Quando lavorare è uno stress

Più di 700 casi di malattie riconducibili a fenomeni di burnout in Italia nel giro di quattro anni. È questo il quadro che emerge a partire dall’elaborazione dei dati Inail delle malattie professionali dal 2013 al 2017, in cui si registra una media di 14 casi ogni mese di lavoratori affetti da fortissimo stress emotivo e psicologico, tali da richiedere le cure specialistiche di un medico e di richiesta di indennità all’Inail per sopperire alla traumatica condizione psico-fisica. In particolare il disagio della sindrome da burnout, l’esito patologico di un processo stressogeno che interessa i lavoratori impegnati in attività di relazioni interpersonali, è riconducibile nel documento della “Classificazione Statistica Internazionale delle malattie e dei problemi sanitari correlati” pubblicato dal ministero della Salute nella classe e sottoclassi della categoria “F43”, legata alla reazione a grave stress e disturbi dell’adattamento.
Incrociando queste informazioni, e decodificando i dati Inail disponibile nella sezione degli Open Data, si ricava uno scenario in cui ben 777 persone hanno accusato disturbi dell’adattamento (469), disturbi post traumatici da stress (191) e reazioni a grave stress (117), di cui 384 uomini e 393 donne. La patologia con il più alto tasso di frequenza e il disturbo dell’adattamento, che colpisce per il 65% le lavoratrici e per il 55,47% gli uomini. Calcolando per il totale si scopre un dato preoccupante: questa patologia colpisce infatti il 60% circa di tutti i lavoratori affetti da disagi sul posto di lavoro nel quadriennio esaminato. Tra le cause scatenanti spiccano in primo piano problemi relativi alle relazioni con i superiori dopo quelli con i colleghi, come i ritmi di lavoro troppo intensi, eccessiva responsabilità, mancato riconoscimento dei propri meriti e persino le minacce di violenza.
Se passiamo lo sguardo tra i settori professionali vediamo che il settore che accusa di più questi sintomi è quello del commercio – quindi imprenditori ed esercenti – seguito dal settore della sanità e dei servizi privati (medici e infermieri), dagli “istituti politici” degli organismi regionali, e in eguale misura quello dedito ai trasporti che fa il paio con quello delle attività immobiliari e professionali. Se guardiamo agli indennizzi erogati dall’Inail e vediamo che, su 777 persone che hanno registrato questi sintomi, ben 661 risultano nella categoria “NE”, ovvero negati, mentre la maggior parte degli indennizzi (101) è stata liquidata in capitale. Ma i numeri diventano molto più alti se osserviamo il numero dei giorni indennizzati: ben 1.897 direttamente in capitale, 233 per rendita diretta, 923 in temporanea e nessun giorno non indennizzato. Per un totale di 3.053 giorni di malattia indennizzati dall’Inail, circa otto anni e tre mesi compensati dal 2013 al 2017, il doppio dei giorni del quadriennio preso in considerazione e quindi due giorni di indennizzo al giorno in quattro anni.
Sempre dallo scenario italiano si scopre che tra le modalità di esercizio dell’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro quella che vince per il 92% è quello dell’industria e dei servizi con 722 casi, con il restante 6% da parte dello Stato e poco più dello 0,64% nel settore dell’agricoltura. Il grado di menomazione registrato, per oltre l’83% dei casi analizzati dall’Inail, risulta di “lieve entità riconducibili a menomazioni micro permanenti, corrispondente a un danno biologico di modesta entità, che provocano postumi permanenti abbastanza tenui che comportano anche lievi mutamenti nella condotta di vita del danneggiato”. Sebbene questo grado minimo di menomazione segnala che i “postumi sono a volte caratterizzati da un anomalo carattere di permanenza”. Dai dati Inail emerge un quadro in cui le patologie riconducibili al burnout risultano evidenti in eguale misura nei lavoratori maschi e femmine, in cui il disturbo dell’adattamento è la malattia più frequente; le cause scatenanti maggiori sono le relazioni difficili con i superiori e i colleghi, come le riflessioni sulla qualità e riconoscimento del proprio lavoro; i giorni di malattia certificati sono stati pagati per quasi il doppio degli anni di rilevamento, in cui però sia i gradi di menomazione registrati che le richieste di indennizzo risultano ai minimi termini.
