Telecamere, salvo chi si adegua

La corretta e tempestiva ottemperanza alla “prescrizione obbligatoria” dell’ispettore estinguere il reato. Infatti, sfugge alla pena dell’arresto o dell’ammenda quel datore di lavoro che, una volte installate telecamere senza accordo sindacale né autorizzazione dell’ispettorato, si è immediatamente adeguato all’ordine degli ispettori impartito con la prescrizione obbligatoria (rimozione delle telecamere o sottoscrizione accordo o richiesta autorizzazione). A stabilirlo è la sentenza n. 38884/2018 della Corte di cassazione. Nella pronuncia, la Corte afferma che la “prescrizione obbligatoria” (procedura di estinzione dei reati prevista dal Dlgs n. 124/2004) trova applicazione:
  1. anche nel nuovo regime sanzionatorio (post modifiche Jobs act, ex Dlgs n. 151/2015) per l’uso di impianti audiovisivi per finalità di controllo dei lavoratori;
  2. anche a reati istantanei già perfezionatisi o a casi per cui ci sia stata una spontanea regolarizzazione di pregresse violazioni.

Le vie per “regolarizzare”
La prescrizione obbligatoria è una delle vie previste dalla legge (a disposizione degli ispettori) per invitare (o meglio, intimare) la regolarizzazione delle violazioni a quei datori di lavoro, per i quali siano state riscontrate irregolarità. La prima è la “diffida obbligatoria”, applicabile nel caso in cui venga constatata l’inosservanza di norme di legge o del contratto collettivo in materia di lavoro e legislazione sociale, da cui derivano sanzioni amministrative. L’emanazione della diffida è condizione di procedibilità per l’irrogazione delle relative sanzioni; non è impugnabile in quanto non produce effetti lesivi; e la sua adozione interrompe i termini per la presentazione dei ricorsi al direttore della sede territoriale dell’Ispettorato e al comitato per i rapporti di lavoro fino alla scadenza del termine per compiere gli adempimenti in ottemperanza (in genere 30 giorni).
La seconda via è la “diffida accertativa per crediti patrimoniali”, applicabile quando vengono accertati i crediti retributivi derivanti dalla non corretta applicazione dei contratti individuali e collettivi di lavoro. La terza via è la “disposizione”, cui possono far ricorso gli ispettori quando ci sono norme per le quali è ammesso un apprezzamento discrezionale.

Prescrizione obbligatoria
È la quarta via di regolarizzazione, alla quale l’ispettore può ricorrere qualora rilevi violazioni di carattere penale, punite con la pena alternativa dell’arresto o ammenda (come nell’ipotesi dell’istallazione delle telecamere) o con la sola ammenda.
Con la prescrizione obbligatoria l’ispettore impartisce al datore di lavoro contravventore, apposito “ordine” con un termine per la regolarizzazione che può essere prorogato a richiesta del contravventore, per la particolare complessità o per l’oggettiva difficoltà dell’adempimento.
Il verbale che accerta la sussistenza di una condotta sanzionata penalmente e contiene una prescrizione obbligatoria costituisce atto di polizia giudiziaria e, pertanto, non può essere impugnato di fronte all’autorità giudiziaria amministrativa, ma costituisce oggetto di indagine da parte del giudice penale.

