Se mancano “tanti parapetti” è esclusa la particolare tenuità del fatto

La sentenza Cass. Pen., Sez. III, 9 maggio 2018, n. 20428, individua le (mutevoli) condizioni in presenza delle quali può ritenersi applicabile l’art. 131 bis, c.p., in particolare, in una fattispecie nella quale l’imputato era stato condannato per non aver dotato di parapetti a norma di legge i ponteggi e le altre opere provvisionali di altezza superiore a due metri in un edifico in corso di ristrutturazione.

Massima
In tema di salute e sicurezza sul lavoro, correttamente è negata la sussistenza dei presupposti applicativi della causa di non punibilità di cui all’art. 131 bis c.p., ove il giudice faccia riferimento a elementi concreti, ossia alla specificità della condotta (nella specie, al fatto che i parapetti mancanti fossero “plurimi”), ciò in quanto, in base a tali elementi, ben può escludersi che il pericolo sia “esiguo”, dato che le misure di protezione, omesse nel caso di lavori in quota, hanno lo scopo di impedire la caduta dall’alto degli operai, così prevenendo un pericolo assai grave, posto che dalla caduta possono verificarsi eventi lesivi anche con esito mortale.

Sintesi
Con la sentenza Cass. Pen., Sez. III, 9 maggio 2018, n. 20428, la Corte di Cassazione si sofferma su un tema che sta ormai diventando una costante nella esegesi giurisprudenziale di legittimità, tanto in materia prevenzionistica quanto nell’affine materia del diritto dell’ambiente, ossia l’individuazione delle (mutevoli) condizioni in presenza delle quali può ritenersi applicabile l’art. 131 bis, c.p. La Cassazione, in particolare, in una fattispecie nella quale l’imputato era stato condannato per non aver dotato di parapetti a norma di legge i ponteggi e le altre opere provvisionali di altezza superiore a due metri in un edifico in corso di ristrutturazione, ha disatteso la tesi difensiva, ritenendo invece che il diniego non fosse stato giustificato in maniera apodittica, ma facendo riferimento a elementi concreti, ossia alla specificità della condotta e, soprattutto, al fatto che i parapetti mancanti fossero “plurimi”.

Fatto
La vicenda processuale segue, come anticipato, alla sentenza con cui il tribunale condannava un imputato perché ritenuto responsabile del reato di cui all’art. 126, D.Lgs. n. 81/2008, per non aver dotato, quale legale rappresentante di una s.r.l., di parapetti a norma di legge i ponteggi e le altre opere provvisionali di altezza superiore a due metri.

Ricorso
Contro la sentenza proponeva ricorso per cassazione l’imputato, in particolare sostenendo, per quanto qui di interesse, che erroneamente il tribunale aveva negato l’applicazione della causa di non punibilità in esame sulla base di una motivazione congetturale, senza alcun riferimento ai parametri indicati dalla norma.

Sentenza e motivazioni
La Cassazione, nell’affermare il principio di cui in massima, ha invece escluso la fondatezza della doglianza difensiva. In particolare, i Supremi Giudici hanno rilevato come il tribunale correttamente aveva ha negato la sussistenza dei presupposti applicativi della causa di non punibilità di cui all’art. 131 bis c.p., non in maniera apodittica, ma facendo riferimento a elementi concreti, ossia alla specificità della condotta e, soprattutto, al fatto che i parapetti mancanti fossero “plurimi”; in base a tali elementi, si era dunque correttamente escluso che il pericolo fosse “esiguo”, in quanto le misure di protezione, omesse nel caso in esame, hanno lo scopo di impedire la caduta dall’alto degli operai, così prevenendo un pericolo assai grave, posto che dalla caduta possono verificarsi eventi lesivi anche con esito mortale. Nella specie, in particolare, veniva in rilievo la previsione dell’art. 126, D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, che sotto la rubrica «parapetti», prevede che “Gli impalcati e ponti di servizio, le passerelle, le andatoie, che siano posti ad un’altezza maggiore di 2 metri, devono essere provvisti su tutti i lati verso il vuoto di robusto parapetto e in buono stato di conservazione”.

