Se mancano “tanti parapetti” è esclusa la particolare tenuità del fatto

La sentenza Cass. Pen., Sez. III, 9 maggio 2018, n. 20428, individua le (mutevoli) condizioni in presenza delle quali può ritenersi applicabile l’art. 131 bis, c.p., in particolare, in una fattispecie nella quale l’imputato era stato condannato per non aver dotato di parapetti a norma di legge i ponteggi e le altre opere provvisionali di altezza superiore a due metri in un edifico in corso di ristrutturazione.

Massima
In tema di salute e sicurezza sul lavoro, correttamente è negata la sussistenza dei presupposti applicativi della causa di non punibilità di cui all’art. 131 bis c.p., ove il giudice faccia riferimento a elementi concreti, ossia alla specificità della condotta (nella specie, al fatto che i parapetti mancanti fossero “plurimi”), ciò in quanto, in base a tali elementi, ben può escludersi che il pericolo sia “esiguo”, dato che le misure di protezione, omesse nel caso di lavori in quota, hanno lo scopo di impedire la caduta dall’alto degli operai, così prevenendo un pericolo assai grave, posto che dalla caduta possono verificarsi eventi lesivi anche con esito mortale.

Sintesi
Con la sentenza Cass. Pen., Sez. III, 9 maggio 2018, n. 20428, la Corte di Cassazione si sofferma su un tema che sta ormai diventando una costante nella esegesi giurisprudenziale di legittimità, tanto in materia prevenzionistica quanto nell’affine materia del diritto dell’ambiente, ossia l’individuazione delle (mutevoli) condizioni in presenza delle quali può ritenersi applicabile l’art. 131 bis, c.p. La Cassazione, in particolare, in una fattispecie nella quale l’imputato era stato condannato per non aver dotato di parapetti a norma di legge i ponteggi e le altre opere provvisionali di altezza superiore a due metri in un edifico in corso di ristrutturazione, ha disatteso la tesi difensiva, ritenendo invece che il diniego non fosse stato giustificato in maniera apodittica, ma facendo riferimento a elementi concreti, ossia alla specificità della condotta e, soprattutto, al fatto che i parapetti mancanti fossero “plurimi”.

Fatto
La vicenda processuale segue, come anticipato, alla sentenza con cui il tribunale condannava un imputato perché ritenuto responsabile del reato di cui all’art. 126, D.Lgs. n. 81/2008, per non aver dotato, quale legale rappresentante di una s.r.l., di parapetti a norma di legge i ponteggi e le altre opere provvisionali di altezza superiore a due metri.

Ricorso
Contro la sentenza proponeva ricorso per cassazione l’imputato, in particolare sostenendo, per quanto qui di interesse, che erroneamente il tribunale aveva negato l’applicazione della causa di non punibilità in esame sulla base di una motivazione congetturale, senza alcun riferimento ai parametri indicati dalla norma.

Sentenza e motivazioni
La Cassazione, nell’affermare il principio di cui in massima, ha invece escluso la fondatezza della doglianza difensiva. In particolare, i Supremi Giudici hanno rilevato come il tribunale correttamente aveva ha negato la sussistenza dei presupposti applicativi della causa di non punibilità di cui all’art. 131 bis c.p., non in maniera apodittica, ma facendo riferimento a elementi concreti, ossia alla specificità della condotta e, soprattutto, al fatto che i parapetti mancanti fossero “plurimi”; in base a tali elementi, si era dunque correttamente escluso che il pericolo fosse “esiguo”, in quanto le misure di protezione, omesse nel caso in esame, hanno lo scopo di impedire la caduta dall’alto degli operai, così prevenendo un pericolo assai grave, posto che dalla caduta possono verificarsi eventi lesivi anche con esito mortale. Nella specie, in particolare, veniva in rilievo la previsione dell’art. 126, D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, che sotto la rubrica «parapetti», prevede che “Gli impalcati e ponti di servizio, le passerelle, le andatoie, che siano posti ad un’altezza maggiore di 2 metri, devono essere provvisti su tutti i lati verso il vuoto di robusto parapetto e in buono stato di conservazione”.