Le novità della Cassazione
La sentenza n. 38884/2018 è stata emessa dalla Corte di cassazione in merito alla validità di un provvedimento di prescrizione obbligatoria impartito, nel corso di un’ispezione, a carico di una ditta per aver installato illecitamente degli impianti audiovisivi (telecamere), idonei per la loro collocazione a controllare a distanza l’attività dei lavoratori dipendenti.
La disciplina sugli impianti di controllo (art. 4, legge n. 300/1970) è stata oggetto di modifiche da parte del Dlgs n. 151/2015 (riforma Jobs act). La Corte spiega che, anche a seguito dell’abrogazione degli artt. 4 e 38 della legge n. 300/1970, costituisce reato l’uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, in quanto sussiste continuità normativa tra l’abrogata fattispecie e quella attualmente prevista (dall’art. 171 in relazione all’art. 114 del Dlgs n. 196/2003, come rimodulata dall’art. 23 del Dlgs n. 151/2015), avendo la normativa sopravvenuta mantenuto integra la disciplina sanzionatoria per la violazione del citato art. 4. Dunque, salvo che il fatto non costituisca più grave reato, la sanzione è l’ammenda da 154 a 1.549 euro oppure l’arresto da 15 giorni fino a un anno, con applicazione di entrambe le pene (sia ammenda sia arresto) nei casi più gravi e ferma la possibilità, per il giudice, di quintuplicare l’ammenda (facendola quindi arrivare a 7.745 euro) qualora dovesse ritenerla inefficace negli importi ordinari, in base alle condizioni economiche del datore di lavoro.
Prima della riforma Jobs act, la disciplina della prescrizione obbligatoria stabiliva che, qualora durante il periodo di tempo fissato dall’ispettore con l’atto di prescrizione obbligatoria, fosse stato siglato l’accordo sindacale ovvero rilasciata l’autorizzazione dall’ispettorato del lavoro, l’ispettore avrebbe potuto ammettere “il contravventore a pagare in sede amministrativa, nel termine di 30 giorni, una somma pari al quarto del massimo dell’ammenda stabilita per la contravvenzione commessa” (art. 21, Dlgs n. 758/1994).
Tale disciplina “dell’estinzione in via amministrativa”, secondo la Corte di cassazione, trova applicazione (e particolare favore per il datore di lavoro) anche nel vigente assetto normativo; e deve ritenersi che la procedura di estinzione trovi applicazione anche quando si tratti di reati istantanei già perfezionatisi o di già avvenuta, spontanea, regolarizzazione delle pregresse violazioni. La prescrizione si applica, cioè, non soltanto quando l’inadempienza può essere sanata, ma anche nelle ipotesi di reato a “condotta esaurita”, vale a dire nei reati istantanei, con o senza effetti permanenti, nonché in fattispecie in cui il reo abbia autonomamente provveduto all’adempimento degli obblighi di legge sanzionati precedentemente all’emanazione della prescrizione.

Le vie per regolarizzare

IpotesiProvvedimento degli ispettori
Violazioni con sanzioni amministrativeDiffida obbligatoria
Mancato pagamento di crediti retributiviDiffida accertativa per crediti patrimoniali
Situazioni “discrezionali” per gli ispettoriDisposizione
Violazioni di carattere penalePrescrizione obbligatoria

