Linee guida e buone prassi: le misure di sicurezza nell’uso delle scale

Il rischio di caduta dall’alto nei lavori edili rappresenta la modalità di accadimento di infortunio che, con maggiore frequenza, genera infortuni gravi e mortali. E se diverse ricerche attribuiscono alla caduta dall’alto, rispetto al totale degli infortuni gravi, una percentuale che varia dal 30 al 40%, una grande parte di incidenti con danno grave sono correlati all’utilizzo delle scale portatili. È dunque importante che nel comparto delle costruzioni edili siano messe in atto precise strategie di prevenzione delle cadute dall’alto fornendo precise indicazioni sull’idoneo utilizzo delle scale portatili. Per favorire la diffusione di queste informazioni, focalizziamo l’attenzione su alcuni documenti che in questi anni hanno fornito nel nostro paese buone prassi, indirizzi operativi, indicazioni per la sicurezza e che costituiscono ancora un utile punto di riferimento per lavoratori e aziende.
Le linee guida per utilizzare le scale portatili
Un documento regionale che ha analizzato rischi e misure di prevenzione nell’utilizzo delle scale – approvato dalla Regione Lombardia con Decreto n. 1819 del 5 marzo 2014 – si intitola “Linee Guida per l’utilizzo di scale portatili nei cantieri temporanei e mobili”. Il documento, che sostituisce precedenti linee guida approvate dalla Regione Lombardia, vuole fornire ai diversi soggetti operanti in cantiere uno strumento semplice ed operativo da consultare nel corso delle diverse tipologie del lavori che di volta in volta richiedono l’utilizzo di scale portatili. È presente non solo una parte generale (definizioni, riferimenti normativi, misure generali di sicurezza, concetti di base in materia di sorveglianza sanitaria, …), ma anche una parte specifica in forma di “schede di attività” riguardanti undici diversi utilizzi in cantiere delle scale portatili. Attrezzature di lavoro che possono essere, come indicato nel documento:
  1. scale semplici di appoggio: “scala che, quando è pronta per l’uso, appoggia la parte inferiore sul terreno e la parte superiore su una superficie verticale, non avendo un proprio sostegno. Può essere ad un solo tronco ovvero a più tronchi innestabili o sfilabili”;
  2. scale doppie: “scala auto stabile, che quando è pronta per l’uso, si sostiene da sé, appoggiando i due tronchi sul terreno, permettendo la salita, a seconda della tipologia, da un lato oppure da entrambi”;
  3. scale a castello: “scala autoportante con solida base di appoggio, con un tronco di salita dotato di corrimano, e con ampia piattaforma di stazionamento dotata su tre lati di parapetto normale”.

Le misure generali di sicurezza nell’uso delle scale

Il documento riporta precise misure generali di sicurezza in riferimento alle prassi da mettere in atto prima dell’uso, nel posizionamento, durante e dopo l’uso. Ci soffermiamo in particolare sul posizionamento della scala:

  1. “la scala deve essere posizionata secondo modalità riconducibili al manuale d’uso e manutenzione;
  2. deve essere maneggiata con cautela per evitare il rischio di schiacciamento delle mani o degli arti;
  3. i gradini o i pioli devono sempre mantenere l’orizzontalità;
  4. la scala deve appoggiare su una superficie regolare, fissa, non scivolosa, stabile e non cedevole. Ove previsto deve essere adeguatamente vincolata al piano d’appoggio;
  5. le scale dotate di piedini regolabili in altezza, possono essere posizionate su piani inclinati, e regolate in modo che il piolo o gradino mantenga sempre l’orizzontalità. In ogni caso, occorre verificare che il primo gradino o piolo sia posto a una distanza massima di 315 mm dal piano di appoggio. Il piano di appoggio deve essere facilmente raggiungibile;
  6. nel caso di posizionamento della scala su impalcato occorre tenere conto del rischio aggravato di caduta dall’alto, ed adottare le relative idonee misure di sicurezza;
  7. la scala deve sempre appoggiare sui propri tappi/piedini. È vietato l’appoggio sul gradino o sul piolo;
  8. la scala deve essere posizionata valutando i rischi di collisione con veicoli, porte, pedoni, lontano da linee elettriche nude, da aperture nel vuoto, elementi metallici contundenti (ferri di chiamata recinzioni, ecc) fonti di calore e/o fumi. La sua collocazione deve tener conto della presenza di rischi legati alle condizioni meteorologiche;
  9. l’area sottostante alla scala deve essere segregata; nella fase di posizionamento, occorre delimitare l’area delle operazioni;
  10. i meccanismi di chiusura/blocco della scala devono essere in posizione corretta, secondo il manuale d’uso e manutenzione;
  11. qualora la sicurezza dell’attrezzatura di lavoro dipenda dalle condizioni di installazione, eseguire il controllo iniziale prima della messa in esercizio (primo utilizzo)”.
    Sono indicate poi specifiche indicazioni per le scale semplici di appoggio, le scale doppie e le scale a castello.

