Rifiuti: cosa separa l’abusività dall’illecito?

Il reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, ora previsto e punito dall’art. 452-quaterdecies del codice penale (che ha sostituito senza modificazioni l’art. 260, D.Lgs. n. 152/2006) è indubbiamente uno dei reati ambientali di più frequente contestazione. Salvo i gravi delitti ambientali di danno introdotti con la legge n. 68/2015, il traffico illecito è l’unico reato ambientale che ammette le misure cautelari personali e il ricorso alle intercettazioni telefoniche. Inoltre, la prescrizione del reato in esame è raddoppiata (art. 157, comma 6, codice penale) e, di conseguenza, il traffico illecito si prescrive in dodici anni, se non ci sono atti interruttivi, che diventano quindici in presenza di atti che interrompono la prescrizione.
La giurisprudenza della Corte di Cassazione ha esteso molto l’ ambito di applicabilità di questo reato: da un lato agganciando il dato della “organizzazione illecita” non agli autori del reato, ma alla singola operazione considerata, giungendo così ad applicare il reato a singole attività ritenute abusive seppur commesse nell’ambito di attività imprenditoriali del tutto lecite; dall’altro stabilendo interpretazioni del requisito della “abusività della gestione” volte a comprendere anche violazioni che, considerate in sé per sé, non rivestirebbero profili di gravità particolare.

L’elemento distintivo

L’analisi comparativa tra le ipotesi contravvenzionali di gestione abusiva punite dall’art. 256, D.Lgs. n. 152/2006 e il delitto di traffico illecito, evidenzia come quest’ultimo reato di distingua dagli illeciti contravvenzionali in base a due elementi: l’ingente quantitativo di rifiuti trattati e il dolo. L’ingente quantitativo, in realtà, non è un elemento distintivo perché la discrezionalità nel definire questo requisito è talmente alta da non determinare un criterio effettivamente discretivo.

In realtà, l’unico criterio distintivo tra le contravvenzioni di gestione abusiva e il traffico illecito è il dolo. In ordine a questo requisito, si fonda l’applicazione di un delitto molto grave, per il quale sono previste pene e

levate, con la possibilità di applicare misure cautelari e con conseguenze sanzionatorie drammatiche per un’impresa, se si considerano le pene accessorie, prima fra tutte la revoca delle autorizzazioni.

Occorre, inoltre, tenere conto del fatto che una condanna per traffico illecito, anzi una semplice pendenza, può indurre le prefetture a disporre l’informativa antimafia, con conseguenze di nuovo drammatiche, spesso letali, per un’impresa.

La realizzazione di un profitto ingiusto

Il dolo del traffico illecito è un dolo cosiddetto specifico, il che significa che il perfezionamento della fattispecie richieda che l’agente, oltre ad avere posto in essere intenzionalmente la sua condotta, debba averlo fatto per realizzare un obiettivo specifico e particolare, nel caso in esame un “profitto ingiusto”. La maggior parte delle sentenze della corte di Cassazione si preoccupa di precisare che, ai fini del dolo specifico di ingiusto profitto, non è necessario che il profitto stesso si realizzi. Probabilmente se vengono ancora emesse decisioni in questo senso la responsabilità sarà da riferirsi anche alla presenza di ricorsi ove viene esposto questo motivo di doglianza. Chiaramente, non è necessario che l’obiettivo si realizzi. Occorrerebbe concentrare lo sforzo probatorio e motivazionale sulla genesi della scelta imprenditoriale, valutando tutti gli elementi di cui disponeva. L’imprenditore al momento della scelta di una determinata opzione riguardo gli adempimenti ambientali. In questo quadro, non giova a molla considerazione che il profitto ingiusto possa consistere anche in un risparmio di costi o un vantaggio di tipo non patrimoniale. Le sentenze che si sono occupate di questo specifico aspetto sono numerose.

