PLE col gancio prossimo step

Lo spettacolo continua: a poca distanza dall’entrata in vigore dell’aggiornamento A1: 2015 avremo presto disponibile l’anteprima di quest’ennesima revisione, arricchita con nuovi e importanti contenuti. Una novità fra le più evidenti sarà costituita dall’introduzione di una parte 2 che definirà i requisiti aggiuntivi per PLE attrezzate per il sollevamento di carichi mediante dispositivi addizionali e, in definitiva, l’uso simultaneo e non come piattaforma aerea e come gru con gancio. Questa novità va ben oltre il pensiero della “gru col cestello” e rappresenta uno step innovativo molto importante. Risponde alle nuove necessità per l’utilizzo di PLE nei casi in cui gli operatori debbono anche movimentare in sicurezza carichi dal peso considerevole. Non si tratta infatti di un tentativo di regolamentare delle soluzioni tecniche, che sono state molto popolari nel passato e – in particolare nel nostro Paese – nel periodo di iniziale sviluppo del mercato delle PLE su autocarro. A quel tempo si trattava di una soluzione temporanea, a costo contenuto, per potere convertire in PLE delle attrezzature di impiego più frequente quali le gru. Con questa revisione, oggi invece si vogliono regolamentare le soluzioni tecniche che vanno nella direzione opposta, cioè dove una macchina nata come PLE debba consentire, in sicurezza, di potere anche movimentare al gancio carichi anche rilevanti (ci sono esempi nella manutenzione dei generatori eolici e in tutti quei casi dove la movimentazione del carico e più efficace o necessaria con queste modalità).

Performance e competizione
Questo bisogno conduce ad alcune riflessioni. Se è vero che una norma tecnica possa rinnovarsi per rappresentare meglio lo stato dell’arte, e altrettanto dimostrato come questo sviluppo sia diventato il riflesso di una evoluzione molto rapida verso nuove modalità di impiego e verso nuove tecnologie che consentono di raggiungere traguardi prima inimmaginabili. Questa evoluzione non è neutrale e favorisce i Paesi, le aziende (costruttrici e utilizzatrici) e i contesti economici e sociali che sono capaci di assimilare più rapidamente il cambiamento. La competizione si gioca quindi su più fronti:

  1. Un primo fronte è costituito dalla leadership normativa che vede l’Europa e le norme EN all’avanguardia nel panorama mondiale e in quello che la marcatura CE rappresenta per la sicurezza del prodotto.
  2. Un secondo fronte è quello della supremazia tecnologica, che vede appunto i fabbricanti di macchinari e componenti sempre alla ricerca di soluzioni nuove e innovative capaci di differenziarsi dalla concorrenza e offrire il proprio valore aggiunto per competere in un panorama sempre più globalizzato.
  3. Un terzo fronte è costituito dalle sempre più moderne modalità di utilizzo dei macchinari: chi avrebbe mai immaginato che oggi, su di un piccolo veicolo patente B, l’utilizzo di PLE di 20 metri e oltre, sarebbe diventato più sicuro e ordinario di tante altre modalità di lavoro? Chi avrebbe potuto altresì immaginare che su normali autocarri sarebbe stato possibile istallare PLE che superano abbondantemente i 70 metri per utilizzare la macchina elevata ed eseguire lavori come se fossimo in un “campo base” per la movimentazione in quota di carichi nell’ordine di svariate centinaia di kilogrammi?

L’Italia e i suoi paradossi
Si tratta quindi di una ennesima sfida che mette in gioco anche i sistemi sociali dei singoli mercati. Nei Paesi più indietro nello sviluppo, trovano infatti collocazione PLE più semplici ed economiche, meglio adatte al contesto e a una gestione meno costosa. Nei Paesi più sviluppati vi è invece una grande richiesta di requisiti tecnologici più evoluti che consentono le prestazioni di cui abbiamo solo accennato e che in contropartita richiedono un rigore più elevato nella gestione di queste tecnologie e, in definitiva, dei costi più alti per la manutenzione e il mantenimento in esercizio delle macchine stesse.
Il nostro Paese vive da protagonista i cambiamenti e le contraddizioni di questa sfida che, come abbiamo visto, riguarda tutti gli aspetti, dalla fabbricazione alla tecnologia del prodotto e la capacità di sapere gestire le macchine in servizio e il contesto sociale in cui operano. Per quanto riguarda la fabbricazione di PLE l’Italia è fra i leader globali, produttori ed esportatori di PLE destinate a entrambe le tipologie di mercati. Viceversa risulta più difficile una classificazione univoca del mercato interno e della capacità di armonizzare le regole sociali di approccio. Per brevità e a puro titolo di esempio, possiamo solo accennare a una contraddizione che ci fa un po’ sorridere, ma anche sentire a cavallo fra i paesi più e meno sviluppati: la norma UNI EN280 definisce i requisiti di PLE performanti ed evolute e dalla sua entrata in vigore, nel 2001, sancisce una vita attesa delle PLE in 10 anni. Allo stesso tempo, una più recente legge dello Stato – il DM 11 aprile 2011 – prevede invece l’obbligatorietà, per le medesime macchine, di indagini strutturali supplementari, ma solo con cadenza ventennale! Lo spettacolo va comunque avanti.

