RLS, la dimenticanza costa cara

Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei lavoratori, non un obbligo per l’azienda), il datore di lavoro può essere sanzionato con l’arresto da due a quattro mesi o con l’ammenda fino a 18 mila euro se non forma i rappresentanti. Non comunicare all’Inail i nominativi degli eletti o designati dai lavoratori, inoltre, può costare una sanzione fino a 341 euro. Dal 16 luglio, quella telematica e l’unica modalità possibile per fare le comunicazioni degli RLS a disposizione di tutti datori di lavoro, pubblici e privati, come spiegato dallo stesso Inail nella circolare n. 29/2018.

L’identikit dell’RLS
È la persona eletta o designata per rappresentare (appunto) i lavoratori in seno all’azienda su tutte le questioni attinenti agli aspetti della sicurezza sul lavoro, istituito a livello aziendale o territoriale o di sito produttivo. Nelle aziende o unità produttive che occupano fino a 15 lavoratori (anche un solo lavoratore) il rappresentante è di norma eletto direttamente dai lavoratori al loro interno, altrimenti è individuato per più aziende nell’ambito territoriale o del comparto produttivo. Nelle aziende o unità produttive con più di 15 lavoratori è eletto o designato dai lavoratori nell’ambito delle rappresentanze sindacali (Rsu o Rsa); in assenza di rappresentanze è eletto dai lavoratori. Il numero, le modalità di designazione o di elezione dell’Rls, nonché il tempo di lavoro retribuito e gli strumenti per l’espletamento delle funzioni sono stabiliti dalla contrattazione collettiva. L’elezione dell’Rls (o di più Rls a seconda dei casi) avviene di norma in corrispondenza della giornata nazionale per la salute e sicurezza sul lavoro, da individuarsi nell’ambito della settimana europea per la salute e sicurezza con decreto che deve anche disciplinare le modalità.

La comunicazione all’Inail
Il datore di lavoro (o il dirigente) ha l’obbligo di comunicare all’Inail, on-line, i nominativi degli Rls. Dal 16 luglio, l’Inail ha esteso la modalità telematica di comunicazione degli Rls, già operativa per i datori di lavoro privati, anche alle amministrazioni assicurate con la speciale forma della gestione per conto dello Stato. Restano fuori solo ambasciate e consolati italiani che operano all’estero i quali fanno la comunicazione per posta elettronica certificata, Pec.
Per fare la comunicazione in modalità telematica, i datori di lavoro in possesso di credenziali di accesso rilasciate per l’invio delle denunce di infortunio e di malattia professionale vengono abilitati dall’Inail automaticamente ad accedere anche (cioè con le stesse credenziali) al nuovo servizio “dichiarazione Rls” disponibile sul sito Internet Inail. Una volta terminato l’inserimento e fatto l’invio da parte del datore di lavoro, il sistema on-line registra in archivio i dati e rilascia in stampa la comunicazione, che servirà quale ricevuta ai fini dell’esibizione in caso di ispezioni. Occhio alla sanzione: dimenticare l’adempimento è punito con una sanzione fino a 341,40 euro con un minimo di 56,90 euro.

Formazione obbligatoria (e super sanzionata)
Una volta eletto, il datore di lavoro deve provvedere affinché il Rls riceva una formazione adeguata sui rischi specifici esistenti negli ambienti in cui esercita la propria rappresentanza, tale da assicurargli adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione. Modalità, durata e contenuti specifici della formazione sono stabiliti in sede di contrattazione nazionale, fermo restando il contenuto minimo che prevede almeno: la legislazione speciale e generale in materia di salute sicurezza sul lavoro; la valutazione dei rischi; le nozioni di tecnica della comunicazione. La durata minima dei corsi di formazione fissata in 32 ore iniziali, di cui 12 sui rischi specifici presenti in azienda e conseguenti misure di prevenzione, con verifica di apprendimento. E’ inoltre previsto un aggiornamento annuale di quattro ore almeno a favore degli Rls occupati in aziende che occupano dai 15 ai 50 lavoratori e di otto ore nelle aziende sopra le 50 unità. Anche in questo caso, occhio alle sanzioni: se l’Rls non viene formato, il datore di lavoro è soggetto a un regime sanzionatorio che prevede l’arresto da due a quattro mesi oppure un’ammenda da 1.340,19 euro a 5.807,48 euro.
Inoltre, a decorrere dal 24 settembre 2015, per effetto della riforma Jobs act, qualora la violazione si riferisca a più di cinque lavoratori, gli importi della sanzione raddoppiano e diventano da 2.680,38 euro a 11.614,96 euro; se si riferisce a più di 10 lavoratori gli importi della sanzione triplicano e diventano da 4.020,57 euro a 17.422,44 euro.