Situazione totalmente diversa negli Stati Uniti d’America ad esempio, dove i lavori con il più alto tasso di patologie legate allo stress risultano quelli legati al mondo militare e della sicurezza. Secondo i dati di CareerCast.com infatti risultano in bella vista il personale militare arruolato e i pompieri; al 61% il pilota di aerei; tra il 51 dei 48 punti percentuali il poliziotto, il conduttore di emittenti, il coordinatore di eventi, il reporter dei quotidiani, il curatore di pubbliche relazioni, il dirigente aziendale e in ultimo il tassista.

Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Va riassunto il dipendente scagionato dalle accuse
Il pubblico dipendente che rassegni le dimissioni all’indomani di un procedimento penale può ottenere il ripristino del rapporto di lavoro in base alla legge 350/2003 (articolo 3, comma 57), qualora...
Scopri di più
Assicurazione Inail per la depressione derivante da mobbing sul lavoro
La sindrome depressiva causata dalla condotta vessatoria subita dal lavoratore deve essere indennizzata dall’Inail quale malattia professionale, anche se non è compresa nelle tabelle del decreto del presidente della Repubblica...
Scopri di più
Esigenze da bilanciare nel whistleblowing
Le norme sul whistleblowing (legge 179/2017) segnano senz’altro un passo avanti verso l’affermazione di una cultura imprenditoriale che mette al centro la business integrity e la trasparenza. Al tempo stesso,...
Scopri di più
Rumore dal bar, condannato anche chi delega la gestione
D’estate si incrementa la guerra tra i condomini e i locali pubblici che producono rumore fino a notte fonda: complice il caldo, l’esasperazione aumenta e conseguentemente i casi finiscono davanti...
Scopri di più
Amministratore responsabile anche per il rischio-acqua
Dalla saracinesca di consegna dell’acqua dell’acquedotto l’acqua potabile raggiunge i rubinetti degli appartamenti condominiali attraverso le tubature (che sono parti comuni, come recita l’articolo 1117 del Codice civile) e che...
Scopri di più
Quando lavorare è uno stress
Più di 700 casi di malattie riconducibili a fenomeni di burnout in Italia nel giro di quattro anni. È questo il quadro che emerge a partire dall’elaborazione dei dati Inail...
Scopri di più
Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
Rumore, la vecchia sorgente va adeguata
Capita spesso che un’attività produttiva, in sé rumorosa, sia localizzata in un’area disabitata. Poi, dopo molto tempo, l’area circostante viene edificata a residenza. Naturalmente il rumore dà fastidio. Ma quali...
Scopri di più
Privacy, oblazioni raddoppiate
Oblazione speciale per gli illeciti privacy pendenti e oblazione a regime per le future contestazioni. Pagando i due quinti del minimo si possono definire i procedimenti non conclusi alla data...
Scopri di più
Buone pratiche per il benessere lavorativo da Inail
La forza lavoro europea sta progressivamente invecchiando ed entro il 2030 in molti paesi le persone di età compresa tra 55 e 64 anni costituiranno almeno il 30% dei lavoratori....
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: identificare i pericoli nelle stive delle navi
Ci sono attività particolari nel mondo del lavoro in cui possono essere utilizzate, per il sollevamento di persone e a titolo eccezionale, attrezzature non previste a tal fine. E queste...
Scopri di più
Interpello 6/2018 – Concetto di vigilanza dei lavoratori addetti a mansioni di sicurezza
Con interpello n. 6/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce ulteriori chiarimenti, rispetto a quanto già espresso con l’interpello n. 5/2018, in merito all’esigenza di...
Scopri di più
Criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto del conglomerato bituminoso
E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 del 18/06/2018 il decreto ministeriale 28/03/2018, n. 69, che si occupa di definire i criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto...
Scopri di più
Lavoro in serra: scenari e valutazione del rischio di esposizione
Sono definibili come pesticidi due diverse categorie di prodotti che sono utilizzati in campo agricolo e non. Dal punto di vista della regolamentazione comunitaria “le due categorie si distinguono in...
Scopri di più
Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X