Articolo tratto da ItaliaOggi

Articoli correlati

Siti confinati, lavoro al sicuro
Non è ammesso il ricorso al subappalto, se non espressamente autorizzato dal datore di lavoro committente e debitamente certificato, in relazione alle attività lavorative che si svolgono in ambienti sospetti...
Scopri di più
La lettera di contestazione va letta
Il dipendente è tenuto ad accettare la consegna manuale di una contestazione disciplinare, se questa avviene sul luogo di lavoro; tuttavia la consegna non si perfeziona se un delegato dell’azienda...
Scopri di più
GDPR, poche le società pronte al test
Uno studio della società internazionale di consulenza Gartner rileva che solo quattro su dieci privacy manager ritengono le società di appartenenza preparate ad affrontare e governare il Regolamento Ue sulla...
Scopri di più
La sicurezza giustifica un no
Il rifiuto di rendere la prestazione lavorativa richiede una valutazione comparativa. Infatti, affinché il dipendente possa legittimamente sottrarsi dall’obbligazione contrattuale, in caso di inosservanza da parte del datore di lavoro...
Scopri di più
Privacy, 90 adempimenti inutili
Manicomio privacy: oltre 90 adempimenti, per la maggior parte non codificati, e nessuna possibilità di mettersi al riparo da pesantissime sanzioni, anche impegnando tutta la diligenza possibile. Lo scorso 19...
Scopri di più
Verifica difficile della recidiva per lavoro irregolare e sicurezza
Ai fini della individuazione della recidiva, che determina il raddoppio delle maggiorazioni da applicarsi alle sanzioni in caso di violazioni in materia di lavoro irregolare (20% che diventa 40%) e...
Scopri di più
Scaffalature 4.0, bonus nel 2019 con l’integrazione della perizia
Il giuramento della perizia (indipendentemente dalla data di consegna di tale documento all’impresa) consente (in presenza di tutti gli altri requisiti richiesti) di iniziare a stanziare l’iper ammortamento. Questo principio...
Scopri di più
Premi Inail più cari nel 2019
Premi Inail poco più cari quest’anno. La rivalutazione degli importi dei limiti di retribuzione è dell’1,1% in base alla variazione dell’Istat ed eleva il minimale giornaliero da 48,20 (anno 2018)...
Scopri di più
Bando Isi, corsa contro il tempo
Operativa la prima fase del bando Isi 2018. Infatti, dall’11 aprile scorso fino alle 18:00 del 30 maggio 2019, le aziende interessate possono compilare e salvare telematicamente la propria domanda...
Scopri di più
Videocontrolli, iter senza bis
In caso di cambio della titolarità dell’impresa, non bisogna ripetere la procedura di accordo/autorizzazione per l’installazione di impianti audiovisivi o di altri strumenti per il controllo a distanza dei lavoratori....
Scopri di più
Prima verifica periodica autogrù, ecco come procedere
Ai sensi del dlgs 81/2008 e s.m.i., le attrezzature di lavoro elencate nell’allegato VII devono essere sottoposte a verifiche periodiche al fine di verificare lo stato di conservazione e di...
Scopri di più
Agenti chimici pericolosi, opuscolo Inail, rischi, Testo Unico, Reach e Clp
Agenti chimici pericolosi. Questo il titolo di uno degli ultimi volumi pubblicati da Inail nella collana Salute e sicurezza. Un opuscolo con istruzioni per lavoratori e Rappresentati dei lavoratori per...
Scopri di più
Gli obblighi del primo soccorso: la classificazione delle aziende
Se il primo soccorso aziendale deve essere inteso come un processo integrato nel sistema di prevenzione e riduzione degli infortuni, “anche per il primo soccorso e per la redazione del...
Scopri di più
Rifiuti speciali pericolosi, cosa c’è da sapere
Il D.Lgs. n. 152/2006, cosiddetto "testo unico ambientale”, all'art. 184 distingue tra rifiuti urbani e rifiuti speciali. Questi ultimi, cioè i rifiuti prodotti da enti e imprese, si dividono a...
Scopri di più
Prevenzione incendi, nuova regola tecnica per impianti distribuzione idrogeno
Pubblicata in Gazzetta Ufficiale (n. 257 del 6 novembre 2018) il decreto 23 ottobre 2018 del Ministero dell’Interno, recante “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio...
Scopri di più
Sorveglianza sanitaria: utilizzo dei dati collettivi e valutazione clinica
Per organizzare la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti al rischio da sovraccarico biomeccanico, la Regione Lombardia con Decreto regionale 21 dicembre 2017, n. 16750 - recante “Indirizzi per la sorveglianza...
Scopri di più
Rifiuti: cosa separa l’abusività dall’illecito?
Il reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, ora previsto e punito dall'art. 452-quaterdecies del codice penale (che ha sostituito senza modificazioni l'art. 260, D.Lgs. n. 152/2006)...
Scopri di più
Mud 2019, più dati alle CCIAA
Più tempo a enti e imprese per presentare alle Camere di commercio la dichiarazione ambientale Mud 2019, che potrà essere inoltrata fino al 22 giugno in luogo della più stretta...
Scopri di più
La conferma: abolito il Sistri…e ora Sistri 2.0 all’orizzonte?
Nelle prime settimane dello scorso dicembre è circolata una bozza di "decreto legge semplificazioni" che riporta una serie di novità in temi ambientali; due di queste si distinguevano, però, per...
Scopri di più
Rifiuti, torna l’onere per la tracciabilità
Il Governo incassa a Montecitorio la sua nona fiducia (sei alla Camera e tre al Senato) con 310 si, un astenuto e 245 no, su quello che a metà dicembre...
Scopri di più

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web.

cookie policy

Powered by WishList Member - Membership Software

X
X
X