La responsabilità dell’amministratore di condominio

Prendiamo in esame una recente sentenza della Corte di Cassazione, relativa alla responsabilità di un amministratore di condominio in occasione di un incendio imputabile all’attività dell’appaltatore.

La mancata verifica dell’idoneità tecnico-professionale
Tizio, titolare dell’omonima ditta appaltatrice, stava lavorando sulla mansarda del condominio, utilizzando un cannello GPL che sprigionava fiamma libera, tenendo con sé una bombola di gas.
L’uso maldestro del cannello a fiamma libera, unito alla presenza di materiale infiammabile quali le guaine bituminose, provoca un incendio, favorito dall’assenza di mezzi di spegnimento la cui presenza, sulla base della ricostruzione operato dei giudici, avrebbe impedito la propagazione dell’evento distruttivo.
Per tali fatti, la Corte d’Appello di Torino confermava, anche agli effetti civili, la condanna resa dal Tribunale cittadino nei confronti di Tizio e di Caio, quest’ultimo nella qualità di Amministratore del Condominio, responsabili, con condotte colpose indipendenti, del delitto di incendio colposo che aveva interessato il piano mansardato ed il tetto dell’edificio condominiale e da cui erano derivati imponenti danni anche a diverse unità abitative poste ai piani sottostanti.
In particolare, a Tizio veniva addebitata la mancata adozione di cautele in tema di sicurezza antincendio nel corso dei lavori di impermeabilizzazione, a lui commissionati e da lui personalmente eseguiti, avendo egli effettuato la posa della guaina catramata con cannello collegato a bombola di gas propano, creando così surriscaldamento, in assenza di mezzi antincendio (quali estintori od altro).
A Caio invece, quale amministratore del Condominio e committente delle opere di impermeabilizzazione, era stato addebitato di aver conferito l’incarico senza verificare l’idoneità tecnico-professionale di Tizio, in violazione dell’art. 90, comma 9, lett. a) e dell’All. XVII del D.Lgs 81/2008, non avendo acquisito documentazione relativa alla conformità alla normativa antinfortunistica delle attrezzature usate e dei dispositivi di protezione in dotazione, né attestati inerenti la formazione di Tizio e neppure il documento di regolarità contributiva (c.d. DURC).

L’obbligo di garanzia dell’Amministratore
Per quel che riguarda la posizione di Caio, la suprema Corte così si esprime: “…(Caio) avrebbe dovuto – in qualità di amministratore e di committente – verificare che il soggetto da lui stesso individuato fosse effettivamente dotato della necessaria capacità di realizzare i lavori affidati munito delle attrezzature idonee, anche in relazione ai dispositivi di sicurezza e prevenzione incendi, data la infiammabilità del materiale utilizzato: (Caio) aveva invece omesso di verificare la idoneità professionale di (Tizio), verifica che, ove compiuta, gli avrebbe consentito di acclararne la inadeguatezza professionale oltre all’assenza degli opportuni sistemi e presidi di prevenzione ed antincendio, e di effettuare quindi una differente scelta in ordine all’artigiano da incaricare dei lavori condominiali e da indicare ai condomini. Già questa Corte si è pronunciata nel senso che l’amministratore che stipuli un contratto di affidamento in appalto di lavori da eseguirsi nell’interesse del Condominio è tenuto, quale committente, all’osservanza degli obblighi di verifica della idoneità tecnico-professionale dell’impresa appaltatrice… essendo titolare di un obbligo di garanzia, quanto alla conservazione e manutenzione delle parti comuni dell’edificio condominiale, ai sensi dell’art. 1130 cod. civ. … non rileva pertanto – per quanto concerne l’incendio… – che lo stesso si sia sviluppato su una parte comune dell’edificio condominiale ovvero su un bene appartenente al singolo condomino, accessibile dalla parte comune. Egli, come già detto, era ben consapevole che i lavori da eseguire comportavano l’utilizzo di materiale infiammabile, avrebbe dovuto attivarsi a tutelare le parti comuni esposte a pericolo, assicurandosi della capacità della persona incaricata: la sua colpevole inerzia ebbe perciò un ruolo causalmente incidente sulla produzione dell’evento…”.