Precedenti giurisprudenziali
Quanto ai precedenti giurisprudenziali, il principio di diritto, pur nuovo in relazione alla specifica fattispecie esaminata, riprende alcuni spunti che erano stati esaminati in casi analoghi. In particolare, la giurisprudenza della Cassazione, nella sua più autorevole composizione, ha ritenuto che, ai fini della configurabilità della causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto, prevista dall’art. 131 bis c.p., il giudizio sulla tenuità richiede una valutazione complessa e congiunta di tutte le peculiarità della fattispecie concreta, che tenga conto, ai sensi dell’art. 133, primo comma, cod. pen., delle modalità della condotta, del grado di colpevolezza da esse desumibile e dell’entità del danno o del pericolo (Cass. pen., Sez. U, n. 13681 del 6/04/2016, Tushaj, Ced Cass. 266590). Con particolare riferimento, poi, alla materia della prevenzione degli infortuni sul lavoro, la Cassazione ha poi affermato che la causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto di cui all’art. 131-bis cod. pen. non può essere applicata, ai sensi del terzo comma del predetto articolo, qualora l’imputato, anche se non gravato da precedenti penali specifici, abbia commesso più reati della stessa indole (ovvero plurime violazioni della stessa o di diverse disposizioni penali sorrette dalla medesima “ratio punendi”), anche nell’ipotesi in cui ciascun fatto, isolatamente considerato, sia di particolare tenuità (Fattispecie di violazioni da parte del datore di lavoro di diverse disposizioni in materia di sicurezza di cui al D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81: Cass. pen., Sez. III, n. 776 dell’11/01/2018, D.G., Ced Cass. 271863).