Articolo tratto da IPAF informa 2018

Articoli correlati

Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
Inail: sicurezza e valutazione del rischio nella diagnostica per immagini
Nell’ambiente ospedaliero i rischi professionali per i vari operatori impegnati in attività sanitarie comprendono sia i rischi convenzionali legati all’ambiente lavorativo che i rischi specifici derivanti dalle specifiche attività sanitarie...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: carrelli semoventi a braccio telescopico
Sono tanti i documenti che in questi ultimi anni hanno fornito precise indicazioni per migliorare la sicurezza nell’utilizzo di molte attrezzature di lavoro e che hanno presentato buone prassi e...
Scopri di più
Interpello n. 4/2018 – Salute e sicurezza nell’alternanza scuola-lavoro e nei tirocini formativi
Con l’interpello n. 4/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce il proprio parere in merito all’applicazione della normativa sulla sicurezza sul lavoro, nel caso di...
Scopri di più
La vigilanza sul fatto che il preposto vigili
Come noto, la vigilanza spetta al preposto come “compito non esclusivo ma sussidiario, spettando anzitutto al datore di lavoro e ai dirigenti” (Cass. Pen. 23 luglio 1997 n.7245). La legge...
Scopri di più
PLE col gancio prossimo step
Lo spettacolo continua: a poca distanza dall’entrata in vigore dell’aggiornamento A1: 2015 avremo presto disponibile l’anteprima di quest’ennesima revisione, arricchita con nuovi e importanti contenuti. Una novità fra le più...
Scopri di più
Forniture a prova di privacy
Forniture in linea con la privacy. I prodotti/servizi forniti a imprese e P.A. devono essere progettati e configurati in base ai principi della privacy fin dalla progettazione (“by design”) e...
Scopri di più
Interpello n. 3/2018: Pubblica sicurezza – Valutazione dei rischi e luogo di lavoro
Con l’interpello n. 3/2018, la Commissione salute e sicurezza del Ministero del Lavoro fornisce alcuni chiarimenti in merito agli adempimenti discendenti dal D.Lgs. 81/2008 per gli agenti di pubblica sicurezza....
Scopri di più
Il mantenimento delle condizioni di sicurezza delle PLE
L’utilizzo delle piattaforme mobili elevabili per l’esecuzione di lavori in quota in tutti gli ambiti lavorativi, unitamente alla disponibilità sul mercato per l’acquisto e il noleggio di varie tipologie e...
Scopri di più
Le “autorizzazioni generali” al vaglio del Garante privacy
Sulla tavola della protezione dei dati personali sono state molte le primizie da assaporare negli ultimi tempi: gli strumenti della riforma Ue, comprensiva del regolamento generale e della direttiva per...
Scopri di più
In Gazzetta il riordino delle regole sulla privacy
Il decreto che coordina la vecchia normativa nazionale sulla protezione dei dati personali con il nuovo regolamento sulla privacy entrerà in vigore il prossimo 19 settembre. È l’effetto della pubblicazione...
Scopri di più
Privacy, valutazione fai-da-te
Una valutazione di impatto privacy per tutto. Serve per giustificare l’allungamento del periodo di conservazione dei dati per il marketing e la profilazione della clientela, per la videosorveglianza, per l’istallazione...
Scopri di più
L’evoluzione dei dispositivi di sicurezza nelle PLE
Sono trascorsi ormai 17 anni dalla prima pubblicazione della EN280 (2001) che, con la versione del 2013 e successivamente con la 2015, ha modificato molti aspetti legati alla sicurezza, introducendo...
Scopri di più
I suggerimenti dell’Inail per una alimentazione corretta sui luoghi di lavoro
Le malattie croniche non trasmissibili uccidono nel mondo circa 40 milioni di persone ogni anno (pari al 70% dei decessi), l’86% dei decessi in Europa; sono patologie che di frequente...
Scopri di più
Privacy, bella e impossibile
Se è vero che la gestione dei dati è il petrolio del prossimo futuro, la sua tutela dovrebbe essere una priorità per i legislatori. Invece fa acqua da tutte le...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X