È difficile ipotizzare una scelta imprenditoriale che non sia mossa dall’obiettivo di aumentare i costi ovvero di diminuire i ricavi. È possibile dire, in termini generali, che ogni comportamento umano, eccettuati gli atti esclusivamente anticonservativi, è mosso dalla ricerca di un vantaggio, di un miglioramento di qualsivoglia natura. La ricerca del carattere dell’ “ingiustizia” del dolo, che è necessario evidenziarlo per quanto banale possa apparire cosa ben diversa dal requisito (oggettivo) dell’ abusività della gestione, impone che si analizzino tutti gli elementi, interni ed esterni all’impresa, di cui l’imprenditore ha tenuto conto nel decidere di porre in essere una determinata operazione economica, per accertare che il profitto a cui l’imprenditore stesso tendeva era illecito, illegale non dovuto e consapevole mente maggiore di quello che si sarebbe ottenuto svolgendo l’operazione con modalità diverse (sempre, ovviamente, prescindendo del tutto dal fatto che l’obiettivo sia stato realizzato o meno).

È evidente che ci sono attività abusive che contengono già in sé il principio del dolo.  La variabilità delle ipotesi di traffico illecito evidenzia, però, situazioni ben diverse, soprattutto nei casi in cui il reato costituisca una parentesi illecita nell’ambito di un’attività imprenditoriale del tutto lecita. La legge non richiede che il traffico di rifiuti sia posto in essere mediante una struttura operante in modo esclusivamente illecito, ben potendo le attività criminose essere collocate i un contesto che comprende anche operazioni commerciali riguardanti i rifiuti che vengono svolte in modo illecito. In altri termini, il delitto può essere integrato sia da una struttura operante in assenza di qualsiasi autorizzazione e con modalità del tutto contrarie alla legge sia da una struttura che includa stabilmente condotte illecite all’interno di un’attività svolta in presenza di autorizzazioni e, in parte, condotta senza altre violazioni. Ciò che rileva, infatti, è l’esistenza di “traffico” di rifiuti intenzionalmente sottratto ai canali leciti e l’inserimento all’interno di un percorso imprenditoriale ufficiale può divenire addirittura una scelta mirante a mascherare l’illecito all’interno di un contesto imprenditoriale manifesto e autorizzato. A tale conclusione consegue una considerazione ulteriore: la natura “abusiva” delle condotte non è esclusa dalla regolarità di una parte delle stesse allorché l’insieme delle condotte conduca ad un risultato di dissimulazione della realtà e comporti una destinazione dei rifiuti che non sarebbe stata consentita.

La rigorosa ricerca del dolo di concorso costituisce momento fondamentale nell’accertamento dell’elemento soggettivo del reato di traffico illecito, in special modo in tutte quelle situazioni ove il carattere dell’abusività della gestione (elemento oggettivo del reato) non sia riferibile alla condotta di tutti i soggetti e le imprese coinvolte, ma sia riferibile soltanto ad alcuni del comportamenti che, unitamente a tutti gli altri contributi, vengono a costituire gli estremi oggettivi del reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti.

