Spazi confinati, le 8 buone regole da seguire

Concludiamo l’articolo sulle buone pratiche di lavoro da applicare negli spazi confinati e iniziamo a vedere di seguito tutte le buone regole da seguire. Ricordiamo l’elenco completo delle buone pratiche spiegate nell’articolo:

  1. Valutazione dei rischi per gli spazi confinati;
  2. Assegnazione dei compiti;
  3. Procedura e Permesso di lavoro;
  4. Modalità d’accesso;
  5. Ventilazione;
  6. Controllo della qualità dell’aria;
  7. Idoneità, addestramento e formazione del personale;
  8. Organizzazione e gestione dell’emergenza.

5. Ventilazione

Per quanto riguarda la ventilazione, le buone pratiche consigliano quanto segue.

Il Supervisore dei lavori deve individuare preventivamente le modalità per assicurare una ventilazione salubre ed adeguata per l’accesso agli spazi confinati. La ventilazione naturale deve essere ritenuta accettabile dal supervisore dei lavori se:

  1. l’atmosfera dello spazio confinato non presenta potenziali pericoli;
  2. il test sulla salubrità dell’aria nello spazio confinato indica una qualità dell’aria accettabile prima della ventilazione meccanica;
  3. le attività lavorative da svolgere all’interno dello spazio confinato non sono in grado di provocare un cambiamento nelle condizioni di qualità dell’aria.

Il supervisore dei lavori, quando la ventilazione naturale non è efficace o non è presente, deve individuare misure preventive e protettive alternative per rimuovere i contaminanti dall’aria e proteggere gli accedenti. Quando si usano dispositivi meccanici (ventilatori) per la ventilazione nello spazio confinato devono essere costantemente rispettate le seguenti precauzioni:

  1. prima di ogni accesso devono essere effettuati almeno 10 ricambi completi d’aria;
  2. dopo aver effettuato i ricambi d’aria e prima di autorizzare l’accesso, devono essere di nuovo monitorati il tasso di O2 e la presenza degli inquinanti ambientali;
  3. deve essere mantenuto, durante l’attività, un valore minimo di 10 ricambi d’aria all’ora che va incrementato in funzione del numero di addetti operanti e dalla gravosità del lavoro da svolgere;
  4. rispettare costantemente il divieto di non bloccare un’apertura d’ingresso/uscita di uno spazio confinato con dispositivi per la ventilazione e relative condutture a meno che non sia disponibile un altro accesso per eventuali interventi di soccorso;
  5. le prese d’aria salubre del ventilatore devono essere protette da eventuali inquinanti come emissioni veicolari, fumi, polveri, aerosol, ecc.;
  6. le uscite dei dispositivi di ventilazione utilizzate per lo scarico sottovento devono essere posizionate a debita distanza da personale che opera all’esterno e da attrezzature di lavoro/impianti;
  7. collocare i sistemi di condutture estensibili, in modo da ridurre i contaminanti nei pressi delle zone in cui sono presenti altri lavoratori;
  8. se nonostante l’impianto di ventilazione, il tasso di O2 è inferiore al 19,5%, deve essere previsto l’uso dei DPI autorespiratori.

6. Controllo della qualità dell’aria

L’atmosfera dello spazio confinato, prima di ogni accesso, deve essere testata in modo quantitativo con uno strumento di lettura diretta in grado di fornire i valori di concentrazione degli inquinanti senza accedere allo spazio confinato. Il test quantitativo sull’atmosfera dello spazio confinato, deve prevedere il monitoraggio almeno dell’O2 e dei seguenti gas: CO, H2S e CH4. Prevedere il monitoraggio preventivo e periodico dell’O2,durante l’esecuzione dei lavori, in caso di presenza di gas inerti (Azoto-N, Elio-He, Argon-Ar, ecc.), all’interno di un recipiente di processo o perché utilizzati in precedenti interventi di bonifica.

