Stress da lavoro: come ricaricare le batterie durante la pausa estiva

Per milioni di italiani le vacanze sono alle porte, per altri sono già passate mentre, per altri ancora, forse non sono mai iniziate. Quel che è certo è che le ferie dal lavoro serviranno per ricaricare le batterie. Si prova a staccare la spina e il cellulare per qualche giorno lasciandosi alle spalle lo stress accumulato durante l’inverno.
Quali sono le regole da osservare per tornare in forma psicofisica a settembre? “Innanzitutto occorre fare una premessa e chiarire il concetto di stress da lavoro. Ne parliamo in presenza di un eccessivo carico di attività, di scarso controllo delle cose da svolgere e degli obiettivi da raggiungere, di fatiche eccessive prolungata nel tempo – dichiara la dottoressa Daniela Tortorelli, psicologa e psicoterapeuta, componente direttivo nazionale della Società Italiana di Psocologia e Psicoterapia Relazionale – partendo da qui, esistono due tipologie di stress. Una positiva, detta eu-stress, secondo cui tutto sommato lavorare sotto pressione può essere soddisfacente se si raggiungono obiettivi prefissati. Quando, invece, le richieste sono prolungate nel tempo e perdiamo il controllo delle cose da fare subentra il di-stress, che è la forma negativa”. Ma in estate cosa succede? “Ovviamente arriviamo alla vigilia delle ferie in condizioni di grande fatica, quasi di di-stress e carichi di aspettative che nella realtà dei fatti se deluse possono creare seri problemi psicologici. Per la mia esperienza di psicoterapeuta, in estate e durante le vacanze in generale si amplifica molto l’umore di una persona, soprattutto quello di fondo in concomitanza di problemi clinici o relazionali. Viceversa, se un soggetto sta piuttosto bene l’estate può essere un gran bel momento”.
Quindi quali sono i consigli utili? “Sarebbe importante – aggiunge l’esperta, che è anche presidente e didatta della Scuola di Specializzazione C.S.A.P.R. di Prato – arrivare alle ferie con meno cose da fare in sospeso, sia se si tratti di lavoro che di faccende domestiche. Il consiglio numero uno è quello di scollegarsi del tutto. Meglio pochi giorni ma fatti bene. Inoltre, sarebbe molto utile fare qualcosa che ci appartiene sul serio non altre attività frutto di compromesso con il partner o fatto per compiacere gli altri”.
“E’ importantissimo, sottolinea, concedersi piccole gratificazioni quotidiane soprattutto in assenza di hobby. Fattore altrettanto decisivo per ricaricarsi nel modo giusto sono le relazioni: più sono soddisfacenti meglio è. E’ infatti dimostrato dal punto scientifico-clinico che ottime relazioni possono compensare anche situazioni economiche molto difficili. Infine: noi siamo corpo e mente, accanto alla seconda occorre curare anche il primo”. In che modo? “Con una dieta leggera e sana è un’attività fisica adeguata, dormire e cercare di ridere. Ridere, sorridere e stare di buon umore aiutano tantissimo”.
Per la professoressa Katherine Esposito, ordinario di endocrinologia e malattie del metabolismo all’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, “Lo stress legato all’attività lavorativa quotidiana in grado di interferire con alcuni dei nostri ritmi ormonali fisiologici e in particolare con quello del cortisolo, l’ormone che produciamo insieme all’adrenalina nelle situazioni di ansia e agitazione. Un eccesso cronico persistente di cortisolo predispone, con il tempo, allo sviluppo di importanti complicanze metaboliche e cardiovascolari”.
Quali sono le sue indicazioni? “Durante il periodo di riposo estivo, occorre adottare stili di vita che riducano lo stress e aiutino il nostro organismo a ristabilire i propri equilibri ormonali. Sarà importante prestare attenzione all’alimentazione, anche quando si soggiorna in albergo e sono frequenti le tentazioni, così come è sconsigliabile saltare i pasti o seguire diete troppo stringenti: verdura e frutta sono buoni compagni della nostra tavola in estate, soprattutto se fanno da contorno ai primi piatti basati su insalate di cereali o di pasta/riso integrale o a secondi piatti leggeri che prevedano il pesce o le carni magre. Mantenere una dieta equilibrata ci permette infatti di evitare le abbuffate pericolose quando si è predisposti al diabete o si è affetti da tale patologia, e favorire i processi digestivi anche durante i periodi nei quali l’attività fisica è più frequente e duratura, come al mare o in montagna”.
L’attività fisica? “È buona norma astenersi dal fare sport o esercizio fisico intensi se non si è allenati, e, in generale, di fare sport all’aperto nelle ore più calde: meglio svolgere attività fisica al mattino o nel tardo pomeriggio, dopo il tramonto, avendo cura di integrare le perdite di liquidi bevendo molto. Concedersi un sonno ristoratore di almeno otto ore per notte aiuta i nostri orologi biologici a risintonizzarsi e allontana il rischio di patologie come il diabete, le malattie cardiovascolari e i disturbi dell’umore”, avverte la professoressa. “Nel complesso, dunque, mantenere anche in estate uno stile di vita salutare fortifica il corpo e lo spirito, orientandosi verso un pensiero positivo in grado di accompagnarci lungo le prove del quotidiano: per dirla con Seneca, “è l’animo che deve cambiare, non il cielo sotto cui si vive”.