Articolo tratto a ItaliaOggi

Articoli correlati

La guida alla sicurezza delle macchine da perforazione
Le attività di perforazione propriamente dette e quelle classificabili come attività di fondazione o consolidamento del terreno possono essere realizzate con macchine specificatamente destinate a tal fine (drill rig) oppure...
Scopri di più
Inail: la sicurezza nei lavori sulle coperture e gli ancoraggi
Se la maggior parte degli infortuni gravi e mortali da cadute dall’alto, nei lavori in quota in edilizia, avviene durante le attività su coperture, è bene fornire periodicamente informazioni sulle...
Scopri di più
Coltivazione olive e rischi per la sicurezza: nuovo volume INAIL
INAIL rende disponibile online il volume : "Oleare la sicurezza - I rischi per i lavoratori nella coltivazione dell'olivo e la produzione delle olive" risultato di un progetto che mira a informare...
Scopri di più
Piano Sostitutivo di Sicurezza: esiste ancora?
L’obbligo di redazione del Piano di Sicurezza Sostitutivo (PSS) fu introdotto dall’art. 31 comma 1bis della Legge 18 novembre 1998 n° 415 e cioè dal provvedimento che apportava modifiche alla Legge...
Scopri di più
Sostanze pericolose: schede informative sulla normativa e la sostituzione
Nel contesto dell'importante campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2018-2019, l'EU-OSHA ha reso disponibili sul proprio sito due nuove schede informative relative al Quadro legislativo sulle sostanze pericolose negli...
Scopri di più
La sicurezza negli scavi: protezioni blindate e palancole metalliche
Come abbiamo visto in questi anni sono diversi i sistemi di protezione che possono proteggere i lavoratori che lavorano all’interno dello scavo dal rischio di seppellimento. Dopo aver parlato delle...
Scopri di più
Rifiuti, tracciabilità al restyling
Definizione di regole e vigilanza su loro osservanza direttamente in capo al ministero dell’ambiente, assistenza alle imprese e gestione della parte informatica affidate invece ad un suo braccio operativo, che...
Scopri di più
Zoonosi occupazionale: normativa, sorveglianza e prevenzione
A soffermarsi sull’aumento delle zoonosi, con particolare ma non esclusivo riferimento alle malattie trasmesse da zecche, è un documento realizzato dal Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale...
Scopri di più
Sicurezza delle macchine: i dispositivi di comando
Perché le macchine siano sicure per gli operatori è importante, oltre all’eventuale presenza di ripari, di dispositivi di sicurezza e al rispetto di idonee distanze, che i vari sistemi di...
Scopri di più
Lavori in copertura: la scelta e l’utilizzo delle reti di sicurezza
Le reti di sicurezza sono dispositivi di protezione collettiva (DPC) che, benché non siano frequentemente utilizzati in Italia, sono destinati alla protezione di persone e/o cose contro le cadute dall’alto....
Scopri di più
La nuova guida al codice di prevenzione incendi
L’Inail ha pubblicato sul sito il nuovo codice prevenzione incendi 2018 dal titolo: “La progettazione antincendio Applicazioni pratiche nell’ambito del d.m. 3 agosto 2015 e s.m.i.”. La guida è il...
Scopri di più
L’uso sicuro delle PLE per le demolizioni
Sono tanti gli infortuni correlati all’utilizzo delle piattaforme di lavoro elevabili (PLE), e sono molti anche gli infortuni che avvengono nelle attività di demolizione in ambito edile con l’utilizzo di...
Scopri di più
L’evoluzione della normativa tecnica e della sicurezza nelle autogrù
Ai sensi del D.lgs 81/2008 e s.m.i., le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII devono essere sottoposte a verifiche periodiche al fine di verificare lo stato di conservazione e di...
Scopri di più
Ministero della Salute: linee guida sulle disfunzioni posturali
Proprio perché ad oggi mancano dati certi sulla diffusione dei disturbi posturali e percorsi codificati per la presa in carico di queste disfunzioni, il Ministero della Salute ha promosso l’elaborazione...
Scopri di più
Adeguamento motocoltivatori motozappatrici requisiti sicurezza
In relazione alle numerose segnalazioni in merito al fenomeno infortunistico nei settori agricolo e forestale il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha rilasciato la Circolare n. 41 del...
Scopri di più
Rischio scavi e sicurezza: le armature in terreni coesivi o granulari
Le attività di scavo, e la realizzazione delle relative opere di sostegno, che “sono spesso considerate minori nel complesso dell’opera edilizia”, sono purtroppo “caratterizzate da un’elevata incidenza di eventi infortunistici”,...
Scopri di più
Registro dei trattamenti obbligatorio negli studi
Nessuno si senta escluso. Anche quando non esiste un obbligo stretto, è comunque preferibile predisporre il registro delle attività di trattamento, l’adempimento previsto dall’articolo 30 del regolamento europeo sulla privacy....
Scopri di più
Il Gps aziendale deve essere disinseribile
Il cosiddetto Gdpr, il Regolamento Ue 679/2016 in materia di privacy, ha trovato una sua prima applicazione in materia di Gps installati sui veicoli aziendali. A dare lo spunto per...
Scopri di più
Scatole nere con dubbi su privacy, precisione dei dati e affidabilità
Con la legge concorrenza la scatola nera diventa piena prova sulla dinamica dell’incidente. Ma la sua precisione e la sua affidabilità suscitano dubbi, come emerge da varie osservazioni inviate ai...
Scopri di più
Protezione dati, PMI in attesa. Il cantiere è ancora aperto
Piccole e medie imprese in attesa della semplificazione degli adempimenti previsti dal regolamento Ue n. 2016/679, operativo dal 25 maggio 2018, sulla protezione dei dati personali. Lo scivolo “privacy” è...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X