Articoli correlati

La sicurezza e la prima verifica periodica dei carri raccogli frutta
Sono diversi i rischi significativi che sono connessi all’impiego della macchina agricola raccoglifrutta, o carro raccogli frutta, una sorta di piattaforma mobile elevabile che è sempre più diffusa in ambito...
Scopri di più
Reclamo gratuito all’Authority
Se l’istanza di esercizio dei diritti, non va a buon fine, l’interessato può alternativamente rivolgersi al Garante o al tribunale. Nel caso in cui ci si rivolga all’autorità amministrativa, la...
Scopri di più
Adeguamento continuo del Documento di Valutazione dei Rischi
Con riferimento alla disposizione di legge di cui all’art. 29 comma 3 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, la valutazione dei rischi deve essere immediatamente rielaborata e periodicamente aggiornata in...
Scopri di più
Privacy, imprese in allerta
Il reclamo privacy al Garante è gratis: per far valere i diritti previsti dal regolamento Ue 2016/679 sulla protezione dei dati non si pagano diritti di segreteria. Enti pubblici e...
Scopri di più
Privacy, una tutela facile facile
Il nuovo regolamento europeo sulla privacy, operativo dal 25 maggio, ha certamente reso più semplice la presentazione di un ricorso al Garante. Per un semplice motivo: non si paga nulla....
Scopri di più
Catering: i rischi per i lavoratori
Il cateringè una forma di ristorazione collettiva in forte espansione, che consiste nella distribuzione e nella somministrazione di alimenti di vario genere in luoghi diversi da quello in cui è...
Scopri di più
Una procedura per gestire la violazione dei dati
Il decreto legislativo 196/2003 prevedeva che la notificazione all’autorità garante di una violazione dei dati avvenisse solo a fronte di specifiche situazioni. Il nuovo regolamento europeo invece impone una notificazione...
Scopri di più
Sui modelli organizzativi “231” applicati al caso della tutela alla salute
La “231” incrocia le norme antinfortunistiche. Con l’articolo 30 del D.Lgs 81/08 (testo unico salute e sicurezza sul lavoro), il legislatore ha delineato una disciplina di raccordo tra normativa antinfortunistica...
Scopri di più
Rischio da esposizione a sostanze cancerogene
La direttiva 2004/37/CE del Parlamento europeo e del Consiglio ha per oggetto la protezione dei lavoratori contro i rischi per la loro salute e la loro sicurezza derivanti dall’esposizione ad...
Scopri di più
Sui modelli organizzativi “231” controllo del giudice limitato
Con il D.Lgs 231/01 gli enti collettivi sono chiamati ad assumersi direttamente il compito della prevenzione degli illeciti attraverso un’adeguata organizzazione interna. Uno dei ritratti caratterizzanti la normativa, infatti, è...
Scopri di più
L’avvocato ai margini del Gdpr
Gli avvocati non devono essere nominati responsabili esterni del trattamento. Anche a seguito dell’applicazione del regolamento Ue sulla privacy n. 2016/679, con riferimento all’attività forense, il rapporto con il cliente...
Scopri di più
Sicurezza del trasporto su strada: il fissaggio del carico
Dal 20 maggio 2018 sono in vigore le disposizioni previste dal Decreto ministeriale n. 215 del 19 Maggio 2017 che prevede la verifica su strada della fissazione del carico. Il...
Scopri di più
Green jobs: impatto sulla salute e sicurezza dei lavoratori
Il cambiamento climatico sta seriamente compromettendo la futura sostenibilità ambientale ed economica a livello globale, comportando, allo stesso tempo, variazioni nel mercato del lavoro. Al fine di ridurre le emissioni...
Scopri di più
Dati da proteggere nel lavoro agile
Conciliare il lavoro “agile”, fuori dai locali dell’azienda, con la protezione dei dati (a volte riservati) che l’azienda mette a disposizione del lavoratore. È una delle esigenze che si manifestano...
Scopri di più
Autorizzazione ponteggi: come chiedere il rinnovo entro il 15 giugno
Il Ministero del Lavoro ha pubblicato la Circolare n. 10 del 28 maggio 2018 con le istruzioni per il rinnovo delle autorizzazioni alla costruzione e all’impiego di ponteggi. Il 14...
Scopri di più
L’antiriciclaggio limita la privacy
I dati acquisiti e archiviati dai soggetti tenuti alla adeguata verifica ai fini antiriciclaggio prevalgono sul diritto alla privacy e all’oblio. Dal 25 maggio 2018 è divenuto pienamente applicabile nel...
Scopri di più
Se mancano “tanti parapetti” è esclusa la particolare tenuità del fatto
La sentenza Cass. Pen., Sez. III, 9 maggio 2018, n. 20428, individua le (mutevoli) condizioni in presenza delle quali può ritenersi applicabile l’art. 131 bis, c.p., in particolare, in una...
Scopri di più
Che cosa deve fare il coordinatore in fase di esecuzione?
Il comportamento del coordinatore in fase di esecuzione è regolato dalla legge: ciò significa che gli obiettivi di salvaguardia che questa si pone devono essere raggiunti con gli strumenti ed...
Scopri di più
Dall’Inail la guida sulla sicurezza delle gru su autocarro
Secondo la definizione che si legge all’art. 69 del D.Lgs. 81/2008, un’attrezzatura di lavoro “è qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto, inteso come il complesso di macchine, attrezzature e componenti...
Scopri di più
PC dei dipendenti controllabili per tutelare i beni aziendali
Il controllo datoriale attraverso un’indagine retrospettiva di carattere informatico sull’utilizzo del computer in dotazione al dipendente, da cui si era riscontrato un utilizzo del bene aziendale per finalità extra lavorative,...
Scopri di più
{"slides_column":"3","slides_scroll":"1","dots":"false","arrows":"true","autoplay":"true","autoplay_interval":"2500","speed":"1200","rtl":"false","loop":"true","design":"design-22"}

Powered by WishList Member - Membership Software

x

Questo sito web utilizza i cookie

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

Accetto Declino Centro privacy IMPOSTAZIONI DELLA PRIVACY Cookie Policy
X