PLE col gancio prossimo step

Lo spettacolo continua: a poca distanza dall’entrata in vigore dell’aggiornamento A1: 2015 avremo presto disponibile l’anteprima di quest’ennesima revisione, arricchita con nuovi e importanti contenuti. Una novità fra le più evidenti sarà costituita dall’introduzione di una parte 2 che definirà i requisiti aggiuntivi per PLE attrezzate per il sollevamento di carichi mediante dispositivi addizionali e, in definitiva, l’uso simultaneo e non come piattaforma aerea e come gru con gancio. Questa novità va ben oltre il pensiero della “gru col cestello” e rappresenta uno step innovativo molto importante. Risponde alle nuove necessità per l’utilizzo di PLE nei casi in cui gli operatori debbono anche movimentare in sicurezza carichi dal peso considerevole. Non si tratta infatti di un tentativo di regolamentare delle soluzioni tecniche, che sono state molto popolari nel passato e – in particolare nel nostro Paese – nel periodo di iniziale sviluppo del mercato delle PLE su autocarro. A quel tempo si trattava di una soluzione temporanea, a costo contenuto, per potere convertire in PLE delle attrezzature di impiego più frequente quali le gru. Con questa revisione, oggi invece si vogliono regolamentare le soluzioni tecniche che vanno nella direzione opposta, cioè dove una macchina nata come PLE debba consentire, in sicurezza, di potere anche movimentare al gancio carichi anche rilevanti (ci sono esempi nella manutenzione dei generatori eolici e in tutti quei casi dove la movimentazione del carico e più efficace o necessaria con queste modalità).

Performance e competizione
Questo bisogno conduce ad alcune riflessioni. Se è vero che una norma tecnica possa rinnovarsi per rappresentare meglio lo stato dell’arte, e altrettanto dimostrato come questo sviluppo sia diventato il riflesso di una evoluzione molto rapida verso nuove modalità di impiego e verso nuove tecnologie che consentono di raggiungere traguardi prima inimmaginabili. Questa evoluzione non è neutrale e favorisce i Paesi, le aziende (costruttrici e utilizzatrici) e i contesti economici e sociali che sono capaci di assimilare più rapidamente il cambiamento. La competizione si gioca quindi su più fronti:

  1. Un primo fronte è costituito dalla leadership normativa che vede l’Europa e le norme EN all’avanguardia nel panorama mondiale e in quello che la marcatura CE rappresenta per la sicurezza del prodotto.
  2. Un secondo fronte è quello della supremazia tecnologica, che vede appunto i fabbricanti di macchinari e componenti sempre alla ricerca di soluzioni nuove e innovative capaci di differenziarsi dalla concorrenza e offrire il proprio valore aggiunto per competere in un panorama sempre più globalizzato.
  3. Un terzo fronte è costituito dalle sempre più moderne modalità di utilizzo dei macchinari: chi avrebbe mai immaginato che oggi, su di un piccolo veicolo patente B, l’utilizzo di PLE di 20 metri e oltre, sarebbe diventato più sicuro e ordinario di tante altre modalità di lavoro? Chi avrebbe potuto altresì immaginare che su normali autocarri sarebbe stato possibile istallare PLE che superano abbondantemente i 70 metri per utilizzare la macchina elevata ed eseguire lavori come se fossimo in un “campo base” per la movimentazione in quota di carichi nell’ordine di svariate centinaia di kilogrammi?

L’Italia e i suoi paradossi
Si tratta quindi di una ennesima sfida che mette in gioco anche i sistemi sociali dei singoli mercati. Nei Paesi più indietro nello sviluppo, trovano infatti collocazione PLE più semplici ed economiche, meglio adatte al contesto e a una gestione meno costosa. Nei Paesi più sviluppati vi è invece una grande richiesta di requisiti tecnologici più evoluti che consentono le prestazioni di cui abbiamo solo accennato e che in contropartita richiedono un rigore più elevato nella gestione di queste tecnologie e, in definitiva, dei costi più alti per la manutenzione e il mantenimento in esercizio delle macchine stesse.
Il nostro Paese vive da protagonista i cambiamenti e le contraddizioni di questa sfida che, come abbiamo visto, riguarda tutti gli aspetti, dalla fabbricazione alla tecnologia del prodotto e la capacità di sapere gestire le macchine in servizio e il contesto sociale in cui operano. Per quanto riguarda la fabbricazione di PLE l’Italia è fra i leader globali, produttori ed esportatori di PLE destinate a entrambe le tipologie di mercati. Viceversa risulta più difficile una classificazione univoca del mercato interno e della capacità di armonizzare le regole sociali di approccio. Per brevità e a puro titolo di esempio, possiamo solo accennare a una contraddizione che ci fa un po’ sorridere, ma anche sentire a cavallo fra i paesi più e meno sviluppati: la norma UNI EN280 definisce i requisiti di PLE performanti ed evolute e dalla sua entrata in vigore, nel 2001, sancisce una vita attesa delle PLE in 10 anni. Allo stesso tempo, una più recente legge dello Stato – il DM 11 aprile 2011 – prevede invece l’obbligatorietà, per le medesime macchine, di indagini strutturali supplementari, ma solo con cadenza ventennale! Lo spettacolo va comunque avanti.