Articolo tratto a ItaliaOggi

Articoli correlati

Sulla non responsabilità per gli infortuni del direttore di stabilimento
L’insegnamento che discende dalla lettura di questa sentenza della Corte di Cassazione è che la mera sussistenza di una posizione di garanzia non sempre è da sola sufficiente a giustificare...
Scopri di più
La prevenzione diventa «4.0» con la spinta delle tecnologie
Un elmetto “intelligente” in grado di interagire con le macchine, e di avvisare, con un segnale luminoso sonoro, di un possibile rischio per il lavoratore, impedendogli così di entrare in...
Scopri di più
RLS, la dimenticanza costa cara
Troppo cara la gestione della “rappresentanza” dei lavoratori sulla sicurezza. Per una facoltà dei lavoratori (la designazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, gli RLS, è una facoltà dei...
Scopri di più
Interpello n. 5/2018 – Dispositivo vigilante a bordo dei mezzi ferroviari
Con l’interpello n. 5/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce chiarimenti in merito al modulo di condotta dei macchinisti e all’installazione del dispositivo vigilante a...
Scopri di più
Sulle posizioni di garanzia del committente e del responsabile dei lavori
Più volte le sentenze della Corte di Cassazione sono intervenute in questi anni sulle responsabilità e sulla posizione di garanzia dei committenti di lavori edili e dei responsabili dei lavori....
Scopri di più
Gps sotto il segno della privacy
Fornitura di apparecchi elettronici in linea con la privacy. Chi vende prodotti e sistemi deve preoccuparsi della conformità alle regole sulla protezione dei dati. Le norme del Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
Inail: sicurezza e valutazione del rischio nella diagnostica per immagini
Nell’ambiente ospedaliero i rischi professionali per i vari operatori impegnati in attività sanitarie comprendono sia i rischi convenzionali legati all’ambiente lavorativo che i rischi specifici derivanti dalle specifiche attività sanitarie...
Scopri di più
Linee guida e buone prassi: carrelli semoventi a braccio telescopico
Sono tanti i documenti che in questi ultimi anni hanno fornito precise indicazioni per migliorare la sicurezza nell’utilizzo di molte attrezzature di lavoro e che hanno presentato buone prassi e...
Scopri di più
Interpello n. 4/2018 – Salute e sicurezza nell’alternanza scuola-lavoro e nei tirocini formativi
Con l’interpello n. 4/2018, la Commissione in materia di salute e sicurezza sul lavoro fornisce il proprio parere in merito all’applicazione della normativa sulla sicurezza sul lavoro, nel caso di...
Scopri di più
La vigilanza sul fatto che il preposto vigili
Come noto, la vigilanza spetta al preposto come “compito non esclusivo ma sussidiario, spettando anzitutto al datore di lavoro e ai dirigenti” (Cass. Pen. 23 luglio 1997 n.7245). La legge...
Scopri di più
PLE col gancio prossimo step
Lo spettacolo continua: a poca distanza dall’entrata in vigore dell’aggiornamento A1: 2015 avremo presto disponibile l’anteprima di quest’ennesima revisione, arricchita con nuovi e importanti contenuti. Una novità fra le più...
Scopri di più
Forniture a prova di privacy
Forniture in linea con la privacy. I prodotti/servizi forniti a imprese e P.A. devono essere progettati e configurati in base ai principi della privacy fin dalla progettazione (“by design”) e...
Scopri di più
Interpello n. 3/2018: Pubblica sicurezza – Valutazione dei rischi e luogo di lavoro
Con l’interpello n. 3/2018, la Commissione salute e sicurezza del Ministero del Lavoro fornisce alcuni chiarimenti in merito agli adempimenti discendenti dal D.Lgs. 81/2008 per gli agenti di pubblica sicurezza....
Scopri di più
Il mantenimento delle condizioni di sicurezza delle PLE
L’utilizzo delle piattaforme mobili elevabili per l’esecuzione di lavori in quota in tutti gli ambiti lavorativi, unitamente alla disponibilità sul mercato per l’acquisto e il noleggio di varie tipologie e...
Scopri di più
Le “autorizzazioni generali” al vaglio del Garante privacy
Sulla tavola della protezione dei dati personali sono state molte le primizie da assaporare negli ultimi tempi: gli strumenti della riforma Ue, comprensiva del regolamento generale e della direttiva per...
Scopri di più
In Gazzetta il riordino delle regole sulla privacy
Il decreto che coordina la vecchia normativa nazionale sulla protezione dei dati personali con il nuovo regolamento sulla privacy entrerà in vigore il prossimo 19 settembre. È l’effetto della pubblicazione...
Scopri di più
Privacy, valutazione fai-da-te
Una valutazione di impatto privacy per tutto. Serve per giustificare l’allungamento del periodo di conservazione dei dati per il marketing e la profilazione della clientela, per la videosorveglianza, per l’istallazione...
Scopri di più
L’evoluzione dei dispositivi di sicurezza nelle PLE
Sono trascorsi ormai 17 anni dalla prima pubblicazione della EN280 (2001) che, con la versione del 2013 e successivamente con la 2015, ha modificato molti aspetti legati alla sicurezza, introducendo...
Scopri di più
I suggerimenti dell’Inail per una alimentazione corretta sui luoghi di lavoro
Le malattie croniche non trasmissibili uccidono nel mondo circa 40 milioni di persone ogni anno (pari al 70% dei decessi), l’86% dei decessi in Europa; sono patologie che di frequente...
Scopri di più
Privacy, bella e impossibile
Se è vero che la gestione dei dati è il petrolio del prossimo futuro, la sua tutela dovrebbe essere una priorità per i legislatori. Invece fa acqua da tutte le...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X