Sicurezza, prevale l’attività svolta

L’individuazione dei soggetti destinatari degli obblighi sanciti dalle norme di prevenzione contro gli infortuni e sull’igiene del lavoro deve tener conto delle funzioni esercitate in concreto, le quali, pertanto, prevalgono rispetto alla carica attribuita al soggetto, ossia alla sua funzione formale. È questo uno dei principi espressi dalla Corte di cassazione nella sentenza 14352/2018, con la quale ha confermato la sentenza di condanna nei confronti di un datore di lavoro, direttore del cantiere edile, responsabile di omicidio colposo nei confronti di un operaio che è stato investito dal crollo della parete dello scavo in cui si era introdotto. I capi di imputazione riguardavano la mancata dotazione al lavoratore dei dispositivi individuali di protezione e alla mancata fornitura di appropriate istruzioni, anche in riferimento al divieto di accesso allo scavo. Con un primo ricorso, sempre per Cassazione, è stata annullata la sentenza in quanto il giudice di merito “aveva fatto confusione sulle diverse figure del delegato” non avendo detto chiaramente quali fossero le posizioni di garanzia, tra datore di lavoro e preposto e non avendo tenuto conto della giurisprudenza della stessa Corte secondo cui il preposto e il datore di lavoro hanno due posizioni di garanzia distinte e concorrenti.

Qualora poi vi siano più titolari della posizione di garanzia, ciascuno è per intero destinatario dell’obbligo di tutela impostogli dalla legge, per cui l’omessa applicazione di una cautela antinfortunistica è addebitabile a ognuno dei titolari di tale posizione. Peraltro, soggiunge la Suprema Corte, l’individuazione dei destinatari degli obblighi sulla prevenzione infortuni sul lavoro deve fondarsi non già sulla qualifica rivestita, bensì sulla funzioni in concreto esercitate, che prevalgono, quindi, rispetto alla carica attribuita formalmente al lavoratore. Ciò comunque non esclude che gli obblighi di prevenzione possano essere trasferiti ad altri soggetti, a condizione che il relativo atto di delega, in base all’art. 15 del D.Lgs. 81/2008 (Testo unico sulla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro), riguardi un ambito ben definito e non l’intera gestione aziendale, che sia espresso ed effettivo, non equivoco e investa un soggetto qualificato per professionalità ed esperienza, che sia dotato dei relativi poteri di organizzazione, gestione, controllo e spesa, fermo restando, comunque, l’obbligo per il datore di lavoro di vigilare e di controllare che il delegato usi correttamente la delega secondo la prescrizione di legge. La sentenza aggiunge che l’efficacia della delega è subordinata all’esistenza di un atto traslativo dei compiti connessi alla posizione di garanzia del titolare, che sia connotato dai requisiti della chiarezza e della certezza, i quali possono sussistere a prescindere dalla forma impiegata, non essendo richiesta, per la sua validità, la forma scritta né ad substantiam, né ad probationem.

Ciò non toglie, tuttavia, che la delega delle funzioni, trattandosi di una causa di esclusione di responsabilità, deve essere dimostrata da chi delega e il cui atto non potrà che essere «espresso, univoco e certo» risultante, in tal caso, solo dalla forma scritta. Scelta obbligata. Anche se la legge non prevede tale obbligo, l’attribuzione delle responsabilità a un’altra persona deve avere forma scritta per essere dimostrabile.

