Rumore dal bar, condannato anche chi delega la gestione

D’estate si incrementa la guerra tra i condomini e i locali pubblici che producono rumore fino a notte fonda: complice il caldo, l’esasperazione aumenta e conseguentemente i casi finiscono davanti al giudice. Tuttavia per il condominio che vuole ottenere giustizia il percorso non è facile: infatti occorre raccogliere le firme dei condomini per presentare l’esposto, affrontare la difficoltà per attivare le autorità competenti e ottenere le misurazioni fonometriche, necessarie per provare il reato in modo che sia dimostrata la diffusività del rumore nei confronti di un numero indefinito di persone, deliberare in assemblea la presentazione dell’esposto e stanziare i fondi necessari per le spese legali. Scalata tutta questa montagna d’ostacoli, spesso tutte queste fatiche vengono frustrate in giudizio dalla difesa dei titolari delle attività rumorose consistente nell’attribuire la commissione del reato ad altri soggetti.
La Corte di Cassazione (sentenza 30644/2018) è però intervenuta decisamente in questa materia dichiarando inammissibile (accogliendolo solo per la determinazione della pena) il ricorso della titolare di un noto bar di Napoli che era stata condannata per avere prodotto schiamazzi e rumori provocati dalla sua attività che disturbava il riposo delle persone (articolo 659 del Codice penale). La difesa della titolare consisteva nell’affermare di avere affidato in gestione l’attività commerciale al marito che, pertanto, era l’unico responsabile che doveva eventualmente impedire emissioni rumorose fastidiose.
La ricorrente sosteneva che l’affidamento in gestione dell’attività commerciale la avrebbe esonerata da qualsiasi responsabilità, che non aveva ricevuto alcuna contestazione prima del verbale di elezione di domicilio (articolo 161 del Codice di procedura penale) e che tutti i soggetti avevano avuto esclusivo rapporto con il marito.
Oltre a ricorrere contro la pena la ricorrente lamentava che il giudice non le avesse concesso il beneficio della sospensione della pena sull’assunto della continuazione della sua condotta nonostante i reclami degli abitanti del condominio e gli interventi delle forze dell’ordine. La Corte di Cassazione ha respinto questa argomentazione difensiva sostenendo che per costante giurisprudenza il titolare di un’attività risponde per non aver impedito gli schiamazzi provocati dagli avventori in sosta davanti al locale anche durante le ore notturne. In pratica la Corte specificava che la qualità di titolare della gestione dell’esercizio pubblico comporta l’assunzione dell’obbligo giuridico di controllare, con il possibile ricorso ai vari mezzi offerti dall’ordinamento giuridico, come l’attuazione dello “ius ad excludendi” e il ricorso all’autorità, che la frequenza del locale da parte degli utenti non sfoci con condotte contrastanti con le norme poste a tutela dell’ordine e della tranquillità pubblica (Cassazione, sentenza 34283/2015).
Viene poi condivisa la mancata concessione dei doppi benefici di legge alla condannata sulla base della prognosi sfavorevole sulla commissione di altri reati da parte della ricorrente. Infatti il giudice, nel valutare la concessione della sospensione della pena, non ha l’obbligo di esaminare tutti gli elementi indicati dall’articolo 133 del Codice penale ma può limitarsi a indicare quelli da lui ritenuti prevalenti (Cassazione, sentenza 35852/2016).

Articolo tratto da Il Sole 24Ore

Articoli correlati

Va riassunto il dipendente scagionato dalle accuse
Il pubblico dipendente che rassegni le dimissioni all’indomani di un procedimento penale può ottenere il ripristino del rapporto di lavoro in base alla legge 350/2003 (articolo 3, comma 57), qualora...
Scopri di più
Assicurazione Inail per la depressione derivante da mobbing sul lavoro
La sindrome depressiva causata dalla condotta vessatoria subita dal lavoratore deve essere indennizzata dall’Inail quale malattia professionale, anche se non è compresa nelle tabelle del decreto del presidente della Repubblica...
Scopri di più
Esigenze da bilanciare nel whistleblowing
Le norme sul whistleblowing (legge 179/2017) segnano senz’altro un passo avanti verso l’affermazione di una cultura imprenditoriale che mette al centro la business integrity e la trasparenza. Al tempo stesso,...
Scopri di più
Rumore dal bar, condannato anche chi delega la gestione
D’estate si incrementa la guerra tra i condomini e i locali pubblici che producono rumore fino a notte fonda: complice il caldo, l’esasperazione aumenta e conseguentemente i casi finiscono davanti...
Scopri di più
Amministratore responsabile anche per il rischio-acqua
Dalla saracinesca di consegna dell’acqua dell’acquedotto l’acqua potabile raggiunge i rubinetti degli appartamenti condominiali attraverso le tubature (che sono parti comuni, come recita l’articolo 1117 del Codice civile) e che...
Scopri di più
Quando lavorare è uno stress
Più di 700 casi di malattie riconducibili a fenomeni di burnout in Italia nel giro di quattro anni. È questo il quadro che emerge a partire dall’elaborazione dei dati Inail...
Scopri di più
Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
Rumore, la vecchia sorgente va adeguata
Capita spesso che un’attività produttiva, in sé rumorosa, sia localizzata in un’area disabitata. Poi, dopo molto tempo, l’area circostante viene edificata a residenza. Naturalmente il rumore dà fastidio. Ma quali...
Scopri di più
Privacy, oblazioni raddoppiate
Oblazione speciale per gli illeciti privacy pendenti e oblazione a regime per le future contestazioni. Pagando i due quinti del minimo si possono definire i procedimenti non conclusi alla data...
Scopri di più
Buone pratiche per il benessere lavorativo da Inail
La forza lavoro europea sta progressivamente invecchiando ed entro il 2030 in molti paesi le persone di età compresa tra 55 e 64 anni costituiranno almeno il 30% dei lavoratori....
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: identificare i pericoli nelle stive delle navi
Ci sono attività particolari nel mondo del lavoro in cui possono essere utilizzate, per il sollevamento di persone e a titolo eccezionale, attrezzature non previste a tal fine. E queste...
Scopri di più
Interpello 6/2018 – Concetto di vigilanza dei lavoratori addetti a mansioni di sicurezza
Con interpello n. 6/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce ulteriori chiarimenti, rispetto a quanto già espresso con l’interpello n. 5/2018, in merito all’esigenza di...
Scopri di più
Criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto del conglomerato bituminoso
E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 139 del 18/06/2018 il decreto ministeriale 28/03/2018, n. 69, che si occupa di definire i criteri per la cessazione della qualifica di rifiuto...
Scopri di più
Lavoro in serra: scenari e valutazione del rischio di esposizione
Sono definibili come pesticidi due diverse categorie di prodotti che sono utilizzati in campo agricolo e non. Dal punto di vista della regolamentazione comunitaria “le due categorie si distinguono in...
Scopri di più
Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X