In caso di possibile presenza di altre sostanze tossiche o asfissianti o infiammabili o esplosive, deve essere previsto il monitoraggio quantitativo continuo delle stesse con uno strumento di lettura diretta in grado di fornire i valori di concentrazione degli inquinanti senza accedere allo spazio confinato. Nei casi in cui sia possibile che si concretizzi un rischio di atmosfera pericolosa (ad esempio, quando si devono effettuare lavorazioni a caldo all’interno dello spazio confinato), deve essere effettuato un monitoraggio continuo ed una costante ventilazione meccanica per garantire che la qualità dell’aria si mantenga accettabile. Nello spazio confinato deve essere costantemente controllato che:

  1. il livello di ossigeno sia non inferiore al 19,5 % del volume e non superiore al 23,5% del volume;
  2. la concentrazione di gas combustibile non sia superiore al 10% del limite inferiore d’esplosione (LEL) di qualsiasi materiale combustibile presente nello spazio confinato;
  3. le concentrazioni di contaminanti tossici siano inferiori ai valori limiti di soglia indicati dall’ACGIH.

Rispettare sempre il divieto d’accesso in ambienti confinati con livelli di ossigeno inaccettabili (< 19,5% del volume), livelli di gas esplosivi superiori al 10% del LEL, o se la concentrazione di contaminanti tossici supera limiti di soglia indicati dall’ACGIH. Gli strumenti di monitoraggio utilizzati per la verifica della qualità dell’aria e delle concentrazioni d’inquinanti devono essere verificati, tarati e sottoposti a manutenzione secondo le procedure e le frequenze indicate dal produttore.

7. Idoneità, addestramento e formazione del personale

Per quanto riguarda l’idoneità, l’addestramento e la formazione del personale, le buone pratiche consigliano che:

  1. il personale accedente allo spazio confinato, i sorveglianti e gli addetti al soccorso siano in possesso di idoneità specifica alla mansione rilasciata dal medico competente;
  2. il personale accedente allo spazio confinato, i sorveglianti, gli addetti al soccorso ed i supervisori dei lavori siano stati addestrati e formati mediante appositi corsi di formazione, esercitazioni e simulazioni;
  3. l’addestramento e la formazione vengano effettuati prima dell’assegnazione iniziale del personale a compiti operativi legati agli spazi confinati e prima del cambiamento di mansioni nell’ambito delle attività relative agli spazi confinati;
  4. sia previsto uno specifico aggiornamento per tutto il personale coinvolto, inclusa una simulazione d’emergenza, con periodicità stabilita dall’azienda;
  5. sia prevista una formazione specifica aggiuntiva nel caso in cui si riscontrino nuovi pericoli negli spazi confinati o si riscontrino non conformità/deviazioni dalla procedura applicata.

Il personale accedente, i sorveglianti, i supervisori ed il personale di soccorso devono avere effettuato una formazione sufficiente ed adeguata:

  1. sui pericoli generici associati con gli spazi confinati e sulle modalità di accesso in questo tipo di ambienti;
  2. sulla tipologia e collocazione degli spazi confinati e dei pericoli specifici ad essi associati;
  3. sui metodi di comunicazione;
  4. sul sistema di autorizzazioni (Permesso di Lavoro) e sui requisiti procedurali per l’accesso agli ambienti confinati;
  5. sui doveri e sulle responsabilità dei vari membri del team di lavoro;
  6. sul riconoscimento dei sintomi di possibile sovraesposizione a contaminanti dell’aria o a carenza d’ossigeno;
  7. sugli strumenti di monitoraggio della qualità dell’aria;
  8. sul proprio ruolo nella risposta alle emergenze, sul corretto uso delle attrezzature di soccorso e sulla corretta esecuzione delle procedure di soccorso;
  9. sui metodi di ventilazione degli spazi confinati compreso il posizionamento, il funzionamento ed il mantenimento in efficienza dei dispositivi meccanici di ventilazione.