Precedenti giurisprudenziali
Quanto ai precedenti giurisprudenziali, il principio di diritto, pur nuovo in relazione alla specifica fattispecie esaminata, riprende alcuni spunti che erano stati esaminati in casi analoghi. In particolare, la giurisprudenza della Cassazione, nella sua più autorevole composizione, ha ritenuto che, ai fini della configurabilità della causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto, prevista dall’art. 131 bis c.p., il giudizio sulla tenuità richiede una valutazione complessa e congiunta di tutte le peculiarità della fattispecie concreta, che tenga conto, ai sensi dell’art. 133, primo comma, cod. pen., delle modalità della condotta, del grado di colpevolezza da esse desumibile e dell’entità del danno o del pericolo (Cass. pen., Sez. U, n. 13681 del 6/04/2016, Tushaj, Ced Cass. 266590). Con particolare riferimento, poi, alla materia della prevenzione degli infortuni sul lavoro, la Cassazione ha poi affermato che la causa di esclusione della punibilità per particolare tenuità del fatto di cui all’art. 131-bis cod. pen. non può essere applicata, ai sensi del terzo comma del predetto articolo, qualora l’imputato, anche se non gravato da precedenti penali specifici, abbia commesso più reati della stessa indole (ovvero plurime violazioni della stessa o di diverse disposizioni penali sorrette dalla medesima “ratio punendi”), anche nell’ipotesi in cui ciascun fatto, isolatamente considerato, sia di particolare tenuità (Fattispecie di violazioni da parte del datore di lavoro di diverse disposizioni in materia di sicurezza di cui al D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81: Cass. pen., Sez. III, n. 776 dell’11/01/2018, D.G., Ced Cass. 271863).

