  8. dal ferro preridotto: il consumo dell’ossigeno presente nell’atmosfera circostante, lo sviluppo di calore e idrogeno; quindi i rischi possibili sono l’asfissia e la presenza di atmosfera esplosiva (cfr. appendice 4);
  9. dal legno cippato: metanolo dalla fermentazione del legno, metano e anidride carbonica dalla cellulosa in condizioni aerobiche, pertanto i possibili rischi associati sono l’asfissia e la presenza di atmosfera esplosiva;
  10. dal carbone: la diffusione del metano contenuto nella struttura minerale, in grado di formare atmosfere esplosive in aggiunta alla medesima caratteristica causata dalla dispersione della polvere fine di questo minerale. In genere, al di sotto dei 420 μm le polveri combustibili possono essere esplosive se è presente un innesco di energia sufficiente”.

Ricordiamo, in conclusione, che il documento Inail riporta poi ulteriori indicazioni sulla valutazione dei rischi e sulle soluzioni tecniche per le operazioni di accesso in stiva.

Per approfondire l’argomento si rimanda alla lettura integrale del documento !

Modalità operative per accesso stive navi

Articoli correlati

La guida alla sicurezza delle macchine da perforazione
Le attività di perforazione propriamente dette e quelle classificabili come attività di fondazione o consolidamento del terreno possono essere realizzate con macchine specificatamente destinate a tal fine (drill rig) oppure...
Scopri di più
Inail: la sicurezza nei lavori sulle coperture e gli ancoraggi
Se la maggior parte degli infortuni gravi e mortali da cadute dall’alto, nei lavori in quota in edilizia, avviene durante le attività su coperture, è bene fornire periodicamente informazioni sulle...
Scopri di più
Coltivazione olive e rischi per la sicurezza: nuovo volume INAIL
INAIL rende disponibile online il volume : "Oleare la sicurezza - I rischi per i lavoratori nella coltivazione dell'olivo e la produzione delle olive" risultato di un progetto che mira a informare...
Scopri di più
Piano Sostitutivo di Sicurezza: esiste ancora?
L’obbligo di redazione del Piano di Sicurezza Sostitutivo (PSS) fu introdotto dall’art. 31 comma 1bis della Legge 18 novembre 1998 n° 415 e cioè dal provvedimento che apportava modifiche alla Legge...
Scopri di più
Sostanze pericolose: schede informative sulla normativa e la sostituzione
Nel contesto dell'importante campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2018-2019, l'EU-OSHA ha reso disponibili sul proprio sito due nuove schede informative relative al Quadro legislativo sulle sostanze pericolose negli...
Scopri di più
La sicurezza negli scavi: protezioni blindate e palancole metalliche
Come abbiamo visto in questi anni sono diversi i sistemi di protezione che possono proteggere i lavoratori che lavorano all’interno dello scavo dal rischio di seppellimento. Dopo aver parlato delle...
Scopri di più
Rifiuti, tracciabilità al restyling
Definizione di regole e vigilanza su loro osservanza direttamente in capo al ministero dell’ambiente, assistenza alle imprese e gestione della parte informatica affidate invece ad un suo braccio operativo, che...
Scopri di più
Zoonosi occupazionale: normativa, sorveglianza e prevenzione
A soffermarsi sull’aumento delle zoonosi, con particolare ma non esclusivo riferimento alle malattie trasmesse da zecche, è un documento realizzato dal Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale...
Scopri di più
Sicurezza delle macchine: i dispositivi di comando
Perché le macchine siano sicure per gli operatori è importante, oltre all’eventuale presenza di ripari, di dispositivi di sicurezza e al rispetto di idonee distanze, che i vari sistemi di...
Scopri di più
Lavori in copertura: la scelta e l’utilizzo delle reti di sicurezza
Le reti di sicurezza sono dispositivi di protezione collettiva (DPC) che, benché non siano frequentemente utilizzati in Italia, sono destinati alla protezione di persone e/o cose contro le cadute dall’alto....
Scopri di più
La nuova guida al codice di prevenzione incendi
L’Inail ha pubblicato sul sito il nuovo codice prevenzione incendi 2018 dal titolo: “La progettazione antincendio Applicazioni pratiche nell’ambito del d.m. 3 agosto 2015 e s.m.i.”. La guida è il...
Scopri di più
L’uso sicuro delle PLE per le demolizioni
Sono tanti gli infortuni correlati all’utilizzo delle piattaforme di lavoro elevabili (PLE), e sono molti anche gli infortuni che avvengono nelle attività di demolizione in ambito edile con l’utilizzo di...
Scopri di più
L’evoluzione della normativa tecnica e della sicurezza nelle autogrù
Ai sensi del D.lgs 81/2008 e s.m.i., le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII devono essere sottoposte a verifiche periodiche al fine di verificare lo stato di conservazione e di...
Scopri di più
Ministero della Salute: linee guida sulle disfunzioni posturali
Proprio perché ad oggi mancano dati certi sulla diffusione dei disturbi posturali e percorsi codificati per la presa in carico di queste disfunzioni, il Ministero della Salute ha promosso l’elaborazione...
Scopri di più
Adeguamento motocoltivatori motozappatrici requisiti sicurezza
In relazione alle numerose segnalazioni in merito al fenomeno infortunistico nei settori agricolo e forestale il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha rilasciato la Circolare n. 41 del...
Scopri di più
Rischio scavi e sicurezza: le armature in terreni coesivi o granulari
Le attività di scavo, e la realizzazione delle relative opere di sostegno, che “sono spesso considerate minori nel complesso dell’opera edilizia”, sono purtroppo “caratterizzate da un’elevata incidenza di eventi infortunistici”,...
Scopri di più
Registro dei trattamenti obbligatorio negli studi
Nessuno si senta escluso. Anche quando non esiste un obbligo stretto, è comunque preferibile predisporre il registro delle attività di trattamento, l’adempimento previsto dall’articolo 30 del regolamento europeo sulla privacy....
Scopri di più
Il Gps aziendale deve essere disinseribile
Il cosiddetto Gdpr, il Regolamento Ue 679/2016 in materia di privacy, ha trovato una sua prima applicazione in materia di Gps installati sui veicoli aziendali. A dare lo spunto per...
Scopri di più
Scatole nere con dubbi su privacy, precisione dei dati e affidabilità
Con la legge concorrenza la scatola nera diventa piena prova sulla dinamica dell’incidente. Ma la sua precisione e la sua affidabilità suscitano dubbi, come emerge da varie osservazioni inviate ai...
Scopri di più
Protezione dati, PMI in attesa. Il cantiere è ancora aperto
Piccole e medie imprese in attesa della semplificazione degli adempimenti previsti dal regolamento Ue n. 2016/679, operativo dal 25 maggio 2018, sulla protezione dei dati personali. Lo scivolo “privacy” è...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X