Il supervisore dei lavori, in particolare, deve aver effettuato una specifica formazione riguardo la metodologia per eseguire una corretta taratura ed utilizzo degli strumenti di monitoraggio della qualità dell’aria e per l’interpretazione dei risultati.

8. Organizzazione e gestione dell’emergenza

Il supervisore dei lavori, prima di autorizzare l’accesso ad uno spazio confinato deve aver individuato, reso disponibili ed indicati nel Permesso di Lavoro:

  1. i DPI indispensabili per l’accesso;
  2. i dispositivi per il testing quantitativo;
  3. le apparecchiature necessarie per la comunicazione tra tutti i soggetti coinvolti;
  4. le adeguate attrezzature per il soccorso in caso d’emergenza.

Il supervisore dei lavori, se nello spazio confinato non può essere esclusa la formazione di atmosfere esplosive o infiammabili ed esplosive, deve prevedere l’utilizzo esclusivo di attrezzature, utensili, sistemi d’illuminazione, ecc. adeguatamente protetti e non in grado di costituire un innesco. Le attrezzature per il soccorso in caso di emergenza devono essere ispezionate visivamente e messe a disposizione prima dell’accesso ed includono:

  1. cintura di sicurezza con bretelle e cosciali e relativo sistema di recupero (treppiedi, ecc.);
  2. estintore;
  3. luci d’emergenza;
  4. mezzo di segnalazione delle emergenze agli addetti al soccorso
  5. Il supervisore dei lavori, deve valutare preventivamente se, in caso d’emergenza sia:
    • necessario procedere all’arresto degli impianti posti nelle immediate vicinanze dell’area in cui si è verificata la situazione d’emergenza;
    • necessaria, in funzione della complessità dei lavori da eseguire nello spazio confinato, la presenza di personale esterno specialistico in grado di intervenire in caso d’emergenza.