Articoli correlati

I consigli privacy per le vacanze, droni in spiaggia con cautela
Attenti al drone: non deve diffondere i visi di persone riconoscibili; attenti al wi-fi: se non protetto, carpisce dati sensibili; attenti ai minori: meglio non postare immagini su social network....
Scopri di più
Privacy, dipendenti tracciabili
Tracciabilità dello smartphone possibile, in alcuni casi anche senza consenso; ma con garanzie per i lavoratori e i terzi. È uno degli aspetti che emerge dalla relazione del 2017 del...
Scopri di più
Stop assoluto al rumore dei bar dopo le 23
Immissioni acustiche intollerabili: il giudice può inibire le attività commerciali e l’uso del suolo pubblico. Lo ha chiarito il Tribunale di Como con l’ordinanza del 21 giugno 2018. La controversia...
Scopri di più
Privacy, 140 cyberattacchi al giorno. Denunce di data breach a +500%
A maggio gli attacchi informatici hanno toccato la soglia di 140 al giorno e nell’ultimo mese le comunicazioni di data breach al Garante della privacy sono aumentati di oltre il...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: le misure di sicurezza nell’uso delle scale
Il rischio di caduta dall’alto nei lavori edili rappresenta la modalità di accadimento di infortunio che, con maggiore frequenza, genera infortuni gravi e mortali. E se diverse ricerche attribuiscono alla...
Scopri di più
INAIL: OT 24 – online il nuovo modello per le istanze 2019
L’Inail comunica che è disponibile nella sezione “Moduli e modelli” il nuovo modello OT/24 per le istanze che verranno inoltrate nel 2019. Pubblicato nel portale Inail, il nuovo OT/24 per...
Scopri di più
Come utilizzare in sicurezza una piattaforma nei lavori in quota
Sono molti i fattori di rischio di cui tener conto nell’utilizzo delle piattaforme di lavoro elevabili (PLE): dai rischi di rovesciamento/ribaltamento all’investimento di persone, dalla caduta dall’alto ai rischi di...
Scopri di più
Le verifiche e la sicurezza delle autogrù
Sappiamo che l’articolo 71 del Testo Unico Sicurezza prescrive che le attrezzature di lavoro, elencate nell’allegato VII del TU, devono essere sottoposte a verifiche periodiche volte a valutarne lo stato...
Scopri di più
In arrivo le regole europee per i rifiuti da costruzione e demolizione
È stata pubblicata in Gazzetta ufficiale dell’Unione europea (del 14 giugno 2018) la direttiva 2018/851/UE (modifica direttiva quadro rifiuti), in modifica alla precedente direttiva 2008/98/CE, relativa ai rifiuti. la presente...
Scopri di più
Sull’omessa elaborazione del DVR e l’omessa designazione dell’RSPP
Sono diverse le sentenze della Corte di Cassazione che in questi anni si sono soffermate sulle responsabilità per l’omessa elaborazione del documento di valutazione dei rischi (DVR) o per carenze...
Scopri di più
Dispositivi di protezione individuale: scelta e uso
Nel valutare le precauzioni per la salute e la sicurezza, i dispositivi di protezione individuale (DPI) rappresentano la soluzione estrema e dovrebbero quindi essere presi in considerazione soltanto dopo tutti...
Scopri di più
Lavoratori anziani: l’approccio ergonomico all’invecchiamento sul lavoro
Partendo dalla considerazione che l’invecchiamento umano si possa considerare un processo complesso che è in relazione con vari aspetti (medici, psicologici, sociali, …), risulta necessario tenere nella dovuta considerazione l’importanza...
Scopri di più
Quali sono i dispositivi da usare per il corretto utilizzo delle PLE?
Alcune attività lavorative, nel comparto edile e industriale, presentano situazioni di rischio per caduta dall’alto. Queste attività rientrano nella definizione di lavori in quota, secondo il D.Lgs 81/08: “Attività lavorativa...
Scopri di più
Il modello 231 deve codificare l’iter per le segnalazioni di illeciti
Gran parte del dibattito sulla nuova legge dedicata al whistleblowing (la 179/2017) è stato polarizzato dalle questioni ideologiche che la legge pone. È arrivato il momento, però, di chiedersi che...
Scopri di più
Macchine e Marcatura CE – Parte 2
Riprendiamo da dove avevamo lasciato (per chi non avesse letto l’articolo precedente invitiamo a farlo cliccando sul seguente link) e passiamo ora a prendere in considerazione due aspetti fondamentali legati...
Scopri di più
Stabili gli infortuni sul lavoro
Poco al di sopra delle 641 mila le denunce di infortuni sul lavoro pervenute all’Inail nel corso del 2017 (una cifra “sostanzialmente in linea” con quella rilevata nel 2016, con...
Scopri di più
Gli infortuni nell’allevamento di bufale
Il comparto dell’agricoltura, che comprende il settore zootecnico, evidenzia ancora oggi, rispetto ad altri comparti, i più alti indici di infortuni. Tra i vari settori, quello bufalino, relativo agli allevamenti...
Scopri di più
Macchine e Marcatura CE – Parte 1
Il quadro normativo Per promuovere il concetto di mercato aperto nell’area economica europea, tutti gli Stati membri sono tenuti ad adottare una legislazione che definisca i requisiti di sicurezza fondamentali...
Scopri di più
La responsabilità dell’amministratore di condominio
Prendiamo in esame una recente sentenza della Corte di Cassazione, relativa alla responsabilità di un amministratore di condominio in occasione di un incendio imputabile all’attività dell’appaltatore. La mancata verifica dell’idoneità...
Scopri di più
Attività di scavo: guida INAIL alla riduzione del rischio
INAIL ha aggiornato la Guida: "Riduzione del rischio nelle attività di scavo" ad uso dei datori di lavoro, responsabili tecnici e committenti. Una nuova edizione che aggiorna quella del 2003,...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X