Articolo tratto da IPAF informa 2018

Articoli correlati

In piscina il gestore è responsabile della sicurezza
Le piscine, che quest’estate sono state teatro di tragedie, sono sempre più diffuse, soprattutto nelle località turistiche. Nei confronti degli utilizzatori della piscina il gestore dell’attività (che per quelle condominiali...
Scopri di più
Ravvedimento per la privacy
Ravvedimento al via per la privacy: chi ha contestazioni pendenti può mettersi in regola pagando entro 90 giorni la sanzione ridotta, che è pari ai 2/5 del minimo. È una...
Scopri di più
Spazi confinati, le 8 buone regole da seguire
Concludiamo l'articolo sulle buone pratiche di lavoro da applicare negli spazi confinati e iniziamo a vedere di seguito tutte le buone regole da seguire. Ricordiamo l’elenco completo delle buone pratiche spiegate...
Scopri di più
Telecamere, salvo chi si adegua
La corretta e tempestiva ottemperanza alla “prescrizione obbligatoria” dell’ispettore estinguere il reato. Infatti, sfugge alla pena dell’arresto o dell’ammenda quel datore di lavoro che, una volte installate telecamere senza accordo...
Scopri di più
Buone pratiche per l’accesso e il lavoro in spazi confinati
Riprendiamo l'articolo sulle buone pratiche di lavoro da applicare negli spazi confinati e iniziamo a vedere di seguito tutte le buone regole da seguire. Ricordiamo l’elenco completo delle buone pratiche spiegate...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: controlli e verifiche delle gru su autocarro
Sappiamo quanto sia importante, per la sicurezza degli operatori che utilizzano attrezzature di lavoro, la verifica continua dello stato di conservazione, dell’efficienza e della conformità di tali attrezzature alla normativa...
Scopri di più
Condomini al test della privacy, il principio è la non eccedenza
Condominio a norma con la privacy. La recente entrata in vigore del regolamento europeo n. 679/2016 ha infatti ribadito la necessità di un corretto trattamento dei dati personali in ambito...
Scopri di più
Spazi confinati: 8 buone pratiche per lavorare in sicurezza
Il tragico evento, avvenuto nel gennaio scorso con la morte di quattro persone in un’azienda milanese, ha ancora una volta portato all’attenzione della pubblica opinione la gravità degli infortuni sul...
Scopri di più
Rischio lavori in copertura, la guida Inail con le misure di prevenzione e protezione
Il lavoro sulle coperture è un’attività ad alto rischio di infortunio che rende necessaria l’adozione di elevati standard di sicurezza indipendentemente dalla tipologia e dalla durata della lavorazione da svolgere....
Scopri di più
Rifiuti, finisce l’era del Sistri
Sono venuti meno allo scattare del 2019 gli obblighi di tracciamento “Sistri” dei rifiuti e di pagamento dei relativi contributi, persistono (fino a nuovo ordine) in capo ai soggetti interessati...
Scopri di più
Telecamere col sì dei sindacati
Scatta la condanna penale per il datore se installa una telecamera che riprende i dipendenti all’opera anche quando la realizzazione di video è giustificata da esigenze di sicurezza. E ciò...
Scopri di più
Come ridurre il rischio elettrico nei lavori su impianti elettrici a bassa tensione
Il rischio elettrico riguarda la maggior parte dei lavoratori e, in particolar modo, i lavoratori che si occupano dell’esercizio, della manutenzione o delle verifiche dei sistemi elettrici, nonché i lavoratori...
Scopri di più
Lavoratore demansionato risarcibile solo se dimostra il danno specifico
L’esercizio dello ius variandi, ossia la facoltà del datore di lavoro di modificare nel corso del rapporto le mansioni attribuite al dipendente al momento dell’assunzione, se non avviene correttamente, può...
Scopri di più
Dlgs 231, uno scudo di latta
Imprese senza una valida protezione di fronte ai reati commessi dai propri dirigenti e amministratori. Lo scudo dei modelli organizzativi, introdotto con la legge 231 del 2001, si sta infatti...
Scopri di più
Videosorveglianza condizionata. Si alle telecamere a uso privato
Telecamere lecite in condominio, ma soltanto allo scopo di tutelare la sicurezza delle persone e dei beni, con ridotto ambito visivo e con il rispetto degli adempimenti preliminari indicati dall’Autorità...
Scopri di più
Va riassunto il dipendente scagionato dalle accuse
Il pubblico dipendente che rassegni le dimissioni all’indomani di un procedimento penale può ottenere il ripristino del rapporto di lavoro in base alla legge 350/2003 (articolo 3, comma 57), qualora...
Scopri di più
Assicurazione Inail per la depressione derivante da mobbing sul lavoro
La sindrome depressiva causata dalla condotta vessatoria subita dal lavoratore deve essere indennizzata dall’Inail quale malattia professionale, anche se non è compresa nelle tabelle del decreto del presidente della Repubblica...
Scopri di più
Esigenze da bilanciare nel whistleblowing
Le norme sul whistleblowing (legge 179/2017) segnano senz’altro un passo avanti verso l’affermazione di una cultura imprenditoriale che mette al centro la business integrity e la trasparenza. Al tempo stesso,...
Scopri di più
Rumore dal bar, condannato anche chi delega la gestione
D’estate si incrementa la guerra tra i condomini e i locali pubblici che producono rumore fino a notte fonda: complice il caldo, l’esasperazione aumenta e conseguentemente i casi finiscono davanti...
Scopri di più
Amministratore responsabile anche per il rischio-acqua
Dalla saracinesca di consegna dell’acqua dell’acquedotto l’acqua potabile raggiunge i rubinetti degli appartamenti condominiali attraverso le tubature (che sono parti comuni, come recita l’articolo 1117 del Codice civile) e che...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X