Articolo tratto da Il Sole 24 Ore

Articoli correlati

Protezione dei dati, barra a dritta
Il nuovo regolamento Ue sulla protezione dei dati (Gdpr) entra in vigore venerdì prossimo, 25 maggio. E non ci sono possibilità di proroghe. Lo dice Giovanni Buttarelli, il Garante europeo...
Scopri di più
Raccolta differenziata, i sacchi trasparenti violano la privacy
L’estensione sul territorio nazionale del servizio di raccolta dei rifiuti “porta a porta” sta facendo aumentare la percentuale di raccolta differenziata con conseguente diminuzione dei rifiuti che finiscono in discarica,...
Scopri di più
Contro i rumori molesti basta la denuncia del singolo
Non serve che a denunciare il reato di «disturbo delle occupazioni e del riposo delle persone» (articolo 659 del Codice penale) sia una pluralità di persone: ne basta anche una...
Scopri di più
Gradualità nelle sanzioni privacy
Confindustria, Abi, Ania, Assonime e Confcommercio inviano due lettere a governo e garante in vista della scadenza del 25 maggio. Troppe incertezze mettono a rischio la compliance. Serve lo sblocco...
Scopri di più
Il decreto inviato a Camere e Authorithy
Il decreto legislativo che deve coordinare la privacy europea con quella nazionale può iniziare il proprio iter. Lo scorso 10 maggio Palazzo Chigi l’ha inviato al Parlamento e al Garante,...
Scopri di più
Sicurezza nei lavori, serve il responsabile
La corte di cassazione si è attivata per delineare la posizione di garanzia del committente privato, categoria in cui si inserisce il condominio, enucleando lo “statuto della committenza non qualificata”...
Scopri di più
Lavoro “sicuro”, premi alle imprese
Parola d’ordine, welfare declinato sulla salute e sicurezza dei lavoratori. Arriva dall’ Inail il nuovo bando destinato alle imprese “virtuose” che potranno accedere ai 250 milioni messi in palio per...
Scopri di più
Privacy, ecco il nuovo decreto
Punita l’acquisizione fraudolenta e la diffusione di ingenti dati personali; a 16 anni il consenso dei minori per la rete; la sanità perde l’obbligo del consenso e oblazione in vista...
Scopri di più
Le linee guida dei Garanti europei forniscono informazioni sulla Dpia
La valutazione di impatto privacy obbligatoria tutte le volte in cui il trattamento dei dati comporta rischi elevati per i diritti e le libertà delle persone. L’articolo 35 del regolamento...
Scopri di più
Privacy, rischi da valutare subito
Sono tenuti a redigere la “valutazione di impatto privacy” (la sigla inglese è Dpia: data privacy impact assessment) i datori di lavoro che: sono in possesso di dati sensibili di...
Scopri di più
Spiare l’e-mail è controllo a distanza
Con il provvedimento 53/2018 il Garante della privacy pone un freno alla prassi di molti datori di lavoro di conservare in modo massivo le e-mail scambiate dai dipendenti attraverso gli...
Scopri di più
Telecamere in azienda: visione “in diretta” solo in casi eccezionali
Installazione di impianti audiovisivi facilitata, anche se le aziende devono fare i conti con la vecchia modulistica. La circolare 5/2018 dell’ispettorato nazionale del lavoro (Inl) segna un’apertura rispetto al passato,...
Scopri di più
Licenziato chi abbandona il posto
La Cassazione, con la sentenza 9121/18 dello scorso 12 aprile, si pronuncia sul concetto di “abbandono del posto di lavoro”. Il fatto è semplice: un vigilantes, addetto al piantonamento fisso...
Scopri di più
Informativa chiara al lavoratore sui dati raccolti
L’entrata in vigore, il 25 maggio, del nuovo regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (2016/679) avrà un impatto anche sugli adempimenti informativi delle aziende per il controllo a distanza...
Scopri di più
“Consigliato” il responsabile dati
La nomina di un DPO (Data Protection Officer, in italiano RPD, Responsabile per la Protezione dei Dati), che secondo il regolamento europeo non è obbligatoria per tutti, è “raccomandata” dal...
Scopri di più
Sicurezza, prevale l’attività svolta
L’individuazione dei soggetti destinatari degli obblighi sanciti dalle norme di prevenzione contro gli infortuni e sull’igiene del lavoro deve tener conto delle funzioni esercitate in concreto, le quali, pertanto, prevalgono...
Scopri di più
Con la ripresa ritorna l’infortunio
A dieci anni dall’approvazione del Testo unico di salute e sicurezza sul lavoro (risultato della combinazione delle disposizioni dei decreti legislativi n. 81/2008 e n. 106/2009), che continua ad essere...
Scopri di più
Morti da amianto, tutti assolti in Corte d’appello
Per la Corte d’appello di Torino, “il fatto non sussiste”. E così le condanne in primo grado inflitte alla prima linea dell’Olivetti dalla fine degli anni ottanta al 2000 per...
Scopri di più
Gestione dei rifiuti targata UE
Rettifica dell’elenco europeo dei rifiuti, attraverso la modifica di oltre 30 codici, e indicazioni per effettuare la classificazione dei residui, con un’attenzione rivolta a quelli potenzialmente pericolosi. Arrivano entrambi nei...
Scopri di più
Antincendio in base all’altezza
Misure antincendio proporzionali all’altezza dei condomini. Negli edifici fino a 24 m di altezza antincendio, i responsabili dell’attività antincendio devono identificare le misure standard e informare gli occupanti sui comportamenti...
Scopri di più
{"slides_column":"3","slides_scroll":"1","dots":"false","arrows":"true","autoplay":"true","autoplay_interval":"2500","speed":"1200","rtl":"false","loop":"true","design":"design-22"}
Powered by WishList Member - Membership Software
X