Articoli correlati

Videocontrolli, iter senza bis
In caso di cambio della titolarità dell’impresa, non bisogna ripetere la procedura di accordo/autorizzazione per l’installazione di impianti audiovisivi o di altri strumenti per il controllo a distanza dei lavoratori....
Scopri di più
Prima verifica periodica autogrù, ecco come procedere
Ai sensi del dlgs 81/2008 e s.m.i., le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII devono essere sottoposte a verifiche periodiche al fine di verificare lo stato di conservazione e di...
Scopri di più
Agenti chimici pericolosi, opuscolo Inail, rischi, Testo Unico, Reach e Clp
Agenti chimici pericolosi. Questo il titolo di uno degli ultimi volumi pubblicati da Inail nella collana Salute e sicurezza. Un opuscolo con istruzioni per lavoratori e Rappresentati dei lavoratori per...
Scopri di più
Gli obblighi del primo soccorso: la classificazione delle aziende
Se il primo soccorso aziendale deve essere inteso come un processo integrato nel sistema di prevenzione e riduzione degli infortuni, “anche per il primo soccorso e per la redazione del...
Scopri di più
Rifiuti speciali pericolosi, cosa c’è da sapere
Il D.Lgs. n. 152/2006, cosiddetto "testo unico ambientale”, all'art. 184 distingue tra rifiuti urbani e rifiuti speciali. Questi ultimi, cioè i rifiuti prodotti da enti e imprese, si dividono a...
Scopri di più
Prevenzione incendi, nuova regola tecnica per impianti distribuzione idrogeno
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale (n. 257 del 6 novembre 2018) il decreto 23 ottobre 2018 del Ministero dell’Interno, recante “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio...
Scopri di più
Sorveglianza sanitaria: utilizzo dei dati collettivi e valutazione clinica
Per organizzare la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti al rischio da sovraccarico biomeccanico, la Regione Lombardia con Decreto regionale 21 dicembre 2017, n. 16750 - recante “Indirizzi per la sorveglianza...
Scopri di più
Rifiuti: cosa separa l’abusività dall’illecito?
Il reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, ora previsto e punito dall'art. 452-quaterdecies del codice penale (che ha sostituito senza modificazioni l'art. 260, D.Lgs. n. 152/2006)...
Scopri di più
Mud 2019, più dati alle CCIAA
Più tempo a enti e imprese per presentare alle Camere di commercio la dichiarazione ambientale Mud 2019, che potrà essere inoltrata fino al 22 giugno in luogo della più stretta...
Scopri di più
La conferma: abolito il Sistri…e ora Sistri 2.0 all’orizzonte?
Nelle prime settimane dello scorso dicembre è circolata una bozza di "decreto legge semplificazioni" che riporta una serie di novità in temi ambientali; due di queste si distinguevano, però, per...
Scopri di più
Rifiuti, torna l’onere per la tracciabilità
Il Governo incassa a Montecitorio la sua nona fiducia (sei alla Camera e tre al Senato) con 310 si, un astenuto e 245 no, su quello che a metà dicembre...
Scopri di più
Scavi a cielo aperto: le novità nella guida Inail 2018
Il termine “scavo” in edilizia indica qualunque asportazione di rocce e/o terra dall’originaria collocazione, necessaria alla creazione di splateamenti, cavità, di forme e dimensioni opportune, necessari per la realizzazione di...
Scopri di più
Inail: salute e sicurezza del personale hotel a bordo delle navi
La tutela della salute e sicurezza della cosiddetta ‘gente di mare’ passa anche attraverso una costante e capillare opera di divulgazione della cultura della prevenzione, finalizzata a rendere sempre più...
Scopri di più
La nuova guida Inail sui sistemi di protezione individuale contro il rischio di caduta dall’alto
Continuiamo a parlare di dispositivi di protezione, opere provvisionali e attrezzature utilizzate dai lavoratori nei cantieri edili attraverso la collana dell’Inail “Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili” In...
Scopri di più
Ecco la guida NIST per la protezione dei dati personali
Il regolamento generale sulla protezione dei dati, recepito alla fine di agosto 2018, ha destato in molti titolari e responsabili del trattamento una elevata sensibilità alla protezione dei dati. Per...
Scopri di più
Il rischio biologico nel settore agro-zootecnico e forestale
Il settore agro-zootecnico continua a costituire in Italia una importante parte della realtà produttiva. In particolare “i dati dell’ultimo censimento dell’agricoltura indicano che nel 2010 in Italia esistevano poco più...
Scopri di più
Inail: utilizzo e classificazione dei trabattelli nei cantieri
Le linee guida di riferimento definiscono i trabattelli come “torri mobili costituite da elementi prefabbricati che presentano uno o più impalcati di lavoro e appoggiano a terra permanentemente su ruote”....
Scopri di più
Sicurezza negli scavi: l’uso di tecniche alternative di scavo
La prevenzione degli infortuni nel mondo del lavoro non è data solo dal rispetto della normativa in materia di sicurezza e dall’applicazione delle protezioni necessarie in presenza di rischi lavorativi,...
Scopri di più
La sicurezza nella sanificazione negli impianti di climatizzazione
Chiariamo subito che per sanificazione, si intende un’attività che ha l’obiettivo di rendere “sano” un oggetto o una superficie; nel caso degli impianti di climatizzazione la sanificazione prevede: la pulizia,...
Scopri di più
Come valutare il rischio microclima nei luoghi di lavoro
Il microclima è il complesso dei parametri climatici dell’ambiente nel quale un individuo vive o lavora. E l’interazione dell’individuo, del lavoratore, con l’ambiente termico che lo circonda “può dar luogo...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X