La Sentenza
La Corte di Cassazione Penale (Sez. 4, 21 settembre 2017, n. 43500), rigetta i ricorsi confermando le statuizioni della corte di Appello, condannando altresì il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

Articoli correlati

Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
Inail: sicurezza e valutazione del rischio nella diagnostica per immagini
Nell’ambiente ospedaliero i rischi professionali per i vari operatori impegnati in attività sanitarie comprendono sia i rischi convenzionali legati all’ambiente lavorativo che i rischi specifici derivanti dalle specifiche attività sanitarie...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: carrelli semoventi a braccio telescopico
Sono tanti i documenti che in questi ultimi anni hanno fornito precise indicazioni per migliorare la sicurezza nell’utilizzo di molte attrezzature di lavoro e che hanno presentato buone prassi e...
Scopri di più
Interpello n. 4/2018 – Salute e sicurezza nell’alternanza scuola-lavoro e nei tirocini formativi
Con l’interpello n. 4/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce il proprio parere in merito all’applicazione della normativa sulla sicurezza sul lavoro, nel caso di...
Scopri di più
La vigilanza sul fatto che il preposto vigili
Come noto, la vigilanza spetta al preposto come “compito non esclusivo ma sussidiario, spettando anzitutto al datore di lavoro e ai dirigenti” (Cass. Pen. 23 luglio 1997 n.7245). La legge...
Scopri di più
PLE col gancio prossimo step
Lo spettacolo continua: a poca distanza dall’entrata in vigore dell’aggiornamento A1: 2015 avremo presto disponibile l’anteprima di quest’ennesima revisione, arricchita con nuovi e importanti contenuti. Una novità fra le più...
Scopri di più
Forniture a prova di privacy
Forniture in linea con la privacy. I prodotti/servizi forniti a imprese e P.A. devono essere progettati e configurati in base ai principi della privacy fin dalla progettazione (“by design”) e...
Scopri di più
Interpello n. 3/2018: Pubblica sicurezza – Valutazione dei rischi e luogo di lavoro
Con l’interpello n. 3/2018, la Commissione salute e sicurezza del Ministero del Lavoro fornisce alcuni chiarimenti in merito agli adempimenti discendenti dal D.Lgs. 81/2008 per gli agenti di pubblica sicurezza....
Scopri di più
Il mantenimento delle condizioni di sicurezza delle PLE
L’utilizzo delle piattaforme mobili elevabili per l’esecuzione di lavori in quota in tutti gli ambiti lavorativi, unitamente alla disponibilità sul mercato per l’acquisto e il noleggio di varie tipologie e...
Scopri di più
Le “autorizzazioni generali” al vaglio del Garante privacy
Sulla tavola della protezione dei dati personali sono state molte le primizie da assaporare negli ultimi tempi: gli strumenti della riforma Ue, comprensiva del regolamento generale e della direttiva per...
Scopri di più
In Gazzetta il riordino delle regole sulla privacy
Il decreto che coordina la vecchia normativa nazionale sulla protezione dei dati personali con il nuovo regolamento sulla privacy entrerà in vigore il prossimo 19 settembre. È l’effetto della pubblicazione...
Scopri di più
Privacy, valutazione fai-da-te
Una valutazione di impatto privacy per tutto. Serve per giustificare l’allungamento del periodo di conservazione dei dati per il marketing e la profilazione della clientela, per la videosorveglianza, per l’istallazione...
Scopri di più
L’evoluzione dei dispositivi di sicurezza nelle PLE
Sono trascorsi ormai 17 anni dalla prima pubblicazione della EN280 (2001) che, con la versione del 2013 e successivamente con la 2015, ha modificato molti aspetti legati alla sicurezza, introducendo...
Scopri di più
I suggerimenti dell’Inail per una alimentazione corretta sui luoghi di lavoro
Le malattie croniche non trasmissibili uccidono nel mondo circa 40 milioni di persone ogni anno (pari al 70% dei decessi), l’86% dei decessi in Europa; sono patologie che di frequente...
Scopri di più
Privacy, bella e impossibile
Se è vero che la gestione dei dati è il petrolio del prossimo futuro, la sua tutela dovrebbe essere una priorità per i legislatori. Invece fa acqua da tutte le...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X