Articoli correlati

Scavi a cielo aperto: le novità nella guida Inail 2018
Il termine “scavo” in edilizia indica qualunque asportazione di rocce e/o terra dall’originaria collocazione, necessaria alla creazione di splateamenti, cavità, di forme e dimensioni opportune, necessari per la realizzazione di...
Scopri di più
Inail: salute e sicurezza del personale hotel a bordo delle navi
La tutela della salute e sicurezza della cosiddetta ‘gente di mare’ passa anche attraverso una costante e capillare opera di divulgazione della cultura della prevenzione, finalizzata a rendere sempre più...
Scopri di più
La nuova guida Inail sui sistemi di protezione individuale contro il rischio di caduta dall’alto
Continuiamo a parlare di dispositivi di protezione, opere provvisionali e attrezzature utilizzate dai lavoratori nei cantieri edili attraverso la collana dell’Inail “Quaderni Tecnici per i cantieri temporanei o mobili” In...
Scopri di più
Ecco la guida NIST per la protezione dei dati personali
Il regolamento generale sulla protezione dei dati, recepito alla fine di agosto 2018, ha destato in molti titolari e responsabili del trattamento una elevata sensibilità alla protezione dei dati. Per...
Scopri di più
Il rischio biologico nel settore agro-zootecnico e forestale
Il settore agro-zootecnico continua a costituire in Italia una importante parte della realtà produttiva. In particolare “i dati dell’ultimo censimento dell’agricoltura indicano che nel 2010 in Italia esistevano poco più...
Scopri di più
Inail: utilizzo e classificazione dei trabattelli nei cantieri
Le linee guida di riferimento definiscono i trabattelli come “torri mobili costituite da elementi prefabbricati che presentano uno o più impalcati di lavoro e appoggiano a terra permanentemente su ruote”....
Scopri di più
Sicurezza negli scavi: l’uso di tecniche alternative di scavo
La prevenzione degli infortuni nel mondo del lavoro non è data solo dal rispetto della normativa in materia di sicurezza e dall’applicazione delle protezioni necessarie in presenza di rischi lavorativi,...
Scopri di più
La sicurezza nella sanificazione negli impianti di climatizzazione
Chiariamo subito che per sanificazione, si intende un’attività che ha l’obiettivo di rendere “sano” un oggetto o una superficie; nel caso degli impianti di climatizzazione la sanificazione prevede: la pulizia,...
Scopri di più
Come valutare il rischio microclima nei luoghi di lavoro
Il microclima è il complesso dei parametri climatici dell’ambiente nel quale un individuo vive o lavora. E l’interazione dell’individuo, del lavoratore, con l’ambiente termico che lo circonda “può dar luogo...
Scopri di più
Lavori su coperture e sicurezza: i requisiti dei sistemi di ancoraggio
I sistemi di ancoraggio nelle attività in copertura, usati congiuntamente ai sistemi di arresto caduta, devono impedire che i lavoratori cadano o, comunque, vadano ad impattare contro ostacoli o toccare...
Scopri di più
Riferimenti normativi e tipologie di scale portatili
Se negli ambienti di lavoro le cadute dall'alto rappresentano una delle cause più frequenti di infortuni gravi e mortali, molti di questi infortuni avvengono ancora per cadute da scale portatili,...
Scopri di più
La valutazione dei rischi nelle PLE
Come sappiamo sono molti gli elementi di cui tener conto per poter utilizzare in sicurezza una piattaforma di lavoro mobile elevabile (PLE). E sono molte le possibili cause di infortunio,...
Scopri di più
Privacy, i cittadini all’attacco
Poco più di 95 mila reclami da parte dei cittadini europei. È questo il primo bilancio reso noto dalla Commissione Ue a otto mesi dall’entrata in vigore, il 25 maggio...
Scopri di più
Sostanze chimiche, stretta Ue
Divieto di produzione, vendita e utilizzo di decine di sostanze pericolose e riformulazione dei criteri di classificazione, etichettatura e imballaggio di quelle, invece, ancora ammesse. Diversi sono gli obblighi previsti...
Scopri di più
Contro il rumore vale il diritto alla salute
L'articolo 1, comma 746 della legge 145/2018 ha introdotto il comma 1 bis all'articolo 6 ter della legge 13/2009, disponendo che «Ai fini dell'attuazione del comma 1, si applicano i...
Scopri di più
Non c’è privacy sui giudizi dell’azienda
Un dipendente può chiedere all’azienda l’accesso ai propri dati personali, anche quelli che non hanno carattere oggettivo: informazioni relative a “giudizi, opinioni o ad altri apprezzamenti di tipo soggettivo” contenute...
Scopri di più
Casa-lavoro con lo scudo Inail
Tutela Inail a 360 gradi contro gli infortuni sul lavoro. Comincia da casa, prosegue nel tragitto che conduce al lavoro, poi in fabbrica o ufficio, infine nel percorso di rientro...
Scopri di più
Scaffalature portanti dei magazzini 4.0 con accesso al bonus
Per i magazzini automatizzati interconnessi iperammortamento anche sul costo della scaffalatura metallica portante. Lo stabilisce, con disposizione che supera le difformi conclusioni della risoluzione 62/E/2018, l’articolo 3-quater, comma 4 del...
Scopri di più
Buste paga, privacy doc
Consulenti del lavoro da nominare responsabili esterni del trattamento dei dati personali quando trattano i dati dei dipendenti dei propri clienti. Il Garante della privacy, con una nota diretta al...
Scopri di più
Il committente è responsabile solidale per le retribuzioni non pagate
Responsabilità solidale stretta per il committente nei confronti dei lavoratori dei dipendenti dell’appaltatore. Con la sentenza 444/2019, la Suprema corte si è pronunciata sul regime della responsabilità solidale tra appaltatore...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X