Indicazioni per le scale semplici di appoggio:

  1. “gli appoggi alla sommità devono aderire entrambi ad una superficie piana, regolare, fissa, non scivolosa, stabile e non cedevole, ed ove previsto deve essere adeguatamente vincolata;
  2. la scala deve essere posizionata in modo appropriato, con un’inclinazione corretta ossia per le scale a gradini tra 60° e 70°; per le scale a pioli tra 65° e 75°”.
  3. nel caso l’appoggio superiore della scala avvenga lungo i montanti, è vietato utilizzare i pioli/gradini posti al disopra dell’appoggio;
  4. la sporgenza della scala rispetto al punto di appoggio deve essere inferiore alla metà della lunghezza totale della scala;
  5. per le scale utilizzate per l’accesso al piano, l’ultimo piolo utile deve distare non più di 315 mm dal piano di sbarco, e deve essere assicurata una presa idonea ad 1 m oltre il piano d’arrivo. Un piolo per essere considerato utile deve sempre distare almeno 150 mm dalla parete;
  6. per le scale telescopiche con cerniere lo snodo deve trovarsi sul lato opposto alla salita/discesa”.
  7. indicazioni per le scale doppie e a castello:
  8. “devono essere sempre aperte completamente”;
  9. “non posso essere utilizzate per gli accessi ai piani”.

Cosa fare durante l’uso della scale portatili

Sono poi riportate le misure generali da mettere in atto durante l’uso delle scale portatili:

  1. “se si opera ad altezza superiore a 2 m, utilizzare un adeguato dispositivo di tenuta del corpo che mantenga la persona all’interno dei montanti, con un cordino di posizionamento il quale deve essere sempre mantenuto in tensione durante il lavoro;
  2. la scala non deve essere sovraccaricata oltre la portata massima prevista dal costruttore;
  3. il rispetto dei requisiti sia di sicurezza che di ergonomia comporta l’indicazione di lavorare solo su scale a gradini, posizionando i piedi sullo stesso gradino;
  4. durante la salita e la discesa, si deve procedere sempre con il viso rivolto verso la scala, mantenendo il proprio baricentro all’interno dei montanti della scala;
  5. le scale devono essere utilizzate in modo da consentire ai lavoratori di disporre in qualsiasi momento di un appoggio e di una presa sicuri; in particolare, il trasporto a mano di pesi su una scala non deve precludere una presa sicura;
  6. la scala non deve essere utilizzata come ponte, piano di lavoro o montante di piani di lavoro. Deve essere utilizzata da una sola persona;
  7. occorre lavorare sempre in posizione frontale alla scala, evitando lavori ingeneranti spinte laterali della scala;
  8. nei casi in cui non è possibile vincolare la scala, deve essere garantita l’assistenza a terra di una seconda persona;
  9. durante l’esecuzione dei lavori, una persona deve esercitare da terra una continua vigilanza della scala;
  10. gli utensili e gli attrezzi manuali in uso devono essere vincolati per impedirne la caduta accidentale;
  11. gli utilizzatori della scala non devono indossare indumenti che rischino di impigliarsi;
  12. anche nei casi in cui si dispone di un appoggio e di una presa sicura, gli addetti non devono operare sui due gradini superiori di una scala doppia senza piattaforma o barra di sostegno”.

Concludiamo ricordando che il documento riporta poi diverse schede, sull’utilizzo delle scale portatili in diverse attività:

  1. opere di scavo di pozzi, cunicoli, trincee ecc.;
  2. posizionamento di manufatti per il getto di pilastri e travature con successiva messa in opera di solai prefabbricati e non, ossia il cosiddetto ‘banchinaggio’;
  3. realizzazione dei pilastri in C.A.;
  4. superamento di dislivelli per passaggio da solaio a solaio;
  5. movimentazione di monoblocchi di cantiere quali baracche, casseri e ferri da armatura;
  6. lavori di assistenza ai fini della realizzazione di impianti;
  7. esecuzione e manutenzione di impianti;
  8. attività di smontaggio e smantellamento di strutture ed impianti (strip out);
  9. apertura e chiusura della copertura superiore degli automezzi telonati;
  10. esecuzione di finiture ed intonaci;
  11. posa e disarmo dei casseri di armatura.

Per approfondire l’argomento si rimanda alla lettura della linea guida!

Linee guida per l’utilizzo di scale portatili

Articoli correlati

Siti confinati, lavoro al sicuro
Non è ammesso il ricorso al subappalto, se non espressamente autorizzato dal datore di lavoro committente e debitamente certificato, in relazione alle attività lavorative che si svolgono in ambienti sospetti...
Scopri di più
La lettera di contestazione va letta
Il dipendente è tenuto ad accettare la consegna manuale di una contestazione disciplinare, se questa avviene sul luogo di lavoro; tuttavia la consegna non si perfeziona se un delegato dell’azienda...
Scopri di più
GDPR, poche le società pronte al test
Uno studio della società internazionale di consulenza Gartner rileva che solo quattro su dieci privacy manager ritengono le società di appartenenza preparate ad affrontare e governare il Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
La sicurezza giustifica un no
Il rifiuto di rendere la prestazione lavorativa richiede una valutazione comparativa. Infatti, affinché il dipendente possa legittimamente sottrarsi dall’obbligazione contrattuale, in caso di inosservanza da parte del datore di lavoro...
Scopri di più
Privacy, 90 adempimenti inutili
Manicomio privacy: oltre 90 adempimenti, per la maggior parte non codificati, e nessuna possibilità di mettersi al riparo da pesantissime sanzioni, anche impegnando tutta la diligenza possibile. Lo scorso 19...
Scopri di più
Verifica difficile della recidiva per lavoro irregolare e sicurezza
Ai fini della individuazione della recidiva, che determina il raddoppio delle maggiorazioni da applicarsi alle sanzioni in caso di violazioni in materia di lavoro irregolare (20% che diventa 40%) e...
Scopri di più
Scaffalature 4.0, bonus nel 2019 con l’integrazione della perizia
Il giuramento della perizia (indipendentemente dalla data di consegna di tale documento all’impresa) consente (in presenza di tutti gli altri requisiti richiesti) di iniziare a stanziare l’iper ammortamento. Questo principio...
Scopri di più
Premi Inail più cari nel 2019
Premi Inail poco più cari quest’anno. La rivalutazione degli importi dei limiti di retribuzione è dell’1,1% in base alla variazione dell’Istat ed eleva il minimale giornaliero da 48,20 (anno 2018)...
Scopri di più
Bando Isi, corsa contro il tempo
Operativa la prima fase del bando Isi 2018. Infatti, dall’11 aprile scorso fino alle 18:00 del 30 maggio 2019, le aziende interessate possono compilare e salvare telematicamente la propria domanda...
Scopri di più
Videocontrolli, iter senza bis
In caso di cambio della titolarità dell’impresa, non bisogna ripetere la procedura di accordo/autorizzazione per l’installazione di impianti audiovisivi o di altri strumenti per il controllo a distanza dei lavoratori....
Scopri di più
Prima verifica periodica autogrù, ecco come procedere
Ai sensi del dlgs 81/2008 e s.m.i., le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII devono essere sottoposte a verifiche periodiche al fine di verificare lo stato di conservazione e di...
Scopri di più
Agenti chimici pericolosi, opuscolo Inail, rischi, Testo Unico, Reach e Clp
Agenti chimici pericolosi. Questo il titolo di uno degli ultimi volumi pubblicati da Inail nella collana Salute e sicurezza. Un opuscolo con istruzioni per lavoratori e Rappresentati dei lavoratori per...
Scopri di più
Gli obblighi del primo soccorso: la classificazione delle aziende
Se il primo soccorso aziendale deve essere inteso come un processo integrato nel sistema di prevenzione e riduzione degli infortuni, “anche per il primo soccorso e per la redazione del...
Scopri di più
Rifiuti speciali pericolosi, cosa c’è da sapere
Il D.Lgs. n. 152/2006, cosiddetto "testo unico ambientale”, all'art. 184 distingue tra rifiuti urbani e rifiuti speciali. Questi ultimi, cioè i rifiuti prodotti da enti e imprese, si dividono a...
Scopri di più
Prevenzione incendi, nuova regola tecnica per impianti distribuzione idrogeno
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale (n. 257 del 6 novembre 2018) il decreto 23 ottobre 2018 del Ministero dell’Interno, recante “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio...
Scopri di più
Sorveglianza sanitaria: utilizzo dei dati collettivi e valutazione clinica
Per organizzare la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti al rischio da sovraccarico biomeccanico, la Regione Lombardia con Decreto regionale 21 dicembre 2017, n. 16750 - recante “Indirizzi per la sorveglianza...
Scopri di più
Rifiuti: cosa separa l’abusività dall’illecito?
Il reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, ora previsto e punito dall'art. 452-quaterdecies del codice penale (che ha sostituito senza modificazioni l'art. 260, D.Lgs. n. 152/2006)...
Scopri di più
Mud 2019, più dati alle CCIAA
Più tempo a enti e imprese per presentare alle Camere di commercio la dichiarazione ambientale Mud 2019, che potrà essere inoltrata fino al 22 giugno in luogo della più stretta...
Scopri di più
La conferma: abolito il Sistri…e ora Sistri 2.0 all’orizzonte?
Nelle prime settimane dello scorso dicembre è circolata una bozza di "decreto legge semplificazioni" che riporta una serie di novità in temi ambientali; due di queste si distinguevano, però, per...
Scopri di più
Rifiuti, torna l’onere per la tracciabilità
Il Governo incassa a Montecitorio la sua nona fiducia (sei alla Camera e tre al Senato) con 310 si, un astenuto e 245 no, su quello che a metà dicembre...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X